LA VERITA' CHE NON CI VIENE RACCONTATA

Home Forum PIANETA TERRA LA VERITA' CHE NON CI VIENE RACCONTATA

Questo argomento contiene 402 risposte, ha 32 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Detective 9 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 403 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #85346
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Da homeless alla Nfl
    per Michael la vita è un film

    A 15 anni vagava come un'anima persa, senza una casa, un soldo e una speranza. Poi l'incontro con una bella e generosa famiglia che l'ha fatto studiare, lo ha curato e ne ha cambiato l'esistenza. Ora Michael Oher è un forte tackle dei Ravens, una stella della Nfl. E la sua storia è diventata un film. Che sta sbancando il botteghino Usa

    Michael era un giovane disperato. Michael era un homeless. Michael aveva già perso prima di iniziare. Vagava per Memphis in cerca di un anfratto, di un ponte sotto cui dormire. Le strade erano la sua casa. I senzatetto gli unici amici che non lo deridessero. La scuola lo aveva bandito presto: quoziente intellettivo basso, sgraziato e poco comunicativo con gli altri. Un tipo silenzioso e solitario con quei 140 chili per quasi due metri d'altezza. Un ignorante, un gigante obeso, lo avevano bollato i compagni delle poche lezioni alle quali aveva assistito raggiungendo il record negativo di 11 istituti cambiati nel giro di 9 anni dove non erano mancate le bocciature.

    Un destino segnato ad appena quindici anni, orfano di padre, con una madre devastata dalla droga sintetica, il crack. Senza un dollaro. Senza una abitazione. Senza amici. Con dodici fratelli disperati quanto lui. Ma se ognuno di noi ha un angelo custode, quello di Michael Oher ha saputo recuperare, e alla grande, il ritardo con cui ha preso a occuparsi del suo protetto. L'angelo lo ha fatto incontrare in una fredda serata con la famiglia Tuohy: loro bianchi facoltosi, lui afroamericano senzatetto. Due mondi lontani. Apparentemente senza alcuna possibilità di comunicazione. Loro con un bel fuoristrada, lui a piedi, in calzoncini e con una maglietta troppo corta per la sua stazza. E qui avvenne un piccolo grande miracolo: Sean e Leigh Anne Tuohy invitarono subito Michael nella loro bella casa a trascorrere una notte che si annunciava gelida. Senza neppure sapere chi si trovassero davanti, superando ogni cautela e pregiudizio.

    Da lì in poi l'angelo di Michael non avrebbe fallito un solo colpo. I Tuohy non lo mollarono più: presero una insegnante personale per colmare le sue lacune scolastiche, gli fecero frequentare con assiduità le lezioni, lo spinsero su un campo da gioco, gli comprarono abiti della sua (gigantesca) taglia, insomma lo accudirono come un figlio. Il terzo, oltre i due nati dal loro matrimonio. In quella famiglia adottiva Oher si è trovato a meraviglia, una intesa naturale con Sean Tuhoy, commentatore sportivo televisivo e con affari nella ristorazione; con sua moglie Leigh Anne, decoratrice d'interni e con i loro figli Collins e Sean junior.

    Ognuno ha il suo talento. Curato, amato e seguito, Michael ha trovato il suo: giocare a football. Ma non come un atleta qualsiasi. Da autentico professionista, uno dei migliori nel suo ruolo – tackle- praticamente insuperabile quando deve proteggere il suo quarterback dall'assalto dei difensori avversari. Uno da Nfl. E i Baltimore Ravens non se lo sono lasciati sfuggire, facendogli firmare un pingue contratto.

    Da homeless a stella della Nfl, troppo bello per non diventare un libro e un film. Entrambi di successo. The blind side: evolution of a game, scritto da Michael Lewis, è il bestseller da cui è stata tratta la pellicola titolata The blind side. Il lato cieco. Appena uscito in America, il film sta sbancando il botteghino. In pochi giorni è andato in testa nel box office superando la saga giovanil-vampiresca New Moon con oltre venti milioni di dollari incassati. Il pubblico è rimasto commosso dalla storia, con Sandra Bullock nelle vesti della madre adottiva di Oher (che ha il volto dell'attore Quinton Aaron), una interpretazione che le è valsa le candidature allo Screen actors guild awards e al Golden Globe 2010.

