La Spiritualità è stata fraintesa …

Home Forum SPIRITO La Spiritualità è stata fraintesa …

Questo argomento contiene 52 risposte, ha 13 partecipanti, ed è stato aggiornato da J-new J-new 1 anno, 5 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 53 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #305857
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #305863
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    @prixi said:
    https://www.youtube.com/watch?v=_n9kYc4sttM

    Bello, da qui e ora diventiamo responsabili del nostro futuro…


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #305873
    Wind
    Wind
    Partecipante

    Molto bello questo video, mi piacerebbe però che si parlasse con il “noi” perchè parlare con il “voi” mi dà la sensazione che quella persona che mi parla stia dicendo inconsciamente: “io ci sono arrivato e voi ancora no?” Il voi crea separazione tra chi parla e chi lo ascolta, e questa divisione fittizia, perchè l’altro è un altro me stesso, oramai non la sento tantissimo, o cerco di cancellarla appena me ne accorgo.
    Noi abbiamo uno stato di Coscienza diverso a seconda di ciò che stiamo vivendo attualmente, personalmente non mi chiamo Dio, non mi identifico con un dio, ma vedendomi Creare al mio principio sotto ipnosi ed anche molte volte ritornando al nostro principio in Meditazione, perchè è meraviglioso ciò che si prova, so che eravamo tutto e uno senza la dualità che stiamo vivendo adesso nella materia, e l’unico peccato che abbiamo fatto tutti insieme è partorire con gioia immensa i colori, i suoni e la vita che continua ad emanarsi e Crearsi nel nostro presente, l’unico che ha una valenza e che può modificare il nostro passato come il nostro futuro, in ogni istante, e più si è Consapevoli e più si diventa Responsabili di noi stessi ed anche di chi amiamo, ma senza ossessione, senza possedere, senza bisogno di accumulare qualcosa, collezionare oggetti inutili, insomma si cambia a mano a mano, rispetto ai nostri tempi personali di crescita mentale, e senz’altro il piedistallo narcisita-perfezionista di chi fonda la sua vita solo sull’Aldilà immaginandosi un corpo etereo rivestito di gloria ed onori e di luce cangiante a cagione della sua, devo dire, falsa umiltà mentale, almeno per me è completante sparito, essere Uno di noi, essere Noi umanità, senza onore e senza gloria mondana, sentirsi un qualunque originale… 😉


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 10 mesi fa da Wind Wind.
    #309707
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    @pasgal said:
    Resta, comunque un punto importante: esco dal mondo meditando 10 ore al giorno (chi raggiunge uno stato di gioia meditativa cerca di tenerlo per ore, si sa) oppure vivo la vita nella sua continua esplosione di emozioni?

    Arrivato a circa 3 ore di meditazione al giorno ed al ricevere l’ultimo insegnamento sulla meditazione Pranayama, diventando un Kryiaban (come i vecchi iscritti di AG sanno) lasciai tutto… la mia anima voleva vivere, giocarsi la partita.

    Cosa mi rimane? Una parte. Cosa ho capito ad oggi? Niente.

    Tutti sono invitati a questo falo’.
    Buttate via tutte le vostre domande.
    Buttate via pure tutte le risposte.
    Buttate via tutte le vostre preoccupazioni.
    Abbiate tutto questo coraggio.
    Dite: Non ho più tempo per le risposte.
    Mettete tutto in questo fuoco.
    Fatelo adesso.
    Questo è il modo diretto.
    Buttate via tutto ora.
    Nessuna pratica,
    Nessuna filosofia.
    Ma chi può farlo, vedete?
    Siate disposti ad essere completamente vuoti.
    Non siate nemmeno donne.
    Non siate ricercatori.
    Non siate nulla.
    Non dite più preghiere.
    Non cantate più nessun mantra.
    Non partecipate ad altri pellegrinaggi.
    Mollate tutto, perché fino ad ora anche la vostra ricerca è stata una fuga, un’altra scusa della vostra mente per non scoprire la verità sempre presente.
    Le nostre menti vogliono tanto dire qualcosa sulla verità.
    Ma nulla di ciò che possono dire è vero.
    Voi siete qui prima della mente.
    Sapete come agisce.
    Questo è il motivo per cui dico
    buttate tutto nel fuoco in questo momento.
    Sembra molto drastico quello che sto dicendo
    ma è di una potenza totale.
    Perché ve ne andate in giro con la mente sulla schiena?
    Mettetela giù e andatevene liberi.
    ~ Mooji – 17 Ottobre 2014

    … leggendo queste righe ho ricordato il tuo racconto Pas ..


