Preparativi per il 2012

Home Forum PIANETA TERRA Preparativi per il 2012

Questo argomento contiene 334 risposte, ha 61 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Voorst 12 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 335 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #62365
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Io vi segnalo queste parole di Siragusa , giusto cosi solo per la cronaca…

    “D) Secondo te cosa avverrà durante la purificazione della terra?

    R) Il fuoco. Ma non è un fuoco che brucia, e un fuoco che neutralizza la vitalità di ogni cosa. Una energia particolare che non distrugge la superficie, la purifica da tutti inquinamenti che l’uomo le ha procurato.

    D) Ti ricordi quel disegno di Bruce Pennington, dove si vedono le astronavi che attirano dentro il raggio di luce, coloro che dovranno essere salvati? Potrebbe avvenire così?

    R) Avverrà così. Si, avverrà proprio così…

    D) Queste navi sono gia pronte?

    R) Pronte ed attrezzate, e sono in Eldorado.

    D) Un tempo ci parlasti che esistono navi grandi come la città di Milano.

    R) Non sono necessarie questo tipo di navi, perché la velocità delle astronavi che porteranno via gli umani, viaggiano alla velocità della luce, trecentomila chilometri al secondo.”

    http://www.associazionesaras.it/Conferenze/DetInterviste.asp?IDIntervista=42

    Ho saputo che anche Columbro ha parlato di ufo pronti a salvarci…questo perche il cataclisma che potrebbe avvenire sarebbe troppo devastante per potersi difendere.

    Bongiovanni spiega che il salvataggio potrebbe avvenire cosi

    “…in quei tempi uno verrà preso e l'altro lasciato.” cosa vuol dire questa frase?

    Vuol dire assunti in cielo grazie a una tecnologia per noi sconosciuta frutto di una sapienza e conoscenza delle cose molto grande, Essi appena prima e durante momenti drammatici eventi catastrofici apocalittici..prenderanno con loro i più meritevoli e tutti coloro in grado di essere salvati operando sul loro corpo, un'accellerazione del ritmo vibratorio che consentirà loro di sfuggire alle leggi gravitazionali del pianeta e potranno così sollevarsi da terra grazie a una potente energia che verrà mandata su di loro e che li avvolgerà e compenetrerà così potranno essere assunti sulle loro astronavi e portati in altri mondi abitati, “…in due lavoreranno alla mola, uno verrà preso e l'altra lasciato.” questo e quello che accadrà ai figli che avranno meritato di essere salvati e avranno il diritto di abitare il pianeta in un tempo di pace e di giustizia che durerà 1000 anni.

    http://www.menphis75.com/giorgio_bongiovanni.htm


    #62366
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1188892438=altair]
    Un saluto a tutti.

    Nel ribadire il mio punto di vista sulla discussione (punto di vista che, ahimè, ha goduto di scarsissima attenzione) vorrei sottoporvi alcune questioni di carattere pratico.[/quote1188892438]Personalmente leggo con estrema attenzione e massimo interesse su quanto scrivi. Spesso non rispondo perche' non ho le conoscenze necessarie per entrare nel merito della discussione.

    [quote1188892438=altair]Spero vogliate accogliere con benevolenza la mia attività di “grillo parlante” svolta nei vari forum ma queste constatazioni (constatazioni, non semplici punti di vista) andavano fatte.
    [/quote1188892438]
    Ti ringrazio personalmente per tutto quello che fai, per me e' una gioia vederti connesso ad AG.

    🙂

    [quote1188892460=Richard]
    Io vi segnalo queste parole di Siragusa , giusto cosi solo per la cronaca…

    “D) Secondo te cosa avverrà durante la purificazione della terra?

    R) Il fuoco. Ma non è un fuoco che brucia, e un fuoco che neutralizza la vitalità di ogni cosa. Una energia particolare che non distrugge la superficie, la purifica da tutti inquinamenti che l’uomo le ha procurato.

