Programmazione mentale, quella vera.

Home Forum PIANETA TERRA Programmazione mentale, quella vera.

Questo argomento contiene 81 risposte, ha 18 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Pyriel 10 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 82 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #76959

    mudilas
    Partecipante

    [quote1225046469=Mr.Rouge]
    [quote1225045149=farfalla5]
    Mudi però che fai….ritiri il tuo bimbo dalla scuola per fare cosa????
    C'è qualche alternativa????

    Non ci prendiamo in giro viviamo qui e dobbiamo “ballare”, io non vedo per ora quale altro modo potrebbe essere per risolvere il problema di educazione….sta a noi per quello che possiamo a starli vicini e insegnarli quello che secondo noi è giusto…ma che certezze abbiamo che quella nostra opinione sia giusta???
    [/quote1225045149]

    Io per limitare i danni, visto che mio figlio ha ancora qualche anno di tempo prima di andare a scuola, sto cercando in queste direzioni:

    Scuole Montessoriane – basate appunto sul metodo Montessori:

    Il suo pensiero identifica il bambino come essere completo, capace di sviluppare energie creative e possessore di disposizioni morali (come l'amore), che l'adulto ha ormai compresso dentro di sé rendendole inattive. L'adulto ha la tendenza a reprimere la personalità del bambino e spesso lo costringe a vivere in un ambiente di altra misura con ritmi di vita innaturali.

    Il principio fondamentale deve essere la libertà dell'allievo, poiché solo la libertà favorisce la creatività del bambino già presente nella sua natura. Dalla libertà deve emergere la disciplina. Un individuo disciplinato è capace di regolarsi da solo quando sarà necessario seguire delle regole di vita.

    Il periodo infantile è un periodo di enorme creatività, è una fase della vita in cui la mente del bambino assorbe le caratteristiche dell'ambiente circostante facendole proprie, crescendo per mezzo di esse, in modo naturale e spontaneo, senza dover compiere alcuno sforzo cognitivo.

    http://www.ildiogene.it/EncyPages/Ency=Montessori.html

    Scuole Steineriane – Meodo di Rudolf Steiner

    I genitori accolgono l'arrivo sulla Terra di un essere umano che ha bisogno di essere aiutato a rendersi autonomo. Egli va assistito con la massima devozione e si chiama bambino.
    Madre e padre sono la sua prima vera culla nonchè il sostegno che gli permetterà di avere struttura e trovare la direzione nell'esistenza.
    Il bambino avrebbe bisogno di essere accolto con l'atteggiamento di un cuore che vede. Comprendere le sue necessità e le qualità di quella persona che ci chiede aiuto è la prima vera forma di educazione per l'infanzia: l'autoeducazione del genitore.

    Tutti i bambini sono differenti tuttavia esiste anche la necessità di studiare le caratteristiche che accomunano i bambini tra loro in quanto “bambini” e una delle scienze che studiano tali leggi generali è la pedagogia.
    La Pedagogia steineriana (e più in generale la Scienza dello Spirito) costruisce un ponte tra natura generale del bambino e le tante differenti individualità che ci vengono incontro nei bambini che incontriamo tutti i giorni.
    L'aspetto esteriore del bambino è secondo Steiner una parte soltanto di tutto ciò che un essere umano porta nel mondo con la sua incarnazione. E' però vero che già dall'aspetto esteriore possiamo cogliere tratti del nocciolo interiore attraverso l'osservazione.
    Tra natura generale del bambino e natura di quel determinato bambino si colloca un terzo aspetto, il temperamento, che accomuna i bambini in gruppi. I quattro temperamenti individuati da Rudolf Steiner. Il temperamento da un lato individualizza e dall'altro riunisce in gruppi; si ha infatti a che fare con il nucleo essenziale di quel bambino e contemporaneamente con la natura generale di bambino e di essere umano.

    http://www.scuolasteineriana.org/presentazione/pedagogia%2Bpensiero.htm
    http://www.scuolasteineriana.org/presentazione/pedagogia%2Bmaturit%E0.htm

    [/quote1225046469]
    anche io mi informavo tanto sui metodi educativi e propendevo per le steineriane, poi per mancanza di denaro ho desistito…anche i figli del Berlusca hanno fatto le scuole steineriane mi pare…non hanno sortito un bell'effetto! :hehe:


    #76960

    meskalito
    Partecipante

    Io sono riuscito a far frequentare a mia figli un pò di materna steineriana…….spettacolo,è durata poco però :hehe:
    Ora cerco di compensare con il metodo Suzuki per la musica,molto profondo.