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #309738

    orsoinpiedi
    Partecipante

    DISCORSO DI SCIOGLIMENTO DELL’ORDINE DELLA STELLA D’ORIENTE

    Pubblicato il: 01/12/2015

    L’Ordine della Stella d’Oriente fu fondato nel 1911 per proclamare la venuta del Maestro del Mondo e Krishnamurti fu nominato Capo dell’Ordine. Il 3 agosto 1929, a Ommen, in Olanda, all’apertura dell’Assemblea Annuale dell’Ordine, di fronte a 3000 seguaci, Krishnamurti sciolse l’Ordine della Stella con il discorso che segue.

    “Questa mattina parleremo della dissoluzione dell’Ordine della Stella. Molti ne saranno felici e altri ne saranno rattristati. Ma non si tratta di gioirne nè di rattristarsene, perché è inevitabile, come vi spiegherò. Forse ricorderete la storiella del demonio che passeggia per la via con un amico; a un certo punto, davanti a loro, un uomo si china a raccogliere qualcosa per terra, lo guarda e se lo mette in tasca. L’amico chiede al demonio: “Che cosa può aver raccolto quell’uomo?” “Ha trovato un pezzo di verità”, risponde il demonio. “Ah, è un brutto affare per te, allora!” osserva l’amico. “Oh, niente affatto – replica il demonio – adesso farò in modo che la organizzi.”
    Io sostengo che la verità è una terra senza sentieri e non la si può avvicinare da nessun tipo di percorso, religione o setta.
    Questo è il mio punto di vista, al quale aderisco in modo assoluto e incondizionato. Essendo la verità illimitata, incondizionata, non raggiungibile da nessun tipo di strada, non può essere organizzata né si dovrebbe formare nessuna organizzazione per guidare o forzare le persone a percorrere vie particolari.
    Se innanzitutto comprendete questo, allora vedrete quanto sia impossibile organizzare un credo. La fede è una questione puramente individuale e voi non potete e non dovete organizzarla; se lo fate, diventa una cosa morta, cristallizzata, diventa un credo, una setta, una religione da imporre agli altri. E’ questo che tutti cercano di fare nel mondo.
    La verità viene ridotta a qualcosa di ristretto, a una specie di trastullo per coloro che sono deboli, che si sentono momentaneamente insoddisfatti. La verità non può essere “portata giù” è piuttosto l’individuo che deve fare lo sforzo di innalzarsi fino ad essa. Non potete portare a valle la cima del monte, se volete conquistare quella cima dovete attraversare la valle e arrampicarvi su per la salita, senza temere i pericolosi precipizi.
    Questo è il motivo principale, dal mio punto di vista, per il quale l’Ordine della Stella deve essere dissolto.
    Ciononostante, voi probabilmente formerete altri ordini, continuerete ad appartenere a qualche organizzazione alla ricerca della verità.
    Io non voglio appartenere a nessuna organizzazione di tipo spirituale, vi prego di comprenderlo. Potrei usufruire di un’organizzazione per andare a Londra, per esempio, ma questo è tutto un altro genere di organizzazione, puramente meccanico, come le poste o il telegrafo. Posso fare uso di una macchina o di una nave per viaggiare, si tratta soltanto di meccanismi fisici, che non hanno nulla a che fare con la spiritualità.
    Sostengo, di nuovo, che nessuna organizzazione potrà mai guidare l’uomo alla spiritualità. Se si crea un’organizzazione a questo scopo, questa diventa una specie di stampella, un punto di debolezza, una schiavitù che paralizza l’individuo, che gli impedisce di crescere, di stabilire la sua unicità, che risiede nella scoperta per conto suo della verità assoluta, incondizionata. E questo è un altro motivo che mi ha fatto decidere di dissolvere l’Ordine della Stella di cui mi sono trovato ad essere il capo, nessuno mi ha spinto a prendere questa decisione. E non si tratta di un gesto grandioso, perché io non voglio seguaci, e lo dico sul serio. Nel momento in cui seguite qualcuno, cessate di seguire la verità.
    A me non importa se siete attenti a quello che dico oppure no. Io voglio fare una certa cosa nel mondo e intendo farla con molta fermezza e concentrazione. C’è una sola cosa che mi preme: rendere l’uomo libero. Desidero che sia libero da tutte le gabbie e le paure e che non fondi nuove religioni, nuove sette e che neppure enunci nuove teorie o filosofie. E allora naturalmente mi chiederete perché vado continuamente in giro per il mondo a parlare. Ve lo dico subito: non certo perché desideri dei seguaci o voglia formare un gruppo di discepoli speciali. (Si sa quanto gli uomini amino essere diversi dai loro simili, per quanto la loro distinzione possa essere assurda e superficiale! Io non voglio incoraggiare questa assurdità.) Io non ho discepoli né apostoli, né sulla terra né nel regno della spiritualità. Non è la lusinga del denaro né il desiderio di una vita comoda ad attirarmi. Se fossi attratto da una vita comoda non sarei venuto a questo raduno, né vivrei in un paese così umido!
    Vi sto parlando con franchezza perché voglio che le cose siano chiare una volta per tutte. Non voglio che si ripetano queste discussioni anno dopo anno.
    Un giornalista che mi ha intervistato, ritiene che dissolvere un’organizzazione formata da migliaia e migliaia di membri sia un gesto eccezionale e mi ha detto: “Che cosa farà dopo? Non avrà seguaci, la gente non l’ascolterà più.”
