L'Omeopatia e la Medicina

Home Forum SALUTE L'Omeopatia e la Medicina

Questo argomento contiene 149 risposte, ha 24 partecipanti, ed è stato aggiornato da InneresAuge InneresAuge 11 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 150 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #51028

    deg
    Partecipante

    [quote1210938111=Richard]
    anche oggi al tg altra disinformazione manipolata contro la medicina ayurvedica

    “bimbo sospende ……..
    ………Bisogna in poche parole informarsi al meglio e fare le proprie scelte prendendosi le proprie responsabilità…è così da sempre, nulla di nuovo sotto il sole.

    ps. sapete che Christopher Reeve è morto per le piaghe da decubito?
    [/quote1210938111]

    Grazie! Interessantissime informazioni.


    #51029

    deg
    Partecipante

    Comunicato della SIOMI, la Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata, presieduta dalla dottoressa Simonetta Bernardini.

    “In merito alla tragica morte della ragazza diabetica cui un sedicente medico avrebbe sospeso la terapia insulinica, la SIOMI precisa che nessun medico, classico o esperto in omeopatia, la cui deontologia impone scienza, coscienza e primum non nocere, toglierebbe mai l'insulina, un farmaco salva-vita, ad un paziente con diabete di tipo 1, insulino-dipendente. La sospensione della terapia insulinica è un comportamento delittuoso, al di fuori dalle norme etiche e scientifiche della medicina . La tragica fine della ragazza diabetica fiorentina è conseguenza di un fenomeno di malpractice della medicina, di abusivismo della professione medica. In questo tragico momento i 1270 medici della Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata , due terzi dei quali lavorano nel SSN, come medici e pediatri di famiglia, ospedalieri e universitari ribadiscono con forza quanto segue:
    – la medicina omeopatica è un ulteriore strumento di cura da porre a fianco e a complemento della medicina classica
    – il medico omeopata sceglie lo strumento di cura migliore per il suo paziente, sia esso un farmaco convenzionale oppure un medicinale omeopatico, con scienza e coscienza e senza partigianerie
    – un medico omeopata è medico due volte, dovendo conoscere, saper applicare e saper scegliere tra medicina classica e medicina omeopatica, a seconda della situazione clinica che deve gestire.
    Con questo comunicato la SIOMI esorta ancora una volta gli Ordini dei Medici a schierarsi in favore della complementarietà in medicina, contro ogni pensiero che voglia considerare la medicina omeopatica una medicina “alternativa” o non convenzionale. Esorta ancora gli Ordini dei medici a approntare registri appositi per i medici esperti in medicine complementari affinchè il cittadino possa sincerarsi presso gli ordini professionali che il medico che si qualifica come Omeopata ne abbia titolo. Ancor più esorta lo Stato italiano affinché il Parlamento colmi questa inaccettabile situazione di vacatio legis che si protrae incredibilmente da venti anni. Una legge di riconoscimento della medicina omeopatica come terapia medica praticata esclusivamente dal medico e secondo i criteri dell'alleanza terapeutica con la medicina classica tipici della Medicina Integrata è urgente e indispensabile, per tutelare la professionalità dei medici omeopati e per proteggere i cittadini dai fenomeni di abusivismo della professione medica, purtroppo possibili in assenza di una Legge dello Stato”.

    Fonte: http://www.055news.it/index.asp?idn=8874


    #51030
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    esatto come anche in questo caso
    http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/ferrara/2008/05/17/89435-curato_tumore_inesistente.shtml

