Reincarnazione

Home Forum SPIRITO Reincarnazione

Questo argomento contiene 131 risposte, ha 17 partecipanti, ed è stato aggiornato da Wind Wind 3 anni, 7 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 132 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #45428

    Erre Esse
    Partecipante

    [quote1257516391=texeira]
    non pretendo di fare certo piena luce, ma una teoria saremmo pure in grado di abbozzarla, sia pure sulla base di intuizioni senza nome, come tu dici.
    Voi che “intuizioni” avete? Che idea vi siete fatti?
    [/quote1257516391]

    Personalmente, ritengo che vi sia una parte dell'essere umano – e, penso, di ogni essere vivente o, addirittura di ogni cosa – che è immortale.
    Nel senso che non è “vittima” dello spaziotempo.
    Tutto è collegato a tutto, le cose vanno e vengono, ma il loro nucleo immortale rimane.
    Penso che il “punto di vista” dell'immortalità (o dell'”innatità”, è la stessa cosa) sia quello dell'unicità della coscienza, che è comune a qualsiasi elemento della realtà, e quindi della coscienza, perchè realtà e coscienza sono un tutt'uno, penso.


    #45429
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    ci sono Maestri di vari tempi che hanno cercato di spiegarci qualcosa
    ho segnalato del materiale di Cayce e di Rol, potremmo anche prendere spunto da Yogananda
    e vedere quali paralleli fare nei termini scientifici/tecnici/materiali che tanto ci piacciono e ci “convincono”
    pero l'umanita' deve riprendere un percorso abbandonato nella ricerca di comprensione della realta' “immateriale” e le risposte saranno in continua evoluzione.

    Ora secondo le parole e le fonti che ritengo migliori per quanto abbia approfondito abbiamo due elementi “sottili” rispetto alla materia grossolana del corpo e sono questi a “informare” la materia Spirito e Anima nell'Uomo

    La forza elettrmagnetica che percepiamo come materia e' un'ombra, una espressione che percepiamo della forza “informante” piu sottile (per i nostri sensi e strumenti) detta anche Spirito

    Lo Spirito lo definisco una forma di energia eterica e vitale che sostiene la materia grossolana del corpo che percepiamo con i sensi, intendo dire che a mio avviso non bastano le reazioni biochimiche. Se non erro G.Conforto associa questa Vita alla forza nucleare elettro/debole.
    Lo Spirito sostiene ogni cosa, viene da un mare di energia nel cosiddetto “vuoto”, pero nell'Uomo e' intelligente come diceva Rol, nel senso che e' diverso e contiene l'informazione/intelligenza/conoscenza sviluppata durante il percorso di una vita, rimane come uno stampo di informazione/energia della data Vita passata…dalle parole di Rol per ora ho inteso questo.

    [youtube=425,344]eDcWx-2bdBM

    Cayce spiega che lo Spirito e' la Vita dell'Anima, ovvero l'Anima entra nello Spirito (invertite anche i nomi non importa voglio dire che esistono due entita') e l'Anima e' cio' che contiene tutte le esperienze vissute e che si vivranno, e' l'Entita' stessa che si incarna e fa esperienza.

    Se pensiamo all'Universo come ad una Intelligenza che evolve continuamente, allora per evolvere questa Intelligenza fa esperienza di se stessa dividendosi e nell'Uomo come espressione puo elaborare ad un certo livello l' informazione, evolverla e riportarla a se' con l'Anima, l'Uomo e' cosi un'estensione dello Spazio/Tempo che fa esperienza di se stesso, ogni cosa come diceva Rol , si mantiene dipendente e indipendente allo stesso tempo.

    Lo spirito è il tutto. L’anima è l’individuale. 3357-2
    http://www.edgarcayce.it/media/spiritovita.htm

    L'Uomo puo decidere, ha il libero arbitrio di decidere se evolvere in modo separato dall'Intelligenza sottostante all'Universo o in modo collegato, come co/creatore.

    Sia chi ricerca veramente in ambito scientifico che spirituale, cerca l'origine di tutto cio che esiste, cerca quell'unica forza che muove Tutto, se vorremo aprire gli occhi e continueremo a cercare alla fine sara' tutto piu chiaro.
    Se vuoi le prove che esiste una Intelligenza sottostante all'Universo abbiamo sul sito diverso materiale che puo darti uno spunto, ma alla fine sta a te recepire una cosa o l'altra.
    Lo studio della “materia oscura” e del dna credo che in particolare porteranno le conferme…per chi ancora ritiene di non vederle.

    Dovrei con calma riprendere i passaggi di Cayce o Rol o Yogananda o altri..per produrre un quadro migliore..


    #45430

    Erre Esse
    Partecipante

    Io penso che nei prossimi tempi le limitazioni della conoscenza materialistica si faranno sentire sempre di più, stringendosi intorno all'uomo come in una specie di “vaso”.
    Allora si avrà sempre più voglia di rompere questo “vaso” per conoscere cosa c'è al di là.