    #76961

    Mr.Rouge
    Partecipante

    [quote1225047224=mudilas]
    [quote1225046469=Mr.Rouge]
    [quote1225045149=farfalla5]
    Mudi però che fai….ritiri il tuo bimbo dalla scuola per fare cosa????
    C'è qualche alternativa????

    Non ci prendiamo in giro viviamo qui e dobbiamo “ballare”, io non vedo per ora quale altro modo potrebbe essere per risolvere il problema di educazione….sta a noi per quello che possiamo a starli vicini e insegnarli quello che secondo noi è giusto…ma che certezze abbiamo che quella nostra opinione sia giusta???
    [/quote1225045149]

    Io per limitare i danni, visto che mio figlio ha ancora qualche anno di tempo prima di andare a scuola, sto cercando in queste direzioni:

    Scuole Montessoriane – basate appunto sul metodo Montessori:

    Il suo pensiero identifica il bambino come essere completo, capace di sviluppare energie creative e possessore di disposizioni morali (come l'amore), che l'adulto ha ormai compresso dentro di sé rendendole inattive. L'adulto ha la tendenza a reprimere la personalità del bambino e spesso lo costringe a vivere in un ambiente di altra misura con ritmi di vita innaturali.

    Il principio fondamentale deve essere la libertà dell'allievo, poiché solo la libertà favorisce la creatività del bambino già presente nella sua natura. Dalla libertà deve emergere la disciplina. Un individuo disciplinato è capace di regolarsi da solo quando sarà necessario seguire delle regole di vita.

    Il periodo infantile è un periodo di enorme creatività, è una fase della vita in cui la mente del bambino assorbe le caratteristiche dell'ambiente circostante facendole proprie, crescendo per mezzo di esse, in modo naturale e spontaneo, senza dover compiere alcuno sforzo cognitivo.

    http://www.ildiogene.it/EncyPages/Ency=Montessori.html

    Scuole Steineriane – Meodo di Rudolf Steiner

    I genitori accolgono l'arrivo sulla Terra di un essere umano che ha bisogno di essere aiutato a rendersi autonomo. Egli va assistito con la massima devozione e si chiama bambino.
    Madre e padre sono la sua prima vera culla nonchè il sostegno che gli permetterà di avere struttura e trovare la direzione nell'esistenza.
    Il bambino avrebbe bisogno di essere accolto con l'atteggiamento di un cuore che vede. Comprendere le sue necessità e le qualità di quella persona che ci chiede aiuto è la prima vera forma di educazione per l'infanzia: l'autoeducazione del genitore.

    Tutti i bambini sono differenti tuttavia esiste anche la necessità di studiare le caratteristiche che accomunano i bambini tra loro in quanto “bambini” e una delle scienze che studiano tali leggi generali è la pedagogia.
    La Pedagogia steineriana (e più in generale la Scienza dello Spirito) costruisce un ponte tra natura generale del bambino e le tante differenti individualità che ci vengono incontro nei bambini che incontriamo tutti i giorni.
    L'aspetto esteriore del bambino è secondo Steiner una parte soltanto di tutto ciò che un essere umano porta nel mondo con la sua incarnazione. E' però vero che già dall'aspetto esteriore possiamo cogliere tratti del nocciolo interiore attraverso l'osservazione.
    Tra natura generale del bambino e natura di quel determinato bambino si colloca un terzo aspetto, il temperamento, che accomuna i bambini in gruppi. I quattro temperamenti individuati da Rudolf Steiner. Il temperamento da un lato individualizza e dall'altro riunisce in gruppi; si ha infatti a che fare con il nucleo essenziale di quel bambino e contemporaneamente con la natura generale di bambino e di essere umano.

    http://www.scuolasteineriana.org/presentazione/pedagogia%2Bpensiero.htm
    http://www.scuolasteineriana.org/presentazione/pedagogia%2Bmaturit%E0.htm

    [/quote1225046469]
    anche io mi informavo tanto sui metodi educativi e propendevo per le steineriane, poi per mancanza di denaro ho desistito…anche i figli del Berlusca hanno fatto le scuole steineriane mi pare…non hanno sortito un bell'effetto! :hehe:

