Santoro-Rai ai ferri corti

Home Forum L’AGORÀ Santoro-Rai ai ferri corti

Questo argomento contiene 182 risposte, ha 19 partecipanti, ed è stato aggiornato da  marì 10 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 61 a 70 (di 183 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #129525

    marì
    Bloccato

    2009-09-14 17:02

    BALLARO' SPOSTATO, ZAVOLI: CASO GRAVE

    ROMA – Il presidente della commissione di Vigilanza sulla Rai, Sergio Zavoli, giudica ''grave'' la decisione di rinviare la partenza di Ballaro' domani su Raitre per fare spazio a uno speciale di Porta a porta e annuncia di aver anticipato a mercoledi' alle 12.45 la convocazione dell'ufficio di presidenza della commissione. Allo stesso tempo Zavoli stigmatizza ''la pletorica invadenza di Miss Italia, la cui durata ha indotto addirittura alla cancellazione di un telegiornale''.

    http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_1652644346.html

    … E QUESTO NON E' NIENTE CARO ZAVOLI :hehe:


    #129526

    marì
    Bloccato

    Santoro: “Senza Travaglio non c'è Annozero”
    di Angela Oliva del 14/09/2009


    MILANO.
    E’ bufera in Rai per le trasmissioni televisive. Dopo il caso dello slittamento di “Ballarò” per dare spazio ad uno speciale di “Porta a porta” sui terremotati d’Abruzzo, …

    anche il patron di “Annozero” Michele Santoro lamenta che la sua trasmissione non ha ancora una troupe operativa per fare le inchieste e l’opinionista Marco Travaglio non ha ancora un contratto: “Sappia Berlusconi, che continua ad agire vigliaccamente nell'ombra, che farò in modo che il pubblico di Annozero chieda con tutta la sua energia la messa in onda del programma. – afferma Santoro – Si accetta di fare un dibattito in consiglio di amministrazione della Rai per la discussione del contratto di Marco Travaglio – dice Santoro – Perché cosa ha fatto Travaglio? E' un delinquente? Esiste una lista di professionisti proibiti in Italia in possesso di qualcuno? Perché dobbiamo aspettare l'esito di un dibattito che si svolgerà sette giorni prima della prima puntata di Annozero?

    E' insopportabile – continua Santoro – che persone che hanno dato il sangue per questa professione, occupandosi di mafia, devono stare lì ad aspettare che persone che non si sono mai occupate di televisione in vita loro e che sono lì solo per decisione di un presidente del consiglio decidano della loro vita e della loro morte. Come facciamo ad accettare che un programma che deve partire tra sette giorni non abbia ancora una troupe operativa per fare le inchieste e che – sottolinea Santoro – abbia il contratto del nostro giornalista più importante sub judice? E noi lo accettiamo? I consiglieri di amministrazione di sinistra accettano senza ribellarsi? Il presidente di garanzia della Rai accetta questa situazione? Probabilmente parteciperò alla manifestazione del 19 settembre per la libertà di stampa indetta dalla Fnsi. Ma – conclude Santoro – senza Travaglio non c'è Annozero”.

    E intanto il giornalista della trasmissione di Raidue, Sandro Ruotolo, su Facebook si lamenta della situazione, scrivendo: “Ballarò slitta….per gli autori di Report nessuna copertura legale…noi, a dieci giorni dalla prima puntata, non abbiamo realizzato ancora un'inchiesta perché non ci sono gli operatori mentre del contratto di Marco Travaglio non sappiamo ancora nulla e non vengono messi in onda i nostri spot. Il 19 tutti a Roma alla manifestazione per la libertà d'informazione promossa dalla federazione nazionale della stampa. In democrazia sentire due campane è meglio che sentirne una. In democrazia, appunto”.

    http://www.pupia.tv/societa/6272/santoro-senza-travaglio-non-e-annozero.html


    #129527

    marì
    Bloccato


    Peggio del caso Montesi

    Antonio Padellaro

    15 settembre 2009
    Ricatti. Estorsioni. Pulizia etnica in Rai. Guerra per bande. Qualcuno si chiede se mai la politica italiana aveva raggunto simii abissi con direttori di giornali che sventolano dossier infamanti sotto il naso di un presidente della Camera. Forse solo ai tempi del caso Montesi http://it.wikipedia.org/wiki/Omicidio_di_Wilma_Montesi lo scontro per il potere produsse la stessa quantità di veleni e pugnali. Ma allora, nell'Italia degli anni 50, ci fu il morto: una giovane donna ( ma non si chiamavano escort) il cui corpo rivenuto sulla spiagga di Ostia fu scagliato dalla Dc di Fanfani contro quella di Picccioni. Oggi fortunatamente il morto non c'è (ancora) ma i miasmi che si levano dal pozzo berlusconiano ricordano i dossier di Pecorelli, finito male per non essersi trovato il padrone giusto. Ma poiché, come si sa, quando la tragedia si ripete diventa farsa oggi al posto del Sifar o della P2 o della banda della Magliana c'è un bel pacchettto di informative anonime pronte ad 'attenzionare' mescolando i si dice alle calunnie chiunque provi a disturbare Papi il manovratore. La cancellazione di quel po' di informazione libera sopravvissuta in Rai è funzionale al disegno. Nessuno deve sapere che cosa si muove dentro il palazzo del malaffare. L'ordine che il direttore generale Masi sta attuando con geometrica obbedienza consiste nel mettere Santoro e la Gabanelli in condizioni di non più nuocere al premier padrone. Fuori Travaglio e tutto il potere a Vespa e a Minzolini. Questa è la gabbia in cui vogliono mettere la libera informazione. Questa è la guerra di liberazione a cui siamo chiamati.
    http://antefatto.ilcannocchiale.it/?r=168703

