SALVIAMO IL NOSTRO PIANETA

Home Forum PIANETA TERRA SALVIAMO IL NOSTRO PIANETA

Questo argomento contiene 414 risposte, ha 23 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Anonimo 7 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 141 a 150 (di 415 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #92112
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1326196269=Pier72Mars]
    http://comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9659

    ANDREMO VERSO UNA CARESTIA PLANETARIA?
    Postato il Lunedì, 09 gennaio @ 21:20:00 CST di supervice

    DI GERMÁN GORRAIZ LOPEZ
    Syr y Sur
    Ogni anno il mondo fagocita la metà delle riserve di un paese petrolifero importante e le energie alternative ancora hanno bisogno di enormi sussidi come poter essere utilizzate nei paesi in via di sviluppo.

    Tutto ciò, insieme al fatto che la tecnologia dell'idrogeno (una sorta di pietra filosofale che risolverà i problemi energetici dell'Umanità) è ancora agli inizi e che l'inerzia delle ricchezze petroliere non permetterà che le grandi compagnie abbandonino i propri investimenti e l’infrastruttura attuale, farà sì che l'economia mondiale continui a essere dipendente dal petrolio.

    Il gas si presenta come l'unico sostituto che possa contrastare una presunta scarsità di petrolio, ma anche questa risorsa segue lo stesso percorso di instabilità e il suo declino avverrà solamente con alcuni anni di ritardo rispetto al petrolio, visto che alcuni paesi stanno già consumando le proprie riserve strategiche – da destinare esclusivamente alle situazioni critiche – per garantire il consumo interno di un paio di mesi, e altri hanno appena introdotte timide misure per il risparmio energetico…
    [/quote1326196269]

    gas, petrolio, brucia questo o brucia quello per avere energia, quando la finiremo sarà già un primo enorme passo verso un reale tentativo di cambiare le cose, finora è tutto ridicolo e devastante


    #92108

    Spiderman
    Partecipante

    Siamo circondati da ABBONDANZA…

    La crisi in cui i nostri dipendenti al governo ci hanno cacciato, ha lo scopo di distrarci dall’Abbondanza in cui viviamo.

    Gli esempi sono talmente tanti che ne faccio due tra gli ultimi che ho trovato:

    1 – Si produrrà energia dalle onde del mare. Il progetto è già in fase esecutiva e permtterà di produrre energia elettrica attraverso dei galleggianti che saranno mossi dal moto ondoso http://www.energoclub.org/news/venezia-il-moto-ondoso-produce-energia

    2 – Car sharing elettrico – Condivisione di auto elettriche. Questo è una cosa assolutamente incredibile che, se ci mettiamo per un attimo a riflettere, potrebbe rivoluzionare completamente la nostra visione del modo di viaggiare http://www.energoclub.org/news/auto-elettriche-rivoluzione-francese-made-italy

    Pensa: se l’energia elettrica costasse quasi nulla, dato che è estremamente abbondante e si produce in u sacco di modi, tutti eco – compatibili e sostenibili, potremmo NON avere più un auto di proprietà, ma usare auto in condivisione a costi bassissimi. Se non riesci ad immaginarlo, ti aiuto. Il numero di auto sarebbe ridotto di oltre il 70%, tu avresti a disposizione sempre un’auto quando ti serve, non ci sarebbero problemi di parcheggio, al mattino per andare al lavoro le auto sarebbero occupate da più persone, se non trovi un auto sotto casa, sarebbe sufficente andare in strada e aspettare la prima auto di passaggio e salirci. Incredibile, vero? Si, ci vuole un pò a capire quanti vantaggi si avrebbero, perchè non siamo abituati a “vedere” l’abbondanza.

    http://www.stampalibera.com/?p=38553


    #92113
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    e poi ci sono cose che non immagineremmo..
    e non servirebbero piu le auto e le strade
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7063

