Risvegliàti/e

Home Forum SPIRITO Risvegliàti/e

Questo argomento contiene 154 risposte, ha 21 partecipanti, ed è stato aggiornato da  tavani 7 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 61 a 70 (di 155 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #47019
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Intervista con Svali

    Sono nata nel 1957 ad Alexandria, Virginia. Ho vissuto per un po' in una piccola cittadina a circa un'ora da Washington poi mi sono trasferita in una fattoria di 500 acri nel nord della Virginia quando mia madre ha sposato il mio patrigno. Entrambi erano membri del culto. Si tratta di un gruppo molto generazionale. …
    http://www.menphis75.com/intervista_con_svali.htm


    #47020

    Anonimo

    [quote1301745926=civile]
    Ma quindi per gli illuminati,qual'è il senso della vita?
    Perche si vive?
    [/quote1301745926]
    Per conoscersi, a breve termine.
    In seguito, per Essere, amare, creare… e tanto altro.
    Infine a lungo termine per organizzare una civiltà intergalattica.


    #47017

    tavani
    Partecipante

    [quote1301750694=civile]
    Ma quindi per gli illuminati,qual'è il senso della vita?
    Perche si vive?
    [/quote1301750694]

    Il termine illuminati non è corretto, perchè oggi per illuminato si identificano il gruppo che controlla il mondo. Questo da ciò che leggo su internet in vari siti.

    Il senso della vita non è facile da spiegare, perchè siamo diversi e siamo in diverse fasi della crescita o del risveglio.

    Per me il senso della vita può essere al momento aiutare altri a svegliarsi.
    Per te può essere giungere al risveglio. Perchè fin che non sarai sveglio ti capiterà sempre di attraversare momenti di sconforto in cui le “formule” che hai pensato per tenerti su non funzionano e ritorni al punto da cui eri partito.

    Non hai costruito abbastanza solidamente il tuo risveglio.

    Si può anche dire che gli ostacoli per il tuo risveglio servono a far si che quando sarà giunto ne sarai consapevole, dato che vedrai le obiezioni perdere sempre.
    Ovvero le conferme saranno più forti delle obiezioni.
    In quello stato ti accorgerai che sei risvegliato. Ti sentirai felice e “potente”, per essere uscito dalla matrice, e cercherai di capire allora perchè hai fatto questo percorso, da quando ti sei incarnato fino al tuo risveglio. A che scopo addormentarsi e poi raggiungere il risveglio.

    Ma non essendo tu giunto a quel punto, devi ancora fare chiarezza in te e capire che sei un dormiente.
    In quanto dormiente non puoi trovare la soluzione.
    La soluzione è fuori dai tuoi schemi mentali e nello stesso tempo la soluzione è alla tua portata.

    Dovresti separare il tuo sapere, le tue certezze, i tuoi schemi, dalla Verità che non è soggettiva e come tale non è neanche soggettiva per te. Cioè la Verità non è mutabile a seconda di chi la accetta. Questo tipo di Verità (mutabile) è una Verità di matrice.

    Da risvegliato/a riesci a comprendere questo, e sei fuori dalla illusione.


    #47021

    tavani
    Partecipante

    [quote1301751290=♫nessuno♫]
    Per conoscersi, a breve termine.
    In seguito, per Essere, amare, creare… e tanto altro.
    Infine a lungo termine per organizzare una civiltà intergalattica.
    [/quote1301751290]

    Un passo alla volta tutto si può fare.

    Siamo comunque qui per rispondere ad una chiamata divina, la quale stabilisce la giusta meta.

    Ciò che si farà si farà nella Unità. La divisione (chi meglio di noi è in grado di descriverla) è la peggiore e più potente delle matrici.
    Noi uomini/donne del 2000 possiamo dire questo con certezza.


    #47022
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    Ciao tavani, per caso hai visto il video di Camisasca che parla della difficoltà, per chi si è risvegliato e sentito Dio, di tornare nella realtà carnale e umana…?