    The blind side. Il lato cieco. Quello da dove possono colpirti. Quando non li vedi. E possono farti male. A meno che, a proteggerti, non ci sia un ex homeless chiamato Michael Oher. Una forza della natura. Una barriera umana. Una fantastica e per certi versi incredibile e bellissima storia americana. “Loro hanno avuto un cuore enorme – ha raccontato il tackle dei Baltimore Ravens, che indossa la divisa numero 74, nelle tante interviste sostenute in vista dell'uscita del film girato dal regista John Lee Hancock – Chi avrebbe preso uno sconosciuto che vagava per la strada dentro casa sua? Nessuno. Nessuno lo avrebbe fatto. Loro lo hanno fatto”. E Michael, da homeless, si è trasformato in un giovane istruito giocatore dei Ravens. Otto anni dopo quell'incontro casuale con i suoi futuri genitori adottivi. Un professionista dello sport che adesso potrà permettersi qualcosa in più di quella casa di proprietà che non ha mai avuto grazie ai 13,8 milioni di dollari che intascherà per i cinque anni di contratto con Baltimore. Niente da dire: l'angelo custode si è svegliato un po' tardi ma, poi, si è davvero superato. Trasformando la storia di Michael nello spot della solidarietà multirazziale e dei buoni sentimenti. Per una volta, una buona notizia che fa notizia.

    g.marino@repubblica.it

    http://www.repubblica.it/2009/05/rubriche/la-storia/oher-nfl-ravens/oher-nfl-ravens.html


    #85347

    Detective
    Partecipante

    Sfatare il mito: cosa si cela dietro il traffico d’organi. Intervista con la professoressa Nancy Scheper-Hughes

    [link=hyperlink url] http://www.threemonkeysonline.com/it/article.php?id=84 [/link]

    [link=hyperlink url] http://www.threemonkeysonline.com/it/article2.php?id=84 [/link]

    [link=hyperlink url] http://www.threemonkeysonline.com/it/article3.php?id=84 [/link]


    #85348
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    che ne pensate di questo tema: sul Venere ci hanno raccontato la verità???
    più che altro guardate alla fine della seconda parte???
    :ummmmm:

    [youtube=445,364|border]WjcitHCv5G4

    [youtube=445,364|border]9tDUKaQmuhs


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #85349

    Erre Esse
    Partecipante

    In effetti, noi la superficie dei pianeti non l'abbiamo mai toccata con mano, ci siamo sempre dovuti fidare di informazioni provenienti dall'alto.
    :ummmmm:


    #85350
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1262217893=Erre Esse]
    In effetti, noi la superficie dei pianeti non l'abbiamo mai toccata con mano, ci siamo sempre dovuti fidare di informazioni provenienti dall'alto.
    :ummmmm:
    [/quote1262217893]
    ma tu hai mai letto o sentito di Adamski…
    lui descrive questo pianeta abitato dagli esseri umani altamente evoluti…


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #85351
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    La fisica dei campi di torsione fornisce loro i segreti del viaggio interstellare

    Ora scopriamo che il lavoro di Nikolai Kozyrev e altri ha portato a tecnologie funzionanti che vanno ben oltre quello che vediamo nel mondo “aperto”. Sentono che questa scienza dei “campi di torsione” apre le porte all' Universo e hanno ragione (enfasi aggiunta):

    Nel corso dello studio di aree scientifiche evitate dall'Occidente, hanno scoperto quelli che credono essere gli indizi per il segreto del viaggio interstellare. Se questi indizi sono corretti, credono che l'umanità possa lavorare sulla nostra prima astronave in una sola generazione da ora. Queste sono le motivazioni che guidano i Russi verso lo spazio, però prima pensano che dobbiamo apprendere a stabilizzarci e a vivere supportandoci sotto condizioni radicalmente diverse da quelle sulla Terra e hanno impostato Venere come primo obiettivo dopo la luna per esperimenti di colonizzazione.

    Nell'anno passato diverse sonde sono state lanciate verso Venere sia da Russia che Stati Uniti, ma solo la Russia ha mandato sonde su Venere, riuscendoci circa tre anni fa con due mezzi. Ora per la prima volta, posso rivelare cos'hanno trovato i Russi su Venere: idrogeno, elio, litio, boro, carbonio, ossigeno, neon, sodio, magnesio, alluminio, silicio, fosforo, zolfo, cloro, argon, potassio, calcio, scandio, titanio, vanadio, cromo, manganese, ferro, cobalto, nichel, rame, zinco, gallio, germanio, arsenico, selenio, bromo, Krypton, rubidio, stronzio, ittrio, tecnezio, rutenio, rodio, palladio, argento, tellurio, iodio, xenon, tungsteno, platino in grandi quantità, oro anche in grandi quantità , il mercurio, il polonio in modeste quantità, astato, radon e uranio in quantità modeste.