    D) Ti ricordi quel disegno di Bruce Pennington, dove si vedono le astronavi che attirano dentro il raggio di luce, coloro che dovranno essere salvati? Potrebbe avvenire così?

    R) Avverrà così. Si, avverrà proprio così…

    D) Queste navi sono gia pronte?

    R) Pronte ed attrezzate, e sono in Eldorado.

    D) Un tempo ci parlasti che esistono navi grandi come la città di Milano.

    R) Non sono necessarie questo tipo di navi, perché la velocità delle astronavi che porteranno via gli umani, viaggiano alla velocità della luce, trecentomila chilometri al secondo.”

    http://www.associazionesaras.it/Conferenze/DetInterviste.asp?IDIntervista=42

    Ho saputo che anche Columbro ha parlato di ufo pronti a salvarci…questo perche il cataclisma che potrebbe avvenire sarebbe troppo devastante per potersi difendere.

    Bongiovanni spiega che il salvataggio potrebbe avvenire cosi

    “…in quei tempi uno verrà preso e l'altro lasciato.” cosa vuol dire questa frase?

    Vuol dire assunti in cielo grazie a una tecnologia per noi sconosciuta frutto di una sapienza e conoscenza delle cose molto grande, Essi appena prima e durante momenti drammatici eventi catastrofici apocalittici..prenderanno con loro i più meritevoli e tutti coloro in grado di essere salvati operando sul loro corpo, un'accellerazione del ritmo vibratorio che consentirà loro di sfuggire alle leggi gravitazionali del pianeta e potranno così sollevarsi da terra grazie a una potente energia che verrà mandata su di loro e che li avvolgerà e compenetrerà così potranno essere assunti sulle loro astronavi e portati in altri mondi abitati, “…in due lavoreranno alla mola, uno verrà preso e l'altra lasciato.” questo e quello che accadrà ai figli che avranno meritato di essere salvati e avranno il diritto di abitare il pianeta in un tempo di pace e di giustizia che durerà 1000 anni.

    http://www.menphis75.com/giorgio_bongiovanni.htm

    [/quote1188892460]

    Ogni volta che penso ad una soluzione del genere, mi viene la convinzione (forte) che saro' salvato. So di essere una persona buona, guardo indietro nella mia vita e ne trovo sollievo…


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #62367

    rigelpd
    Partecipante

    visto che è il mio primo post saluto tutti

    detto questo, vorrei far presente a Voorst che se quello che dice nel primo post di questo topic dovesse avvenire davvero, più che scarponi da montagna e sacchi a pelo gli servidebbe una bella tuta di amianto…

    questo xchè se tutta l'enorme energia cinetica rotazionale della Terra dovesse diminuire e cessare (almeno per qualche istante) lo “sfregamento” come lo chiami tu, generebbe qualcosa d+ che qualche eruzione vulcanica e terremoto e maremoto

    anzi, non ci sarebbero ne eruzioni vulcaniche ne terremoti ne maremoti, semplicemente xchè la crosta terrestre fonderebbe e tutti gli oceani evaporerebbero pressocchè all'istante

    la Terra diventerebbe talmente calda da irraggiare luce propria con un'intensità superiore a quella di molte stelle, il suo spettro di radiazione sarebbe più paragonabile a quello delle caldissime stelle blu che non a quello del “tiepido” Sole


    #62369

    altair
    Partecipante

    [quote1188901148=rigelpd]
    visto che è il mio primo post saluto tutti

    detto questo, vorrei far presente a Voorst che se quello che dice nel primo post di questo topic dovesse avvenire davvero, più che scarponi da montagna e sacchi a pelo gli servidebbe una bella tuta di amianto…

    questo xchè se tutta l'enorme energia cinetica rotazionale della Terra dovesse diminuire e cessare (almeno per qualche istante) lo “sfregamento” come lo chiami tu, generebbe qualcosa d+ che qualche eruzione vulcanica e terremoto e maremoto

    anzi, non ci sarebbero ne eruzioni vulcaniche ne terremoti ne maremoti, semplicemente xchè la crosta terrestre fonderebbe e tutti gli oceani evaporerebbero pressocchè all'istante

    la Terra diventerebbe talmente calda da irraggiare luce propria con un'intensità superiore a quella di molte stelle, il suo spettro di radiazione sarebbe più paragonabile a quello delle caldissime stelle blu che non a quello del “tiepido” Sole