    E c'è un altra cosa che ancora non sono riuscito a capire… come hai compreso di essere un “risvegliato”?
    Che esperienza hai fatto che ti ha portato a questa certezza?


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #47023
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    [quote1301764920=tavani]
    Ciao, parto avvantaggiato perché ho avuto fede.[/quote1301764920]

    Fede in cosa?

    [quote1301764920=tavani]Quindi ho avuto qualcosa da cui dovermi liberare.
    Ho avuto qualcosa da riconoscere, segni inequivocabili. Nella maggior comprensione puoi osservarne il percorso e capire perché sei stato così. La fede serve, tutto serve.[/quote1301764920]

    Segni invocabili, quelli che vorrei anch'io?
    Il mio modo di essere è molto pragmatico, mi confronto con tutti, ma non credo in “fede”.
    La mia paura di fondo è che quindi oltre la materia non c'è altro, quindi non c'è equilibrio, giustizia, luce e nemmeno senso.

    [quote1301764920=tavani]Tu hai scelto di fare un risveglio più drastico, perché non ti “accontenti” del normale cammino, delle “normali” procedure.
    Questa scelta vuol dire che hai molta forza, e dato che sei “dormiente”, non la conosci.
    In pratica parti dal “non avere riferimenti” per risvegliarti. In pratica, non vuoi aiutarti, e quando sei venuto quaggiù, hai deciso così per te.
    Quindi, sei un pazzo? sei un megalomane?
    Io so che sei un essere saggio, perché hai deciso di vivere così il tuo risveglio. Perciò tira fuori gli attributi, e vai avanti.[/quote1301764920]

    Ammesso che sia così, chi ha detto che non sia un anima nuova? :hehe:
    [quote1301764920=tavani]*Con te posso usare un linguaggio “forte” [/quote1301764920]

    Nessun problema.

    [quote1301764920=tavani]Buon proseguimento. Per una volta, abbi fede, anzi, fiducia.[/quote1301764920]

    Purtroppo non riesco a riconoscere il Dio, l'unità… quindi non la conosco. E' come un racconto, di cui leggo tante cose ma di cui non ho mai fatto esperienza. E se ce l'ho davanti gli occhi allora al momento sono cieco…

    Attraverso la meditazione si può raggiungere unità col cuore e con la mente e Unità con Dio.

    [quote1301764920=tavani]A parte qualche meditazione “personalizzata”, la percezione di Dio dentro di me è più della meditazione, perché è Azione.

    Per il tuo risveglio
    “Io non ho fede e non ho consapevolezza di me” – parole tue, è il tuo Dio che ti suggerisce queste parole perché allontanandoti definitivamente da Esso tu possa vedere come sia la direzione sbagliata e cambiare rotta.
    Tu non hai una mente, sei solo in un corpo che Dio usa per manifestare il suo Amore.[/quote1301764920]

    Spero sia così, altrimenti che dire…


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #47025

    tavani
    Partecipante

    [quote1301834861=InneresAuge]
    Ciao tavani, per caso hai visto il video di Camisasca che parla della difficoltà, per chi si è risvegliato e sentito Dio, di tornare nella realtà carnale e umana…?

    E c'è un altra cosa che ancora non sono riuscito a capire… come hai compreso di essere un “risvegliato”?
    Che esperienza hai fatto che ti ha portato a questa certezza?
    [/quote1301834861]
    No, purtroppo non conosco quel video e se è interessante puoi fornirmi il link.

    Sono un risvegliato perchè mi accorgo quando la mia mente realizza proiezioni che poi creano la realtà.
    In quel momento intervengo in maniera conscia e lascio che il tutto sia ciò che è: pensieri appartenenti a mie paure, congetture, ipotesi, sensazioni, aspettative ecc.
    Tutte queste idee non hanno “coscienza” di provenire da una mente che non esiste.
    In pratica siamo persino capaci di pensare di avere una mente, tanto ci sembra reale.
    La realtà è che non abbiamo una mente. Abbiamo una illusione che ci fa sapere che abbiamo una mente.
    Questa illusione è molto potente e conduce la tua/nostra vita.