    #45431

    texeira
    Partecipante

    @richard:
    Non mi interessano le prove che l'universo sia un'unica intelligenza di cui noi saremmo un estensione; questo diamolo per assodato.
    Quello che vorrei tu (o chiunque altro studia l'argomento) mi spiegassi, o eventualmente che possiamo provare a capire insieme se neanche tu hai ancora un'idea precisa, è come comincerebbe per noi:
    voglio dire, quando veniamo concepiti, la nostra anima dov'è?
    Ce l'abbiamo già o si “forma” successivamente?
    E quando moriamo, cosa sopravviverebbe, lo spirito, o la consapevolezza?
    Saremmo pura energia o manterremmo la nostra identità?


    #45432

    apolon
    Partecipante

    ciao texeira…mi piacciono le tue domande…me le faccio anch'io,tu che pensi di cio che chiedi?

    inizio a dirti come l'ho pensata io:quando il nostro corpo materiale perderà l'energia che lo sostiene,il calore,insomma quando smetterà di battere il cuore e diventerà freddo ed iniziera un processo più veloce di decomposizione e di conseguenza assorbimento negli elementi dell'uni-verso,anche la parte sottile di noi si mischierà al resto….a quel punto pensaci un'attimo….non avrai più confini,sarai finalmente libero,anzi,il concetto che ora percepisci come libertà nn sarà neanche piu un tuo problema,neanche un tuo pensiero.sarai tutto e senza quel cervello che tante domande si pone e pone a tutti….tutto più facile nn credi.
    sia chiaro,il discorso per me vale per ognuno ed ogni cosa che esiste in questo piano d'esistenza,me compreso per fortuna.


    #45433

    texeira
    Partecipante

    Io penso qualcosa del genere:

    al concepimento siamo spirito, cioè solo un'ennesima espressione dell'energia universale. Poi questo spirito acquisisce consapevolezza grazie al cervello che gli permette di elaborare le esperienze nel corso della vita.
    al momento della morte possono verificarsi due scenari:
    1- la consapevolezza essendo parte del cervello muore con esso; lo spirito invece, come dici tu, ritornerebbe ad essere parte dell'infinita energia da cui proviene. Da questo punto di vista all'atto pratico l'immortalità sarebbe un autoinganno poichè la nostra identità e la nostra anima individuale andrebbero persi definitivamente, il che equivale, dal mio punto di vista, a morire a tutti gli effetti.

    2- la consapevolezza sopravvive essendo indipendente dal cervello; lo spirito quindi tornerebbe ad essere parte dell'infinita energia che lo ha creato, ma conservando la propria individualità e le esperienze acquisite nel corso della vita. In questo caso l'esistenza continuerebbe, ma mi sfugge quale ne sarebbe il senso o cosa sarebbe di questa individualità in una dimensione in cui in definitiva essa non servirebbe. Banalmente, essa vagherebbe per l'universo in cerca di svago, o attenderebbe la prossima reincarnazione?
    E in che modo poi, e in base a quali criteri avverrebbe la reincarnazione?
    …Il concetto tra l'altro sarebbe in antitesi con l'espressione di intelligenza universale; mi chiedo:perchè un'anima, ossia una parte di questa intelligenza, che ha già fatto esperienza dovrebbe rivivere nel corpo fisico di qualcun altro invece che consentirgli lo sviluppo di una nuova individualità autonoma che può fare nuove e ulteriori esperienze?

    ecco, queste in breve le mie considerazioni. Voi cosa pensate?


    #45434
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Metto alcuni punti che ho preso anche da Haramein,lo Spirito è nel “vuoto”
    Nell'ovulo si crea il vuoto, in questo vuoto si uniscono i codici di padre e madre, questo “vuoto intelligente” secondo un processo definito di cui la geometria del tetraedro è la base, forma il pieno, si struttura la cellula, quindi lo spirito alla base struttura le cellule
    La singolarità produce il nucleo, il cuore che come un sole, pulsando organizza la creazione del corpo, l'energia sottile struttura l'energia che percepiamo come materia solida

    https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.4741

    https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.5191

    [youtube=425,344]UgT5rUQ9EmQ

    Noi siamo Anima, l'Entità è l'Anima, lo Spirito è il Tutto e l'Entità è l'Individuale come dice anche Cayce
    Lo Spirito è l'Essenza Primaria

    La consapevolezza non è nel cervello, il cervello funge come da elaboratore per la coscienza/consapevolezza, sicuramente a mio avviso abbiamo confuso molto e confuso molti termini mentre cerchiamo di studiare e capire questi aspetti
    La Coscienza è UNA, ognuno di noi la elabora e crea una propria coscienza da quella dell'Intelligenza Universale, tramite il cervello
    Pensa di essere in un mare e ognuno di noi è una antenna in questo mare, trasmittente e ricevente, assorbi informazione, elabori, riemetti informazione (nel “vuoto intelligente”), ma la tua vera identità è la struttura energetica sulla quale è prodotto il corpo.

