L'esperienza pre-morte di Alessandro De Angelis

Home Forum MISTERI L'esperienza pre-morte di Alessandro De Angelis

Questo argomento contiene 101 risposte, ha 18 partecipanti, ed è stato aggiornato da  AlessioDa 8 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 102 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #14848

    AlessandroDa
    Partecipante

    [quote1294005612=farfalla5]
    Io non ho l' idea di cosa sia Dio, è un concetto troppo complicato per noi.
    Probabilmente ogni aspetto, ogni idea, ogni pensiero o materia…. è un frammento di Dio. Sono d' accordo con il pensiero di Richard, seguo il suo ragionamento e le sue ricerche perchè sono in sintonia con il mio intuito.

    Tempo fa ho fatto questa traduzione che sarebbe da revisionare, ma il concetto di Dio che spiega Cotterell mi sembra molto logico.

    [/quote1294005612]

    immagina una picola pallina di mercurio che esce da una molto piu grande scordandosi la sua provenienza per il suo tragitto dentro il corpo, quella piccola pallina sei tu,e quando rientrerai all'interno di quella grande che chiami dio ti si aprira la visione del tutto, è cosi difficile da accettare una cosa del genere?sò bene di non poterti dare nessuna prova della mia NDE,ma questo ho trasmesso a mio figlio alessio e lui vive molto meglio degli altri avendo superato la paura del post morte corporea sapendo che suo padre non gli mentirebbe mai


    #14849
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1294011855=AlessandroDa]

    immagina una picola pallina di mercurio che esce da una molto piu grande scordandosi la sua provenienza per il suo tragitto dentro il corpo, quella piccola pallina sei tu,e quando rientrerai all'interno di quella grande che chiami dio ti si aprira la visione del tutto, è cosi difficile da accettare una cosa del genere?sò bene di non poterti dare nessuna prova della mia NDE,ma questo ho trasmesso a mio figlio alessio e lui vive molto meglio degli altri avendo superato la paura del post morte corporea sapendo che suo padre non gli mentirebbe mai
    [/quote1294011855]
    Ok Ale, ho capito il concetto, è molto semplice in fondo, ma che sicurezza hai che non ci sia ancora un' altra…..
    Non voglio polemizzare, voglio semplicemente essere aperta a tutte le possibilità che ho raccolto come informazioni fino ad ora.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #14850

    Maus_de_Spit
    Partecipante

    ho letto l'articolo nella home e non ho potuto fare a meno di visitare questo topic…l'esperienza che hai vissuto credo sia magnifica,straordinaria e sicuramente ha segnato la tua “vita terrestre” o come la si vuole chiamare.Certo che ti ha capovolto l'esistenza,ciò che credevi tragico e doloroso è diventato una liberazione e una gioiae e vceversa.Ho sempre creduto che non fosse possibile essere derivati da scimmie solo più evoluti,perchè noi non siamo legati per sempre al nostro corpo;ora,non so se anche gli animali vivanoe sperienze simili alle nostre,anzi a dir la verità non so niente io.Fate tutti dei bei discorsi,complessi e impegnativi,che non riesco mai a comprendere in pieno.Questo non è una critica a voi,ma al contrario voglio dire che vi stimo,perchè dite tante cose illuminanti e che fanno pensare.Io dentro di me non sono tranquillo,sono confuso,pieno di dubbi e sono agnostico.Le religioni sono un interpertazione distorta della nostra esistenza,dio non è come ci viene fatto vedere.Insomma,voglio solo dire che io ti credo e che non ho paura di morire,anche se ho ancora tante cose dA fare,tanti sogni…scrivo poco qui,ma vi leggo sempre e imparo tante nuove cose,magari piano piano riuscirò anche io a entrare in armonia con me stesso.Penso sia una cosa molto complessa quella che cerchi di spiegarci,ma la padronanza dell'argomento che hai fa capire che non sono cose inventate…personalmente volevo chiedere a voi tutti se mai siete stati afflitti da un enigma,un paradosso che a me sembra,almeno in questa dimensione irrisolvibile:il concetto della “matrioska cosmica”.Voglio dire:la terra è nel sistema solare,che è nella via lattea,la via lattea è nell'universo,ma dentro a cosa è contenuto un universo?Mettiamo che sia vero che i buchi neri nascondono altri universi:forse noi potremmo allora essere dentro uno di quei buchi neri in un altro universo,ma quell'altro universo sarebbe a sua volta anch'esso contenuto in un altro universo ecc…insomma tutto deve essere dentro qualcosa,per forza…cosa c'era prima del big bang?il nulla?insomma non so se mi spiego,ma ciò che tu hai visto,comunque dovrà essere contenuto dentro qualcos'altro,per forza.Ma è una cosa infinita,a cui non so dare una soluzione…