    ET3 – Evacuated Tube Transport
    Perchè ET3? Il trasporto dovrebbe essere pulito, ecologico, veloce, confortevole e alla portata di tutti. Deve anche essere sostenibile finanziariamente a livello globale. Il tempo per un nuovo tipo di trasporto è arrivato! Le capsule confortevoli viaggiano in tubi di 1.5m di diametro grazie alla levitazione magnetica. L'aria viene permanentemente rimossa dai tubi a due vie costruiti lungo il percorso. Alle stazioni sarà possibile trasferire le capsule senza che entri aria. I motori elettrici accelerano le capsule, che quindi viaggiano nel vuoto senza energia aggiuntiva. Molta dell'energia viene rigenerata mentre le capsule rallentano. ET3 può fornire un trasporto di 50 volte superiore per KWh rispetto ad auto e treni elettrici.


    Può il petrolio cancellare dei popoli?

    Survival International sta promuovendo in tutto il mondo una campagna pubblicitaria in difesa dei popoli incontattati del Perù.

    L’annuncio è già stato pubblicato su numerose testate – tra cui Tatler, Conde Nast Traveller, l’Intelligent Lif dell’Economist, il Centurion dell’American Express, Geographical e World of Interiors – e si prefigge di fermare il governo del Perù, determinato a costruire un oleodotto attraverso il territorio indiano.

    Scarica una versione in bassa risoluzione dell’annuncio.

    La campagna fa leva su una fotografia estremamente rara che ritrae una tribù incontattata contemporanea sulla riva di un fiume nel sud-est del Perù, accompagnata da una dichiarazione del presidente della nazione Alan García secondo cui l’esistenza di queste tribù sarebbe “un’invenzione”.

    “Il nostro obiettivo è quello di richiamare l’attenzione mondiale su quello che il governo del Perù sta facendo alle sue tribù incontattate” ha dichiarato il direttore generale di Survival International Stephen Corry. “Ma vogliamo anche sollecitarlo a rinunciare al progetto di costruire un oleodotto nel cuore del loro territorio, che si estende nel nord del paese.”..
    http://www.robustelli.eu/?p=20


    #92114

    sephir
    Partecipante

    #92115

    Anonimo

    http://www.ecoblog.it/post/14223/orto-casalingo-la-rivoluzione-ambientale

    https://www.youtube.com/watch?v=74nOTVnwUfY

    Ho seguito la conferenza di Roger Doiron tenuta per TED con grande e profonda ammirazione. Come non condividere le sue parole? Ho sempre pensato che in futuro a sopravvivere alla crisi dei consumi e dell’energia saranno le piccole comunità, di 1000-1500 anime che sapranno organizzarsi in borghi autosufficienti.
    Il video è stato rilanciato in rete da Beppe Grillo, ma poco importa. Le parole e i pensieri espressi da Doiron sono di una tale forza che giustamente e con grande autoironia, lui stesso definisce sovversivi. Però, di sovversivo non c’è proprio nulla se in passato era normale avere un orto per l’autoproduzione. L’invito, dunque, è di riappropriarsi della nostra umanità e capacità di sussistenza piuttosto che delegarla.
    Per inciso Doiron ha messo in piedi una community virtuale Kitchen gardners molto attiva e consistente. In Italia abbiamo in scala più piccola la community di Coltivare l’orto http://www.coltivareorto.it/


    #92116
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Sephir, grazie che bella idea !lol
    Mi fa piacere che Marcin sia il mio connazionale, non ti dispiace che questo video metto nell' apposito topic di Ted. :legg:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #92117
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1326294044=Pier72Mars]
    http://www.ecoblog.it/post/14223/orto-casalingo-la-rivoluzione-ambientale