    http://www.edgarcayce.it/media/levoluzionedellamenteedellamateria.htm
    http://www.edgarcayce.it/media/lameditazioneelamente.htm

    E’ LA MENTE CHE COSTRUISCE

    La mente è un effetto o una forza attiva che ha un’importanza spirituale nonché materiale. La mente è un’essenza o un flusso fra lo spirito e ciò che viene reso manifesto materialmente. 262-123

    La mente come un flusso, non la mente come puramente fisica o come interamente spirituale, ma è ciò che modella, che forma, che controlla, che dirige, che agisce su qualcosa. 4083-1

    Perché ciò che troviamo nello spirito prende forma nella mente. La mente diventa il costruttore. Il corpo fisico è il risultato. 3359-1Perché, sempre nella carne e nello spirito, è la Mente che costruisce. 3333-1

    Possiamo anche parlare direi di una mente spirituale e una mente materiale, nel senso che quando sei solo Spirito hai una mente e una consapevolezza diversa, ma questa comunque si conserva, non muore con la disattivazione del cervello

    (ultimamente sto pensando al cervello come ad una riproduzione dello spazio-tempo)

    Non esiste la morte, tutto si trasforma, la morte come FINE ASSOLUTA non esiste e verrà sempre piu confermato anche dalla scienza, esiste la trasformazione e a vari livelli, il corpo materiale si trasforma non muore, gli atomi come diceva Tesla e altri e come tuttora vengono rivisti http://www.theresonanceproject.org/pdf/schwarzschild_proton_a4.pdf
    sono come “mini buchi neri” al 99% fatti di “vuoto”, sono come vortici nello Spirito dell'Uno, vortici nel “vuoto quantomeccanico” che si organizzano secondo certe geometrie divenendo i vari tipi di materia che percepiamo, questi vortici si organizzano e disorganizzano e riorganizzano..leggi divinecosmos in pdf

    http://it.wikipedia.org/wiki/Richard_Buckminster_Fuller

    E' tutto un “gioco” di energie che sono aspetti di una Unica Forza e le percepiamo o meno a vari livelli di “densità”

    L'Anima, qua entriamo ancora piu a fondo, l'Anima è l'Entità stessa che sei, è ciò che conserva tutte le esperienze, è l'individuale e lo Spirito è il Tutto.

    Dove va l'Anima, da dove viene, ecc..se mi chiedi fonti scientifiche facciamo fatica, ma possiamo fare delle correlazioni e farcene una idea, come per lo Spirito


    #45435
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://www.edgarcayce.it
    LO SPIRITO E’ LA VITA DELL’ANIMA

    Lo Spirito è la Causa Prima, l’inizio primario, l’influenza motivante — come Dio è Spirito. 262-123

    Lo Spirito è l’influenza di spinta dell’infinito, o l’unica fonte o forza creativa che sia manifesta. Perciò troviamo che sul piano fisico cerchiamo la manifestazione dell’anima, dato che lo spirito la muove verso l’attività. 5749-3

    Lo Spirito è quella parte della Causa Prima che trova espressione in tutto ciò che è eterno nella coscienza della mente o della materia. 2533-1

    Lo Spirito è l’associazione o la vita stessa dell’anima, sia nell’uomo, in una nazione, in una città, in un gruppo o che altro. 476-1

    C’è una grande differenza fra forze spirituali e forze dell’anima, perché, come dato, intorno ad ogni forza sono stati messi guardiani o confini. Le forze dello spirito sono l’animazione di ogni vita che conferisce delle forze produttrici di vita nelle forze animate o inanimate. Gli elementi spirituali diventano corporei quando parliamo del corpo spirituale in un’entità spirituale; quindi composto di spirito, anima e supercoscienza…

    L’ANIMA E’ TUTTO QUELLO CHE L’ENTITÀ E’ STATA O PUÒ ’ ESSERE

    L’anima è tutto ciò che l’entità è, è stata o potrà essere. 2475-1

    L’uomo nel suo stato precedente, o stato naturale, o coscienza permanente E’ anima. 262-89

    Sappi che sei un’anima, e non soltanto ne raggiungi una. 2283-1

    L’anima è un individuo, individualità che può crescere per essere una con il tutto o separata dal tutto. 5749-3

    Siccome lo spirito è la sua porzione del Creatore, la sua anima è la porzione della sua entità stessa, rendendosi entità individuale, separata che può essere una con la Forza Creatrice da dove proviene — o la quale essa è, della quale è fatta, nelle sue forze atomiche o nella sua stessa essenza.
    364-10

    Soltanto nell’uomo c’è l’esistenza dell’anima che non è solamente universale ma individuale; capace di diventare come un dio, tutt’una con le Forze Creatrici. 1587-1