    [/quote1188901148]

    Gulp! !amazed

    E io che pensavo che di aver proposto lo scenario più apocalittico! 😉


    #62368

    Voorst
    Partecipante

    Molto interessante Rigelpd,
    mi dici la fonte di questa interpretazione?
    Alcuni geologi non la pensano così, ma io sono aperto a tutte le interpretazioni. 🙂

    Quanto all'inquinamento:
    è ovvio che le zone industriali sono molto a più a rischio, ma il materiale radioattivo non genera da solo nubi radioattive, né dà origine ad esplosione se non vi è un apposito detonatore. Un fallout potrà spostarsi anche di 3000km, ma è difficile (non impossibile) che giunga proprio sul tuo rifugio (parlo cmq di una zona ben definita nei miei precedenti interventi, lontana da zone industrializzate e centrali nucleari).
    Si tenga poi conto che tale disastro non è chiaro dove e come si verificherà, alcune zone “potrebbero” essere le più colpite (le americhe), altre meno (africa).
    Ma si tratta di ipotesi.
    In definitiva tutto il lavoro serve a garantire possibilità di sopravvivenza, non la sopravvivenza stessa.
    Certo, pensare che verremo addotti e salvati da alieni (ma solo coloro che sono stati buoni) è bello, ma quanto questa possibilità rispecchia una esigenza umana piuttosto che la realtà? Io, senza sicurezze in tal senso, preferisco prepararmi.
    Poi se mi salveranno “loro”, anche meglio. !amazed


    #62370

    Voorst
    Partecipante

    [quote1188902885=Voorst]
    Molto interessante Rigelpd,
    mi dici la fonte di questa interpretazione?
    Alcuni geologi non la pensano così, ma io sono aperto a tutte le interpretazioni. 🙂

    Quanto all'inquinamento:
    è ovvio che le zone industriali sono molto a più a rischio, ma il materiale radioattivo non genera da solo nubi radioattive, né dà origine ad esplosione se non vi è un apposito detonatore. Anche ammettendo uan detonazione a città del capo, un fallout potrà spostarsi anche di 3000km, ma è difficile (non impossibile) che giunga proprio sul tuo rifugio (parlo cmq di una zona ben definita nei miei precedenti interventi, lontana da zone industrializzate e centrali nucleari).
    Si tenga poi conto che tale disastro non è chiaro dove e come si verificherà, alcune zone “potrebbero” essere le più colpite (le americhe), altre meno (africa).
    Ma si tratta di ipotesi.
    In definitiva tutto il lavoro serve a garantire possibilità di sopravvivenza, non la sopravvivenza stessa.
    Certo, pensare che verremo addotti e salvati da alieni (ma solo coloro che sono stati buoni) è bello, ma quanto questa possibilità rispecchia una esigenza umana piuttosto che la realtà? Io, senza sicurezze in tal senso, preferisco prepararmi.
    Poi se mi salveranno “loro”, anche meglio. !amazed

    [/quote1188902885]


    #62371

    altair
    Partecipante

    [quote1188903715=Voorst]
    Molto interessante Rigelpd,
    mi dici la fonte di questa interpretazione?
    Alcuni geologi non la pensano così, ma io sono aperto a tutte le interpretazioni. 🙂