    #14825
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    ciao :bay:
    hai visto questi?

    del resto certe domande sono enormi per tutti non ti preoccupare


    #14851

    AlessandroDa
    Partecipante

    [quote1294093670=farfalla5]
    [quote1294011855=AlessandroDa]

    immagina una picola pallina di mercurio che esce da una molto piu grande scordandosi la sua provenienza per il suo tragitto dentro il corpo, quella piccola pallina sei tu,e quando rientrerai all'interno di quella grande che chiami dio ti si aprira la visione del tutto, è cosi difficile da accettare una cosa del genere?sò bene di non poterti dare nessuna prova della mia NDE,ma questo ho trasmesso a mio figlio alessio e lui vive molto meglio degli altri avendo superato la paura del post morte corporea sapendo che suo padre non gli mentirebbe mai
    [/quote1294011855]
    Ok Ale, ho capito il concetto, è molto semplice in fondo, ma che sicurezza hai che non ci sia ancora un' altra…..
    Non voglio polemizzare, voglio semplicemente essere aperta a tutte le possibilità che ho raccolto come informazioni fino ad ora.
    [/quote1294093670]

    Potrebbe anche darsi, ma la nostra coscienza vive tra queste due dimensioni: quella olografica e quella dell'Energia Madre chiamata Dio. Se ci sono altre realtà e dimensioni diverse oltre questa nessuno può escluderlo, ma non ci riguardano.


    #14852

    AlessandroDa
    Partecipante

    [quote1294093913=Maus_de_Spit]
    ho letto l'articolo nella home e non ho potuto fare a meno di visitare questo topic…l'esperienza che hai vissuto credo sia magnifica,straordinaria e sicuramente ha segnato la tua “vita terrestre” o come la si vuole chiamare.Certo che ti ha capovolto l'esistenza,ciò che credevi tragico e doloroso è diventato una liberazione e una gioiae e vceversa.Ho sempre creduto che non fosse possibile essere derivati da scimmie solo più evoluti,perchè noi non siamo legati per sempre al nostro corpo;ora,non so se anche gli animali vivanoe sperienze simili alle nostre,anzi a dir la verità non so niente io.Fate tutti dei bei discorsi,complessi e impegnativi,che non riesco mai a comprendere in pieno.Questo non è una critica a voi,ma al contrario voglio dire che vi stimo,perchè dite tante cose illuminanti e che fanno pensare.Io dentro di me non sono tranquillo,sono confuso,pieno di dubbi e sono agnostico.Le religioni sono un interpertazione distorta della nostra esistenza,dio non è come ci viene fatto vedere.Insomma,voglio solo dire che io ti credo e che non ho paura di morire,anche se ho ancora tante cose dA fare,tanti sogni…scrivo poco qui,ma vi leggo sempre e imparo tante nuove cose,magari piano piano riuscirò anche io a entrare in armonia con me stesso.Penso sia una cosa molto complessa quella che cerchi di spiegarci,ma la padronanza dell'argomento che hai fa capire che non sono cose inventate…personalmente volevo chiedere a voi tutti se mai siete stati afflitti da un enigma,un paradosso che a me sembra,almeno in questa dimensione irrisolvibile:il concetto della “matrioska cosmica”.Voglio dire:la terra è nel sistema solare,che è nella via lattea,la via lattea è nell'universo,ma dentro a cosa è contenuto un universo?Mettiamo che sia vero che i buchi neri nascondono altri universi:forse noi potremmo allora essere dentro uno di quei buchi neri in un altro universo,ma quell'altro universo sarebbe a sua volta anch'esso contenuto in un altro universo ecc…insomma tutto deve essere dentro qualcosa,per forza…cosa c'era prima del big bang?il nulla?insomma non so se mi spiego,ma ciò che tu hai visto,comunque dovrà essere contenuto dentro qualcos'altro,per forza.Ma è una cosa infinita,a cui non so dare una soluzione…
    [/quote1294093913]