    IL «TUMORE». A Ferrara lo visitano, lo sottopongono ad ecografia. «Subito i dottori — dice il padre — hanno cominciato a parlare di tumore. La prima tac ha evidenziato l’esistenza di una emorragia cerebrale abbastanza evidente e per loro sotto c’erano cellule tumorali. Ci parlavano di massa, abbiamo chiesto quanto era grave da 1 a 10, ci hanno risposto 9,99».
    La famiglia cade nella disperazione, il loro secondogenito, per i dottori, ha un tumore alla testa. Il 7 giugno, a quattro giorni dal ricovero ferrarese, Marco viene sottoposto a risonanza per vedere cosa c’è sotto l’emorragia. Passano due giorni e la circonferenza cranica del piccino è già di 45 centimetri. «Il Sant’Anna ci parlò di neoplasia. Abbiamo chiesto di cosa si trattasse — aggiunge Barbara, la mamma — hanno risposto che era tumore. Ci hanno detto che si poteva mettere un drenaggio esterno, fare uscire il sangue, e dopo qualche giorno intervenire sulla neoplasia. Ma i rischi erano molto elevati. La cosa certa era che sapevano come nostro figlio entrava in sala operatoria ma non come ne sarebbe uscito. E in più che una neoplasia che sanguinava non era di certo benigna».

    L’ESAME ISTOLOGICO. Valerio e Barbara optano per l’operazione alla quale Marco verrà sottoposto l’11 giugno 2005. Dopo sei ore di intervento ne uscirà sveglio e non intubato. La sua testa, il giorno dopo, «era talmente deformata che non si riconosceva». La batosta arriverà più avanti con gli esiti dell’esame istologico: nessuna traccia di cellule tumorali. «Ci siamo chiesti — riprendono i genitori — cosa gli avessero tolto e i dottori ci dissero che l’emorragia aveva coperto le cellule tumorali». L’11 luglio viene dimesso ma le sue condizioni non migliorano e il 19 è nuovamente al Sant’Anna. Il dramma non si ferma, ad agosto compaiono pure sindrome epilettiche sul piccolo. Il 21 è nuovamente sotto i ferri per la sostituzione di una valvola e del drenaggio esterno.

    «NESSUN TUMORE» La famiglia è stanca di vederlo operato e non migliorare mai. Chiedono un consulto al Meyer di Firenze. I medici rimangono cauti: «Con questa tac e risonanza non si può dire che c’è un tumore, ci può essere il sospetto» e aggiungono che «da noi avremmo subito drenato l’emorragia» perchè il danno che «provoca è superiore a qualsiasi altra cosa».


    #51031

    carlocl
    Partecipante

    sono d'accordo con quanto scritto da psychok9 ! Senza contare il fatto che di solito chi si rivolge alle cure ” alternative ” lo fà x disperazione , dopo aver provato ogni tipo di “scienza ” medica ….


    #51032
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Non ho parole….comunque in ogni caso la medicina ufficiale e alternativa dovrebbero andare a pari passo. Come la scienza e spiritualità….il problema resta lo stesso.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #51033
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    La madre oggi alla radio, radio bruno, ha detto che il dottore, nonostante la tac dicesse che non c' era tumore, le ha risposto che per la sua lunga esperienza quello era tumore e hanno operato.


    #51036
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    vi consiglio di visitare questo sito:
    http://www.aerrepici.org

    e soprattutto di leggere a modo questo libro
    http://www.aerrepici.org/librovitamine.pdf


    #51034
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1214921385=Richard]
    e soprattutto di leggere a modo questo libro
    http://www.aerrepici.org/librovitamine.pdf
    [/quote1214921385]

    Lo sto stampando adesso 😉


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #51037
    elerko
    elerko
    Partecipante

    [quote1214921618=Richard]

    e soprattutto di leggere a modo questo libro
    http://www.aerrepici.org/librovitamine.pdf
    [/quote1214921618]

    Interessante!

    Ok salvo e quando ho tempo leggo. :ok!:


    #51038

    deg
    Partecipante

    Molto interessante. Solo un pò costoso magari……..Almeno per chi non ha l'abitudine di comprare medicinali o integratori.
    Apparentemente c'è un aggiornamento per quanto riguarda la vitamina E:
    “Negli ultimi studi riportati anche sul sito ufficiale dell'istituto di Linus Pauling è stato dimostrato il fallimento della vitamina E nel prevenire gli attacchi cardiaci.”(Wikipedia).
    Non ho controllato sul sito….troppo caldo….. :hihi:


Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 150 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.