    Quanto all'inquinamento:
    è ovvio che le zone industriali sono molto a più a rischio, ma il materiale radioattivo non genera da solo nubi radioattive, né dà origine ad esplosione se non vi è un apposito detonatore. Un fallout potrà spostarsi anche di 3000km, ma è difficile (non impossibile) che giunga proprio sul tuo rifugio (parlo cmq di una zona ben definita nei miei precedenti interventi, lontana da zone industrializzate e centrali nucleari).
    Si tenga poi conto che tale disastro non è chiaro dove e come si verificherà, alcune zone “potrebbero” essere le più colpite (le americhe), altre meno (africa).
    Ma si tratta di ipotesi.
    In definitiva tutto il lavoro serve a garantire possibilità di sopravvivenza, non la sopravvivenza stessa.
    Certo, pensare che verremo addotti e salvati da alieni (ma solo coloro che sono stati buoni) è bello, ma quanto questa possibilità rispecchia una esigenza umana piuttosto che la realtà? Io, senza sicurezze in tal senso, preferisco prepararmi.
    Poi se mi salveranno “loro”, anche meglio. !amazed

    [/quote1188903715]

    Le scorie (materiale radioattivo) non generano nubi radioattive se non vi è apposto un detonatore?

    Con questo vorresti dire che le scorie radioattive sono un problema trascurabile?

    E tutte le altre constatazioni (ripeto: constatazioni) fatte in un mio post precedente?

    Impatto di tutte le centrali coinvolte contemporaneamente nel disastro.

    Arsenali NBC numerosi e fornitissimi sparsi per il mondo.

    Impianti industriali chimici presenti dappertutto.

    Concludo con una notizia vecchia di un paio d'anni.

    Alcuni zoologi, studiando la fauna polare, hanno scoperto i primi casi di ermafroditismo negli orsi bianchi, fenomeno mai osservato prima.
    Ritengono che il fatto sia dovuto alla enorme concentrazione nel loro spesso strato di grasso, di una sostanza (il CBC, ma non sono sicuro del nome), immessa nell'atmosfera dalle attività umane e trasportata fin li dalle correnti d'aria.
    Tutto questo avviene in condizioni di “normale inquinamento”.
    In caso di “inquinamento straordinario” cosa avverrà?


    #62372
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Comunicazione per altair:
    non posso mandarti messaggi privati perche' non sono autorizzato, si vede che mi hai escluso senza volere :p

    Ti ringrazio qui, tu sai a cosa mi riferisco, ciao!


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #62373

    rigelpd
    Partecipante

    i geologi non sono mai stati bravi con i grandi numeri e spesso sbagliano con gli ordini di grandezza

    la fonte è la semplice conoscienza della fisica e della meccanica analitica

    sono laureato in astronomia a indirizzo planetologico, anche se adesso a un anno dalla laurea ho deciso di dedicarmi più all'ottica.

    comunque i fatti:

    la Terra possiede un enorme energia cinetica rotazionale:

    2.6 x 10^29 Joule

    Trattasi di una quantità di energia pari a quella che l'intero sole produce in tutte le direzioni in 100 secondi

    se si considera xò che il volume della Terra è 1.3 milioni di volte inferiore a quello del Sole, immagina tutta quell'energia stipata in un volume così “piccolo”

    la superficie solare è a 6000°C la superficie della Terra sarebbe a decine di migliaia di gradi

    la fisica e la meccanica ci dicono che quando rallentiamo un corpo rotante l'energia cinetica si trasforma in energia termica per via degli attriti

    quindi…

    aggiungo che non metto in dubbio l'ipotesi che il campo magnetico si inverta, quello si che è già successo e succederà ancora, quello che trovo assurdo è l'inversione della rotazione terrestre

    anche tenuto conto del fatto che il campo magnetico solare è enormemente inferiore a qualsiasi campo magneticoprodotto da magneti di laboratorio

    il campo magnetico solare, e quello terrestre, saranno anche molto estesi ma sono moooolto deboli, al massimo possono interagire tra loro ma non possono certo fermare la rotazione della Terra, a ma la pena hanno la forza di deviare il modo di particelle di pulviscolo interplanetario temporaneamente caricate dal vento solare


    #62375
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    rigelpd molto interessante e rassicurante, lato inversione della rotazione.

    In base alle tue conosceze in materia, quanto l'inversione dei poli sara' devastante per gli abitanti della terra?

    PS: benvenuto!


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 335 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.