Movimento 5 Stelle

Home Forum L’AGORÀ Movimento 5 Stelle

Questo argomento contiene 1,658 risposte, ha 50 partecipanti, ed è stato aggiornato da J-new J-new 2 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1,571 a 1,580 (di 1,659 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #140329
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    [quote1394198809=.scorp]
    i prestiti interamente coperti da capitali sono cosa buona e giusta, perchè eliminerebbero il sistema della riserva frazionaria, i soldi non sarebbero più carta straccia come sono ora, ma sarebbero il corrispettivo di un certo quantitativo d'oro come una volta.

    Prima del 1971 i dollari recavano scritto, pagabile a vista al portatore, potevi in qualsiasi momento scambiare le banconote con oro perchè le banconote erano solo una rapprentazione di quell'oro, ora invece rappresentano il nulla, non sono coperte da niente
    [/quote1394198809]

    Il gold standard è fallito lo sai? Sono totalmente contrario ad un sistema del genere, preferisco che il denaro torni sotto controllo pubblico che ma che venga utilizzato per lo sviluppo delle aziende e garantire lo Stato e la sua integrità. Ad esempio trovo scandaloso che, dopo il disastro dell'Aquila, un paese sovrano non possa intervenire seriamente, ricostruire e ristrutturare la città. Uno Stato, come lo vorrebbero gli austriaci che fanno questo proposte, relegato come fosse un azienda di terzo ordine, sempre meno rilevante e in piena deflazione… (svalutazione interna).

    Le aziende vivono di “futuro”, ed è questa progettualità e possibilità del futuro, impossibile senza prestiti e liquidità garantiti dal sistema bancario (quello che interviene sull'economia reale), che ha garantito il progresso anche tecnologico occidentale. Con un credit crunch del genere, altro che start-up per i giovani… ci sarebbe solo povertà generalizzata da far impallidire la crisi deflattiva attuale.

    Sarebbe un paese ancora meno democratico e sempre più nelle mani di pochissime èlite ben contente di avere il proprio capitale garantito.
    Non a caso l'assetto Europeo sta portando fame, ma creando sempre più nuovi miliardari…

    p.s. anche l'oro ha un valore “relativo”, la sua sicurezza è un mito. subisce in realtà forti oscillazioni di valore.

    p.s.2 l'Euro veleggia verso una forte rivalutazione, siamo quasi a quota 1,40$ su €… -|-

    p.s.3 Il denaro, come l'oro, come l'acqua o il petrolio… non hanno un valore intrinseco, siamo noi società umana a dare valore alle cose. È lo Stato a garantire il valore delle banconote, e li accetta come unica forma di pagamento, e salvo politiche da sud america o africane, non vedo dove sia il problema. Un po' di inflazione è sempre migliore di una deflazione da disoccupazione e povertà…

    Preso da un amico in rete:

    prova a riflettere. Aumentano i beni, la moneta resta nella stessa quantità. La moneta assume più valore(con la stessa quantità di moneta posso acquistare più beni) ergo i prezzi scendono. Si chiama deflazione. La tua azienda per pagare gli stessi stipendi, dovrà produrre sempre di più per avere la moneta x gli stipendi che resteranno gli stessi.

    Praticamente come l'Euro, ma 100 volte peggio… I grandi miliardari contentissimi… i lavoratori, sempre più al margine della società.
    Il contrario di quello che è successo fino agli anni 80, ovvero una buona inflazione (shock petrolifero esterno e geopolitico a parte, che non c'entra una mazza con noi) e una quota salari altissima dei lavoratori.


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #140330
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    Io spero che, un giorno, il denaro verrà superato: sono proprio in direzione opposta al pensiero austriaco che mira a garantire il denaro come fine e non come mezzo.
    Il denaro e le politiche economiche sono solo un mezzo per garantire il benessere, la pace, e il progresso umano… e solo in funzione di ciò io li concepisco.


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #140331

    Xeno
    Partecipante

    Secondo me dovreste aprire un thread a questo punto chiamato fiat money vs gold standard per non andare ot :hihi:
    Va beh comunque secondo me al gold standard non si tornerà più e anzi se vogliamo dirla tutta dal mio punto di vista l'euro è una moneta di passaggio dato che non a caso sta andando avanti, attraverso i BRICS il famoso bancor di Keynes la moneta intenazionale fiat con a capo l'FMI
    Questo potrà essere un futuro prossimo oppure no,ma visto ormai la instabilità del dollaro e l'aria che tira non è da escludere dato che appunto ci stanno lavorando su.