    Ti rispondo in base a ciò che ho visto tramite l'NDE: il nostro universo è a geometria frattale a octaedro, i supercluster o ammassi galattici assumono questa forma ed alla fine i buchi neri supermassivi che si trovano all'interno delle galassie, quando quest'ultime si scontrano tra di loro si riattivano assorbendo moltissima materia, fino a quando l'intera materia dell'universo sarà assorbita dai buchi neri, venendo espulsa in un altro punto “X”, dove quando raggiungerà un punto critico, insieme ad altra materia proviente da altri universi del multiverso, darà luogo alla formazione di un nuovo Big Bang che genererà un nuovo universo.
    In realtà tutto il multiverso altro non è che la proiezione olografica proveniente da una pellicola cosmica bidimensionale che proietta il videogame dentro il quale entra la nostra coscienza, assumendo vari bit d'informazione e creando una realtà illusoria che è la nostra vita odierna.


    #14853
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    ecco qua vi aggiungo questo commento di Haramein (che contrasta con il modello più supportato al momento e conosciuto), chiaramente nel prossimo futuro avremo delle verifiche sperimentali, sperando che siano sincere..del resto in generale il concetto basilare è quello che importa a parte tutti i “dettagli”

    Haramein si riferisce a questo articolo ed esperimento
    http://www.newscientist.com/article/mg20126911.300-our-world-may-be-a-giant-hologram.html?full=true
    https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.4280
    Un effetto imprevisto delle rilevazioni effettuate da GEO600, un potente macchinario che studia il fenomeno astrofisico delle onde gravitazionali potrebbe dimostrare la teoria di Craig Hogan, direttore del Fermilab Center for Particle Astrophysics, che il nostro universo sia in realtà un ologramma.

    e scrive nel suo blog

    It is an important discovery in the context of the holofractographic theory I have been working on all these years. It is crucial to understand that the holographic function of the universe would not be a 2-dimensional surface (such as a photographic plate), but a 4-dimensional spacetime structure. From this understanding, the fractal nature of the holographic interference pattern becomes crucial to describe the vacuum geometry. This may bring us a whole new level of our understanding of the universe and singularity, and eventually bring us to levels of technology that transcend our current limitations.

    E' una scoperta importante nel contesto della teoria olofrattografica su cui lavoro da tanti anni. E' cruciale capire che la funzione olografica dell'universo non sarebbe bidimensionale (come una placca fotografica), ma una struttura dello spaziotempo quadridimensionale. Da questo punto la natura frattale dello schema di interferenza olografico diviene cruciale per descrivere la geometria del vacuum (“vuoto”). Questo puo portarci ad un nuovo livello di comprensione dell'universo e della singolarità e a nuova tecnologia che trascende i nostri attuali limiti.
    http://theresonanceproject.org/blog/?cat=4

    Per quanto riguarda la struttura dello spazio di cui parla vi rimando ai suoi video e da questa possiamo anche capire i supercluster disposti ad ottaedro come descritti e citati anche da Wilcock, questo puo interessare anche ad Alessandro 🙂

    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_matrix.htm
    “Una tale immagine meriterebbe migliaia di parole; e gli evidenti risultati di questa scoperta fatta da ricercatori spagnoli costituisce la più fantastica e innegabile conferma del modello Convergenza/Cosmo Divino che abbiamo sempre sostenuto. Secondo noi, si tratta della più importante scoperta scientifica dai tempi Nicholaus Copernicus con il Sole al centro del Sistema Solare. Ancora, se ci mettiamo a ricercare sull’argomento, inserendo su Google “Ottaedro di Battaner”, saranno visualizzati solo una quindicina di siti in un mondo di informazioni online che potenzialmente potrebbe coprire questa fantastica scoperta! E, fatto ancora più curioso, queste informazioni sono in giro da una decina d’anni! Come mai, ci chiediamo, tutto ciò è rimasto completamente nascosto [vedi Appendice 1]? Potrebbe essere che simili ricerche si avvicinino pericolosamente ai segreti massonici sulla natura della Creazione?”

    il modello di Wilcock, affiancabile a quello di Haramein http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/TheDivineCosmos.htm

    Ma com'è possibile convalidare questa ipotesi? Abbiamo bisogno di aumentare la risoluzione di un dispositivo di rilevazione di onde gravitazionali. Ecco quindi l' “Olometro”.

