La scuola è in decadenza, è un caso?

Home Forum L’AGORÀ La scuola è in decadenza, è un caso?

Questo argomento contiene 91 risposte, ha 19 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Tillandsias 11 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 92 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #111058

    narvik
    Partecipante

    Mah, ragazzi non esageriamo. Il 95% dei ragazzi che stanno occupando le aule e stanno protestando non sanno perchè lo stanno facendo e il restante 5% e politicizzato..
    Siamo stati ragazzi anche noi e qualsiasi pretesto era buono per non andare a scuola.
    Non si può nascondere che ci siano soldi spesi male nel pubblico, spesi per far posto ad amici ed amici degli amici; chi paga siamo sempre noi, che vorremmo per quanto paghiamo uno stato sociale stile scandinavo, ma in realtà abbiamo un folto gruppo di incapaci, furbi, fannulloni, che (con la complicità del sindacato e delle istituzioni) non devono rendere conto del loro operato a nessuno e continuano a non fare un c…o dalla mattina alla sera; chiedete al personale docente dove erano mentre c'era l'occupazione nella scuola; anche se non presenti si erano segnati presenti per non perdere neanche un giorno di paga; basta i privilegi devono finire…..
    apriamo gli occhi ragazzi i buoni non stanno ne a destra ne a sinistra. Il vero male in Italia è il sindacato la chiesa la classe politica l'unico rimedio chiedere di essere governati dalla Svezia!


    #111059
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Mah, ragazzi non esageriamo. Il 95% dei ragazzi che stanno occupando le aule e stanno protestando non sanno perchè lo stanno facendo e il restante 5% e politicizzato..

    Non credo , oggi a radio 24 sono intervenuti dei docenti ed ex rettori, 3 o 4 ospiti in collegamento e tutti concordavano su alcuni punti
    -i problemi per i quali si protesta sono evidenti ed esistenti
    -rispondere con la forza servira solo ad aumentare la tensione
    -le manifestazioni vengono amplificate dai media e dalle parole,ma nei fatti non sono cosi “pericolose” e “illegali”
    -ci sono casi di maifestazioni localizzate e casi di manifestazioni mondiali che segnalano,come in questo caso, un problema esistente, un malessere reale


    #111060
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1224757452=narvik]
    Mah, ragazzi non esageriamo. Il 95% dei ragazzi che stanno occupando le aule e stanno protestando non sanno perchè lo stanno facendo e il restante 5% e politicizzato..
    Siamo stati ragazzi anche noi e qualsiasi pretesto era buono per non andare a scuola.
    iedere di essere governati dalla Svezia!
    [/quote1224757452]

    Lo strano però che malessere si è diffuso in tutto il paese….e poi mandare le forze del ordine contro i studenti e professori… non mi dire che non puzza di fascismo…. è una vergogna !!!!

    Non si può scrivere sui giornali quello che succede
    non si può dire alla tv la verità
    non si può manifestare le idee diverse….la democrazia è in pericolo alla GRANDE !!!!!


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #111061
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://www.movisol.org/ulse304.htm

    In due interviste, a Meet the Press della NBC e alla ABC, il 18 ottobre, l'ex presidente Bill Clinton ha criticato l'indebitamento eccessivo degli Stati Uniti per far fronte alle spese di guerra in Iraq e in Afghanistan, oltre a quelle per le emergenze degli uragani.

    “Dal 2001 l'1 per cento dei più ricchi ha ottenuto quattro tagli alle tasse” e questo ha provocato “il grande deficit strutturale”, ha detto Clinton.

    Disegno di legge per la ricostruzione

    I senatori della Louisiana Mary Landrieu e David Vitter hanno ufficialmente presentato il 22 settembre un programma di ricostruzione nella regione devastata dall'uragano Katrina per un valore complessivo di 250 miliardi di dollari.
    La proposta, che porta il nome Hurricane Katrina Disaster Relief and Economic Recovery Act, prevede anche la costituzione di una commissione che stazierebbe 40 miliardi al genio militare per le grandi opere idrauliche, dagli argini protettivi alla navigabilità nell'intera regione.
    Il ddl elenca in dettaglio le varie categorie che hanno bisogno di investimenti: agricoltura, grandi opere idrauliche, istruzione, ambiente, ripristino delle attività economiche, protezione civile, facilitazioni finanziarie, sanità, edilizia abitativa, assistenza ai lavoratori, ripristino delle strutture militari, sgravi fiscali, sostegni al commercio, ripristino dei trasporti.
    …..

