L'esperienza pre-morte di Alessandro De Angelis

Home Forum MISTERI L'esperienza pre-morte di Alessandro De Angelis

Questo argomento contiene 101 risposte, ha 18 partecipanti, ed è stato aggiornato da  AlessioDa 8 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 102 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #14787
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    [quote1293634605=AlessandroDa]
    Caro amico ciò che chiamiamo erroneamente dio, altri non è che l'energia vitale di noi tutti, mi spiego meglio,tu ingabbiato dentro il tuo corpo altro non sei che una stringa energetica di quell'energia che una volta uscita da li è soggetta ad un'anamnesi o perdita di memoria in quanto ora condizionata dai vari bit d'informazione che arrivano alla tua coscienza ingabbiata dal tuo corpo olografico. Ma una volta finito il tuo ciclo all'interno di esso tu li tornerai insieme ad altre stringhe che hanno finito il loro ciclo mentre altra parte di energia uscirà da quella del globo in un circolo che si ripete ma dove noi stessi siamo dio, uno e tutt'uno, ciò è reso necessario per la nostra stessa esistenza, in quanto se fossimo esistenti solo come energia di luce e vibrazione in maniera costante alla fine ci annulleremmo non percependo più il nostro stato esistenziale, è la variazione di frequenza di vibrazione che da “il piacere” ricorda l'esempio del massaggio,[/quote1293634605]

    Quindi quello che chiamiamo Dio sarebbe in realtà la somma di tutte le nostre stringhe energetiche, di tutti i nostri “io”, e abbiamo bisogno di incarnarci per sviluppare la nostra “esistenza”… ma quindi di tutte le nostre esperienze negative o positive in vita, no ve ne rimane traccia? O forse invece servono proprio come bit per la nostra “esistenza”, anche se visti da una prospettiva totalmente diversa e non più soggettiva?

    [quote1293634605=AlessandroDa]ma sopratutto concentrati su una domanda SE NOI SIAMO UNO E TUTT'UNO è ANCORA GIUSTIFICABILE DISCRIMINARE QUI IN TERRA? Da qui dovrebbe iniziare una rivoluzione culturale e sociale dove anche se questa realta è effimera ed illusoria come se stessimo all'interno di un videogame,nessuno si può arrogare il diritto di farci vivere male questo gioco attraverso il signoraggio, le scie chimiche che ci avvelenano ed i giochi di potere del nuovo ordine mondiale di poche famiglie che vogliono il controllo di tutto e tutti ( denaro petrolio acqua cibo ecc) e che si sono costituiti come struttura sovranazionale attraverso un processo di globalizzazione che presto ci renderà tutti loro schiavi
    [/quote1293634605]

    …e purtroppo ci stanno riuscendo, proprio utilizzando schemi che ci dividono per razze, etnie, religioni…
    L'NWO se fosse guidato da persone di buona volontà, per unire e armonizzare, invece potrebbe essere un enorme opportunità… ma di fatto mi sembra un utopia. Già di per se la globalizzazione e all'accentramento in poche corporazioni e poche persone del controllo dell'energia, del cibo, e dei servizi essenziali porterà ad un processo totalmente anti-democratico dove i piccoli e insufficienti passi fatti avanti, secondo me, saranno persino un miraggio da ripristinare.
    Basti vedere certe decisioni dell'UE (ma anche dell'Italia e persino dei Comuni), che rispondono ormai molto più agli interessi del potere di poche lobby, che alle persone che vivono in Europa. Tutto per il denaro, che compra le anime e lo spirito di chi ci dovrebbe rappresentare e lavorare per noi… in fondo tutto è merce, e cercano di convincerci di questo anche con noti esempi anche in Italia.


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #14788
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ciao Alessandro, è strepitosa la tua storia. Io da tempo sento intuitivamente che il nostro corpo è solo una gabbia, ma so benissimo che è anche un meraviglioso veicolo per poter svolgere il nostro compito qui.
    Anch' io in un certo senso aspetto la fine di questa condizione che mi sembra troppo limitativa….