    Attualmente in costruzione alla Fermilab, l'Olometro (che significa interferometro olografico) si addentrerà nelle profondità di questo regno quantico su scale minori di quelle dell'esperimento GEO600. Se l'idea di Hogan è corretta, l'Olometro dovrebbe rilevare questo rumore quantico nel tessuto dello spazio-tempo, facendo capovolgere la nostra intera percezione dell'Universo.
    http://www.coscienza.org/_ArticoloDB1.asp?ID=1145

    Un Esperimento che Userà un “Olometro”, Metterà Alla Prova La Teoria dell’Universo come Ologramma

    http://link2universe.wordpress.com/2010/11/04/un-esperimento-che-usera-un-olometro-mettera-alla-prova-la-teoria-delluniverso-come-ologramma/


    #14854

    deg
    Partecipante

    [quote1294094882=AlessandroDa]
    [quote1294093913=Maus_de_Spit]
    ho letto l'articolo nella home e non ho potuto fare a meno di visitare questo topic…l'esperienza che hai vissuto credo sia magnifica,straordinaria e sicuramente ha segnato la tua “vita terrestre” o come la si vuole chiamare.Certo che ti ha capovolto l'esistenza,ciò che credevi tragico e doloroso è diventato una liberazione e una gioiae e vceversa.Ho sempre creduto che non fosse possibile essere derivati da scimmie solo più evoluti,perchè noi non siamo legati per sempre al nostro corpo;ora,non so se anche gli animali vivanoe sperienze simili alle nostre,anzi a dir la verità non so niente io.Fate tutti dei bei discorsi,complessi e impegnativi,che non riesco mai a comprendere in pieno.Questo non è una critica a voi,ma al contrario voglio dire che vi stimo,perchè dite tante cose illuminanti e che fanno pensare.Io dentro di me non sono tranquillo,sono confuso,pieno di dubbi e sono agnostico.Le religioni sono un interpertazione distorta della nostra esistenza,dio non è come ci viene fatto vedere.Insomma,voglio solo dire che io ti credo e che non ho paura di morire,anche se ho ancora tante cose dA fare,tanti sogni…scrivo poco qui,ma vi leggo sempre e imparo tante nuove cose,magari piano piano riuscirò anche io a entrare in armonia con me stesso.Penso sia una cosa molto complessa quella che cerchi di spiegarci,ma la padronanza dell'argomento che hai fa capire che non sono cose inventate…personalmente volevo chiedere a voi tutti se mai siete stati afflitti da un enigma,un paradosso che a me sembra,almeno in questa dimensione irrisolvibile:il concetto della “matrioska cosmica”.Voglio dire:la terra è nel sistema solare,che è nella via lattea,la via lattea è nell'universo,ma dentro a cosa è contenuto un universo?Mettiamo che sia vero che i buchi neri nascondono altri universi:forse noi potremmo allora essere dentro uno di quei buchi neri in un altro universo,ma quell'altro universo sarebbe a sua volta anch'esso contenuto in un altro universo ecc…insomma tutto deve essere dentro qualcosa,per forza…cosa c'era prima del big bang?il nulla?insomma non so se mi spiego,ma ciò che tu hai visto,comunque dovrà essere contenuto dentro qualcos'altro,per forza.Ma è una cosa infinita,a cui non so dare una soluzione…
    [/quote1294093913]

    Ti rispondo in base a ciò che ho visto tramite l'NDE: il nostro universo è a geometria frattale a octaedro, i supercluster o ammassi galattici assumono questa forma ed alla fine i buchi neri supermassivi che si trovano all'interno delle galassie, quando quest'ultime si scontrano tra di loro si riattivano assorbendo moltissima materia, fino a quando l'intera materia dell'universo sarà assorbita dai buchi neri, venendo espulsa in un altro punto “X”, dove quando raggiungerà un punto critico, insieme ad altra materia proviente da altri universi del multiverso, darà luogo alla formazione di un nuovo Big Bang che genererà un nuovo universo.
    In realtà tutto il multiverso altro non è che la proiezione olografica proveniente da una pellicola cosmica bidimensionale che proietta il videogame dentro il quale entra la nostra coscienza, assumendo vari bit d'informazione e creando una realtà illusoria che è la nostra vita odierna.