    Ma io dico che se ci fossero anche solo cinque persone che ascolteranno, che vivranno, che rivolgeranno il volto verso l’eternità, sarà sufficiente. A che serve avere intorno migliaia di persone che non comprendono, imbalsamate nei pregiudizi, che non vogliono sentire il nuovo ma che piuttosto traducono il nuovo per il proprio sterile stagnante sé?
    Vi prego di non fraintendermi, se vi sto parlando in maniera dura non è per mancanza di compassione. Se andate da un chirurgo per un’operazione, non è forse bene che vi operi anche se può causarvi del dolore? E, allo stesso modo, se vi sto parlando in modo diretto, non è per mancanza di vero affetto, anzi, è il contrario!
    Come vi dicevo, il mio scopo è soltanto uno: rendere l’uomo libero, sollecitarlo verso la libertà, aiutarlo a interrompere i suoi limiti, perché soltanto questo potrà dargli eterna felicità e un’incondizionata realizzazione del sè.
    Poiché io sono libero, incondizionato, completo – non una parte, non il relativo, ma la completa verità che è eterna – desidero che coloro che cercano di comprendermi siano liberi; senza seguirmi, senza fare di me una gabbia che diventerà una religione, una setta. Costoro dovrebbero essere liberi da tutte le paure – dalla paura della religione, della salvezza, della spiritualità, dalla paura dell’amore, della morte e della vita stessa. Così come un artista dipinge un quadro per la gioia di farlo, esprimendo se stesso, la sua gloria, il suo benessere, io faccio questo senza volere nulla da nessuno.
    Voi siete abituati all’autorità, a un’atmosfera autoritaria, che pensate vi possa condurre alla spiritualità. Voi pensate e sperate che qualcuno, dotato di straordinari poteri, possa operare il miracolo di trasportarvi nel regno di libertà eterna che è felicità. Tutto il vostro modo di vedere la vita è fondato su quell’autorità.
    Mi avete ascoltato per tre anni ormai, senza che siano avvenuti cambiamenti, eccetto che in poche persone. Ora, analizzate quello che dico, siate critici, in modo da comprendere interamente, fondamentalmente.
    Quando cercate un’autorità che vi conduca alla spiritualità, siete automaticamente costretti a costruirvi intorno un’organizzazione. E creando quell’organizzazione, che pensate vi possa aiutare spiritualmente, vi rinchiudete in una gabbia.
    Se vi sto parlando con franchezza, vi prego di ricordare che non lo faccio per durezza o per cattiveria, e nemmeno sull’onda dell’entusiasmo del mio scopo, ma perché voglio che comprendiate quello che dico. Questo è il motivo per cui siete qui e sarebbe uno spreco di tempo se non vi spiegassi in modo chiaro e deciso il mio punto di vista.
    Per diciotto anni vi siete preparati all’evento della venuta del Maestro del Mondo. Per diciotto anni vi siete organizzati, avete cercato qualcuno che portasse nuova gioia ai vostri cuori e alle vostre menti, che trasformasse la vostra vita, portandovi una nuova comprensione; qualcuno che vi elevasse a un nuovo livello di vita, che vi incoraggiasse, che vi liberasse – e ora, guardate che cosa sta succedendo!
    Pensateci, ragionate e scoprite se e in che modo quel credo vi abbia resi diversi – non parlo della superficiale differenza di portare un distintivo, che è una cosa banale, assurda. In che modo quel credo ha spazzato via tutto ciò che non è essenziale per la vita? E’ questo il solo metro di giudizio: in che modo siete più liberi, più grandi, più pericolosi per qualsiasi società basata su cose false e non essenziali? In che modo i membri di questa Organizzazione della Stella sono diversi?
    Come dicevo, vi siete preparati per diciotto anni a ricevermi. Non mi importa se credete che io sia il Maestro del Mondo o no, questo ha pochissima importanza. Appartenendo all’organizzazione dell’Ordine della Stella, avete dato la vostra solidarietà e la vostra energia al riconoscimento di Krishnamurti come il Maestro del Mondo – in modo parziale o totale: totalmente per coloro che seriamente cercano e solo parzialmente per quelli che si sentono soddisfatti con le loro mezze verità.
    Vi siete preparati per diciotto anni e guardate quante difficoltà interferiscono nella vostra comprensione, quante complicazioni, quante banalità. I vostri pregiudizi, le vostre paure, le vostre autorità, le vostre chiese nuove e vecchie; io dico che tutto questo è un ostacolo alla comprensione. Non riesco a esprimerlo più chiaramente di così. Non voglio che siate d’accordo con me, non voglio che mi seguiate, voglio che comprendiate quello che dico. Questa comprensione è necessaria, perché i vostri credi non vi hanno trasformato, vi hanno soltanto creato complicazioni, perché non siete disposti ad affrontare le cose così come sono.
    Voi volete soltanto i vostri dei – nuovi dei al posto di quelli vecchi, nuove religioni invece delle vecchie, nuove forme al posto delle vecchie, tutte cose ugualmente inutili, tutte barriere, limitazioni, stampelle. Al posto delle vecchie distinzioni spirituali e dei vecchi oggetti di venerazione ne avete di nuovi.
