L'Inganno di Obama

Home Forum L’AGORÀ L'Inganno di Obama

Questo argomento contiene 52 risposte, ha 15 partecipanti, ed è stato aggiornato da  marì 10 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 53 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #129053

    Spiderman
    Partecipante

    [quote1251891774=Marì]

    Leggete, leggete qua http://www.corriere.it/esteri/09_settembre_01/afghanistan_intervista_castagnetti_capo_stato_maggiore_cremonesi_1ebd4190-973a-11de-864c-00144f02aabc.shtml

    hahaha scusate … e' un riso amaro :grrr:

    [/quote1251891774]

    Sicuramente se i militari vengono via da li la popolazione organizza una raccolta firme per trattenerli.


    #129054

    marì
    Bloccato

    Il video:

    Kabul, scandalo all'ambasciata Usa
    contractor ubriachi, festini e umiliazioni

    [link=hyperlink url][youtube=450,340]jloyp9RB1xs[/link]

    #sich


    #129055
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Certo che se Obama è il male, non oso pensare cosa siano gli altri…

    Dopo alcuni mesi di finte cortesie, i repubblicani hanno calato la maschera e sono tornati ad essere i feroci avvoltoi di sempre.

    Bruciati per la vittoria di Obama, che ha portato alla presidenza quello che per molti di loro dovrebbe essere semplicemente un loro schiavo, i repubblicani hanno fatto buon viso a cattivo gioco, mentre affilavano le armi per abbattere al più presto l’usurpatore del potere bianco.

    Dopo alcune scaramucce di poco conto, lo hanno atteso al varco sulla storica riforma sanitaria, vera e propria spina nel fianco della politica americana. Ci aveva già rimesso le penne Hillary Clinton, nel ’93, quando si illuse di portare avanti una riforma che togliesse alle assicurazioni private lo strapotere raggiunto, da semplice “moglie del presidente”.

    Lo scontro sulla sanità portò al famoso “gridlock” del ’94, lo stallo totale fra Casa Bianca e Parlamento – allora in mano ai repubblicani – che impedì a Clinton di far approvare qualunque legge di una certa importanza per oltre due anni.

    Ora ci sta provando Obama, con una legge che introduce la possibilità per il governo di competere direttamente con le assicurazioni private, …

    … offrendo al cittadino un’alternativa concorrenziale. I repubblicani hanno finto di stare al gioco, ma dopo due mesi di tira-e-molla, con oltre 180 emendamenti introdotti dai democratici per accontentarli, hanno finito per non accettarne nemmeno uno.

    A questo punto Obama – che chiaramente sulla riforma sanitaria si gioca la presidenza – ha detto che andrà avanti con i soli democratici. Ma anche fra di loro il disaccordo regna sovrano, mentre una deputata repubblicana è arrivata a dire “siamo disposti a tagliarci letteralmente le vene in parlamento, pur di evitare che questa legge venga approvata”.

    Il clima, ormai permanente, è questo, mentre sullo sfondo cominciano a farsi sentire le prime voci – non solo democratiche – che chiedono un rientro incondizionato dall’Afghanistan. Altri lo chiamerebbero sconfitta.

    Nel frattempo le bordate contro Obama arrivano ormai da ogni lato. E’ di ieri la notizia che quasi metà delle famiglie americane (di chissà quali stati?) terranno a casa i loro figli dopodomani (martedì è il primo giorno di scuola negli Stati Uniti), per “evitare che debbano ascoltare il discorso di Obama” sulla pubblica educazione.

    Discorso che naturalmente richiama i genitori ad una maggiore responsabilizzazione nell’educazione dei propri figli.

    E’ di poche ore fa invece la notizia che Van Jones, il “guru verde” dell’amministrazione Obama ha dovuto dare le dimissioni.

    Il motivo? E’ stato accusato di “anti-patriotismo” dai repubblicani per aver firmato, nel 2004, una petizione che chiedeva la riapertura dell’inchiesta sull’11 settembre.

    Welcome to the New World, my friends.

    Massimo Mazzucco

    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3317


    #129056

    CANERO
    Partecipante

    Io spero che oltre a mostrarsi e comportarsi come tutti gli altri presidenti prima di lui, ovvero un burattino, esca un giorno allo scoperto ribellandosi e dicendo alla popolazione la verita'…sempre se non entrera' nel mirino di qualche cecchino.


    #129057

    marì
    Bloccato

    Per la riforma sanitaria di Obama
    battuta d'arresto in Senato

    WASHINGTON – Battuta d'arresto per il progetto di riforma sanitaria volta da Barack Obama. La commissione Finanze del Senato ha bocciato l'opzione del sistema di assicurazione pubblica, voluta dal presidente. Si tratta di uno degli elementi cui Obama teneva di più e che i repubblicani e i democratici moderati (i cosiddetti “blue dogs”) osteggiavano maggiormente. Il presidente intendeva affiancarlo all'attuale sistema, basato solo sulle assicurazioni private, e che lascia scoperto 46,3 milioni di americani.

    (29 settembre 2009)
    http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/esteri/obama-presidenza-11/riforma-no/riforma-no.html

    … un altro fallimento delle sue promesse in campagna elettorale :hehe:


    #129058

    Erre Esse
    Partecipante

    Vedrete che “Baracca” Obama ci regalerà delle sorprese…
    il 2010 è vicino.