    [/quote1225047224]

    In realtà è un altro punto a loro favore… se anche chi promuove la scuola italiana e gestisce questo paese non ci manda i propri figli, direi che è chiaro dove indirizzarsi per educare i nostri! :uuuu:
    Poi tieni conto che 'sti poveri ragazzi a casa da babbo Silvio ci dovevano comunque tornare… hahaha


    #76963
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1225047876=mesKalito]
    Io sono riuscito a far frequentare a mia figli un pò di materna steineriana…….
    [/quote1225047876]

    ma poi se ti diventa come la figlia di berlusca????? !amazed !amazed


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #76962

    meskalito
    Partecipante

    Dio non mi odia così tanto,eh michè?


    #76964

    mysterio
    Partecipante

    Pyriel..ciò che hai scritto rispecchia perfettamente la realtà.

    La moderna scuola non è altro che un sistema che toglie ai loro bambini la loro creatività..la loro capacità di pensare autonomamente..di riflettere dentro se stessi.

    Una scuola piena di VINCOLI e di IMPOSIZIONI..gran parte delle quali assurde(voti..compiti..esami continui..con l'obbligo di imparare a menadito ciò che viene loro insegnato senza la possibilità di porsi delle domande)..ed i bambini maggiormente sensibili si sentiranno sempre come pesci fuor d'acqua in un sistema che inibisce le loro capacità di pensiero e di riflessione.


    #76965

    Pyriel
    Bloccato

    —–

    E' la sorte dei cloni di Omega, quelli che per vivere devono
    sempre correre e imparare cose nuove a memoria, istruiti
    pure nelle cose intime dai loro compassionevoli padroni.
    Se vedi l'assurda Realtà MysterIo non né fai già più parte.


    #76967

    deg
    Partecipante

    Tecniche di manipolazione mentale

    Cercare di spiegare cosa sono e come vengono praticate le cosiddette “tecniche di manipolazione mentale”, in una società quasi completamente controllata e manipolata come la nostra, non è compito facile. Per fortuna il libro scritto dall’avvocato e psicologo Marco Della Luna assieme al neuropsichiatra Paolo Cioni ci viene in aiuto.

    Affermare che la nostra società – com’è strutturata – è una vera e propria gabbia mentale, fa subito aizzare i paladini e i difensori dei diritti civili, che sbandierando ai quattro venti termini come “libertà” e “democrazia”, cercano immediatamente di tranquillizzarci tutti, soprattutto le loro coscienze. Forse non capiscono. Forse fanno finta di non capire, che [color=#cc0000]parole bellissime come “libertà” e “democrazia” primo non significano granché e secondo vengono sfruttate e amplificate proprio dall’establishment economico-finanziaria (cioè i veri e propri Burattinai), proprio per dare a noi l’illusione di non essere in gabbia.
    [/color]
    Dire alle persone che esse sono prigioniere di un sistema è pericoloso e controproducente perché può scatenare rivolte e ribellioni, mentre convincere gli stessi prigionieri di essere liberi e in democrazia, elimina ogni forma avversa e ogni tentativo di evasione.

    Il titolo di un libro[1] del gesuita Anthony De Mello, a tal proposito è interessante, perché se un’aquila, che potrebbe tranquillamente volare libera nei cieli, cresce con la convinzione di essere un pollo, rimarrà per sempre dentro il pollaio. [color=#cc0000]Avrebbe la possibilità di volarsene via, di spiccare il volo, ma tale potenzialità (castrata dalla società intorno) rimarrà latente per il resto della vita o almeno fino al “risveglio”. [/color]

    Lo aveva perfettamente compreso Edward Bernays, tecnico della propaganda, che nel suo saggio “Propaganda del 1929”, spiega come sia stato proprio [color=#cc0000]l’avvento delle forme di governo democratico e delle cosiddette libertà individuali, assieme all’industrializzazione, a produrre la necessità oggettiva (da parte della politica e dell’economia) di governare, cioè manipolare dall’alto il pensiero e il comportamento delle masse, sia come elettori che come consumatori.
    [/color]
    Questo è il motivo per cui oggi la manipolazione mentale è divenuta una tecnologia e una scienza, nella quale si investono molti più denari che in tutti gli altri campi della psicologia. Non solo, la manipolazione è essenziale e strutturale nella vita quotidiana del mondo in cui viviamo, e se non ci credete leggete fino alla fine.