    Anche se ci possono essere mondi, molti universi, anche molti sistemi solari, più grandi del nostro che godiamo al presente … Eppure l’anima dell’uomo, la tua anima racchiude tutto in questo sistema solare o negli altri… Puoi concepire i requisiti dell’influenza per affrontare tutte le idiosincrasie di una singola anima ? Quanti sistemi richiederebbe ? 5755-2

    L’anima dell’uomo è soltanto un punto nello spazio, eppure l’anima — anche se indefinita — è quella forza o attività vitale che è eterna. Anche se la terra, anche se le stelle possono sparire; anche se ci sono cambiamenti nell’universo per quanto riguarda la posizione relativa, questi vengono determinati da quelle combinazioni di quel punto di attività umana che è in rapporto con l’espressione dell’anima in ogni sfera di esperienza. 1297-1

    L’anima è il vero sé, il sé continuo. La mente è il costruttore, continua fino al punto che è costruttiva… e ciò che è costruttivo e buono è continuo. 1620-1

    L’anima è e continua a vivere; e lascia la sua testimonianza nell’influenza costruttrice, o quel flusso nell’esperienza del corpo, della mente, dell’anima che viene chiamato vita mentale di un’entità.
    L’entità quindi è l’anima nella sua forma spirituale, il corpo mentale nella o della sua forma mentale, quello fisico che è la manifestazione materiale dei due nelle esperienze terrene. 954-1

    Nessuna limitazione dell’anima o della mente nella spiritualità, ma nella materialità esse raggiungono dei limiti per via di mancanza di mezzi di espressione. 5367-1

    L’anima è l’Entità ! L’entità è l’anima e la mente e il corpo della stessa, chiaro ? 1494-1

    D- Per favore spiegatevi su ciò che i readings intendono per entità.
    R- Come dato nell’informazione, l’entità è quella combinazione del corpo fisico per la durata di tutte le sue esperienze sulla terra o attraverso di essa, nell’universo o attraverso di esso, e le reazioni che sono state costruite da quelle esperienze varie e variate, o il corpo spirituale di un individuo. Quello che è individuale; quello che è l’insieme di ogni esperienza. Allora perché un’entità possa creare, dare o essere la vita essa deve essere un esempio vivente, agente di quello che è, e non di qualcosa di separato, inattivo, inanimato che non dà ma deteriora gradualmente. C’è la variazione che può essere vista nel mondo materiale come esempio: fintanto che la vita è in ogni cosa che possa essere una manifestazione sul piano materiale, è una crescita. Appena diventa un oggetto inanimato (anche se può servire ad uno scopo), comincia immediatamente a deteriorarsi, disintegrarsi. Sii un’entità ! Sii un’entità vivente ! Chiaro ? 262-10

    L’anima è la parte di Dio in te, il Dio vivente. 262-77

    (L’anima) fu fatta nell’immagine del tuo Fattore — non il tuo corpo, no — non la tua mente, ma la tua anima fu fatta nell’immagine del tuo Creatore. 281-41

    Poiché mentre il corpo cambia, perché — anche –esso deve essere purificato, l’anima rimane per sempre una . Perché è nell’immagine del Creatore e ha il suo diritto di nascita in Lui.
    1243-1

    Un’entità, o anima, è una scintilla — o una porzione– del Tutto, la Causa Prima: o Scopo.
    2079-1

    Quando il corpo fisico mette da parte il corpo materiale, quello nel fisico chiamato anima diventa il corpo dell’entità. 900-304

    L’anima è il corpo o l’essenza spirituale di un’entità manifestatasi in questo piano materiale. 5754-2

    Quando l’anima parte da un corpo– (questo non vale per il Cristo) — essa ha tutta la forma del corpo dal quale è passato oltre — però non è visibile alla mente carnale, a meno che quella mente non si sia sintonizzata con l’infinito. Poi appare, nell’infinito, come quello che può essere toccato con le mani, con tutti gli attributi dell’essere fisico; con gli appetiti, fino a quando questi non saranno accordati ad un insieme di attività con la Coscienza Universale. 2533-8

    L’anima guarda attraverso gli occhi del corpo — maneggia con le emozioni del senso tattile — può essere consapevole attraverso gli agenti in ogni senso. 487-17

    D- L’anima non muore mai ?
    R- Può essere bandita dal Fattore, non morte. 3744-2

    Le forze spirituali sono la vita, il principio riproduttivo, l’anima, il principio di sviluppo… Il principio attivo è lo spirito. 900-17

    Lo spirito è il tutto. L’anima è l’individuale. 3357-2

    Da’ all’io l’opportunità di funzionare normalmente, mentalmente, fisicamente, spiritualmente. Lo spirito agirà, indipendentemente da ciò che un corpo fa con il suo corpo fisico o mentale — e può fare una cosa molto diabolica se lo tieni nascosto o se lo esibisci troppo ! 564-1

    Nelle forze fisiche, tieniti in forma — tieni quelle mentali in armonia appropriatamente, e la vita spirituale ti guiderà in ogni cosa ! 4405-1