    Quindi puoi considerare per vero che la vita sia tutta qui e che dopo non c'è niente, puoi pensare che la vita sia la storia vera di Gesù come nel mio caso (da qui la fede cristiana di cui ti parlavo), puoi pensare che ogni verità sia vera o sia finta.

    Quello che non riesci a vedere è che tutte queste ipotesi “agiscono” nella tua mente direzionando costantemente il tuo credere, il tuo vedere e il tuo agire.

    Per risalire al giorno in cui hai smesso di credere dovresti andare dentro di te, analizzare la tua vita o percorso, e vedere quando quella convinzione è diventata realtà.

    Qualunque essa sia, ciò che è diventato per te realtà ha avuto un principio, un evento o azione scatenante.

    Gli psicologi ci lavorano con questo. Risolvono drammi anche con la ipnosi.
    Credo che molte malattie siano dovute da traumi e da blocchi. Ma non è facile liberarsi di questi traumi e blocchi perchè le nostre scienze non si sono sviluppate nello studio della rimozione dei traumi, ma nella creazione di soluzioni chimico/farmaceutiche a tutti i malesseri.

    Quindi nessuno scienziato/medico ti dice di curarti passeggiando al sole, rilassandoti. Ti dicono però che lo stress è una malattia, ma non lo combattono più di tanto.
    Alcuni medici infatti speculano anche sulle vendite di medicinali, e di questo ne parlano in molti.

    Inoltre la mente inconscia assimila talmente tante informazioni che non fa a tempo a liberarsene, che subito ne accumula altre. Fino a che il suo operato va in tilt e li subentra il malessere come forma di malattia.

    Questo per dire che siamo noi che ci ammaliamo, ma lo facciamo a livello inconscio. Il nostro inconscio deve dimostrare qualcosa a qualcuno e nemmeno noi sappiamo a chi e perchè.

    Il credere di avere una mente nostra è errato, perchè noi siamo la mente che ha creato la mente che crede di essere più o meno sola, esclusiva.

    Il nostro Sè superiore, la Mente, permette che ciascuno di noi possa pensare di avere una mente. Permette che ciascuno di noi possa pensare di dissociarsi alla mente principale, il Sé superiore che conduce il tutto (alla luce), e di seguire qualsivoglia strada.
    Quello che facciamo lo facciamo perchè ci è permesso farlo. Questo è il libero arbitrio.
    Ma comunque separando il nostro Sè (ego) dal Sè Superiore, la Mente superiore diventa semplicemente mente, la vita diventa un concetto difficile da capire e da identificare, e la nostra piccola mente, staccatasi dalla Mente principale Creatrice, realizza una serie di ipotesi incredibili capaci di diventare Verità.

    Nel momento in cui scopri che la tua mente è stata creata da una Mente principale, Sè superiore, Dio, e che ogni concetto che essa “pensa” è un “permesso”, un “lascia-passare” da parte del Sè superiore, comprendi che in quel momento devi ringraziare il tuo Sè per quanto ti ha fatto “pensare”, non essendo tuo alcun pensiero, se non l'illusione che esso sia tuo.

    Riconoscendo questo, riconosci che Dio è dentro di te, e ti parla costantemente, sia attraverso la Sua presenza, che nella sua Assenza. Quando “provi” assenza, Dio/Sè superiore ha permesso alla tua mente di andare lontano, lontano, al solo scopo ch ti chiederai :”Ma dove cavolo mi trovo?!!? DOve sto andando?!?”

    Ecco perchè il libero arbitrio, ecco perchè l'Uno con Dio, ed ecco perchè L'uno con Tutto.

    Non esiste nulla al di fuori del Sè/Dio, neanche la “separazione”.

