Riscaldamento globale?

Home Forum PIANETA TERRA Riscaldamento globale?

  • This topic has 39 partecipanti and 275 risposte.
Stai vedendo 10 articoli - dal 211 a 220 (di 276 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #71134
    InneresAugeInneresAuge
    Partecipante

    [quote1284173016=CANERO]
    …i serristi hanno vita breve. http://daltonsminima.wordpress.com/2009/05/30/il-grande-inganno-dei-serristi/
    [/quote1284173016]
    [quote1284173023=kingofpop]
    hanno sempre + smentite …anke questo articolo parla kiarissimo
    [/quote1284173023]
    Secondo me, GW warming o no, quell'articolo è fuorviante…
    Ci dice che ci sono fattori naturali molto più influenti, ma poi esagera… se oscilla tra lo 0,1% e lo 0,4% (al massimo e sarebbe anche da verificare), perché porta ad esempio un aumento fuori scala dell'1%?
    Quante lobbies della vecchia industra inquinante e cancerogena finanziano gli studi che smentiscono il GW?
    Io ci andrei cauto, anche perché, GW o no, abbiamo tutto l'interesse a non inzozzare più il pianeta con i “nostri tubi di scarico”…


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #71135
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    non abbiamo mai negato l'inquinamento umano non è questo il punto
    il punto è che non è la primaria causa delle modifiche climatiche di questo e altri pianeti oltretutto
    giustissima la lotta per il rispetto ambientale che è ulteriore causa influente sull'ambiente e il clima
    ma questo non deve portare a manipolazione della realtà e ci possono essere vari obiettivi per farlo, lotta economica, speculazione tramite il protocollo di kyoto ad esempio..

    È in arrivo una nuova speculazione: questa volta non più sulle case, ma sui certificati di CO2.

    Il protocollo di Kyoto aveva introdotto uno schema sull’emissione di certificati di CO2: si pensava fosse un modo per ridurre le emissioni nocive. Ma ad ogni regola corrisponde l’eccezione. Così, le Autorità tedesche stanno ora investigando circa 40 aziende che speculavano su questi certificati, riuscendo ad imbrogliare per somme che arrivano fino a centinaia di milioni di euro.
    http://www.blitzquotidiano.it/ambiente/clima-in-arrivo-nuova-speculazione-su-certificati-co2-169345/

    inoltre si devia la ricerca scientifica che invece deve apprendere molto da queste mutazioni naturali che vanno oltre il pianeta Terra, questo è perlomeno il mio punto di vista e quello di tanti altri che la pensano diversamente

    http://www.nipccreport.org/

    http://www.climatemonitor.it/?tag=climategate

    dopo questo scandalo, forse creato appositamente

    A seguire: “Manipolazione di dati e di concetti: le e-mail sul cambiamento climatico ” (The Daily Telegraph)

    Il professor Philip Jones, direttore della CRU[1], è responsabile delle due serie fondamentali di dati usate dall’IPCC per compilare i suoi resoconti. Attraverso il suo contatto con l’Hadley Center, parte del Met Office inglese, il quale seleziona gran parte dei collaboratori scientifici strategici dell’IPCC, il suo registro delle temperature globali è il più importante dei quattro su cui sia l’IPCC sia il governo si basano – non da ultimo per le loro previsioni secondo cui il mondo si surriscalderà a livelli catastrofici a meno che non si spendano miliardi di dollari per evitarlo.”
    http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=29451

    ora mi pare che si giochi alla rovescia con l'allarmismo sulla nuova era glaciale
    una mutazione naturale e importante è in corso, in realtà abbiamo molto da fare per capirne la natura e le conseguenze, ma nel frattempo si sfrutta la situazione per altri interessi

    del resto i nostri “tubi di scarico” fanno parte di una tecnologia che dovremmo aver seppellito da tempo


    #71136
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    This evaluation reveals a sensitive response of the Earth's climate to solar irradiance. The reconstructions of Total Solar Irradiance by Dr. Judith Lean in 2001 and in 2004 both coincide with Dr. Moeberg's charts on the variation of atmospheric temperature, with Dr. Loehle's reconstruction and, for the last 108 years, with the reconstruction by NSSTC at UAH. As a result, this assessment could provide enough evidence in support of solar activity being the main driver of atmospheric temperature and global climate of Earth.

