nucleare

Home Forum PIANETA TERRA nucleare

Questo argomento contiene 72 risposte, ha 26 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ezechiele 10 anni, 11 mesi fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 71 a 73 (di 73 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #75334
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Francia: fuga acqua radioattiva in centrale Penly
    Nel sito nucleare di Penly. Principio di incendio con fuoriuscita di fumo

    06 aprile, 09:13
    http://ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2012/04/05/visualizza_new.html_161638616.html
    Nella centrale nucleare di Penly, nel nord ovest della Francia si è verificata una fuga di “acqua radioattiva” dal reattore nel quale questa mattina era stato riscontrato un incidente minore. E' quanto riferisce Edf, il colosso energetico francese che gestisce il sito nucleare, sottolineando tuttavia che la fuga di acqua radioattiva “non comporta alcun rischio per l'ambiente”.

    GREENPEACE, INCIDENTE GRAVE – “Ciò che è successo oggi è un incidente grave”: lo ha detto la responsabile di Greenpeace, Sophia Majnoni, commentando su BFMTV l'incidente nucleare nella centrale di Penly, nel nord-ovest della Francia.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #75335

    Anonimo

    http://www.cadoinpiedi.it/2012/04/11/fukushima_le_radiazioni_arrivano_in_california.html

    FUKUSHIMA: LE RADIAZIONI ARRIVANO IN CALIFORNIA
    Iodio radioattivo trovato su alcune alghe giganti in diverse zone al largo di Laguna Beach, fino a Santa Cruz

    C'era da aspettarselo. Non dispiacerebbe leggere notizie del genere sui nostri quotidiani. Eppure, nel silenzio dei media nostrani, la notizia è comunque giunta alle nostre orecchie. Un gruppo di scienziati nello studio pubblicato sulla rivista Enviromental Science and Technology, sostiene che lo iodio radioattivo sia ormai giunto sulla costa californiana, trovato su alcune alghe giganti in varie zone al largo di Laguna Beach, fino a Santa Cruz.

    Come sempre, gli esperti rassicurano affermando che il livello di materiale non sia sufficientemente alto da risultare dannoso per la salute degli esseri umani. Ovviamente, la radioattività è comunque molto piu' elevata rispetto alle misurazioni precedenti l'esplosione.

    Gli scienziati sostengono che le alghe (Macrocystis Pyrifera) siano un ottimo rilevatore delle particelle radioattive presenti nell'ambiente. Queste piante, infatti, sono capaci di catturare e conservare lo iodio che si accumula su di esse. In questo modo, gli animali che si nutrono di esse introducono sostanze radioattive nel loro organismo. Dai pesci all'uomo, il passo è breve.


    #75336
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    L’assassinio di De Grazia rappresenterebbe un punto fermo di svolta chiave per la comprensione dei fatti delle navi dei veleni: imbarcazioni riempite di rifiuti tossici (alcuni provenienti, pare, dalle ex centrali nucleari italiane) e fatte affondare dalla ‘ndrangheta nel Mediterraneo, come raccontato dal pentito di mafia Francesco Fonti.

    Sin dagli anni ‘70, grazie ai vuoti legislativi anche sul piano internazionale, l’Italia ha fatto ricorso al dumping ambientale per liberarsi dei propri rifiuti industriali, inviandoli impunemente verso il Sud del mondo: Somalia, Guinea, Mozambico, Libano, lungo quella sottile linea maleodorante seguita da Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, morti ammazzati a Mogadiscio in Somalia, nonchè da Natale De Grazia, che in Italia cercava di tirare le fila dei traffici di rifiuti tossici, fino alla morte, nel dicemnre 1995.
    http://www.ecoblog.it/post/45751/navi-dei-veleni-una-verita-difficile-da-ristabilire


Stai vedendo 3 articoli - dal 71 a 73 (di 73 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.