    Ma abbiamo tante cose da fare ancora, da imparare….e finché non saremo puri, mi sa che dovremo stare qui.
    Certo ti invidio che almeno tu hai visto l' altra parte del velo e per te sarà molto più facile arrivare a quel momento.
    Che esperienza meravigliosa che hai vissuto… °lov


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #14789

    AlessandroDa
    Partecipante

    [quote1293639909=InneresAuge]
    [quote1293634605=AlessandroDa]

    Quindi quello che chiamiamo Dio sarebbe in realtà la somma di tutte le nostre stringhe energetiche, di tutti i nostri “io”, e abbiamo bisogno di incarnarci per sviluppare la nostra “esistenza”… ma quindi di tutte le nostre esperienze negative o positive in vita, no ve ne rimane traccia? O forse invece servono proprio come bit per la nostra “esistenza”, anche se visti da una prospettiva totalmente diversa e non più soggettiva?

    [/quote1293634605]

    …e purtroppo ci stanno riuscendo, proprio utilizzando schemi che ci dividono per razze, etnie, religioni…
    L'NWO se fosse guidato da persone di buona volontà, per unire e armonizzare, invece potrebbe essere un enorme opportunità… ma di fatto mi sembra un utopia. Già di per se la globalizzazione e all'accentramento in poche corporazioni e poche persone del controllo dell'energia, del cibo, e dei servizi essenziali porterà ad un processo totalmente anti-democratico dove i piccoli e insufficienti passi fatti avanti, secondo me, saranno persino un miraggio da ripristinare.
    Basti vedere certe decisioni dell'UE (ma anche dell'Italia e persino dei Comuni), che rispondono ormai molto più agli interessi del potere di poche lobby, che alle persone che vivono in Europa. Tutto per il denaro, che compra le anime e lo spirito di chi ci dovrebbe rappresentare e lavorare per noi… in fondo tutto è merce, e cercano di convincerci di questo anche con noti esempi anche in Italia.
    [/quote1293639909]

    ok ci stai arrivando,pensa in questa maniera,tu costruisci un videogioco dove ti puoi proiettare all'interno di esso in un qualsiasi personaggio, o meglio specie vivente di qualsiasi pianeta del multiverso, poi fissi delle regole,es. se decidi di uscirne fuori vi vieni riproiettato dentro (suicidio), alla fine del gioco rientri in te e riacquisti la memoria della tua vera realta, cosa ti rimarrebbe del gioco giocato? un sorriso e basta, ma ripeto ancora questo non deve essere assolutamente un alibi per far vivere questo videogioco male agli altri,essendo questo interattivo con altre stringhe energetiche, altrimenti faremo come le religioni che insegnano che l'ultimo sara il primo mentre i primi se la godono cosi indisturbati in terra. Quindi per fare qualcosa bisogna innanzitutto svelare cosa è il signoraggio bancario e riprendere in mano la sovranita monetaria,non riconoscere il debito pubblico in realta inesistente e generato da una frode legalizzata, infine delegittimare i politici che sono solo burattini in mano ai banchieri ed esautorati in tutta europa da un vero golpe di stato fatto con il trattato di lisbona, la mia speranza è che riusciamo a dare visibilita ai libri giovanni il galileo ovvero gesu ed al libro che uscira oltre la mente di dio dove pspieghiamo tutto questo con dovizia di particolari, per sapere chi è il potere vedi i video di paolo barnard ciao


    #14790

    AlessandroDa
    Partecipante

    [quote1293640730=farfalla5]
    Ciao Alessandro, è strepitosa la tua storia. Io da tempo sento intuitivamente che il nostro corpo è solo una gabbia, ma so benissimo che è anche un meraviglioso veicolo per poter svolgere il nostro compito qui.
    Anch' io in un certo senso aspetto la fine di questa condizione che mi sembra troppo limitativa….