    Ai posteri l'ardua sentenza


    #140332
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    ‘Quota 90’
    Nel 1922 il fascismo adottò una politica liberistica attenuando, fino al 1925, il controllo dello Stato affermatosi durante la guerra in alcuni settori dell’economia. Le misure liberiste, finalizzate allora al mantenimento del consenso al regime da parte del grande capitale, avevano favorito la ripresa economica ma alcuni fattori, tra i quali il volume delle importazioni delle materie prime largamente eccedente quello delle esportazioni, avevano causato un forte aumento dei prezzi, innescando un preoccupante processo inflazionistico. Tanto che, nel 1925, si arrivò a un cambio di 150 lire per una sterlina. Mussolini, sia per contenere l’inflazione, sia per rafforzare solidità e autorevolezza del regime all’interno e all’esterno della nazione, annunciò una manovra deflazionistica fissando il cambio con la sterlina a 90 lire (‘Quota 90’). La sua attuazione fu resa possibile dalla banca statunitense Morgan, che concesse al governo italiano un prestito di 100 milioni di dollari. Dato che l’Italia era un buon acquirente dei prodotti americani e dato che la fiducia delle grandi banche internazionali aveva incluso la lira, dopo ‘Quota 90,’ tra le monete considerate stabili, il movimento dei capitali dagli Stati uniti a favore del mercato italiano si vivacizzò, tanto che alcune grandi aziende italiane come la Edison, la Pirelli, la Fiat, la Montecatini, la Snia Viscosa, la Terni, la Marelli e la Breda negoziarono importanti operazioni di mutuo che ammontavano a 6.259 milioni di lire tra il 1925 e il 1927, raggiungendo i 7.672 milioni nel 1929. Inoltre, mentre per effetto della rivalutazione della lira le esportazioni in generale subirono una forte contrazione, la stabilizzazione monetaria aiutò quelle imprese che operavano in regime di concentrazione industriale, peraltro favorita dal regime. Anche grazie alla mediazione delle grandi banche di credito ordinario, vennero realizzate importanti operazioni di fusione e assestamento nel comparto elettrico, meccanico e chimico. Per quest’ultimo, per esempio, il gruppo Montecatini controllava 44 società, partecipando per il 65% alla produzione italiana di concimi fosfatici. Notevole anche il comparto meccanico, dove Ansaldo, Fiat e Breda possedevano il 25% del capitale totale del settore. [u]Le piccole e medie industrie, al contrario,[color=#663300] strozzate dalla contrazione del credito[/color], fallirono o vennero assorbite dalle grandi. La manovra deflazionista, infine, ebbe alti costi sociali. I ceti meno abbienti subirono i primi effetti negativi di ‘quota 90’: l’attesa diminuzione del costo della vita, pari solo all’1,3%, non compensò minimamente il drastico taglio dei salari, oscillante tra il 10 e il 20%. Furono invece tutelati i risparmi dei ceti medi che continuarono in questo modo a garantire il consenso al regime.[/u]

    fonte: http://www.treccani.it/scuola/tesine/crisi_del_29/caravaggi.html


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #140333
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    [quote1394202474=Xeno]
    Secondo me dovreste aprire un thread a questo punto chiamato fiat money vs gold standard per non andare ot :hihi:
    Va beh comunque secondo me al gold standard non si tornerà più e anzi se vogliamo dirla tutta dal mio punto di vista l'euro è una moneta di passaggio dato che non a caso sta andando avanti, attraverso i BRICS il famoso bancor di Keynes la moneta intenazionale fiat con a capo l'FMI
    Questo potrà essere un futuro prossimo oppure no,ma visto ormai la instabilità del dollaro e l'aria che tira non è da escludere dato che appunto ci stanno lavorando su.

