Preparativi per il 2012

Home Forum PIANETA TERRA Preparativi per il 2012

  • This topic has 61 partecipanti and 334 risposte.
Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 335 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #62345
    altair
    Partecipante

    Per pasgal:

    Scusa ma cosa ti aspetti di trovare in alta montagna? Stelle alpine e qualche fungo al massimo (se è stagione) 🙂


    #62346
    Pasquale GalassoPasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1188656639=altair]
    Per pasgal:

    Scusa ma cosa ti aspetti di trovare in alta montagna? Stelle alpine e qualche fungo al massimo (se è stagione) 🙂
    [/quote1188656639]

    Fosse solo questo il problema… a me preoccupa ben altro…
    Credo che se “davvero” si manifesteranno vari cataclisma, non solo non si trovera' cibo, ma persino l'atmosfera ed il clima potrebbero essere invivibili per millenni…

    Credo piu' (voglio credere) in quanto dice -Ajna-, forse non avverranno cataclismi, o magari non saranno percepiti come tali, da alcuni…


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #62347
    Voorst
    Partecipante

    Strano, pensavo nessuno avrebbe risposto! !amazed

    X Pasgal: mezzi di trasporto? Per me i piedi e lo zaino da 135lt.
    Qualcuno sceglie la bicicletta.
    Sicuramente non ho le conoscenze tecniche per mantenere un veicolo a motore … tantomeno in una situazione in cui mancano conbustibili e pezzi di ricambio… !sad
    So che molti Survivalist alle prime armi scelgono dei buoni fuoristrada sui quali caricare tutto l'indispensabile. La soluzione ha dei contro:

    1. devi avere ottime capacità meccaniche per farlo andare avanti a lungo.
    2. devi avere molte scorte di carburante.
    3. non ti ripara dai cataclismi e dalle radiazioni solari o da fallout atomici.
    4. su veicoli moderni è possibile che le forti esplosioni magnetiche del sole brucino alcuni componenti elettronici, fermando il veicolo.

    Famiglia: penso al massimo a una persona oltre a me. Più è numeroso il nucleo famigliare più occorre prepararsi con attenzione e pensare anche alle esigenze degli altri.
    Kit: kit per cosa? Ho un kit per cucire, due per il pronto soccorso, uno per il carico individuale… 🙂 tutta la vita è un kit! !lol

    Inuit: la loro dieta è al 100% di carne e grassi. E' chiaramente sbilanciata e se lo facessimo noi saremmo morti nel giro di 10 anni…ma là l'uomo si è adattato.
    Vivremo come i tibetani se il paragone calza meglio. 😉


    #62348
    Voorst
    Partecipante

    Per ajna:

    I miei preparativi hanno un'origine strettamente matematico-probabilistica.
    Ovvero una persona preparata ha più possibilità di sopravvivere rispetto ad una ignara che se ne sta a casa a guardare la TV come tutti i giorni della sua vita.

    Le teorie di risveglio di coscienza x me possono aspettare un poco…
    La preparazione spirituale è importante, ma secondaria perché quanto la terra si rivolterà
    non basterà essere preparati spiritualmente per sopravvivere.
    Basterà però per accettare serenamente la morte.

    Se sopravviverò godrò di tutto il tempo necessario per crescere spiritualmente. 🙂


    #62349
    Pasquale GalassoPasquale Galasso
    Amministratore del forum

    OK allora come stai procedendo Voorst, te lo chiedo perche' mi interessa molto.

    Hai un'idea del posto?
    Quando tempo prima ti ci trasferirai?

    Insomma parlaci di piu' su questa tua preparazione al peggio…


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #62350
    Voorst
    Partecipante

    Grazie Pasqal!
    i lavori procedono in questo modo a casa mia:

    1. sto portando avanti i contatti con i coordinatori di Perfect Vision 2012: prenderò una quota della società entro fine anno per poter seguire da vicino i lavori assicurandomi che non vi siano fini economici per qualcuno (vivendo in Italia un pò diffidente sono diventato! :@ ).
    2. contemporaneamente sto cercando sul mercato tutti i materiali che potrebbero essere utili: li acquisto e li testo personalmente per verificarne la qualità e valutare se adeguati per l'eventuale compito che dovranno assolvere.

    Tutto qua, come si può vedere ciò non sconvolge la mia vita. Non sono stressato affatto, nè ho 1001 cose cui pensare: da sempre io faccio una cosa sola alla volta. E la faccio al meglio! 😉

    ed eventualmente trasferendomi temporaneamente in loco.


    #62351
    Voorst
    Partecipante

    [quote1188666637=pasgal]
    OK allora come stai procedendo Voorst, te lo chiedo perche' mi interessa molto.

    Hai un'idea del posto?
    Quando tempo prima ti ci trasferirai?

    Insomma parlaci di piu' su questa tua preparazione al peggio…
    [/quote1188666637]

    Si, il posto è definito e stiamo concludendo l'operazione.
    Si tratta di un vasto appezzamento di terreno sulle drakensberg, lo coltiveremo nei modi che ci sembrano migliori. Si trova ad un'altitudine di 2000 fino a 2500 mt sopra il livello del mare. La temperatura è simile a quella appenninica italiana, ma con poche precipitazioni.
    Un torrentello attraverso l'appezzamento.

    Al momento non so se trasferirmi in pianta stabile, oppure andare un pò nelle vacanze.
    Sicuramente gli ultimi 3/4 mesi del 2012 mi trasferirò là per lavorare in loco.
    Ho intenzione di chiedere aspettativa per questo progetto.