    Ma abbiamo tante cose da fare ancora, da imparare….e finché non saremo puri, mi sa che dovremo stare qui.
    Certo ti invidio che almeno tu hai visto l' altra parte del velo e per te sarà molto più facile arrivare a quel momento.
    Che esperienza meravigliosa che hai vissuto… °lov
    [/quote1293640730]

    non è come tu pensi,poco dopo la mia esperienza mi sono morti a distanza di pochi mesi ed anni due miei cugini coetanei, non solo non ho versato una lacrima, ma sono stato invidioso del fatto che loro erano usciti dalla gabbia corporale, non riuscivo a mediare con la vita terrena non volevo avere figli per non ingabbiare altre energie dentro il corpo materia olografico ed è stata dura arrivare ad una mediazione con la vita, ma ti prego dil leggere anche tutte le altre risposte agli altri commenti che mi sono arrivati…,e pensare che non volevo raccontare questa mia per paura che si strumentalizzasse tutto un percorso di studi scientifici antropologici e storico-religiosi che compiono i miei libri un abbraccio


    #14791
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1293641676=AlessandroDa]

    non è come tu pensi,poco dopo la mia esperienza mi sono morti a distanza di pochi mesi ed anni due miei cugini coetanei, non solo non ho versato una lacrima, ma sono stato invidioso del fatto che loro erano usciti dalla gabbia corporale, non riuscivo a mediare con la vita terrena non volevo avere figli per non ingabbiare altre energie dentro il corpo materia olografico ed è stata dura arrivare ad una mediazione con la vita, ma ti prego dil leggere anche tutte le altre risposte agli altri commenti che mi sono arrivati…,e pensare che non volevo raccontare questa mia per paura che si strumentalizzasse tutto un percorso di studi scientifici antropologici e storico-religiosi che compiono i miei libri un abbraccio
    [/quote1293641676]
    C'è poco da fare, dobbiamo fare qui la nostra evoluzione, che ci piaccia o no.
    E penso che le religioni, quelle più giuste e fattibili sono nate proprio per questo motivo, per alleggerire il nostro calvario qui. Diciamo, se credi in qualcosa risulta più facile a sopportare la nostra avventura del tutto imprevedibile.
    Devo però leggere tutto il libro :bay:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #14792
    maraxma
    maraxma
    Partecipante

    [quote1293641981]
    Caro amico ciò che chiamiamo erroneamente dio, altri non è che l'energia vitale di noi tutti, mi spiego meglio,tu ingabbiato dentro il tuo corpo altro non sei che una stringa energetica di quell'energia che una volta uscita da li è soggetta ad un'anamnesi o perdita di memoria in quanto ora condizionata dai vari bit d'informazione che arrivano alla tua coscenza ingabbiata dal tuo corpo olografico. Ma una volta finito il tuo ciclo all'interno di esso tu li tornerai insieme ad altre stringhe che hanno finito il loro ciclo mentre altra parte di energia uscira da quella del globo in un circolo che si ripete ma dove noi stessi siamo dio, uno e tutt'uno, ciò è reso necessario per la nostra stessa esistenza, in quanto se fossimo esistenti solo come energia di luce e vibrazione in maniera costante alla fine ci annulleremmo non percependo piu il nostro stato esistenziale, è la variazione di freguenza di vibrazione che da “il piacere” [/quote1293641981]

    Quanto dici riguardo il fatto che noi stessi siamo Dio, mi ricollega ad un libro che ho appena finito di leggere in questi giorni “Il simbolo perduto” di Dan Brown, e che mi ha fatto molto riflettere.
    “Noi siamo creatori, e tuttavia recitiamo ingenuamente il ruolo dei “creati”. Vediamo noi stessi come percore indifese in balia del Dio che ci ha fatto. Ci inginocchiamo come bambini spaventati e imploriamo aiuto, perdono, fortuna. Ma quando ci saremo resi conto di essere stati veramente creati a immagine di Dio, cominceremo a capire che anche noi dobbiamo essere creatori. E una volta che lo avremo compreso, le porte del potenziale umano si spalancheranno.
    Non appena inizieremo a liberare il nostro vero potenziale, avremo un enorme controllo sul mondo che ci circonda. Saremo in grado di plasmare la realtà, invece di limitarci meramente a reagire.
    Abbiamo dimostrato scientificamente che il potere della mente umana aumenta in modo esponenziale in rapporto al numero di persone che condividono lo stesso pensiero. Due teste sono meglio di una, ma due teste non sono due volte meglio, sono molte, molte volte meglio.Più menti lavorano all'unisono aumentano gli effetti di un pensiero… in misura esponenziale. E' questo il potere intrinseco dei gruppi di preghiera, dei circoli di guarigione, del cantare insieme, dell'adorazione di massa.
    L'idea di una consapevolezza universale non è un etereo concetto new age, è una solida realtà scientifica… e, se sfruttata, ha il potenziale per trasformare il mondo.
    Dio si trova nell'unione di Molti… non nell'Uno.”