    Per la vostra spiritualità dipendete tutti da qualcun altro, e così per la vostra felicità, per la vostra illuminazione. E, nonostante vi siate preparati a ricevermi per diciotto anni, quando dico che tutte queste cose non servono, quando dico che le dovete lasciare da parte e guardare dentro di voi per l’illuminazione, per la gloria, per la purificazione, per l’incorruttibilità del sé, nessuno di voi è disposto a farlo. Ce ne possono essere alcuni, ma veramente pochissimi.
    E allora, perché avere un’organizzazione? Perché avere attorno gente falsa e ipocrita che mi segue come personificazione della verità? Non sto dicendo cose dure o scortesi, ma siamo arrivati a un punto in cui bisogna affrontare le cose come sono.
    L’anno scorso vi dissi che non avrei accettato compromessi e pochissimi mi ascoltarono. Quest’anno lo sto dicendo in modo assolutamente chiaro. Non so quante migliaia di persone dell’Ordine, in tutto il mondo, si siano preparate a ricevermi per diciotto anni, eppure non sono disposte ad ascoltare incondizionatamente, completamente, quello che dico.
    Come ho detto prima, il mio scopo è di rendere l’uomo incondizionatamente libero, perché sostengo che l’unica spiritualità è l’incorruttibilità del sè che è eterno, è l’armonia fra la ragione e l’amore. Questa è l’assoluta, incondizionata verità, che è la vita stessa.
    Perciò voglio che l’uomo sia libero, esultante, come gli uccelli nel cielo limpido, leggeri, indipendenti, estatici nella libertà.
    E a voi, che vi siete preparati per me per diciotto anni, ora io dico che dovete essere liberi da tutte queste cose, dalle vostre complicazioni, dai vostri legami.
    Per questo non avete bisogno di avere un’organizzazione basata su credi spirituali.
    Perché avere un’organizzazione per cinque o dieci persone nel mondo che comprendono, che lottano, che hanno messo da parte tutto ciò che è superficiale?
    E per quelli che sono deboli, non ci può essere nessuna organizzazione che li aiuti a trovare la verità, perché la verità è in ciascuno di noi; non è lontana, non è vicina, è eternamente qui.
    Le organizzazioni non possono rendervi liberi, nessuno dall’esterno può rendervi liberi; non lo potrà fare un culto organizzato nè l’immolarsi per una causa; non vi libererete creando voi stessi un’organizzazione e nemmeno tuffandovi in opere varie. Per scrivere le vostre lettere usate una macchina, ma poi non la mettete su un altare per venerarla; eppure è questo che fate quando le organizzazioni diventano il vostro interesse principale.
    “Quanti membri conta la sua organizzazione?” Questa è la prima domanda che mi fanno i giornalisti. “Quanti seguaci avete? Da questi numeri potremo giudicare se quello che dice è vero o falso”. Io non so quanti siano e non mi interessa. Come dicevo, se anche una sola persona si fosse liberata, basterebbe.
    Ripeto, voi pensate che solo certe persone abbiano la chiave del regno della felicità. Nessuno ce l’ha, nessuno ha l’autorità di tenere quella chiave. Quella chiave siete voi stessi e soltanto nell’evoluzione, nella purificazione e nell’incorruttibilità di quel sé, c’è il regno dell’eternità.
    Allora vedrete l’assurdità della struttura che avete costruito, alla ricerca di un eterno aiuto, dipendendo da altri per il vostro conforto, la vostra felicità, la vostra forza. Tutto questo si può trovare soltanto dentro di voi.
    Siete abituati a sentirvi dire da qualcuno quali progressi avete fatto, quale sia la vostra condizione spirituale. Quanto siete infantili! Chi, se non voi stessi, potrebbe dirvi quanto siete belli o brutti interiormente? Chi, se non voi stessi, può dirvi se siete incorruttibili? Voi non siete seri in queste cose.
    Ma coloro che realmente desiderano comprendere, che vogliono trovare ciò che è eterno, senza principio né fine, cammineranno insieme con maggior intensità e saranno un pericolo per tutto ciò che non è essenziale, che non è reale, per ciò che è in ombra.
    E queste persone si concentreranno, diventeranno la fiamma, perché esse comprendono. Dobbiamo creare un nucleo così, è questo il mio scopo.
    Perché da quella reale comprensione deriverà una vera amicizia. Perché quella vera amicizia – che a quanto pare voi non conoscete – comporterà una effettiva collaborazione gli uni con gli altri. E tutto questo non per via di un’autorità, né per la salvezza, né perché vi immolate per una causa ma perché comprendete veramente e quindi siete in grado di vivere nell’eterno. Ed è qualcosa di più grande di qualsiasi piacere, di qualsiasi sacrificio.
    Queste sono alcune delle ragioni per le quali, dopo due anni di attenta riflessione, ho preso questa decisione. Non si tratta di un impulso momentaneo. Non sono stato convinto da nessuno. Non mi faccio persuadere in queste cose; ci ho riflettuto sopra per due anni, con calma, con attenzione e pazienza ed ora ho deciso di sciogliere l’Ordine, dato che ne sono il capo. Voi potrete formare altre organizzazioni e aspettare qualcun altro; a me questo non interessa, non voglio creare altre gabbie e nuove decorazioni per quelle gabbie.
    Il mio solo interesse è di rendere l’uomo assolutamente, incondizionatamente, libero.”