    :yesss:


    #129528

    UFOTAV
    Partecipante

    Cosa centra la Rai con Berlusconi? Quando modificano un programma è colpa di Berlusconi? Qui c' è chi si approfitta per crerare dissapori e buttare tutte le colpe su Berlusconi. Quando ci fu il problema dei terreni del Conte Bonzi, situati davanti alla pista di decollo di Linate, buttarono tutte le colpe addosso a Berlusconi. Invece i Sindaci dei paesi interessati, sparirono completamete dalla scena. Questa è Giustizia amministrata dai goliardi universitari. :guit:


    #129529

    marì
    Bloccato

    [link=hyperlink url][youtube=425,344]WvJbBFThnZ4[/link]


    #129530

    marì
    Bloccato

    Porta a Porta – Berlusconi sta male

    [link=hyperlink url][youtube=450,340]613hDjQdJUI[/link]

    l'articolo
    http://www.byoblu.com/post/2009/09/16/Berlusconi-sta-male.aspx

    … aveva ragione sua moglie … quest'uomo non sta bene, AIUTATELO!

    :ummmmm:


    #129531

    FREESPIRIT
    Partecipante

    è un buffone nato e buffone morirà.Speriamo che presto tolga il disturbo, che l'italia è ridotta a una vergogna internazionale a causa sua!! :nono:


    #129532

    marì
    Bloccato

    Duello Masi-Garimberti in Cda. Nomine a Raitre forse tra una settimana

    Polemiche in Rai: il caso «Porta a Porta» può sbloccare «Annozero»

    Probabile sì al contratto di Travaglio per evitare un nuovo fronte


    ROMA
    – Consiglio di am­ministrazione Rai in sordina, quello di ieri, nonostante le durissime polemiche sui delu­denti ascolti di «Porta a por­ta » con Silvio Berlusconi e sullo spostamento deciso per «Ballarò». La tragedia di Ka­bul ha spinto tutti a non ag­giungere più benzina sul fuo­co delle polemiche e a rinvia­re ogni decisione operativa al­la prossima settimana. Pro­prio Garimberti ha invitato i consiglieri a un basso profilo, a una discussione pacata, ol­tre che alla riservatezza, con­siderando il lutto che ha colpi­to l’Italia con l’attentato.

    Comunque Garimberti ha ribadito con chiarezza e deci­sione la sua posizione critica su modi e tempi che hanno portato alla decisione di rin­viare la puntata d’esordio del programma di Raitre a favore dello speciale di Porta a Porta su Raiuno con Silvio Berlusco­ni. La consegna delle case ai terremotati era in calendario da mesi, ha sottolineato Ga­rimberti, e dunque occorreva tempo per organizzare una puntata di approfondimento. Sarebbe stato insomma me­glio lasciare tutto invariato, ha concluso il presidente. Po­sizione condivisa dai due con­siglieri di opposizione e criti­cata dagli altri, legati alla mag­gioranza. Quanto al direttore generale Mauro Masi, ha dife­so la scelta sostenendo che la richiesta di anticipare «Porta a porta» in prima serata era giustificata dall’importanza dell’avvenimento.

    Caso Travaglio. Ovvero il nodo del contratto, tuttora non firmato, per il principale collaboratore di Michele San­toro ad «Annozero»: Masi ha bloccato l’iter «per accerta­menti ». Tutto fa pensare a una conclusione positiva e formale entro lunedì, al mas­simo martedì. Masi avrebbe cercato di ottenere un voto da parte del Consiglio, dopo aver ricordato (dati alla ma­no) che sanzioni e richiami dell’Agcom, ovvero dell’Auto­rità per le telecomunicazioni, sono numerosi, secondo la li­sta del direttore generale: tre nel 2001, una nel 2003, una nel 2007, due quest’anno. Al­tro punto: Masi sarebbe per­plesso per l’assenza di un con­traddittorio ai «corsivi» di Marco Travaglio. Ma il Cda avrebbe rifiutato ogni voto, ricordando che i contratti sono materia del dg. Ma anche se Masi resta molto dubbioso, sembra a tutti mol­to improbabile che la direzio­ne generale, soprattutto do­po le polemiche su «Porta a porta» e gli attacchi dello stes­so Berlusconi a Raitre e a Mi­chele Santoro, decida di apri­re un altro fronte proprio al­l’esordio della trasmissione più «difficile» dell’anno, ov­vero «Annozero», fissato per giovedì 24. Non è escluso che Masi proponga a Travaglio un contratto più rigido del so­lito, con molte forme di caute­le legali nei confronti della Rai. Mercoledì sarà la volta dell'audizione di Masi davan­ti alla Commissione di vigi­lanza, poi giovedì il consiglio tornerà a riunirsi con la possi­bilità di discutere anche delle nomine di Raitre e Tg3.