    Gli altri elementi o non esistono su Venere o ci sono alcune tracce. Soprattutto, i Russi hanno concluso che è tecnicamente fattibile il sostentamento della vita permanentemente su Venere, quindi Venere diviene il primo pianeta ad essere colonizzato dall'uomo. Secondo il piano della Russia, Venere sarà il primo passo dell'uomo per le stelle. Chiaramente il pianeta Terra, la culla dell'umanità, rimarrà l'unica casa che la grande maggioranza degli uomini conoscerà o vorrà conoscere, nel futuro.
    Come potete vedere, i Russi sapevano bene del fenomeno UFO. Kennedy non ebbe molto accesso all'informazione quindi facilmente venne informato dal Nuovo Cremlino tramite Krushchev.
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5693


    #85352
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Richard, proprio ora mi sono già preparata dei mp3 e domani si riparte con altri aggiornamenti….


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #85353
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    E per quanto riguarda gli uomini dei servizi segreti disse: «Conosco il loro compito. Era stato ordinato loro di non spaventare il pubblico, di non smuovere le acque e l'ho sperimentato coi miei occhi. Quando si trovano di fronte ad un evento che non sono in grado di spiegare, e ce ne sono parecchi, fanno il punto della situazione escludendo i media. Sì, è così. Quando gli avvistamenti sono molto difficili da screditare, essi fanno letteralmente i salti mortali per lasciare fuori i media.
    E' questo il loro compito, per giusto o sbagliato che sia: evitare che la gente possa restare coinvolta…». Per evitare poi che informazioni vitali sugli UFO potessero uscire fuori al pubblico, tramite una fuga di notizie, il Pentagono invento’ delle multe salatissime(circa 10.000 dollari) e diversi anni di galera (circa 10 anni) per tutti i militari che avrebbero raccontato dei loro avvistamenti, o di informazzioni classificate top-secret sugli UFO. Per questo molti funzionari ora in pensione, definirono i loro anni passati di lavoro come “un incubo”. Questa procedura si chiamava Janap 146.
    http://misteridalmondo.forumattivo.com/UFO-LA-STORIA-SEGRETA-h33.htm

    http://www.bvzm.com/ipotesi.html
    A ovest e a est.

    Von Daeniken e i suoi continuatori propongono una soluzione extraterrestre a molti degli enigmi descritti in questo stesso volume: i disegni giganteschi visibili solo dal cielo che si snodano per chilometri sull'altopiano di Nazca facevano parte di uno spazioporto; le grandi costruzioni come Stonehenge, le piramidi, Tiahuanaco furono edificate con l'ausilio di tecnologie aliene; l'incisione sul sarcofago del tempio di Palenque, le statuine Dogu e certi graffiti in Australia e nel Sahara rappresentano astronauti in tenuta da volo; la Carta di Piri Re'is fu disegnata a bordo di un'astronave; le esplosioni che distrussero Mohenjo-Daro e Tunguska furono provocate da armi extraterrestri.
    Anche nell'attuale Confederazione di Stati Indipendenti l'ipotesi extraterrestre è sorprendentemente diffusa. Autori come Alexandr Kazantsev hanno raccolto in vari volumi le “prove” delle remote visite di “Dèi venuti dallo spazio” in quella che fu l'Unione Sovietica. Gli esquimesi che vivono nell'estremo nord della Comunità di Stati Indipendenti proverrebbero, in realtà , da fertili regioni tropicali, e sarebbero stati trasportati nell'Artide (per pura cattiveria?) da “grandi uccelli metallici” provenienti dalle stelle. Altri popoli che vivono all'interno del circolo polare, come gli Jucaghiri stanziati tra i fiumi Jana e Kolyma, discenderebbero addirittura da progenitori extraterrestri, giunti con un aspetto informe e successivamente trasformati per magia in esseri umani. “Prove” del passaggio di extraterrestri nei paesi dell'Est sono costituite dagli graffiti, i quali rappresenterebbero – al solito – particolari di scafandri o veicoli spaziali. Presso il villaggio di Fergana, sul fiume Shiahimardan, un'incisione riproduce un essere munito di un “casco” stilizzato. A Sarmys, in Uzbekistan, un graffito che risale almeno a 3000 anni fa riproduce un “missile” circondato da uomini che portano in volto un oggetto simile a un respiratore. Nel monastero di Visoki Decani, in Albania, gli affreschi sulle pareti raffigurano alcuni personaggi a bordo di navicelle spaziali molto rumorose: i personaggi di contorno dell'affresco, infatti, si coprono le orecchie con le mani.
    Nel museo di paleontologia di Mosca si trova un cranio di bisonte rinvenuto in Yakutija, con un foro perfettamente rotondo al centro della fronte. Secondo Alexandr Kazantsev, esso sarebbe stato causato da “una specie di pallottola”; e poichè l'osso parzialmente riformato intorno al buco indica che l'animale riuscì a sopra vvivere, questo significa che fu colpito quando era ancora vivo, migliaia di anni fa. Ma chi poteva disporre, allora, di un'arma da fuoco? Forse gli spiriti che, secondo gli abitanti della regione, ” scendevano dal cielo con i loro carri splendenti ” a prelevare le anime dei morti?
    http://www.bvzm.com/ipotesi.html