    Ai posteri l'ardua sentenza
    [/quote1394202474]

    Se guardi lo Statuto della BCE… è parecchio “affine” ad una certa mentalità che non garantisce l'occupazione ma ha l'incubo dell'inflazione del “povero” ricco miliardario… 🙂
    Non lamentiamoci poi se c'è la fame…


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #140334

    Xeno
    Partecipante

    [quote1394208974=InneresAuge]
    [quote1394202474=Xeno]
    Secondo me dovreste aprire un thread a questo punto chiamato fiat money vs gold standard per non andare ot :hihi:
    Va beh comunque secondo me al gold standard non si tornerà più e anzi se vogliamo dirla tutta dal mio punto di vista l'euro è una moneta di passaggio dato che non a caso sta andando avanti, attraverso i BRICS il famoso bancor di Keynes la moneta intenazionale fiat con a capo l'FMI
    Questo potrà essere un futuro prossimo oppure no,ma visto ormai la instabilità del dollaro e l'aria che tira non è da escludere dato che appunto ci stanno lavorando su.

    Ai posteri l'ardua sentenza
    [/quote1394202474]

    Se guardi lo Statuto della BCE… è parecchio “affine” ad una certa mentalità che non garantisce l'occupazione ma ha l'incubo dell'inflazione del “povero” ricco miliardario… 🙂
    Non lamentiamoci poi se c'è la fame…
    [/quote1394208974]
    Verissimo.
    L'intera architettura economica europea è studiata non per i popoli ma per i ricchi .
    Uno dei punti è proprio l'inflazione bassa o il più basso possibile,diversamente i cespiti patrimoniali dei ricchi con inflazione alta perderebbero (poverini)consistenza.
    Un 'altro punto perfettamente centrato su misura da questa europa è la deregulation borsistica (speculazione finanziaria derivati ecc..) e nessuno deve intrarciarla.
    A tal proposito è di oggi questa notizia http://www.repubblica.it/economia/finanza/2014/03/07/news/derivati_milano_le_banche_assolte_in_appello_ribaltata_la_condanna_di_primo_grado-80421455/
    Della serie:il banco vince sempre #fisc


    #140335
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    [quote1394213203=Xeno]
    Verissimo.
    L'intera architettura economica europea è studiata non per i popoli ma per i ricchi .
    Uno dei punti è proprio l'inflazione bassa o il più basso possibile,diversamente i cespiti patrimoniali dei ricchi con inflazione alta perderebbero (poverini)consistenza.
    Un 'altro punto perfettamente centrato su misura da questa europa è la deregulation borsistica (speculazione finanziaria derivati ecc..) e nessuno deve intralciarla.
    A tal proposito è di oggi questa notizia http://www.repubblica.it/economia/finanza/2014/03/07/news/derivati_milano_le_banche_assolte_in_appello_ribaltata_la_condanna_di_primo_grado-80421455/
    Della serie:il banco vince sempre #fisc
    [/quote1394213203]

    Che tristezza… le banche ormai controllano tutto…


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #140336
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    https://www.facebook.com/brig.zero

    #140337

    Rebel
    Partecipante

    [quote1394230706=InneresAuge]
    [quote1394157063=Rebel]
    Ti sei scoperto da solo, hai fatto un clamoroso errore, abbiamo capito da tempo per quale fazione giochi, vai a fare propaganda in altri forum, qui la puzza comincia ad essere insopportabile.
    [/quote1394157063]
    Hai mangiato male stasera? 😀
    Mamma mia…

    Comunque per fortuna l'economia, in tutto il mondo, funziona diversamente e il prestito una volta emesso, andrà azzerato con la restituzione del debito. Quindi l'ipotesi austriaca del post sul blog di Grillo, dei debiti/crediti solo dietro totale copertura, non credo prenderà piede facilmente… onde evitare rivoluzioni armate per strada. Altro che credit crunch! 😀 Farebbe piazza pulita peggio di un buco nero… 😀

    Questa è la follia a cui mi riferisco:

    …si potrebbe sostituire il denaro creato dalle banche con denaro stampato dagli Stati [u]e con l'obbligo di prestiti interamente coperti da capitali…[/u]
    http://www.beppegrillo.it/2014/03/il_denaro_dal_nulla.html