    E' già prevista la preparazione di container dall'europa per portare tutto il necessario in loco.
    😉


    #62352
    -Ajna-
    Partecipante

    [quote1188689230=Voorst]
    Per ajna:

    I miei preparativi hanno un'origine strettamente matematico-probabilistica.
    Ovvero una persona preparata ha più possibilità di sopravvivere rispetto ad una ignara che se ne sta a casa a guardare la TV come tutti i giorni della sua vita.

    Le teorie di risveglio di coscienza x me possono aspettare un poco…
    La preparazione spirituale è importante, ma secondaria perché quanto la terra si rivolterà
    non basterà essere preparati spiritualmente per sopravvivere.
    Basterà però per accettare serenamente la morte.

    Se sopravviverò godrò di tutto il tempo necessario per crescere spiritualmente. 🙂
    [/quote1188689230]

    Non sono d'accordo su questo, per il semplice fatto che una preparazione per un evento di questo tipo secondo me va svolta in parallelo sul piano spirituale e sul piano pratico. E soprattutto la seconda non può essere considerata prioritariamente alla prima.
    Come fai a prepararti a qualcosa se non hai la visione completa di quello che è l'accadimento? Ho scritto che ci sarà un cambio di frequenze sia sul piano terrestre che sul piano delle coscienze umane.
    Queste vibrazioni avranno effetto sulla terra attraverso dei terremoti (esempio di una possibilità). Tu allora corri ai ripari e ti trasferisci in un luogo dove questi terremoti credi che non avverranno. Allora sei già salvo. Ma non tieni conto dell'altro elemento. Le vibrazioni che avranno effetto su di te. Non è un problema che potrai porti dopo, perchè avverranno in contemporanea.
    Sei pronto per reagire a quelle?
    Quando parlavi dei maya hai detto tante cose giuste e vere e ne hai decantato le qualità. Ma hai letto bene tutto ciò che dicevano anche a proposito della coscienza e della conoscenza?
    Si può tentare di fuggire da un cataclisma, ma non si può sfuggire a se stessi e soprattutto non si può fuggire dalla legge microcosmo/macrocosmo. 🙂


    #62353
    Voorst
    Partecipante

    [quote1188734591=-Ajna-]
    E soprattutto la seconda non può essere considerata prioritariamente alla prima.
    Come fai a prepararti a qualcosa se non hai la visione completa di quello che è l'accadimento?
    Queste vibrazioni avranno effetto sulla terra attraverso dei terremoti (esempio di una possibilità). Tu allora corri ai ripari e ti trasferisci in un luogo dove questi terremoti credi che non avverranno. Allora sei già salvo. Ma non tieni conto dell'altro elemento. Le vibrazioni che avranno effetto su di te. Non è un problema che potrai porti dopo, perchè avverranno in contemporanea.
    Sei pronto per reagire a quelle?
    Quando parlavi dei maya hai detto tante cose giuste e vere e ne hai decantato le qualità. Ma hai letto bene tutto ciò che dicevano anche a proposito della coscienza e della conoscenza?
    Si può tentare di fuggire da un cataclisma, ma non si può sfuggire a se stessi e soprattutto non si può fuggire dalla legge microcosmo/macrocosmo. 🙂
    [/quote1188734591]

    Ciao Ajna,
    ti chiedo scusa, ma non ho capito in termini pratici in quale modo una “preparazione spirituale” può salvare delle vite umane quando l'eventuale cataclisma avverrà?
    Ho letto il link, ma mi pare un poco fumoso e poco concreto, permettimi di essere scettico sulla questione (è solo il mio parere, non ti sto criticando! 🙂 .

    Io non voglio fuggire da micro\macrocosmi, né da me stesso.
    Ma la questione è per me scientifica: sarà un cataclisma ben definito (anche se non completamente prevedibile) a cancellare la vita di molti, indipendemente dal grado spirituale raggiunto.
    Questo cataclisma voglio “combattere” con gli strumenti a mia disposizione e non sarà una maggiore consapevolezza spirituale a salvare la vita delle persone che mi stanno intorno.


    #62354
    -Ajna-
    Partecipante

    Il punto infatti sta nel considerare gli eventi solo dal loro lato pratico.
    E' un pensiero di molti vedere la casualità di una situazione e porre rimedio alla sua manifestazione concreta, senza domandarsi il perchè della sua esistenza.
    E' come quando uno ha mal di testa e prende subito un analgesico; l'importante è risolvere il sintomo, non la causa.
    Come può la consapevolezza salvare fisicamente un uomo?
    Facendogli capire innanzitutto la natura di quello che sta accadendo, in modo che egli possa responsabilmente interagire con essa.
    L'uomo non è abituato a prendersi la responsabilità della propria vita decentrando i problemi e spesso comodamente relegandoli ad uno stato di “casualità” prodotta dall'esterno.
    Il pianeta si “sfascia”, l'unica cosa che posso fare per salvarmi è scappare il più lontano possibile.
    Perchè non chiedersi il perchè di tutto questo? Sono eventi ciclici, ormai è noto e quindi non è a caso che avvengono.
    Cosa ci stanno trasmettendo da sempre gli antichi? Solo una data in cui questo si manifesterà? O ci vogliono anche riportare il messaggio contenuto nell'evento stesso? Un monito che ci porta a guardare dentro noi stessi per ricordarci chi siamo veramente e riconoscere la nostra vera natura.
    I maya stessi parlavano di risveglio delle coscienze, ma non inteso come conseguenza del cambiamento fisico, bensì come motore dello stesso.


Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 335 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.