    #129060

    Sephiroth
    Partecipante

    La polizia americana l'ha utilizzato nei confronti dei contestatori del G20

    Si chiama “LRAD” ed emette suoni acutissimi e insopportabili per l'orecchio umano

    Il “Cannone sonoro” contro i no global
    A Pittsburgh l'urlo che disperde la folla

    In America è stato usato a “basso regime”, ma può provocare danni all'udito

    http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/esteri/cannoni-sonori/cannoni-sonori/cannoni-sonori.html

    :grrr:


    #129061

    sev7n
    Partecipante

    quasi mi sorge il dubbio che quel sorriso non sia sincero :hehe:

    “Cheese Mister Obama”, ma il presidente non cambia mai espressione. In questo video, realizzato dal blogger americano Eric Spiegelman, le foto scattate al Metropolitan Museum of Art in occasione dell'incontro tra la famiglia Obama e i leader stranieri intervenuti a New York per l'assemblea generale delle Nazioni Unite mostrano il sorriso sempre uguale di Barack Obama. Alla sua sinistra si avvicendano ospiti diversi, mentre il presidente degli Stati Uniti mantiene in tutte le foto lo stesso sorriso smagliante

    [youtube=425,344]17Wb6xDu7ng


    #129059

    marì
    Bloccato

    [quote1254348358=Sephiroth]
    La polizia americana l'ha utilizzato nei confronti dei contestatori del G20

    Si chiama “LRAD” ed emette suoni acutissimi e insopportabili per l'orecchio umano

    Il “Cannone sonoro” contro i no global
    A Pittsburgh l'urlo che disperde la folla

    In America è stato usato a “basso regime”, ma può provocare danni all'udito

    http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/esteri/cannoni-sonori/cannoni-sonori/cannoni-sonori.html

    :grrr:
    [/quote1254348358]

    l'articolo con i relativi video

    http://it.peacereporter.net/articolo/18003/G20%2C+il+nuovo+ordine+mondiale

    qua troverai tutti i video

    http://www.youtube.com/profile_video_blog?user=dj6ual


    #129062

    marì
    Bloccato

    Per la prima volta dal 1991 il leader spirituale tibetano in viaggio negli Usa non vede il presidente
    A novembre la visita presidenziale in Cina. Polemiche, l'amministrazione: “Incontro rinviato”

    Il Dalai Lama a Washington
    ma Obama non lo riceve

    WASHINGTON – Il Dalai Lama arriva a Washington e per la prima volta dal 1991 non sarà ricevuto dal presidente americano. Il leader spirituale tibetano è nella capitale Usa a conclusione di un lungo tour nel Nord America, ma la Casa Bianca ha preferito rinviare ad altra occasione l'incontro con Barack Obama per non danneggiare i rapporti con Pechino in vista della visita presidenziale in Cina, a novembre.

    Il primo faccia a faccia tra Obama e il Dalai Lama potrebbe avvenire in un'altra occasione, forse già entro la fine dell'anno, ma non mancano le critiche per questo rinvio. “Cosa deve pensare un monaco o una suora buddhista rinchiusi nella prigione di Drapchi nell'apprendere che Obama non riceve il leader spirituale tibetano?”, si è chiesto Frank Wolf, un membro repubblicano del Congresso impegnato nella battaglia per i diritti umani. Anche il primo ministro del governo tibetano in esilio, Samdhong Rinpoche, ha accusato la Casa Bianca di “acquiescenza”. L'attuale amministrazione Usa aveva già fatto capire quanto tenesse ai rapporti con Pechino quando a febbraio, prima di una visita in Cina, il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, aveva affermato che la difesa dei diritti umani umani non deve “interferire con la crisi economica globale, con la crisi dei cambiamenti climatici e con quella della sicurezza”.

    Fonti dell'amministrazione Obama hanno spiegato al Washington Post che in questo momento per gli Usa è troppo importante non irritare la Cina per coinvolgerla nel dialogo sulla minaccia nucleare posta dalla Corea del nord e dall'Iran. E' una politica ribattezzata “rassicurazione strategica” di Pechino. Inoltre, viene fatto notare, lo staff di Obama non crede molto in questi incontri rituali che si traducono spesso in una bella foto ricordo senza reali progressi per la causa tibetana. Nell'ultima visita del Dalai Lama a Washington, nel 2007, George W. Bush era stato il primo presidente americano a incontrarlo in pubblico e davanti a fotografi e telecamere in una cerimonia a Capitol Hill. In quell'occasione al leader spirituale tibetano fu consegnata la medaglia d'oro del Congresso, la più alta onorificenza civile degli Stati Uniti. Anche stavolta a ricevere il Dalai Lama ci sarà, tra gli altri, proprio la speaker democratica del Congresso, Nancy Pelosi, grande sostenitrice della lotta per i diritti umani in Tibet. Dal 1991 è l'undicesima volta che Tenzin Gyatso, questo il nome del XIV Dalai Lama, si reca in visita negli Stati Uniti. (Agi)

    (5 ottobre 2009)
    http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/esteri/obama-presidenza-11/obama-dalai-lama/obama-dalai-lama.html

    … altro fiore all'occhiello per Obama, che figuraccia :hehe:

    Poi parla dei diritti umani, lui …


Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 53 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.