    Copyright ©1980 Krishnamurti Foundation America

    Fonte: http://www.visionealchemica.com/discorso-d…tella-doriente/

    “Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente.”
    (Mooji – Monte Sahaja 2015)

    Frasi fatte.Ma cosa ha fatto di male la nostra mente?La mente non è qualcosa di astratto.Dobbiamo forse buttarla via?La natura ci ha fornito di una mente poderosa e sta a noi utilizzarla al meglio(e spesso non lo facciamo).
    Se devo scegliere tra mente e cuore,dico che la cosa da fare è trovare il giusto equilibrio tra le due cose.Ottenendo questo, siamo già sulla buona strada nella nostra evoluzione.


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 2 mesi fa da  orsoinpiedi.
    #310306
    Wind
    Wind
    Partecipante

    Sono d’accordo con te Orsoinpiedi, prima la gente ignorante di se stessa si martorizzava il corpo fisico credendo dannoso per raggiungere l’Eccelso, ora prendiamo di mira la nostra Mente, invece è proprio lei che ci interconnette la parte Spirituale con il nostro corpo, insomma dobbiamo per forza amputarci di qualcosa, ciò a mio parere dipende dalla ignoranza profonda che abbiamo sia di come funziona il nostro corpo sia di come siamo fatti a livello energetico, l’importante è sapere che siamo Perfetti già così come siamo, se si parte da questo si raggiunge anche la conoscenza sana del nostro Inconscio che ancora fa tanto paura a molti, benchè siano coscienti che è proprio quella parte di noi più nascosta che gioca le carte vincenti o perdenti nella nostra esistenza.
    Per esempio un mio amico medico risultava sterile al 100×100 alle analisi biologiche e non riusciva ad avere bambini con la sua giovane compagna, ne ha fatto cure, essendo un dottore poi, alla fine ha fatto la Gestalt ed è saltato fuori che inconsciamente non era più innamorato di questa ragazza e fare un figlio con lei avrebbe pregiudicato tutta la sua libertà di poter scegliersi un’altra compagna, e difatti quando glielo ha detto chiaro e tondo nel gruppo drammatizzando con una componente che le somigliava ha risolto: aveva più spermatozoo lui nel liquido seminale che 10 messi assieme, altro che sterile!