    Nonetheless, the variations of Solar Irradiance from the databases are not adequate for explaining abrupt climate shifts in the last 11500 years. My evaluation shows that the transitions of solar irradiance are correlated with the Earth’s climate, but it only should be applied to short periods.

    It is clear that there are internal mechanisms that involve changes in ocean circulation which cause abrupt climate transitions not related with human activities. The geological records of the past few million years confirm many sudden transitions that summarize long-term climate changes. This sudden transitions mean that the long-term climate changes occur in sudden changes rather than through gradual variations. For example, after a sudden increase, the current tropospheric temperature is decreasing. Hence, I conclude that the sudden warming of the last century is one of those rapid changes that will lead to the Earth towards a larger climate change.
    —————
    http://biocab.org/Solar_Irradiance_Climate_Change.html

    Questa valutazione rivela una risposta sensibile del clima terrestre all'irradianza solare. Le ricostruzioni dell'irradianza totale solare del Dr.Judith Lean nel 2001 e nel 2004 coincidono con i grafici del Dr.Moeberg sulla variazione della temperatura atmosferica, con la ricostruzione del Dr.Loehle e, per gli ultimi 108 anni, con la ricostruzione del NSST al UAH. Come risultato questa relazione puo fornire evidenza a supporto dell'attivita solare come principale guida della temperatura e del clima terrestre.
    Le variazioni dell'irradianza solare dai database non sono adeguate a spiegare i bruschi cambiamenti climatici negli ultimi 11500 anni. La mia valutazione mostra che le transizioni dell'irradianza solare sono correlate con il clima della Terra ma solo per brevi periodi.
    E' chiaro che ci sono meccanismi interni che riguardano cambiamenti nella circolazione oceanica che causano transizioni brusche non relative all'attivita umana. I registri geologici dei passati milioni di anni confermano molte [color=#ff0000]transizioni improvvise[/color] che riassumono cambiamenti a lungo termine del clima. Queste improvvise transizioni significano che i cambiamenti climatici a lungo termine [color=#ff0000]avvengono in cambiamenti rapidi[/color] piuttosto che graduali. Per esempio dopo un improvviso aumento la temperatura troposferica sta calando. Concludo che [color=#ff0000]il brusco riscaldamento dell'ultimo secolo è uno di questi rapidi cambiamenti[/color] che porteranno la Terra verso un cambiamento climatico piu grande.

    http://biocab.org/Solar_Irradiance_Climate_Change.html

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3150
    STATO PIANETOFISICO DELLA TERRA E DELLA VITA
    del Dr. Alexey N.Dmitriev
    Pubblicato in Russo, IICA Transactions, Volume 4, 1997

    Professore in Geologia e Mineralogia e Capo Membro Scientifico, Istituto Nazionale di Geologia, Geofisica e Mineralogia, Dipartimento Siberiano dell'Accademia di Scienze della Russia.
    [color=#ff0000]Esperto in Ecologia Globale e negli Eventi Terrestri in Rapido Processo.[/color]


    #71137
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    e poi non si deve essere “complottisti”

    http://forumambientesalute.splinder.com/post/22784675/tremonti-tagli-i-certificati-verdi-origine-di-devastanti-speculazioni-da-megaeolico-e-megafotovoltaico
    Tremonti tagli i “Certificati Verdi” origine di devastanti speculazioni da mega-eolico e mega-fotovoltaico
    I “certificati verdi”, causa della colonizzazione del Sud Italia da parte di ditte, spesso estere dell’energia, che realizzano impianti a bassissima ricaduta occupazionale a regime, hanno poi una natura ingannevole e spietata poiché venduti lucrosamente dalle ditte d’energie rinnovabili, che li intascano con le autorizzazioni, alle ditte che producono energie da combustibili fossili (gas, carbone, petrolio), danno a queste ultime la possibilità di continuare ad operare immettendo quantitativi inalterati, quando non addirittura aumentati, di gas serra in atmosfera, causa proprio di quel surriscaldamento globale che le energie rinnovabili dovrebbero impedire!

    La costosa campagna pubblicitaria che da qualche anno, monopolisticamente, cerca di inculcare nella popolazione la convinzione che l�uomo è l�unica causa del cambiamento climatico e delle catastrofi ambientali che saranno ad esso connesse, vera e propria televendita ben sponsorizzata e sostenuta economicamente, ha ottenuto un risultato che, se perseguito acriticamente, porterà ulteriore ricchezza nei paesi industrializzati e sempre più povertà nelle aree poco sviluppate del globo.