    Ogni forza, tutte le manifestazioni nella materialità sono espressioni dello spirito e vengono dettate dallo stesso. 816-3

    La base dell’individualità di un’entità deve venire dal suo ideale spiritualmente. Poiché tutto nasce dapprima nello spirito, poi nella mente, quindi può manifestarsi sul piano materiale. Poiché Dio si mosse e i cieli e la terra vennero in esistenza. Dio è Spirito. L’uomo con la sua anima che può essere una compagna per le Forze Creatrici, è di quella stessa fonte. Così per crescere in grazia e conoscenza si applica, si ha, si usa il proprio sé spirituale. E con quale spirito applichiamo, cresciamo anche nella mente e nel corpo. 3424-1

    Sappi che tutto ciò che si materializza deve dapprima succedere nello spirito, e la legge di causa e effetto rimane per sempre. Perciò nello spirito essa è scopo e ideale. 3412-2


    #45436
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Diciamo che ci sono due aspetti dell'Intelligenza da cui deriva Tutto, onda e particella, nel senso di un aspetto individualizzato e un aspetto che comprende tutto, ogni cosa ha il suo spirito e ogni cosa è allo stesso tempo individuale ma connessa al tutto perchè parliamo di un concetto frattale alla base dell'organizzazione di questa Intelligenza Creante.

    [youtube=425,344]KSyh6G2cXuA

    La coscienza non va perduta, perchè la Mente Universale, questa Intelligenza la produce per evolvere, è come perdere parte preziosissima di questa evoluzione che avviene anche nel piano della vita materiale limitata, è assurdo che vada persa questa informazione, è lo scopo per cui questa Intelligenza si separa per apprendere da se stessa.
    La Coscienza Assoluta diviene Coscienza Individuale, diviene Conscia…possiamo dire..

    Nel tuo piccolo puoi avere una coscienza espansa o individuale giusto? Puoi sentirti parte del tutto, soprattutto in certi stati causati da sostanze particolari o da particolari situazioni fisiche/psichiche..

    (chiaramente ti sto dando le mie idee, che sono piu generiche e che cerco di affinare, secondo la pista che trovo corretta, ma non pretendo di capire e sapere precisamente tutto)

    Sia Cayce che Rol ci dicono che lo Spirito rimane nella sfera che ha abitato (il pianeta a sua volta ha un “piano informazionale/energetico” e un piano materiale e tutto collabora all'evoluzione del Tutto) e l'Anima se ne va.

    Dove va? Beh qua posso attingere da Cayce e poi ci sono molte fonti volendo, ma per ora Cayce mi da fiducia e mi da molti dati.

    https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.1316

    Nemmeno due (sistemi solari) hanno la stessa consapevolezza, né sono essi paralleli …Vi sono dei centri attraverso i quali quelli di un sistema solare possono passare in un altro. 5755-2

    https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.4693
    “..L'argomento dipende da quanto veloce la materia cade nell'oggetto centrale, qualcosa che nessuno sa per certo, benchè la stima del team sembri ragionevole, conclude.
    Persino assumendo che gli argomenti del team siano di ferro, Broderick ammette che esiste ancora una possibile alternativa al buco nero. Un wormhole che connette una regione dell' universo ad un'altra potrebbe raccogliere materia ed energia al centro della galassia ed espellerla altrove, dove noi non saremmo in grado di vederla, dice.”

    D- E’ stato dato tramite questa fonte che l’entità Edgar Cayce andò nel sistema di Arcturus e quindi ritornò sulla terra. Questo indica un passo comune oppure insolito nell’evoluzione dell’ anima?
    R- Come indicato o come è stato indicato in altre fonti al di fuori di questa per quanto riguarda questo stesso problema, Arcturus è ciò che può essere chiamato il centro di questo universo, attraverso il quale gli individui passano e nel cui periodo arriva la scelta dell’individuo se deve ritornare per completarsi là—cioè, in questo sistema planetario, il nostro sole, il sole della terra e il suo sistema planetario, o andare oltre verso altri. 5749-14

    Non che il sole che è il centro di questo sistema solare sia tutto quello che c’è. Perché l’entità ha raggiunto persino quel regno di Arcturus, o quel centro dal quale ci può essere l’ingresso in altri regni di coscienza. E l’entità ha scelto da sè di ritornare sulla terra per una missione precisa. 2823-1

    [youtube=425,344]9JClbgrA4m4
    Haramein describes the dynamics of our sun as the result of a singularity black hole structure at its center he calls a “spin horizon.” From the special features of the “Crossing the Event Horizon” DVD set.