    Il meccanismo di debito per le aziende, anche piccole, è stato un volano fondamentale per il progresso.
    Da quando è scoppiata la crisi, le PMI non fanno altro che chiedere, anzi, maggiori prestiti presso le banche…

    p.s. quando parlavo di denaro creato dal nulla, mi riferivo al “presente”, perché è ovvio che le banche, attraverso la BC, una volta rimborsato il prestito, azzerano il conto.
    es. mutuo trentennale…
    [/quote1394230706]

    Secondo me sei tu che hai mangiato male .. da sempre, quello che hai scritto è la propaganda di un crimine ai danni dell'umanità, si stanno suicidando molte persone per questa crisi generata proprio dalle banche che creano il denaro dal nulla, non intendo nemmeno più rispondere a una persona che la pensa a questo modo, appoggiare questo modo di pensare è da criminali, è la parola più appropriata che mi viene in mente se penso ai drammi generati da questo modo di pensare.


    #140338
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    [quote1394231520=Rebel]Secondo me sei tu che hai mangiato male .. da sempre, quello che hai scritto è la propaganda di un crimine ai danni dell'umanità, si stanno suicidando molte persone per questa crisi generata proprio dalle banche che creano il denaro dal nulla, non intendo nemmeno più rispondere a una persona che la pensa a questo modo, appoggiare questo modo di pensare è da criminali, è la parola più appropriata che mi viene in mente se penso ai drammi generati da questo modo di pensare.[/quote1394231520]

    Proprio il contrario, la gente si ammazza perché stiamo in un sistema deflattivo. Vatti a guardare gli indici di inflazione e lo statuto della BCE. Quindi sostenere una posizione, ancora più estrema, che favorirebbe ancora di più le banche, non più al servizio del progresso e dei cittadini ma come casseforti di pochi fortunati è qualcosa di terribile!
    La ricetta austriaca è il massimo per i banchieri criminali che ci stanno uccidendo, fosse per la Merkel sono sicuro che sarebbe d'accordo con la tua proposta.
    Da come rispondi sembra che non hai la minima idea di cosa sto parlando: LA GENTE SI AMMAZZA PERCHE' LE BANCHE NON GLI FANNO CREDITO E TU VUOI UN SISTEMA CHE ELIMINA IL 95% DEL CREDITO!!!

    Se c'è gente che non ce la fa più a pagare, è proprio perché le imprese, in DEFLAZIONE, perdono redditività e quindi i DEBITI che prima pagavano tranquillamente, ora diventano INSOSTENIBILI! Ma l'insostenibilità è causata dal credit crunch e dalla crisi INDOTTA in tutta l'Eurozona!!! Stai confondendo la causa con l'effetto!

    Detto in modo ancora più grezzo: LA DEFLAZIONE per un impresa significa che quando produci un chiodo, chi dovrà venderlo, dovrà farlo ad un prezzo MINORE rispetto al suo costo di produzione! Capisci la follia? È un sistema adatto alle GRANDISSIME IMPRESE che hanno ben altri margini di produzione e di profitto e che ammazza le piccole e medie imprese!!!
    Rileggiti la storia di QUOTA 90 presa dal sito Treccani perfavore!

    Spero stavolta di essermi spiegato…

    Ripensando alla storia d'Italia, quando c'erano le terribili inflazioni… l'economia andava benissimo e la quota salari era altissima! Anche il popolo riusciva a risparmiare e comprare una casa per i figli! Guarda oggi invece…

    Poi c'è anche un altro aspetto criminale: si è sostituita la politica di consumi sostenuta da REDDITI alla politica di consumi sostenuta da DEBITI (e qui ti do ragione, ma non c'entra una mazza con il credito tout court e con la creazione della moneta che poi viene azzerata una volta restituita, tra l'altro)!

    [size=20]Inflazione, svalutazione e quota salari

    [link=http://goofynomics.blogspot.it/2012/09/inflazione-svalutazione-e-quota-salari.html]http://goofynomics.blogspot.it/2012/09/inflazione-svalutazione-e-quota-salari.html[/link]

    Comunque è bello prendersi insulti gratuiti di vario tipo, mentre ci si fa il mazzo per spiegare la follia dell'attuale sistema e di un sistema ancora peggiore “pensato” dal post.


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

Stai vedendo 10 articoli - dal 1,571 a 1,580 (di 1,659 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.