    La “separazione” è un semplice strumento del Sè di sperimentare il ritorno alla Unità, e le nostre vite manifeste un semplice tesoro acquisito per Amore per vivere ed essere Uno con Tutto e Uno con Tutti.

    La separazione da questo concetto di porta nella dualità, nel “forse” e nel “ma”.

    All solo scopo di riportarti alla sorgente, quel Sè supremo che è dentro di te come dentro ciascuno di noi, essendo noi parte della stessa origine, frammento della stessa origine, INDIVISIBILE e come tale parte dell'Unico Tutto.

    In questa vita tutte le anime sperimentano la dualità a causa della situazione di “dormiente” e giungono al “risveglio” allo scopo di meglio manifestare/rappresentare l'Unità da cui proveniamo e di cui siamo “fonte” e siamo “figli” nello stesso tempo.

    Grande è il Dio dentro di noi che ci riempie di Sè in ogni nostra piccola parte.

    Per questo dicevo: tu non hai una mente.

    Ciao


    #47026
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    la Realtà è ciò che è … e non appare … ciao


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #47028

    Xeno
    Partecipante

    Brig approfittando del tuo bel video volevo chiederti che ne pensi della legge dell'Eterno Ritorno?

    Ho iniziato a valutare che può esserci del vero e che l'uscita da questo è determinato dal lavoro su di sè lavorando sulla disidentificazione con gli Io.
    La personalità è formata dagli Io e noi invece siamo eterni.Per spezzare ciò dobbiamo lavorare su di essi.Così si esce una volta per tutte dalla trappola.
    Tutte le persone che ancora nn si sono accorte(dormienti)sono destinati alla Legge
    Si spiegherebbero i dejavù o il “sentire” di esserci sempre ecc…
    Che ne pensi?

    —>


    #47027
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    [quote1301845912=Xeno]
    Brig approfittando del tuo bel video volevo chiederti che ne pensi della legge dell'Eterno Ritorno?
    Ho iniziato a valutare che può esserci del vero e che l'uscita da questo è determinato dal lavoro su di sè lavorando sulla disidentificazione con gli Io.
    La personalità è formata dagli Io e noi invece siamo eterni.Per spezzare ciò dobbiamo lavorare su di essi.Così si esce una volta per tutte dalla trappola.
    Tutte le persone che ancora nn si sono accorte(dormienti)sono destinati alla Legge
    Si spiegherebbero i dejavù o il “sentire” di esserci sempre ecc…
    Che ne pensi?

    —>
    [/quote1301845912]

    … eterno ritorno … eterno presente … tutto è uno … ciò che è … relativo … illusorio … assoluto = Realtà

    il sentire limitato così sente ? è limitato , quindi, come si può dire che il sentire di Dio sia quello giusto ?! è giusto per Lui perchè così sente perche è ciò che è … il resto pur essendo in LUI è limitato, quindi, illusiorio in quanto relativo e finisce … avendo un inizio … anche se nella realtà tutto è … quindi … non ha Nè INIZIO Nè FINE …

    è COME SE AVESSIMO UNA PELLICOLA CINEMATOGRAFICA CON TUTTE LE POSSIBILI VARIANTI … TUTTE Lì FERME ED IMMUTABILI NEL NON TEMPO (ETERNO) … NOI CON LA NOSTRA CONSAPEVOLEZZA DA FOTOGRAMMA IN FOTOGRMMA … SEQUENZA IN SEQUENZA … ATTIMO DOPO ATTIMO … SALTIAMO DA UN FOTOGRAMMA ALL'ALTRO … DA QUI NASCE IL TEMPO LO SCORRERE … E TUTTO IL RESTO … MA NELLA REALTà TUTTO è FISSO ED IMMUTBILE NEL NON TEMPO …
    LA CREAZIONE è ORA …
    buona VITA … 🙂


    https://www.facebook.com/brig.zero

Stai vedendo 10 articoli - dal 61 a 70 (di 155 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.