    Probabilmente questa nuova consapevolezza rivoluzionerebbe realmente il modo di vivere in questa realtà, e darebbe un senso a molte cose che ora ci appaiono incomprensibili.

    Grazie per aver postato la tua testimonianza. Avendo perso mia madre da poco, mi ha sollevato immaginarla libera e felice.


    #14793
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    [quote1293673445=AlessandroDa]
    ok ci stai arrivando,pensa in questa maniera,tu costruisci un videogioco dove ti puoi proiettare all'interno di esso in un qualsiasi personaggio, o meglio specie vivente di qualsiasi pianeta del multiverso, poi fissi delle regole,es. se decidi di uscirne fuori vi vieni riproiettato dentro (suicidio), alla fine del gioco rientri in te e riacquisti la memoria della tua vera realta, cosa ti rimarrebbe del gioco giocato? un sorriso e basta, ma ripeto ancora questo non deve essere assolutamente un alibi per far vivere questo videogioco male agli altri,essendo questo interattivo con altre stringhe energetiche, [/quote1293673445]

    Pensi quindi che non ci rimarrà nulla?
    Eppure, seguendo la tua metafora, dopo aver giocato ad un videogioco, mi rimane decisamente di più di un sorriso… e il videogioco della vita è fatto di dolore e di esperienze, ricordi.
    Secondo quanto dicono tutti quelli che hanno avuto queste esperienze, straordinarie come la tua, il dolore sembra far parte soltanto di questa dimensione, e c'è un totale distacco da questa realtà… Ma a livello cognitivo, di ricordo e conoscenza, dimenticate/dimentichiamo tutte le vostre/nostre esperienze? Tutti i “link” rimangono nel nostro corpo?

    [quote1293673445=AlessandroDa]altrimenti faremo come le religioni che insegnano che l'ultimo sara il primo mentre i primi se la godono cosi indisturbati in terra. Quindi per fare qualcosa bisogna innanzitutto svelare cosa è il signoraggio bancario e riprendere in mano la sovranita monetaria,non riconoscere il debito pubblico in realta inesistente e generato da una frode legalizzata, infine delegittimare i politici che sono solo burattini in mano ai banchieri ed esautorati in tutta europa da un vero golpe di stato fatto con il trattato di lisbona, la mia speranza è che riusciamo a dare visibilita ai libri giovanni il galileo ovvero gesu ed al libro che uscira oltre la mente di dio dove pspieghiamo tutto questo con dovizia di particolari, per sapere chi è il potere vedi i video di paolo barnard ciao
    [/quote1293673445]
    C'è talmente tanto lavoro da fare che ormai ho perso la speranza purtroppo… Non credo che in questa dimensione si possa fare molto sinceramente… Siamo troppo divisi. Basta un pifferaio neanche troppo bravo ad incantar masse oceaniche…

    [quote1293672941=farfalla5]
    C'è poco da fare, dobbiamo fare qui la nostra evoluzione, che ci piaccia o no.
    E penso che le religioni, quelle più giuste e fattibili sono nate proprio per questo motivo, per alleggerire il nostro calvario qui. Diciamo, se credi in qualcosa risulta più facile a sopportare la nostra avventura del tutto imprevedibile.
    Devo però leggere tutto il libro :bay:
    [/quote1293672941]

