Mistero 11 Settembre

Home Forum MISTERI Mistero 11 Settembre

Questo argomento contiene 162 risposte, ha 37 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Anonimo 10 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 151 a 160 (di 163 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #1513
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    L'immagine della colonna che si polverizza in aria è stato oggetto di un articolo di Ben Boux che postammo l'anno scorso oppure 2 anni fa. Basta cercare nella sezione tag il tag Ben Boux per chi volesse approfondire.

    In quell'articolo Ben diceva che hanno usato anche qualche tecnologia ancora sconosciuta, magari dallo spazio..


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #1514

    sephir
    Partecipante

    [quote1323184173=pasgal]
    L'immagine della colonna che si polverizza in aria è stato oggetto di un articolo di Ben Boux che postammo l'anno scorso oppure 2 anni fa. Basta cercare nella sezione tag il tag Ben Boux per chi volesse approfondire.

    In quell'articolo Ben diceva che hanno usato anche qualche tecnologia ancora sconosciuta, magari dallo spazio..

    [/quote1323184173]

    :zzz: mi era sfuggito, molto inquietante, credo sia una prova davvero schiacciante insieme ad altri
    taselli.


    #1515
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    e la cosa grave è che ci dimostra(anche se non ne abbiamo bisogno ormai) che armi altamente pericolose e sconosciute sono in mano di potenti da tempo immemore


    #1516
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    (ANSA) – SANAA, 15 APR – E' di almeno dieci morti, tra cui tre capi locali di al Qaida, il bilancio di un raid aereo oggi a sud est di Sanaa, e di altri episodi di violenza attribuiti alla rete terroristica. Lo ha reso noto il ministero della Difesa. Nel raid, che i servizi di sicurezza attribuiscono a un drone Usa e' stata colpita un'auto dove viaggiavano i tre capi di al Qaida. Le altre vittime sono tre bambini uccisi da una bomba mentre andavano a scuola e quattro ausiliari dell'esercito morti in altri attacchi.

    Da questa “notizia” della gloriosa ANSA apprendiamo che a Sanaa i “capi” di al Qaida vengono su come i mandarini d'estate. Crescono a grappoli, cinque o sei alla volta, in modo spontaneo e rigoglioso.

    Molti di loro marciscono addirittura prima di essere raccolti. Gli altri, più fortunati, vengono trasportati in un enorme pollaio sotterraneo, illuminato perennemente a giorno, dove crescono con rapidità impressionante. In due settimane il piccolo terrorista sa già recitare il Corano a memoria http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3979
    😀


    #1517
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Con i soliti toni strombazzanti da scoop che solo i non-informati utilizzano, il Mattino ha lanciato ieri un “ESCLUSIVO” intitolato «11 settembre, camorra informata in anticipo dell'attentato. Leggi il racconto choc del pentito».

    L'articolo, in sintesi, dice: “Alcuni esponenti della camorra napoletana erano a conoscenza degli attentati alle torri gemelle di New York (11 settembre del 2001), ma anche delle bombe nella stazione di Madrid (11 marzo 2004). […] È il contenuto di un verbale di interrogatorio firmato da un collaboratore di giustizia di nuova generazione.[…] Ma ecco come la camorra avrebbe conosciuto l’esistenza dell’attacco alle torri di Manhattan: Rachid ricevette una telefonata da un altro suo sodale, con cui dialogava in spagnolo. Al termine di questa telefonata, Rachid parlò con Angelo D’Alterio, dicendogli che sarebbe accaduto qualcosa utilizzando degli aerei; per ”qualcosa” si intendeva un attentato […] tutto pochi mesi prima dell’attentato che ha cambiato la recente storia dell’Occidente, evidentemente all’insaputa – ammesso che sia vero il racconto del pentito – delle attività di intelligence delle polizie di mezzo mondo.”
    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4008


    #1518
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    fanno pena e la gente(quella che non si informa,quella pigra) che va dietro a ste stro***te


    #1519
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4079

    Gli attentati dell'11/9 sono stati un'operazione globale di terrorismo di Stato consentita dall'amministrazione degli USA, che sapeva già dell’azione ma è rimasta intenzionalmente non reattiva al fine di fare la guerra contro l'Afghanistan e l'Iraq. Per dirla in breve, gli eventi dell'11/9 erano un caso di Strategia della Tensione messa in atto dai poteri politici ed economici negli Stati Uniti per perseguire vantaggi in capo all'industria petrolifera e delle armi.