    Haramein descrive le dinamiche del nostro sole come risultanti da una singolarità/buco nero al suo centro

    ———————————————————–

    Finché un’entità è entro i confini di ciò che viene chiamato il sistema solare della terra e i figli del sistema solare della terra, gli sviluppi avvengono durante le dimore temporanee dell’entità da una sfera all’altra; e quando è completato, inizia—attraverso la musica della sfera con Arcturus, Polaris, e attraverso quelle dimore temporanee verso la sfera esterna. 441-1

    L’entità passa dal sistema solare (della terra), o sfera, attraverso Arcturus o (da) Septimus, come vediamo…E come tale sviluppo raggiunge quel piano in cui lo sviluppo può passare in altre sfere e sistemi di cui il nostro sistema solare è soltanto una piccola parte; in questo quindi, si intende che l’entità deve svilupparsi in quella sfera, finche non ha raggiunto quello stadio in cui può manifestarsi attraverso i piani spirituali, come sarebbero chiamati dal rapporto con il piano fisico o carnale. 900-25

    Un’entità procede, come è stato dato, da questo (sistema) presente—o questo sistema solare, questo sole, queste forze, passa attraverso le varie sfere—che conducono dapprima in quella forza centrale, attraverso la quale—nota come Arcturus—più vicina alle Pleiadi, in questo passaggio intorno alle varie sfere—sempre più avanti—attraverso milioni di anni, come vengono chiamati—o spazio—che è Uno nelle varie sfere della sua attività; anche passando nelle forze interne, nel senso interno, esse possono di nuovo—dopo un periodo di quasi diecimila anni—un’entità può entrare sulla terra per rendere manifeste quelle forze ottenute nel suo passaggio. Quando entra assume quelle forme che si possono conoscere nelle dimensioni di quel piano che occupa. 311-2

    Arcturus viene nella carta di questa entità, o come forza centrale dalla quale l’entità tornò nei soggiorni materiali della terra. Perché questa è la via, la porta per uscire da questo sistema. Ma l’entità è ritornata intenzionalmente in questa esperienza. 2454-3

    Arcturus è quel punto di confluenza fra le sfere di attività connesso alla forza cosmica, ed è ciò intorno al quale questo particolare ambiente o sfera di attività ruota , oppure è una fonte relativa di attività. 263-15

    L’entità (Uhjiltd in Persia) venne da quei centri intorno ai quali si muove il tuo stesso sistema solare—in Arcturus. 5755-1

    Il Sole ed Arcturus, il Sole Maggiore, che danno il vigore negli elementi mentali e spirituali per sviluppare l’ anima e gli attributi verso le forzi migliori nelle sfere della terra. 137-4

    Nelle forze di Arcturus, queste vengono tutte esaltate nella forza della volontà, e la conquista del sé è per davvero più grande che se si conquistassero molti mondi, ed è conquistare quelli dei nostri attributi, o degli attributi stessi del nostro stesso sole. 115-1

    Nella forma, nella mente, nelle manifestazioni della personalità dell’entità—e, soprattutto, l’individualità—traspare in quell’influenza raggiunta in Arcturus, il potere e l’influenza su molti. 2686-1

    Nelle dimore dell’entità sulle colline e nelle pianure della Persia, anche in Egitto, le bellezze e la musica delle sfere cantarono e portarono nell’esperienza dell’entità i suoi studi della luce del giorno, la gioia delle voci della notte, e la stella che condusse l’entità—quella fonte dalla quale può ottenere tanto dalla sua forza nel presente, Arcturus il meraviglioso, il bellissimo. Come la luce luminosa e gloriosa dallo stesso infiammò, per così dire, le sue meditazioni nelle pianure, così le illuminazioni possono fare lo stesso nella vita di coloro che l’entità contatta attraverso la sua dolcezza e gentilezza e servizio. 827-1

    I soggiorni in Urano e Arcturus sono quegli interessi nelle espressioni mentali in un programma vario di sforzi…Cose che sono nascoste a molti diventano una parte dell’attività dell’entità…Rapporti che trattano di argomenti mistici—non soltanto di gas, chimica, gli elementi della terra, gli elementi dello spazio, dell’ universo, quei soggiorni in quei campi di attività—assicurano l’interesse particolare nel soggiorno mentale…Anche lo scavare nei regni degli argomenti scientifici discutibili, sia rispetto alle esplorazioni nei lontani angoli materiali della terra o il dimorare o lo scavare nell’etere. 757-8

    Iniziando con Mercurio l’entità ha percorso la gamma fino a Nettuno ed Arcturus, e poi è tornata sulla terra. 3637-1

    Fonte: edgarcayce.it

    QUANDO ENTRA NEL CORPO L’ANIMA ?

