La Ricerca Interiore

Home Forum SPIRITO La Ricerca Interiore

Questo argomento contiene 459 risposte, ha 37 partecipanti, ed è stato aggiornato da Pasquale Galasso Pasquale Galasso 4 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 421 a 430 (di 460 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #39927
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    https://www.facebook.com/brig.zero

    #39928
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    Quando ad esempio si sente un suono, allora e' ben definita la dualita'. Cioe' ci sei tu (soggetto) che percepisce il suono (oggetto). Cosi' per tutti i sensi.
    Ma per i pensieri e' cosi' netta questa dualita' soggetto/oggetto ?
    Quando si tratta di pensieri la coscienza in qualche modo si fonde con il pensiero.
    Quello che sta cambiando (evoluzione) e' la distinzione tra soggetto e oggetto anche con il pensiero.
    Quando la dualita' soggetto/oggetto si fa netta con i pensieri allora il soggetto prova l'unita'. Perche' sono i pensieri che creano la dualita'.
    (Michele Parisi)


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #39929

    Xeno
    Partecipante

    Non puoi lottare contro l'io. Accettalo, e abbandonalo. Questa comprensione lo farà recedere lentamente sullo sfondo.
    Non si tratta di tenere sotto controllo il corpo e la psiche. I sensi, le emozioni e i pensieri devono fluire spontaneamente, nella fiducia che assumeranno un'armonia naturale. Voler controllare a forza la mente è come voler schiacciare le onde con un'asse. Un simile tentativo non farà che aumentare l'agitazione. Tentare a forza di unificarci significa tentare di sottomettere l'organismo a un governo dittatoriale.
    […]
    Schiavitù è quando la mente desidera o si affligge per qualcosa. La mente desidera l'illuminazione e si affligge perché non è ancora illuminata. «Ci provo da dieci, dodici, venticinque anni, e non è successo niente». La mente si affligge perché non è 'successo niente'. Vuole che qualcosa accada, e si addolora se non accade. Liberazione è quando la mente non vuole, non desidera e non si affligge, quando è vuota, quando è aperta. Mente vuota non significa l'incapacità mentale di un deficiente: è una mente aperta e attenta, non condizionata. Non cerca niente, non è intasata da niente.

    (Ramesh Balsekar)


    #39930
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #39931
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    https://www.facebook.com/brig.zero

    #39933

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Peccato che dietro questi pseudo “santoni”,ci siano interessi economici,e neanche piccoli.Vedere Osho e compagnia varia


    #39934
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1401031255=orsoinpiedi]
    Peccato che dietro questi pseudo “santoni”,ci siano interessi economici,e neanche piccoli.Vedere Osho e compagnia varia
    [/quote1401031255]

    …è il messaggio, non la persona o quello che “l'uomo” ci costruisce intono….


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #39932
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [size=26]Condividi il tuo amore, senza preoccuparti di chi lo riceve

    Tutti vogliono essere amati: questo è il modo sbagliato di procedere.

    Tutto inizia perché il bambino, da piccolo, non è capace di amare, non può né parlare né fare o dare nulla; può solo prendere. L’esperienza di un bambino piccolo rispetto all’amore è quella del prendere dalla madre, dal padre, dai fratelli e dalle sorelle, dagli ospiti, dagli estranei ma sempre prendere. Quindi la prima esperienza che si radica profondamente nell’inconscio è di dover ricevere amore. Il problema nasce perché tutti sono stati bambini, e tutti hanno lo stesso desiderio ardente di ricevere amore nessuno nasce senza. Tutti chiedono: “Dacci amore”, ma nessuno dà, perché anche l’altro è stato allevato come te. Bisogna essere svegli e consapevoli perché ciò che è solo un fatto accidentale della nascita non persista come stato costante e prevalente della mente.

    Invece di chiedere: “Dammi amore”, inizia a dare amore. Dimenticati di prendere e dai e ti garantisco che riceverai moltissimo. Non devi affatto pensare a prendere. Nemmeno indirettamente ti devi preoccupare del fatto che stai ricevendo oppure no. Questo sarebbe già sufficiente a turbarti. Dai, perché dare amore è così bello, prenderlo non è altrettanto bello. Questo è uno dei segreti. Dare amore è l’esperienza più bella che puoi fare, perché allora sei un imperatore. Ricevere amore è un’esperienza molto limitata, e appartiene al mendicante. Non essere un mendicante; almeno nel regno dell’amore sii un imperatore, perché è una qualità inesauribile che possiedi dentro di te. Puoi dare quanto vuoi; non devi preoccuparti che possa finire. Non verrà mai il giorno in cui potrai dire: “Mio Dio, non ho più amore da dare”. L’amore non è una quantità; è una qualità ed è una qualità di un certo tipo che cresce col dare e muore se lo trattieni. Se sei avaro, muore.

    Quindi spendi più che puoi, non preoccuparti di chi sia a riceverlo. Questa è l’idea di una mente avara: darò amore a certe persone che possiedono determinate qualità. Non comprendi che hai tanto… sei come una nuvola carica di pioggia. La nuvola non si preoccupa di dove la pioggia andrà a cadere, sulle rocce, sui giardini, nell’oceano, non le importa affatto. Vuole solo liberarsi del suo fardello; questo scaricarsi porta un sollievo incredibile. Quindi il primo segreto è di non chiedere amore e di non aspettare, pensando che potrai darlo quando qualcuno te lo chiederà. Dallo! Dai amore a chiunque capiti anche un estraneo. Non è che devi dar via cose costose, dare una mano a qualcuno sarà sufficiente. Tutto ciò che fai nelle ventiquattr’ore dovrebbe essere fatto con amore, e allora il dolore che ora provi nel cuore scomparirà. Quando sarai amorevole, la gente ti amerà; è una legge naturale: ricevi ciò che dai. Anzi, ricevi più di quanto dai. Impara a dare, e scoprirai che tante persone che prima non ti avevano mai nemmeno guardato, che non si erano mai occupate di te, saranno amorevoli verso di te. Il problema è che il tuo cuore è colmo di amore, ma tu hai fatto l’avaro, e quell’amore è diventato un peso. Invece di lasciar fiorire il cuore, hai accumulato, e così quando ogni tanto ti capita di essere in un momento d’amore, senti come se il cuore stesse scomparendo. Ma perché solo un momento? Perché non ogni istante? Non si tratta nemmeno di limitarsi solo agli esseri viventi. Puoi toccare questa sedia con mano amorevole. Dipende tutto da te, non dall’oggetto. In questo modo troverai un grande rilassamento; il tuo sé che è un fardello, scomparirà e ti scioglierai nel tutto. Condividi il tuo amore, senza preoccuparti di chi lo riceve. Dallo, e scoprirai una pace e un silenzio straordinari. Diventerà la tua meditazione.

    Osho


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #39935
    abuandre
    abuandre
    Partecipante

    Osho – Oltre il caos ……. duemila anni dopo il carpe diem di Orazio.


    #39937
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

Stai vedendo 10 articoli - dal 421 a 430 (di 460 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.