    Anche l'Italia è stata una vittima della “Strategia della Tensione” della CIA, attuata in Italia dai tempi della strage di Portella della Ginestra, in Sicilia, nel 1947, fino al 1993.

    Ci sono molte prove di una tale strategia, sia circostanziali che scientifiche. Le relazioni del National Institute of Standards and Technology (NIST), del 20 novembre 2005, hanno sancito le conclusioni di seguito esposte.

    Gli aerei che hanno colpito ciascuna delle torri gemelle hanno causato tanto una breccia quanto un'esplosione evidenziata da una gigantesca palla di fuoco. Il carburante rimanente fluiva verso i piani inferiori, alimentando gli incendi. […]

    Il calore degli incendi deformava le strutture degli edifici così che entrambe le torri sono crollate completamente da cima a fondo. Molto poco è rimasto di quanto era di qualsiasi dimensione dopo questi eventi, a parte i frammenti in acciaio e in alluminio e i detriti polverizzati provenienti dai pavimenti in cemento. Anche l’edificio 7 del World Trade Center crollò: lo fece in un modo che risultava in contrasto con l'esperienza comune degli ingegneri.

    Il rapporto finale del NIST ha affermato che gli attacchi aerei contro le torri gemelle erano la causa dei crolli per tutti e tre gli edifici: WTC1, WTC2 e WTC7…


    #1520
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/07/nuove-ombre-su-petraeus-the-guardian-sapeva-delle-torture-ai-prigionieri-in-iraq/523339/
    Adesso bisogna aspettare le decisioni del governo iracheno, che potrebbe aprire un’inchiesta, o eventuali azioni collettive da parte di cittadini iracheni, come sta accadendo in Gran Bretagna, per portare alla sbarra i torturatori. Nessuno dei diretti interessati, per ora, commenta. Questo scandalo rende sempre più isolato Petraeus, per il quale si era addirittura parlato di una candidatura alla Casa Bianca contro Obama. Dopo l’Iraq, infatti, la sua carriera é stata fulminante, passando per il comando in Afghanistan e per la direzione della Cia. Uno scandalo sessuale l’ha tagliato fuori dalla carriera politica, compromettendone il futuro, ma questa inchiesta rischia di mettere in discussione anche il suo passato.


    #1521

    Solone
    Bloccato

    Forse il generale, un nazionalista USA, è un uomo scomodo per le caste ebraiche che stanno riducendo America ed Europa alla fame. E così tutte le accuse sono buone per diffamarlo.


    #1522
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://archivio.antimafiaduemila.com/notizie-20072011/33-terzomillennio/9436-quando-700-miliardi-sono-bazzeccole.html
    Il 10 settembre 2001 il Segretario della Difesa Donald Rumsfeld nel corso di una conferenza stampa ammise che oltre duemila miliardi di dollari nei fondi del Pentagono non potevano essere rendicontati. Più precisamente Rumsfeld dichiarò che «in base ad alcune stime non possiamo rintracciare le transazioni relative a 2,3 trilioni di dollari».
    Una tale rivelazione di norma avrebbe innescato un immenso scandalo. Tuttavia, l’inizio dell’attacco su New York e Washington la mattina seguente avrebbe garantito che la storia restasse sepolta, perfino meglio di un’altra vistosa vicenda del 2001 come il fallimento della Enron, pure costellata di personaggi strettamente legati ai clan repubblicani.


Stai vedendo 10 articoli - dal 151 a 160 (di 163 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.