    #311184
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum



    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #311239

    Rebel
    Partecipante

    Carissimi, ho trovato questo blog quasi per caso
    Days 1-13
    Leggendolo attentamente e seguendo alcuni consigli sono riuscito a guarire da una malattia che durava da 4 anni e per la quale non si riusciva a trovare la cura.
    Ho trovato quegli scritti molto ma molto orientati alla spiritualità.
    Per quelli che conoscono e studiano il Ra-material, posso dire che quei messaggi sono così somiglianti al principio di Q’uo che penso che siano sempre lo stesso gruppo ricanalizzato, io spero che possiate trarne vantaggio, ma se quei messaggi non risuonano con voi, semplicemente ignorateli.


    • Questa risposta è stata modificata 2 anni, 10 mesi fa da  Rebel.
    #311249
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    @rebel said:
    Carissimi, ho trovato questo blog quasi per caso
    Days 1-13
    Leggendolo attentamente e seguendo alcuni consigli sono riuscito a guarire da una malattia che durava da 4 anni e per la quale non si riusciva a trovare la cura.
    Ho trovato quegli scritti molto ma molto orientati alla spiritualità.
    Per quelli che conoscono e studiano il Ra-material, posso dire che quei messaggi sono così somiglianti al principio di Q’uo che penso che siano sempre lo stesso gruppo ricanalizzato, io spero che possiate trarne vantaggio, ma se quei messaggi non risuonano con voi, semplicemente ignorateli.

    In cosa consiste la cura? Un riassuntissimo?


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #311255

    Rebel
    Partecipante

    Ciao Pasgal
    Cerco di fare un riassunto più breve possibile anche se la mole di informazioni che ho dovuto mettere insieme e incrociare è notevole, le informazioni le ho prese dal Ra-materia, dai libri di Seth, dal calendario Maja che ho linkato e anche da Vadim Zealand e da Michael Newton.
    Sappiamo per certo (anche da questa corrotta medicina moderna) che la mente umana è in grado di creare moltissime malattie, invece secondo alcune guide spirituali che ho menzionato prima, la mente umana è quella che crea TUTTE le malattie, cosi come è in grado di crearle o meglio co-crearle è perfettamente in grado di risolverle e guarirle. Col termine co-creatori sempre le nostre guide spirituali intendono una cosa ben precisa, siamo creatori con la nostra mente e le nostre azioni, l’universo o il campo di energia e alcuni esseri che non vediamo sono la parte nascosta della Co-creazione, e con creazione è inteso tutto il mondo che vediamo. Ora si tratta di capire e utilizzare al meglio la nostra parte mentale focalizzando l’attenzione sul lato positivo e mai su quello negativo, per semplificare diciamo che il campo di energia non sta a vedere se una cosa la vuoi o non la vuoi, sta semplicemente focalizzato sul tuo pensiero, ad esempio se stai male e ti concentri sul dolore il dolore ti verrà co-creato, perchè la tua attenzione è sul dolore e non sul benessere, questo vale anche per tutto il resto, per esempio non bisogna combattere il male, ma bisogna focalizzare l’attenzione sul bene, sulla ricchezza invece che sulla povertà, sull’abbondanza invece che cercare di combattere la carestia. Convinto di questo ho cominciato a sperimentare per questa strada e le cose stanno migliorando a grande velocità in tutte le direzioni.
    Faccio solo un’altro piccolo esempio e poi chiudo, i poteri che governano quasi tutti i popoli della terra conoscono alla perfezione questo meccanismo co-creativo e lo sfruttano a loro vantaggio attraverso ogni mezzo di comunicazione creando delle eggregore di pensiero focalizzando le menti quasi esclusivamente sul male, sulla sofferenza e sulla malattia, sulla carestia, sul terrore, sulla mancanza di risorse, sull’odio razziale, religioso e su ogni altra cosa che possiamo vedere in tv e sui giornali, il risultato è cio che possiamo vedere davanti ai nostri occhi tutti i giorni.


Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 53 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.