    Allen Hynek dichiarò che non escludeva l’esistenza di intelligenze extraterrestri e di mezzi per gli ipotetici viaggi spaziali. Lo scrittore sovietico Alexander Kazantsev in merito al famoso disastro del 1908 in Siberia, ritiene che l’esplosione sia stata provocata dalla caduta di una nave spaziale. L’ipotesi è stata convalidata da un altro scrittore Boris Liapounov. Si trattava di un corpo cilindrico che scoppiò a sette chilometri dal suolo e prima dell’esplosione cambio la sua traiettoria come tentasse manovre d’emergenza. Quando furono tagliati gli alberi rimasti in piedi dopo il disastro fu rilevato un grande cerchio di crescita relativo all’anno 1908 che segnalava una grande radioattività. L’Istituto per le Ricerche Nucleari di Dubna effettuando delle analisi radiochimiche sul luogo dedusse che il fenomeno era stato provocato dal contatto tra materia e antimateria. Forse prima che il veicolo toccasse il suolo una fuga di combustibile annichilì l’antimateria venuta in contatto con la materia.
    http://www.edicolaweb.net/edic096a.htm

    I SETTE NAVIGATORI DELLO SPAZIO
    Sceneggiatura: Aleksandr Kazantsev, Pavel Klushantsev
    ..
    Sceso su Venere il gruppo scopre che il pianeta ha un'atmosfera malsana: flagellato da piogge torrenziali, Venere ospita una vegetazione insidiosa e tra i profili delle sue montagne e dei vulcani in piena attività, si aggirano le forme gigantesche di animali primordiali.
    http://www.fantafilm.net/Schede/1961d/62-11.htm

    Nave extraterrestre

    L'ipotesi dell'astronave extraterrestre fu avanzata, in particolare, dall'ingegnere sovietico Alexander N. Kazantsev nel 1946. Kazantsev proponeva, abbattendo tutti gli schemi precedenti e con un coraggio notevole per un accademico, che il “mostro” di Tunguska fosse un oggetto artificiale, creato da un'intelligenza esterna al nostro pianeta, propulso da un'energia nucleare. A supporto, In primis la pre-senza di piccole sfere metalliche che per Kazantsev potevano essere frammenti dello scafo.
    http://digilander.libero.it/mirkopellegrin/html/tunguska.html


    #85354
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    come ci ha anche suggerito Haramein con la cometa 2002 V1 contro il sole, questo ricercatore Russo
    [youtube=425,344]LRopgWJCLSU
    parla di Tunguska e di come secondo una certa ricerca un astronave ET sia intervenuta per evitare la nostra distruzione, mostra anche delle roccie e un particolare pezzo di metallo non terrestre
    Anche lui dice che siamo protetti

    dal servizio di channel 4

    In 1908 an explosion occured in Tunguska, Siberia flattening trees and scorching hundreds of square miles. The energy from the explosion was felt around the globe and estimated to be 1,000 times as powerful as the bomb dropped on Hiroshima, Japan and about one-third the power of the Tsar Bomba, the largest nuclear weapon ever detonated. Many years later an expedition to the Tgunska site revealed no evidence of meteorite or comet impact.

    A clip from the Channel 4 programme Close Encounters In Siberia.

    L'esplosione è stata stimata in 1000 volte quella di Hiroshima e di un terzo della potenza della bomba tsar, la bomba nucleare più grande mai detonata


    #85355

    CANERO
    Partecipante

    Esatto siamo protetti…qualunque avversità che possa mettere in pericolo la vita globale sulla terra non deve spaventarci…siamo sempre stati salvaguardati.
    Ora è il momento di condividere quello che gli antichi popoli sapevano e hanno voluto tramandarci…dalle stelle è iniziato il nostro percorso e dalle stelle continuerà.


Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 403 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.