QUARTO TIPO

Home Forum EXTRA TERRA QUARTO TIPO

Questo argomento contiene 86 risposte, ha 13 partecipanti, ed è stato aggiornato da kingofpop kingofpop 9 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 87 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #30629
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Io vi ho detto che sono un tipo impressionabile 🙂
    Cmq il primo trailer è il più illuminante, le scene che vedete sono quelle presupposte “reali”, quella della casa da fuori è ripresa dalla telecamera nella macchina della polizia, la levitazione… beh, quella, per me, è stato un colpo, totalmente imprevisto, è chiaro che anche le immagini reali sono state montate ad arte…


    #30631

    texeira
    Partecipante

    la levitazione di che???????
    io non vedo un piffero, sono su un pc senza flash player…


    #30632
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Di uno dei soggetti texeira… e riguarda, appunto, non la parte fiction del film ma uno di quei video propostici come reali…


    #30633
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Communion è un film di fantascienza del 1989, diretto da Philippe Mora, con Christopher Walken. Esso è basato sulle esperienze di vita di Whitley Strieber e cerca di interpretare sotto il punto di vista dello scrittore la tematica dei rapimenti alieni
    http://it.wikipedia.org/wiki/Communion

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.973
    C'è un elefante che scalpita in salotto

    Il libro 2012: Una Guerra per Anime di Whitley Striebe
    https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.1018

    Dreamland: Whitley Strieber intervista John Mack
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3031

    ————
    John Mack

    Non molti scienziati sono preparati per prendere seriamente le storie sui “rapimenti” alieni o abductions, ma John Mack, un professore di Harvard rimasto ucciso in un incidente per strada a nord di Londra lo scorso anno (ndt nel 2004 ), lo era. Dopo dieci anni che gli hanno fatto quasi perdere il lavoro, centinaia di persone che affermano di essere state addotte ancora lo riveriscono.

    Il professore John E. Mack era un eminente psichiatra di Harvard, psicoanalista e vincitore del Premio Pulitzer, il quale lavoro clinico era concetrato sulla esplorazione dei sogni, incubi e suicidi adolescenziali.

    Quindi, nel 1990, ha rovesciato la comunità accademica perchè voleva pubblicare la sua ricerca nella quale affermava che le persone che si dichiaravano addotte dagli alieni, non erano del tutto pazze. Le loro esperienze, diceva, sono genuine. Non sono malate di mente o illuse, diceva, ed è responsabilità degli accademici e degli psichiatri non solo prendere seriamente cio' che dicono, ma provare a capire esattamente di cosa trattassero tali esperienze. E se la realtà che conosciamo non prende tali esperienze in seria considerazione allora è necessario cambiare la nostra percezione della realtà. “Quali sono le altre possibilità?” diceva Mack. “I sogni, per esempio, non funzionano così. Sono molto individuali e dipendono dal proprio subconscio del momento.”

    “Non vorrei mai dire, si, ci sono alieni che prendono le persone. (Ma) Vorrei dire che esiste un convincente e potente fenomeno che non posso spiegarmi in altro modo, è misterioso. Ancora non posso sapere cosa sia ma mi sembra che inviti ad una indagine molto profonda.”
    https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.1805

    ————–
    Domanda: Qual'è stato il primo incontro con il fenomeno alieno?

    Risposta: Ho letto un articolo che trattava il fenomeno come emergenza spirituale e un collega nel mio corso di respirazione, mi portò a vedere Budd Hopkins (autore di diversi libri sugli alieni) nel Gennaio 1990. All'inizio io non credevo che fosse possibile incontrare esseri esterni alla Terra, ma divenne chiaro che non avevo altro modo per spiegare cosa stesse accadendo: se diverse persone che non sono connesse hanno le stesse dettagliate esperienze, allora non hai a che fare con un effetto generato internamente. Quindi divenni curioso.

    D: Come verifichi l'attendibilità di queste affermazioni?

    R: Faccio una valutazione psicologica accurata dei loro stati mentali, prendo la loro storia psicologica, gli esami clinici standard e, in alcuni dei primi casi, batterie di test psicologici. Valuterò se abbelliscono la verità. C'è altro, con cui ancora combatto. La sensazione che una persona stia parlando come se sia stata lì, questa viene dal linguaggio del corpo, lo sguardo nei loro occhi, dal non avere altri piani. Sto lavorando per definire meglio questi punti.