    D- L’anima entra al momento del concepimento o alla nascita o fra questi due momenti ?
    R- Può entrare il primo momento del respiro; può entrare qualche ora prima della nascita; può entrare molte ore dopo la nascita. 457-10

    La nascita spirituale e quella fisica differirono di poco, ci fu quella fisica sotto un segno e quella spirituale sotto un altro. Per cui i dubbi che sorgono spesso, da un punto di vista astrologico. 488-6

    Per quanto riguarda l’ingresso nell’esperienza attuale troviamo l’arrivo nel primo pomeriggio, o subito dopo la mattina; mentre l’entrata spirituale fu a tarda sera. Perciò l’entità può sperimentarlo dentro di sé. Quando ci sono le attività con cose materiali, le mattine sono i periodi in cui si possono raggiungere maggiori cambiamenti. Ma quando si tratta di quelle mentali e quando la ragione può essere fatta pesare, le ombre della sera sono i periodi in cui l’entità può ragionare e lavorare meglio con quelle influenze che si trovano in ogni anima nelle sue relazioni con le forze mentali e spirituali. 1397-1

    D- Che cosa mantiene il corpo fisico in vita finché l’anima non entra ?
    R- Lo spirito ! Perché lo spirito della materia—la sua fonte è vita, o Dio. 2390-2

    D- Date il momento esatto della nascita fisica e dell’anima.
    R- Per questa entità in particolare troviamo che ci fu…un periodo di quattro a quattro ore e mezza di differenza…L’anima è ciò che userebbe, o sarebbe la compagna di, quella vita fisica attraverso ogni dato periodo di esistenza in un’apparizione sulla terra. Quando le variazioni arrivano, vengono portate dalle attività di coloro che, attraverso il proprio desiderio, attraggono o limitano quelli che si vorrebbero manifestare in un corpo particolare. Chiaro ?…
    L’intervallo di tempo fra i due momenti è fatto da quel periodo in cui viene presa la decisione da quell’anima che vorrebbe occupare quel corpo individuale. 276-3

    Molte anime cercano di entrare, ma non tutte vengono attratte. Alcune possono essere respinte. Alcune vengono attratte e poi respinte improvvisamente, così che la vita sulla terra è soltanto di alcuni giorni. 281-53

    D- Che cosa fa la differenza fra la nascita fisica e la nascita dell’anima ?
    R- L’una è terrestre, l’altra è verità—o spirituale. Non che lo spirito non sia—perché la Vita è del Creatore ! Quello a cui viene dato di essere l’attività del Creatore entra, proprio come “Egli soffiò in lui il respiro della vita e l’uomo divenne un’anima vivente” (Genesi 2:7). Quando il sonno lo colse e l’anima si separò—portando con sé la parte dell’uomo—ed Egli diventò una parte dell’uomo. Quella è la divisione. Perciò quando c’è il culmine o la combinazione che viene attraverso quei rapporti fatti, essi sono fatti dall’uomo o sono come della discendenza. Quindi ciò che entra è dall’esterno—chiaro ? Per cui la variazione. 282-3


    #45437
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    LA MORTE E OLTRE

    10 D- Descrivete alcuni dei piani in cui le entità vanno quando sperimentano il cambiamento chiamato morte.
    R- Quando passa dalla coscienza materiale ad una coscienza spirituale o cosmica o esteriore spesso un’entità o essere non diventa consapevole di ciò che la circonda; molto simile al modo in cui un’entità nata nel piano materiale diventa cosciente solo gradualmente di…tempo e spazio…nel piano tridimensionale. Nel passaggio [transizione della morte] l’entità diventa cosciente…di essere in un quarto quadridimensionale o piano dimensionale superiore…più o meno allo stesso modo in cui si giunge alla coscienza nel materiale che ciò che vediamo manifestato sul piano materiale non è altro che un’ombra di quello che c’è sul piano spirituale.

    42 D- Dove andrò [partendo] da questo pianeta ?
    R- Il dove lo stai preparando, e secondo ciò che stai costruendo. 1219-1

    Sì, abbiamo il corpo; e l’anima vorrebbe prenderne congedo. Ci sono molte esperienze nel viaggio di una vita sulla terra che sono molto più serie di quello che l’uomo chiama morte, quando la fiducia dell’anima e del cuore dell’uomo è nel Signore che fa bene tutte le cose… Vi è nella coscienza [dell’entità] il desiderio che … [la famiglia] dovrebbe fare ben attenzione e prepararsi, mentre possono, ad incontrare il loro Dio.

    Poiché il momento verrà, come deve venire per questo corpo, quando non dovrà essere fatto alcun lavoro, ma quando dovrai stare davanti alla barra di giudizio della tua propria coscienza, come lo deve ogni anima, e determinare se alla luce della conoscenza, alla luce della tua opportunità puoi dire come il tuo amico, il tuo Dio: “Non ho disonorato alcun uomo, non ho tolto nulla da mio fratello se non quello che restituisco quattro volte”… Poiché [questa entità] ha visionato e sta visionando quelle opportunità passate che presto non verranno più in questa vita. 5195-1

    Sì, abbiamo il corpo, [5344].
    Vi è già stata la partenza dell’anima, che sta soltanto aspettando qui… l’essere fisico … ha solo bisogno …dell’amore più grande che può essere mostrato nelle circostanze che danno le condizioni migliori per questo corpo …alcun aiuto fisico, come troviamo, può essere dato, soltanto l’aiuto mentale o dell’anima che fa parte del sé mentale o supercosciente. 5344-1