    ..
    Cosa fare?
    Prima di tutto va immediatamente promosso un dibattito scientifico multidisciplinare istituzionale internazionale, che finora è sempre stato contrastato dalla lobby che sponsorizza l�IPCC.

    Le conclusioni dell�IPCC non hanno basi scientificamente valide in quanto si basano solo su dati climatici degli ultimi 150 anni; la storia del clima delle ultime migliaia di anni non esiste per l�IPCC. La storia delle relazioni tra attività solare e clima delle ultime migliaia di anni, evidenziata dai più validi fisici solari internazionali, per l�IPCC non esiste. Per l�IPCC esiste solo l�inquinamento atmosferico connesso alle attività antropiche degli ultimi 150 anni.
    Scientificamente parlando, le conclusioni dell�IPCC non sono altro che un edificio senza fondazioni.
    http://meteolive.leonardo.it/meteo-notizia.php?id=21820


    #71138
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    Tecnologia per l’efficienza energetica premiata al Cleantech Open
    “L’efficienza energetica degli edifici è al momento uno degli obiettivi centrali della ricerca nell’ambito delle tecnologie ecologiche; a confermarlo oggi è anche la più grande competizione mondiale del settore.

    Si tratta del concorso californiano “Cleantech Open”, concepito nel 2006 al fine di scoprire, finanziare e pubblicizzare le aziende o i gruppi di ricerca in possesso di idee innovative (ed eventualmente anche prototipi da industrializzare) per la sostenibilità ambientale e il risparmio energetico.”
    http://www.terranauta.it/a1618/risparmio_energetico/tecnologia_per_l_efficienza_energetica_premiata_al_cleantech_open.html


    #71139
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    http://www.scienzainrete.it/contenuto/articolo/Il-dibattito-sulle-cause-di-un-cambiamento
    “Ciò stabilito, la domanda che si pone è se siano le variazioni di temperatura a provocare le variazioni di CO2 o se invece sia la CO2 a far variare, per “effetto serra”, la temperatura. Il gruppo degli “scettici” ritiene valida la prima ipotesi portandone a sostegno la teoria di Milankovitch secondo la quale i grandi cicli glaciali (100.000 anni) sono legati a fattori astronomici (senza di che diverrebbe inspiegabile, secondo me, la altrettanto lunga durata dei cicli della CO2). Al contrario, i ricercatori IPCC sembrano poco interessati a tener conto di quanto avvenuto in passato e si concentrano invece sui relativamente modesti cambiamenti climatici verificatisi nel corso della recente era industriale. A mio parere sarebbe proprio questa indifferenza agli eventi del passato una delle cause principali del dissidio esistente fra i due gruppi di climatologi.”

    http://www.scienzainrete.it/contenuto/articolo/La-bugia-anche-nella-scienza-e-vizio-antico
    “Qualunque fossero i veri obiettivi dell’azione di pirateria telematica che violando i computer della University East Anglia (Gran Bretagna) ha reso pubbliche centinaia di e-mail di alcuni noti studiosi dei cambiamenti climatici, la credibilità di questi ultimi ne risentirà a lungo. Si tratta, com’è noto, di autorevoli esponenti del gruppo che attribuisce alle attività umane e ai gas serra il cosiddetto riscaldamento globale. I messaggi che costoro si scambiavano, riprodotti dai giornali, rivelano una preoccupante noncuranza nei confronti dei dati sperimentali, un’inadeguatezza dei mezzi d’indagine e il pronto ricorso alla menzogna.”

    http://www.scienzainrete.it/contenuto/articolo/Ci-vuole-trasparenza-totale-sul-clima
    “Quella che ha destato più sospetti è forse l’e-mail battuta al computer nel 1999 da Phil Jones, ricercatore della Climate Research Unit della University of East Anglia di Norwich, al suo collega americano Michael Mann, della Penn­sylvania State University: ho utilizzato un “trick” – scriveva ‘inglese – per nascondere la diminuzione registrata in alcune serie di temperature. ”


    #71140
    CANERO
    Partecipante

    Plateau Antartico, l'inverno del secolo

    A Vostok il semestre appena archiviato ha segnato la media più bassa dal 1999. Molto fredda anche la stagione di Concordia mentre il Polo Sud geografico fa cronaca a sé.