    D: Quindi vedi quello che stai facendo come scienza?

    R: Devo essere aperto al fatto che ci sono reami di dimensioni della realtà che non conosco. La conoscenza non è la stessa quando non puoi creare un esperimento controllato, ma rimangono ancora vie affidabili per conoscere. Non posso creare un esperimento che raccoglie un gruppo di UFO. Però credo che esista una qualità d'apertura di mente e rigore che possiamo applicare. Possiamo sviluppare degli standard di autenticità, attendibilità, molteplicità di testimonianze. Questa può essere considerata una scienza del sacro o dell'esperienza umana.

    D: Quali tipi di standard visualizzi per tale scienza?

    R: Abbiamo un progetto sulle esperienze anomale al PEER, che deriva da un workshop del 1999 sull'argomento che ha incluso teologi, antropologi, astrofisici e filosofi. Non guardiamo solo il fenomeno delle abduction, ma le esperienze di pre- morte e altri fenomeni simili che non cadono in una singola disciplina. Noi vogliamo esplorare le tradizioni dove esistono, se non standard, tradizioni sulla testimonianza oculare e sulla verità, metodi sul come decidere chi prendere seriamente. Le tradizioni Buddiste e Cattoliche affrontano questo in dettaglio, per esempio nel determinare cosa sia miracolo e cosa no.

    Padre Corrado Balducci, un gentiluomo vicino al Vaticano, una volta mi colpì dicendo che la Chiesa prende molto seriamente questi rapporti sugli UFO e sulle abductions, perchè sembrano esserci molte testimonianze attendibili. Ho iniziato a pensare a questa nozione del testimone sacro o del testimone del sacro. Non vogliamo prendere, per esempio, gli standard Cattolici o Buddisti, ma possono essere delle guide.
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.4957

    ——————-
    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.271


    #30630
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Grazie Rich.
    La parte “inverosimile” del film è che, al di là delle dichiarazioni di studiosi seri come quelli che hai citato, qui abbiamo, almeno in parte, delle “evidenze” date da quello che i soggetti fanno e da quello che “dicono” (tra virgolette perchè in lingua sumera)…


    #30635
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    certo il punto è come viene presentato l'argomento in un film al cinema
    non escludo che siano filmati reali, ma dato che l'informazione è molto scarsa e distorta in generale e soprattutto nel nostro paese, questo film mi puzza moltissimo
    ———————

    [youtube=425,344]SDg7NRlrdhY
    [youtube=425,344]PV5_ZLtEn30


    #30634
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Richard, a me non interessa come viene presentato al cinema.
    Per parafrasare un altro film documentario “I know what I saw” :).


    #30637
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    io so solo una cosa:anke se quei fatti fossero reali e quindi do il beneficio del dubbio,si tende comunque a sottolineare la parte 'terrificante' della cosa ke riguarda l abduction.
    di questo nessuno può dire il contrario


    #30638
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1264602969=kingofpop]
    io so solo una cosa:anke se quei fatti fossero reali e quindi do il beneficio del dubbio,si tende comunque a sottolineare la parte 'terrificante' della cosa ke riguarda l abduction.
    di questo nessuno può dire il contrario
    [/quote1264602969]
    esatto
    quando invece l'argomento ha molti aspetti e va approfondito ben oltre


    #30636

    ginomica
    Partecipante

    io il film l'ho visto ieri,terrificante è il fatto di pensare che possa essere vero,anche se devo dire che non avevo mai sentito prima parlare di casi di abduction così violenti e fini alla distruzione del rapito….ho fatto due ricerche,pare che i fatti di sparizioni e omicidi-suicidi siano davvero accaduti in questa cittadina dell'alaska,Nome,unica cosa non è possibile provare la veridicità dei filmati spacciati per veri,tra cui uno ripreso dalla macchina della polizia davvero impressionante,e viene da chiedersi come possa essere finito nelle mani del regista…..assolutamente da indagare….


Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 87 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.