    Dietro Katrina, quarant'anni di degrado infrastrutturale

    Mike Parker, ex direttore del genio militare (US Army Corps of Engenieers – USACE), ha spiegato il 21 settembre alla rivista EIR che “il problema che adesso ci troviamo ad affrontare è il fallimento della politica delle infrastrutture che stiamo seguendo da quarant'anni.” “C'è un rapporto diretto tra livelli di vita e infrastrutture. E questa è una responsabilità del governo”, anche se si tratta di qualcosa che la maggior parte degli americani non ha capito, ha spiegato Parker. Se si lasciano decadere le infrastrutture, decadono anche i livelli di vita. Per questo “adesso paghiamo il prezzo” di aver “trascurato il futuro completamente per quarant'anni”.


    #111062

    mysterio
    Partecipante

    Leggete qua..intervista all'ex presidente Cossiga..di oggi:

    Non voglio commentare..dico solo che nel leggere ciò mi si è gelato il cuore. Qui c'è da aver paura.

    Le parole in neretto le ho evidenziate io..per mettere in risalto parole che a leggerle soltanto mi terrorizzano.

    :scare: :scare: :scare: :scare: :scare:

    Da “GIORNO/RESTO/NAZIONE” di giovedì 23 ottobre 2008

    INTERVISTA A COSSIGA «Bisogna fermarli, anche il terrorismo partì dagli atenei» di ANDREA CANGINI – ROMA PRESIDENTE Cossiga, pensa che minacciando l`uso della forza pubblica contro gli studenti Berlusconi abbia esagerato? «Dipende, se ritiene d`essere il presidente del Consiglio di uno Stato forte, no, ha fatto benissimo.

    Ma poiché l`Italia è uno Stato debole, e all`opposizione non c`è il granitico Pci ma l`evanescente Pd, temo che alle parole non seguiranno i fatti e che quindi Berlusconi farà una figurac- cia».

    Quali fatti dovrebbero seguire? «Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand`ero ministro dell`Interno».

    Ossia? «In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito…».

    Gli universitari, invece? «Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città».

    Dopo di che? «Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».

    Nel senso che…

    «Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».

    Anche i docenti? «Soprattutto i docenti».

    Presidente, il suo è un paradosso, no? «Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che in- dottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».

    E lei si rende conto di quel che direbbero in Europa dopo una cura del genere? «In Italia torna il fascismo», direbbero.

    «Balle, questa è la ricetta democratica:
    spegnere la fiamma prima che divampi l`incendio».

    Quale incendio? «Non esagero, credo davvero che il terrorismo tornerà a insanguinare le strade di questo Paese. E non vorrei che ci si dimenticasse che le Brigate rosse non sono nate nelle fabbriche ma nelle università.

    E che gli slogan che usavano li avevano usati prima di loro il Movimento studentesco e la sinistra sindacale».

    E` dunque possibile che la storia si ripeta? «Non è possibile, è probabile.

    Per questo dico: non dimentichiamo che le Br nacquero perché il fuoco non fu spento per tempo».

    Il Pd di Veltroni è dalla parte dei manifestanti.

    «Mah, guardi, francamente io Veltroni che va in piazza col rischio di prendersi le botte non ce lo vedo. Lo vedo meglio in un club esclusivo di Chicago ad applaudire Obama…».

    Non andrà in piazza con un bastone, certo, ma politicamente…

    «Politicamente, sta facendo lo stesso errore che fece il Pci all`inizio del- la contestazione: fece da sponda al movimento illudendosi di controllarlo, ma quando, com`era logico, nel mirino finirono anche loro cambiarono radicalmente registro.

    La cosiddetta linea della fermezza applicata da Andreotti, da Zaccagnini e da me, era stato Berlinguer a volerla… Ma oggi c`è il Pd, un ectoplasma guidato da un ectoplasma. Ed è anche per questo che Berlusconi farebbe bene ad essere più prudente».

    http://rassegna.governo.it/testo.asp?d=32976406


    #111063
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    la giriamo al parlamento Europeo?
    con la fisicità media di professori e studenti , ci vengono dei morti altro che ospedale..


    #111066

    deg
    Partecipante

    Ma non è possibile. è un falso! !amazed


    #111067
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Deg, prova a sentire una canzone dei 99Posse, mannaggia che non ricordo il titolo, all'inzio c'è la voce di Cossiga in una dichiarazione fatta credo in un tribunale, quando la sentii la prima volta pensavo fosse un falso, dice cose allucinanti…


    #111065

    mysterio
    Partecipante

    [quote1224770391=m.degournay]
    Ma non è possibile. è un falso! !amazed
    [/quote1224770391]

    Deg..sono allibito ma non credo sia un falso. Per verificare sono andato in edicola ed ho comprato il quotidiano “La Nazione”..dove tale intervista è riportata pari pari. !amazed


    #111068
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum
Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 92 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.