    Anch'io lo penso, e a volte mi viene più di qualche dubbio che sono state create artificialmente proprio per questo.
    [quote1293673129=AlessandroDa]
    non è come tu pensi,poco dopo la mia esperienza mi sono morti a distanza di pochi mesi ed anni due miei cugini coetanei, non solo non ho versato una lacrima, ma sono stato invidioso del fatto che loro erano usciti dalla gabbia corporale, non riuscivo a mediare con la vita terrena non volevo avere figli per non ingabbiare altre energie dentro il corpo materia olografico ed è stata dura arrivare ad una mediazione con la vita, ma ti prego dil leggere anche tutte le altre risposte agli altri commenti che mi sono arrivati…,e pensare che non volevo raccontare questa mia per paura che si strumentalizzasse tutto un percorso di studi scientifici antropologici e storico-religiosi che compiono i miei libri un abbraccio
    [/quote1293673129]
    Mi hai fatto pensare a un telefilm, “Buffy l'ammazza vampiri”, in cui la protagonista moriva alla fine della quinta stagione, e nella sesta, tornando in vita grazie all'aiuto di una sua amica strega, soffriva tantissimo per questo e non veniva capita dai suoi amici che invece erano molto felici di rivederla…
    E' un telefilm che apparentemente può sembrare banale e adolescenziale… ma che invece nel suo sviluppo, attraverso la metafora e l'avventura, affronta temi importantissimi della vita… e della morte.


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #14794
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1293703414=InneresAuge]

    C'è talmente tanto lavoro da fare che ormai ho perso la speranza purtroppo… Non credo che in questa dimensione si possa fare molto sinceramente… Siamo troppo divisi. Basta un pifferaio neanche troppo bravo ad incantar masse oceaniche…

    [/quote1293703414]
    mi sembra di capire di chi stai parlando…
    ma comunque il mondo è pieno di quel tipo di pifferai e di chi li segue :hehe:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #14796
    Jc
    Jc
    Partecipante

    e pensare che secondo qualcuno, la gente, se solo avesse un pò di ferrea volontà avrebbe tutti gli strumenti per carpire questa realtà….andare oltre il velo non è utopia è spaventosamente naturale attraverso le sottovalutate esperienze extra-corporee….

    consiglierei la lettura di qualche libro di william buhlman e a questo proposito lancerei una sua citazione:
    “Davanti a noi si stende una nuova eccitante frontiera, infiniti livelli di
    energia che aspettano solo di essere scoperti. Oggi abbiamo la rara opportunità
    di essere tra i pionieri, di viaggiare oltre i limiti dell'universo, di vedere
    con i nostri occhi la verità. L'avventura più grande ci sta ancora aspettando.
    Ognuno di noi deve affrontare una scelta importante:
    possiamo continuare a credere a quello che sostiene la *scienza ufficiale* o
    possiamo decidere di partire ed esplorare di persona.
    Dio ci ha concesso la capacità di indagare e trovare da soli le risposte che
    attendono solo di essere riconosciute. E questa ricerca interiore è l'essenza
    della crescita e dell'evoluzione umana”.

    ricordo che le o.o.b.e. non accadono solo in rari casi,possono essere indotte , ed è a quel punto che capiamo che il meraviglioso è sempre stato ad un passo da noi ma siamo stati talmente pigri da non accorgercene.


    #14797
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    [quote1293721727=jc]

    ricordo che le o.o.b.e. non accadono solo in rari casi,possono essere indotte da noi stessi ed è a quel punto che capiamo che il meraviglioso è sempre stato ad un passo da noi ma siamo stati talmente pigri da non accorgercene.
    [/quote1293721727]

    Mi è successo una volta, una sola volta, e sembrava molto differente da un sogno… ero da un altra parte e c'era un cane che si avvicinava… all'inizio sentivo soltanto ma era molto forte… poi ho aperto gli occhi e visto qualcosa di una stanza. Poco dopo sono “tornato” sveglio(?).
    Magari mi sbaglio ed era solo un sogno però… 🙂


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 102 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.