    https://www.youtube.com/watch?v=74nOTVnwUfY

    Ho seguito la conferenza di Roger Doiron tenuta per TED con grande e profonda ammirazione. Come non condividere le sue parole? Ho sempre pensato che in futuro a sopravvivere alla crisi dei consumi e dell’energia saranno le piccole comunità, di 1000-1500 anime che sapranno organizzarsi in borghi autosufficienti.
    Il video è stato rilanciato in rete da Beppe Grillo, ma poco importa. Le parole e i pensieri espressi da Doiron sono di una tale forza che giustamente e con grande autoironia, lui stesso definisce sovversivi. Però, di sovversivo non c’è proprio nulla se in passato era normale avere un orto per l’autoproduzione. L’invito, dunque, è di riappropriarsi della nostra umanità e capacità di sussistenza piuttosto che delegarla.
    Per inciso Doiron ha messo in piedi una community virtuale Kitchen gardners molto attiva e consistente. In Italia abbiamo in scala più piccola la community di Coltivare l’orto http://www.coltivareorto.it/
    [/quote1326294044]
    :bravo: :bravo:


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #92118
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1326297896=Pier72Mars]
    http://www.ecoblog.it/post/14223/orto-casalingo-la-rivoluzione-ambientale

    https://www.youtube.com/watch?v=74nOTVnwUfY

    Ho seguito la conferenza di Roger Doiron tenuta per TED con grande e profonda ammirazione. Come non condividere le sue parole? Ho sempre pensato che in futuro a sopravvivere alla crisi dei consumi e dell’energia saranno le piccole comunità, di 1000-1500 anime che sapranno organizzarsi in borghi autosufficienti.
    Il video è stato rilanciato in rete da Beppe Grillo, ma poco importa. Le parole e i pensieri espressi da Doiron sono di una tale forza che giustamente e con grande autoironia, lui stesso definisce sovversivi. Però, di sovversivo non c’è proprio nulla se in passato era normale avere un orto per l’autoproduzione. L’invito, dunque, è di riappropriarsi della nostra umanità e capacità di sussistenza piuttosto che delegarla.
    Per inciso Doiron ha messo in piedi una community virtuale Kitchen gardners molto attiva e consistente. In Italia abbiamo in scala più piccola la community di Coltivare l’orto http://www.coltivareorto.it/
    [/quote1326297896]
    Quando vedo queste cose mi torna la speranza di un mondo migliore °lov
    Pier anche questo lo sposto nell' apposito topic :guit:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #92119

    sephir
    Partecipante

    [quote1326313334=farfalla5]

    Sephir, grazie che bella idea !lol
    Mi fa piacere che Marcin sia il mio connazionale, non ti dispiace che questo video metto nell' apposito topic di Ted. :legg:
    [/quote1326313334]

    Si farfalla, un eccellente connazionale direi! :hehe:
    L'apposito topic è quello dedicato ai video ted immagino,
    la prossima volta posterò diligentemente li! thanks.


    #92120

    sephir
    Partecipante

    [quote1326314627=Pier72Mars]
    http://www.ecoblog.it/post/14223/orto-casalingo-la-rivoluzione-ambientale

    https://www.youtube.com/watch?v=74nOTVnwUfY

    Ho seguito la conferenza di Roger Doiron tenuta per TED con grande e profonda ammirazione. Come non condividere le sue parole? Ho sempre pensato che in futuro a sopravvivere alla crisi dei consumi e dell’energia saranno le piccole comunità, di 1000-1500 anime che sapranno organizzarsi in borghi autosufficienti.
    Il video è stato rilanciato in rete da Beppe Grillo, ma poco importa. Le parole e i pensieri espressi da Doiron sono di una tale forza che giustamente e con grande autoironia, lui stesso definisce sovversivi. Però, di sovversivo non c’è proprio nulla se in passato era normale avere un orto per l’autoproduzione. L’invito, dunque, è di riappropriarsi della nostra umanità e capacità di sussistenza piuttosto che delegarla.
    Per inciso Doiron ha messo in piedi una community virtuale Kitchen gardners molto attiva e consistente. In Italia abbiamo in scala più piccola la community di Coltivare l’orto http://www.coltivareorto.it/
    [/quote1326314627]

    :ok!: fantastico!


Stai vedendo 10 articoli - dal 141 a 150 (di 415 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.