    [color=#cc0000]In un siffatto scenario, dove libertà e consapevolezza sono sempre più minacciate, è indispensabile conoscere gli strumenti che le attaccano. Solo conoscendo possiamo difenderci.
    [/color]
    – L’importanza dell’informazione –

    L’importanza dell’informazione è fuori da ogni discussione. Informare, lo dice il nome stesso che deriva da “in-formare”, cioè dare forma. Ma dare forma a cosa, se non alle coscienze? [color=#cc0000]Non a caso, tutte le grandi dittature hanno iniziato sempre con il controllo dei mezzi di comunicazione (mass-media), proprio per plasmare le menti e coscienze delle persone.
    [/color]
    Oggi la maggior parte della comunicazione mira non ad informare oggettivamente, ma a influire nella psiche, sui gusti, sulle decisioni delle persone, dei consumatori, dei risparmiatori, degli elettori, ecc. La totalità delle persone, educata dalla tivù alla passività e pigrizia mentale sin dall’infanzia, non sviluppa la capacità di mantenere l’attenzione autonomamente, se non è emotivamente coinvolta. [color=#cc0000]I manipolatori questo lo sanno bene e per veicolare le loro informazioni (commerciali, politiche, economiche, ecc.), mantengono viva l’attenzione della gente, agendo direttamente nell’emotività. Questo si chiama intrattenimento. Il paradosso è che sono le persone stesse che esigono di essere intrattenute e non informate, e ovviamente il Sistema le accontenta: informa (a modo loro) attraverso l’intrattenimento.
    [/color]
    L’importanza dei mezzi di comunicazione, come detto prima, è enorme. Ai fini della governabilità, soprattutto nelle società basate sul consenso, è indispensabile limitare, ma anche controllare e orientare l’informazione, la costruzione della rappresentazione illusoria del mondo e da cui dipende la produzione e gestione del consenso. L’informazione proprio per questi motivi, è controllata in modo strettissimo: [color=#cc0000]pochissime agenzia di stampa, di proprietà rigorosamente privata e bancaria, forniscono le informazioni alla quasi totalità dei media (giornali, telegiornali, radio e internet).[/color]

    – Rilassamento e distrazione per meglio controllare –

    Il rilassamento è la più semplice tra le condizioni mentali che aumentano la suggestionabilità. [color=#cc0000]Tale stato si può indurre facendo in modo che le persone si stanchino fisicamente e mentalmente, oppure tediandole con compiti e discorsi ripetitivi o distraendole con stimoli erotici e/o sessuali (donne bellissime seminude che presentano un programma o vendono un prodotto, ecc.). [/color]Anche la musica ha la sua importanza, perché può essere molto dolce per cullare o al contrario usare frastuoni per stordire letteralmente le persone.

    Se ad un pubblico rilassato (davanti alla tivù) si somministra una storia con determinati contenuti (la classica storia che si vede nei programmi d’intrattenimento), si ottiene l’induzione di una trance, nelle quale è facile poi operare suggestioni e impianti mentali.

    La distrazione è indubbiamente la strategia principe messa in atto dai mezzi di comunicazione di massa.

    [color=#cc0000]Tecnicamente il distrarre l’attenzione cosciente (quindi l’azione dell’emisfero cerebrale dominante) di una persona assorbendola in qualche attività o distraendola con notizie e informazioni assolutamente inutili, lascia il subconscio (o l’emisfero non dominante) sguarnito del suo presidio critico, rendendo possibile l’instillazione di suggestioni, immagini, storie, ecc.[/color]

    Tutto quello che viene veicolato media (tivù, giornali, telegiornali e radio) in virtù del controllo capillare che esiste, è totale distrazione di massa.