    L'inverno del Plateau Antartico, a differenza di quanto si sperimenta alle latitudini artiche (Groenlandia esclusa), dura un intero semestre; sulla base dei dati medi anzi, si può affermare che vada dalla terza decade di marzo alla prima di ottobre ma, per semplicità e convenzione, la stagione è indicata nei mesi compresi fra aprile e settembre. Quella appena archiviata, nel complesso spicca come la più fredda del XXI secolo, almeno secondo i dati della base russa Vostok (3.488 m). Di seguito, la graduatoria degli inverni più rigidi (normale -66,1 °C; deviazione standard 1,5 °C):
    1993 -68,9 °C
    1960 -68,6 °C
    1999 -68,5 °C
    1966 -68,3 °C
    1979 -68,2 °C
    1967 -67,9 °C
    1986 -67,9 °C
    1997 -67,8 °C
    1998 -67,8 °C
    2010 -67,8 °C (dato ufficioso)

    Il semestre 2010 si pone dunque all'ottavo posto assoluto, con un valore che non si vedeva dal 1999. In particolare, sono stati aprile (-67,5 °C), giugno (-68,9 °C), luglio (-69,4 °C) e agosto (-70,9 °C) ad andare sotto media; tant'è che il trimestre classico (giugno – agosto) con -69,7 °C sfiora i record del 1960 e 1979 (-70,0 °C in ambo i casi). La peculiarità di Vostok trova rispondenza anche alla base italo francese Concordia (3.233 m), dove il semestre ha segnato -66,2 °C: tenuto conto della differenza di quota e dunque del coefficiente adiabatico, Concordia è risultata addirittura più fredda. Ciò è evidenziato anche dalle temperature estreme, che nella base italo francese, operativa dal 2005 sul plateau di Dome C, hanno toccato i seguenti limiti:
    4 luglio -84,6 °C
    13 agosto -84,7 °C

    Nella vicina stazione automatica Dome C II (3.250 m) il 13 agosto i sensori hanno registrato -83,2 °C (valore ufficioso) battendo un record che risaliva al 29 luglio 2004 (-83,1 °C). A Vostok invece, l'estremo è stato di -81,8 °C (2 agosto); a onor di cronaca va aggiunto che nel 1967, malgrado l'inverno sia stato mediamente ancor più freddo, la minima stagionale si fermò a -80,8 °C (17 agosto): il che è indice della persistenza di bassi valori, piuttosto che della loro eccezionalità. A questo proposito, si consideri che le temperature sinottiche (quelle rilevate ogni sei ore a partire dalla mezzanotte) a Vostok sono rimaste al di sotto dei -75 °C fra l'1 e il 4 giugno, il 3 e l'8 luglio, il 10 e il 12 agosto, per portare solo alcuni esempi.

    Alla base americana Amundsen-Scott (2.835 m) invece, la media invernale di -59,2 °C pur scostandosi dalla normale (-58,8 °C), rientra a malapena fra i primi 20 episodi storici e rimane distante dal record del 1976 (-60,6 °C); nel XXI secolo inoltre, sono state ben cinque le stagioni più fredde del 2010: ciò anche a evidenziare come il quadro climatico del Polo Sud geografico si differenzi in modo sostanziale da quello del plateau orientale.

    Fonte: http://www.meteogiornale.it/notizia/18847-1-plateau-antartico-l-inverno-del-secolo


    #71141
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    [youtube=480,385]_0P2lbKGXVY


    #71142
    kingofpopkingofpop
    Partecipante

    fantastico..ovviamente mi riferisco all'evento naturale in se..comunque sembra una scena presa da quei film di hollywood


    #71143
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Come_il_nucleo_terrestre_influenza_il_clima/1347081
    L'ultima conferma, sia pure indiretta, dell'influenza delle attività umane sul clima viene non da osservazioni dell'atmosfera, degli oceani o della superficie terrestre, ma del nucleo terrestre.

    Una ricerca condotta da geofisici del Jet Propulsion Laboratory della NASA e dell'Università Diderot di Parigi, pubblicata sul Journal of Climate indica infatti una stretta correlazione fra le fluttuazioni naturali nella durata del giorno e l'esistenza di fluttuazioni naturali nelle temperature superficiali del pianeta, una volta che queste siano depurate degli effetti attribuibili ai gas serra legati alle attività dell'uomo.
    ..


Stai vedendo 10 articoli - dal 211 a 220 (di 276 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.