    D- J.S. è stata presente per guidare mamma nella transizione dal fisico allo spirituale ? Entrambe morirono nell’arco di 3 settimane – entrambe devono essere ancora state facilmente – devono essere fino ad ora su questo piano – è così ?
    R- Entrambe fino ad ora sul piano fisico o nella sfera terrestre, finché quella forza non le porterà avanti nel loro continuo sviluppo verso quell’Unione con la Forza del Tutto, chiaro ?
    D- Quindi l’uno spirito guida l’altro dall’altra parte ?
    R- “Guarda! Sono con te, e anche se attraverso la valle dell’ombra della morte il mio spirito ti guiderà”. Come si vede in questo, queste cose vengono date in questa maniera perché quelli possano vedere, quelli possano sapere, attraverso quell’esperienza di tali separazioni terreni che è la mancanza di una comprensione di quella coscienza spirituale che impedisce a queste forze di manifestarsi nel senso fisico.

    D- [Sentii una voce che disse] “Tua madre è viva e felice.”
    R- Tua madre è viva e felice. Proprio come è stato dato, l’entità può sapere che ogni forza va a mostrare, a provare, per portare alla coscienza dell’entità che attraverso il modo in cui vivi in Lui sarai resa viva in Lui ! poiché non c’è alcuna morte, solo la transizione dal piano fisico a quello spirituale. Quindi, come la nascita nel fisico è dato come il momento della nuova vita, proprio così nel fisico è quindi la nascita nello spirituale.

    D- Allora mia madre mi vede e mi ama come sempre ?
    R – Ti vede e ti ama come sempre. Proprio come quelle forze erano manifeste nel mondo fisico e come l’entità intrattiene e desidera e mette il sé in quella sintonia con quei desideri di quell’entità l’amore esiste…
    D- La sento con me, particolarmente quando baciai il suo corpo d’argilla – sentii che lei lo sapeva e che rispondeva – ma è vero, o mi sbaglio ?
    R- Nello stesso modo in cui l’entità ha riversato il sé a quell’entità è arrivato la risposta. No, l’entità non si è sbagliata, poiché l’anima vive ed è in pace e vorrebbe che l’entità sapesse che vive. E come è stato dato: “Nella casa di mio Padre ci sono molte dimore, se non fosse così ve l’avrei detto,” e “vado a preparare un posto per voi, affinché dove sono io vi possiate essere anche voi.” Questo è applicabile per l’entità in questa ora come è stato dato dal Redentore a coloro che erano raccolti intorno a Lui …Come lo spirito del sé dà quella sintonia che può essere in unione con quegli spiriti in quella sfera essi possono sapere, possono comprendere, possono capire quella verità che rende liberi. 136-33

    D- E’ corretto quando sento che dovremmo svilupparci fino al punto in cui non dobbiamo avere malattie prima di morire, bensì dovremmo essere in grado di mantenere un corpo sano e semplicemente uscirne fuori quando abbiamo finito il nostro lavoro qui ?
    R- Questo è un ideale, un’idea. Quelli che lo applicano possono raggiungerlo. Quelli che hanno il prezzo da pagare, quelli che devono affrontare nel sé le conseguenze dell’applicazione dei loro principi e delle loro verità devono tuttavia portare la propria croce. Che ogni entità deve un giorno raggiungere e raggiungerà la capacità di essere cosciente della morte fisica senza soffrire fisicamente è vero, ma quel giorno – per la maggior parte – è lontano, troppo lontano. 993-7

    … pace e armonia che arriva solo con la considerazione della vita come un tutto. Poiché, come è stato dato, vita non è soltanto vivere, né è la morte solo morire. Poiché vita e morte sono tutt’uno, e soltanto quelli che considereranno l’esperienza come una cosa sola possono arrivare a capire o comprendere ciò che pace significa davvero. 1977-1

    D- L’anima entra nel bambino al momento del concepimento o alla nascita o nel tempo fra l’uno e l’altro ?
    R- Può [entrare] al primo respiro; può [entrare] alcune ore prima della nascita; può [entrare] molte ore dopo la nascita. Questo dipende dalla condizione, dall’ambiente che circonda la circostanza.
    457-10

    D- La memoria si rivela dopo la morte ad una persona di mentalità spirituale, non solo in riferimento alla vita terrena o ai rimanenti pensieri terreni della vita terrena, ma si rivela anche come sviluppo spontaneo di tutte le esperienze passate ?
    R- Corretto. Poiché la vita, nella sua continuità, è quell’esperienza dell’anima o entità – compreso la sua anima, il suo spirito, la sua supercoscienza, il suo subconscio, la sua coscienza fisica o la sua coscienza materiale, nella quale, quando il suo sviluppo attraversa le varie esperienze, essa assume sempre di più quella capacità di sapere di se stessa di essere se stessa eppure una parte del grande tutto o dell’unica Energia Creatrice che è dentro e attraverso tutto. 900-426

    http://www.edgarcayce.it/media/lamorteeoltre.htm


Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 132 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.