    Le telecamere e le luci dei riflettori vengono indirizzate su problematiche del tutto inutili per noi (la casa del partito di governo, i rom, gli stupri, delinquenza, l’assassinio in famiglia, ecc.), ma estremamente funzionali per il Sistema, che in questa maniera non fornisce le Vere informazioni e notizie.[color=#cc0000] Riempiono, per così dire, il palinsesto mediatico, per riempire il nostro cervello con spazzatura, idiozie, gossip, e altre stupidità amene. Una volta raggiunto il limite non c’è più spazio per le cose importanti.[/color]

    – Obbedienza al Sistema –

    Ogni establishment che si rispetti, ha il suo arsenale di mezzi di dominazione, il cui fine ultimo è quello di produrre compliance, cioè obbedienza, conformazione da parte delle persone. Dominare gli altri significa ottenere la loro compliance, più o meno volontaria. Naturalmente è meglio se volontaria, cioè ottenuta con la manipolazione (illusione, persuasione, intidimidazione o condizionamento), anziché imposta con la forza (dittature, colpi di stato).

    – La scuola –

    La scuola è il mezzo primario per la manipolazione culturale e mentale. Impadronirsi dei bambini per formarli e condizionarli è nell’agenda di ogni Stato, totalitario o liberale e democratico che sia. Abituare i bambini, attraverso l’esecuzione ripetuta per anni degli ordini degli insegnanti, a seguire gli ordini delle autorità; abituarli alla sistematica gratificazione, all’assenza di regole e di confronti con la realtà,[color=#cc0000] sforna creature incapaci di auto-disciplina, completamente dipendenti e incapaci di organizzarsi. Bambini siffatti, saranno adulti corrotti e dipendenti dall’esterno, quindi più facilmente manipolabili.
    [/color]
    Nelle scuole, da una parte l’insegnamento delle materie fondamentali è concepito in modo da prevenire il formarsi di una visione d’insieme (storia e scienza sono due banali esempi), dall’altro[color=#cc0000] si cerca che le nuove generazioni non dubitino mai che il sistema di potere sia democratico e legittimo. [/color]A tal proposito, il linguista statunitense Noam Chomsky scrive: [color=#0033cc]”siccome nelle scuole non insegnano le realtà di cui è costituito il mondo, le scuole devono ricorrere a inculcare negli studenti propaganda sulla democrazia. Se fossero realmente democratiche, non vi sarebbe bisogno di bombardarli con simili banalità.”[/color]

    La conformazione e indottrinamento del popolo statunitense è l’esempio perfetto. [color=#cc0000]Il giorno a stelle e strisce inizia con l’alzabandiera, prosegue con il canto dell’inno nazionale, le preghiere collettive e le esaltazioni patriottiche. Tutta questa “democrazia” e “libertà” del popolo fanno degli USA, non a caso, il paese più guerrafondaio del pianeta!
    [/color]
    Viene da sé che nelle scuola non possono insegnare la verità, perché la Verità renderebbe gli uomini liberi!

    Non stupisce quindi trovare scritto negli attuali sussidiari scolastici, commenti sulle straordinarie proprietà degli alimenti transgenici (OGM), e come risolveranno per esempio la fame nel mondo. [color=#cc0000]Questa è la più becera e deleteria propaganda di Regime: facendo crescere i bambini di oggi con simili falsità (facilmente dimostrabili), sarà molto più facile da adulti condizionarli, e questo è solo un banale esempio.[/color]

    Mentre la nostra società deve comporsi non di uomini liberi, ma di una massa di lavoratori-consumatori-elettori alla base, e un piccolissimo gruppo o strato superiore, di dirigenti, figli di imprenditori, politici e banchieri. Solo questi ultimi vengono portati ad un livello di conoscenza privilegiato che consentirà loro di continuare a dirigere la società e mantenere il potere stabilito.

    Articolo completo: http://vedosentoeparlo-bacab.blogspot.com/2011/01/tecniche-di-manipolazione-mentale.html


    #76966

    Anonimo

    [quote1302297493=deg]
    Tecniche di manipolazione mentale

    Articolo completo: http://vedosentoeparlo-bacab.blogspot.com/2011/01/tecniche-di-manipolazione-mentale.html

    [/quote1302297493]
    La maggior parte delle informazioni ufficiali sono dati falsi o parziali ma esiste anche il pericolo opposto: quello di credere che tutto quanto il sistema dice o fa sia “automaticamente” sbagliato – un errore pari a quello di fidarsi del potere, entrambi gli errori mantengono la popolazione nel non sapere.


    #76968

    deg
    Partecipante

    Si Nessuno, dobbiamo avere il coraggio del Discernimento ..

    E ascoltare loro prima che sia tardi..

    [youtube=]CapmrZ6MSAo


Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 82 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.