    Paolo Conti
    18 settembre 2009
    http://www.corriere.it/politica/09_settembre_18/annozero_porta_a_porta_paolo_conti_daa69206-a416-11de-a9bb-00144f02aabc.shtml


    #129533

    marì
    Bloccato

    [color=#0000ff]

    Ricevo e rigiro a chi puo' interessare:[/color]

    La pagina ufficiale di Annozero su Facebook

    From: annozero@rai.it
    Sent: Thu 9/17/09 4:31 PM
    To: XXXXX

    Buongiorno ,
    Cari amici, siamo felici di comunicarvi che abbiamo aperto la pagina ufficiale di Annozero su Facebook. Una pagina che a partire dal 25 Settembre, il giorno dopo il debutto della quarta stagione, andrà via via arricchendosi di contenuti multimediali e non, oltre che dei vostri preziosi commenti e punti di vista. Questa iniziativa si inserisce in un?opera complessiva di rinnovamento dell?interfaccia telematica della nostra trasmissione: dal sito Internet alle caselle mail con cui potrete comunicare con noi in maniera più agile e immediata. Nel ringraziarvi per la risposta meravigliosa che avete dato alla nostra richiesta di diffusione degli spot, vi invitiamo a diventare nostri fan su Facebook e a invitare i vostri amici ad unirsi al nostro gruppo virtuale. Ecco l?indirizzo: http://www.facebook.com/pages/Annozero/149001692773?ref=nf&v=wall ? e ancora una volta aiutateci ad amplificare il nostro messaggio! L?appuntamento rimane per Giovedì 24 Settembre alle 21:00 su Rai Due Cordialmente La redazione di Annozero

    [color=#0000ff]Alla quale ho risposto:[/color]

    Carissimo Michele Santoro, “Facebook” proprio NO … e' troppo 🙁 e come tu/voi sapete: il troppo stroppia.

    Il 24 saro' puntuale ad aspettarti/vi, su questo ci puoi contare.

    Con infinita stima e rispetto

    Mari' dalla Sicilia.

    🙂


    #129534

    marì
    Bloccato

    [color=#0000ff]Intanto …[/color]


    Il 3 ottobre per la libertà. Sarà una piazza colorata, strapiena e con adesioni in crescita

    di Giorgio Santelli

    Lo spostamento della manifestazione nazionale sulla libertà di informazione dal 19 settembre al 3 ottobre ha creato tanta solidarietà e qualche malumore. Entrambe le posizioni sono legittime e Articolo 21, nel suo complesso, ha scelto la via dell'Italia solidale con i ragazzi morti in Afghanistan. La scelta della Fnsi è giusta, comprensibile e doverosa. La protesta a difesa dell'articolo 21 della Costituzione è sacrosanta. Il diritto ad informare e ad essere informati merita di essere proclamato, in piazza, in tutta la sua potenza e non può rischiare di essere oscurato da strumentalizzazioni e scarso risalto mediatico.

    E quindi non dobbiamo correre il rischio del rilassamento ma partire dal presupposto che è anche obiettivo di avere 14 giorni a disposizione per rendere la manifestazione una grande piazza della libertà.
    Oltre ad una scelta di opportunità (manifestare nei giorni del lutto nazionale è di cattivo gusto) c'è anche lo spazio per protestare alla luce di due scadenze che, se vogliamo dirla tutta, porteranno maggiore attenzione sull'appuntamento del 3 ottobre. Proprio in quei giorni ci sarà la decisione della Corte sul Lodo alfano. E subito dopo tornerà in discussione la legge che mina alla base il diritto di cronaca attraverso nuovi divieti sulle intercettazioni telefoniche. Abbiamo, per questo, una grande opportunità in più.

    E, dopo quel che è accaduto in Afghanistan, un nuovo tema: quello dell'informazione dimenticata, come quello della guerra Afghana. Tra i temi dell'informazione nascosta, infatti, ci sta anche la cattiva informazione su quel che succede in Afghanistan; sul fatto che da una platea sempre più vasta fatta di associazionismo e politica si comincia a rilevare il fatto che l'aumento delle truppe non aumenta la sicurezza del popolo Afghano. Dobbiamo rimboccarci tutti le maniche e trovare forte coesione per giungere con determinazione all'appuntamento del 3 ottobre. Cosa che, nei fatti, sta accadendo. Le adesioni continuano ad arrivare, l'attenzione verso quell'appuntamento è sempre più in crescita. Parte un viaggio di due settimane che ci porterà ad una Piazza del Popolo colorata, strapiena e con una voglia sempre maggiore di libertà.

    http://www.articolo21.info/

    Ragazzi ci sono quasi tutti :hehe:


Stai vedendo 10 articoli - dal 61 a 70 (di 183 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.