    [/quote1294094882]

    E secondo te, ciò che chiami la “nostra coscienza”, che “entra” nel videogioco, potrebbe non essere altro che la Mega Coscienza, divisa, sfaccettata per i bisogni del gioco, di un unico Giocatore (Dio)? … Il “passatempo” di una Creatura Cosmica?
    In ogni caso, per me rimane fermo il concetto di Giustizia di tale “Creatura” (o di Chi l'ha creata), nel senso che non giocherebbe MAI contro sé stessa, essendo unica seppur divisa.
    Tralasciando l'aspetto “geometrico” sul quale non mi permetterei di pronunciarmi, non essendone all'altezza, credo che ciò che Dio crea è SEMPRE e NECESSARIAMENTE sotto il Suo controllo in quanto le “scelte” (libero arbitrio) dei singoli elementi, durante il “Gioco”, determinano il loro destino: Dio elimina ciò che disturba l'equilibrio delle regole del SUO Gioco, probabilmente effettuando una specie di reset (per conservare i termini adottati sopra), e riprogrammando a piacere ciò che comunque fa sempre e soltanto parte di Lui.
    … Una cosa del genere! 😕


    #14855

    Nuzzi
    Partecipante

    [quote1294142072=AlessandroDa]
    immagina una picola pallina di mercurio che esce da una molto piu grande scordandosi la sua provenienza per il suo tragitto dentro il corpo, quella piccola pallina sei tu,e quando rientrerai all'interno di quella grande che chiami dio ti si aprira la visione del tutto, è cosi difficile da accettare una cosa del genere?sò bene di non poterti dare nessuna prova della mia NDE,ma questo ho trasmesso a mio figlio alessio e lui vive molto meglio degli altri avendo superato la paura del post morte corporea sapendo che suo padre non gli mentirebbe mai
    [/quote1294142072]

    Trovo molto interessante la teoria frattale, però mi pare un po' semplicistico porla in questo modo.
    Mi spiego: rimanendo nell'esempio (semplicificato, me ne rendo conto) della pallina di mercurio che esce da quella “madre” non capisco perchè la pallina di mercurio dovrebbe attendere di rientrare in “dio” per apririsi alla visione del Tutto.
    Se sono la stessa cosa, cioè (fuor di esempio) io sono un ologramma del tutto, dovrei avere le stesse qualità del tutto cioè di dio, altrimenti non sarei la stessa cosa ma minimo una sua derivazione.

    Quindi io e il tutto siamo in qualche modo differenti, siamo uniti solo allargando l'insieme d'appartenenza (nell'insieme “tutto” ogni cosa è ovviamente collegata almeno dal far parte dello stesso insieme)
    Allora dobbiamo assumere che il tutto, che dio sia l'indeterminato, cioè sia qualcosa che è contemporaneamente tutte le cose.

    Assumendo questo come vero allora c'è da rendersi conto di una cosa fondamentale: io non sono dio, perchè in me non convivono contemporanemante tutti gli opposti, io ho una forma precisa, un tempo preciso e uno spazio preciso tutte qualità che “dio” non ha essendo il tutto. In me convivono molti opposti, ma non tutti, io non posso essere un cane, un baobab o un cristallo di quarzo, io sono un essere umano e già questo mi impedisce di essere come dio, perchè dio è contemporaneamente tutto. Io sono determinatom il tutto non lo è già questa mi sembra una differenza abissale.
    Cioè che mi rende diverso da dio è ciò che mi rende “unico” cioè la mia forma e la mia coscienza, il mio essere in un modo e non in un altro.
    Detto questo mi viene da chiedermi: la tanto idolatrata “coscienza” non è forse ciò che maggiormente ci allontana dalla vicinanza col tutto?
    Non è forse il mio essere cosciente che mi “obbliga” a considerarmi differente dagli altri?
    Siamo certi che la nostra coscienza sia il veicolo per la “comprensione”?
    O non è un modo, forse il più forte, per aumentare questa separazione?
    Anche avere cosicenza di essere tutto non è un ghirigoro mentale che comunque crea separazione?

    Il “rientrare all'interno del tutto” non prevede, per forza, la dissoluzione della coscienza individuale?
    E se si, allora che diavolo stiamo facendo? Stiamo cercando di avere maggiore coscienza di noi (perchè solo di noi possiamo averla) per rientrare nel tutto quando l'ingresso nel tutto prevede la dissoluzione della coscienza individuale?

    Ho preso spunto dal esempio del mercurio per porre delle domande che mi frullano in testa da diversi giorni.
    Sono graditissime le vostre considerazioni.

    P.s. Sto impazzendo?


    #14856
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    [youtube=425,344]98IdBezKvLE


    https://www.facebook.com/brig.zero

Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 102 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.