SUPERATA LA VELOCITA' DELLA LUCE…

Home Forum EXTRA TERRA SUPERATA LA VELOCITA' DELLA LUCE…

Questo argomento contiene 112 risposte, ha 20 partecipanti, ed è stato aggiornato da NEGUE72 NEGUE72 8 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 113 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #32648
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Si può intuire che il rilascio ultimo di energia dal nostro Sole venga da quelle che sono note come espulsioni di massa della corona. In questi casi, l’intero Sole rilascia un super-flash di energia da gran parte della sua superficie simultaneamente, che viaggia nello spazio come una bolla, tipo aureola, in espansione che può contenere fino a dieci miliardi di tonnellate di gas elettrificato [28]. In modo non sorprendente, il dott. Dmitriev spiega che con ogni anno che passa questi super-flash stanno in realtà viaggiando attraverso lo spazio veloci come non mai in precedenza! Questo accade per la stessa ragione per cui si nuota più velocemente nell’acqua che non nella melassa; lo spazio interplanetario è diventato un migliore conduttore. Questo ci mostra un’altra conseguenza dello spostamento della nostra eliosfera in un’area di maggiore densità di energia eterica.

    Così il 6 Novembre 1997 c’è stato un’enorme espulsione di massa della corona stimata al tremendo livello X di 9,1 che le NASA etichetta, testualmente, come “severo”. Per 72 ore la Terra è stata caricata da protoni altamente energetici. I modelli convenzionali avevano predetto solo un evento severo per il 1997 quando invece ce ne furono tre, mostrando un incremento del 300%. E come mostra la figura 8.12, la severità di questo evento del Novembre 1997 è stata poi sbriciolata da eventi di intensità ancora maggiore fra l’Aprile e il Maggio del 1998.

    Ancora più recentemente, dal 10 al 13 Maggio 2000, l’energia e la polvere che sgorgavano fuori dal Sole, noto come “Vento Solare”, si è bruscamente spento costringendo la NASA ad annunciare che questo è stato, parole testuali, “la più drastica e lunga diminuzione” mai osservata [25]. Questo ha creato enormi aurore sulla Terra e causato un gonfiamento del campo magnetico tra il 500% e il 600% della sua normale dimensione. Molti satelliti internazionali hanno confermato che questa è stata la singola espansione del campo magnetico terrestre più grande di cui siano mai stati testimoni. Il grafico sulla sinistra mostra il campo magnetico della Terra in uno stato più compresso ed energetico, laddove il grafico sulla destra mostra uno stato più rilassato che ha permesso l’espansione. L’estremità blu dello spettro mostra un grado maggiore di energia magnetica rispetto al rosso.

    Poi, il 14 Luglio 2000, un massiccio brillamento solare investì direttamente la Terra. I protoni provenienti dal Sole ci arrivarono in soli 15 minuti, che la NASA ha indicato come una delle velocità più alte mai osservate [26]. La velocità della stessa luce pura è solamente meno del doppio di questa, a otto minuti di viaggio dal Sole alla Terra. Normalmente, non si pensa che i protoni energetici viaggino così vicino alla velocità osservabile della luce. Dopo questo brillamento, è stata rilasciata una espulsione di massa dalla corona che ha viaggiato a oltre il 200% più veloce di quanto si aspettino i modelli convenzionali. Un buon numero di satelliti ed equipaggiamenti sono stati o disabilitati o completamente spenti, compreso il giapponese “Advanced Satellite for Cosmology and Astrophysics”, che è stato così danneggiato che in realtà è stato lasciato cieco e barcollante nella sua orbita.

    L’8 Novembre 2000, un massiccio brillamento è stato seguito subito da una espulsione di massa dalla corona che ha creato una delle più intense tempeste di radiazioni delle ultime decadi. L’onda d’urto ha colpito la Terra in sole 31 ore, arrivando il 10 Novembre, che è semplicemente due volte più velocemente di quanto si aspettassero gli scienziati della NASA. Come possiamo vedere nella figura 8.13, la velocità del vento solare è balzata da 600 fino a 1000 km/s mentre passava l’onda d’urto, e il totale dei protoni ad alta energia che sono stati misurati intorno alla Terra questa volta balzarono ad un livello che era abbondantemente centomila volte più grande del normale. I satelliti sia di SOHO sia di Stardust non erano stati costruiti per resistere ad un tale impatto, e furono resi ciechi dallo sbalzo nella radiazione, che li hanno resi incapaci di “osservare” le stelle che normalmente usano per orientarsi [27].

    Nella seconda settimana di Febbraio 2001, il Sole era ancora piuttosto attivo, bombardando continuamente la Terra con particelle. Questa volta la NASA per prima ha riferito che i poli magnetici del Sole stavano attraversando il processo di inversione, come ci si aspetta normalmente al termine degli undici anni di ogni ciclo solare. Quando questa inversione è iniziata, l’energia che fluiva verso la Terra è immediatamente aumentata, causando un numero di terremoti molto seri di magnitudine molto grande. La gran parte degli scienziati convenzionali si rifiutano tutt’ora di fare dei collegamenti tanto ovvi.

    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_08.htm

    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.313
    OTC: Nel nostro sistema solare, il fattore temporale sarebbe coinvolto, si. Valutiamo il tempo sulla velocità della luce e in certi sistemi, se superiamo la velocità della luce, sicuramente il tempo rallenterebbe.

    Ben: Il vostro mezzo può superare la velocità della luce?

    OTC: Non diciamo questo, ho detto in altri sistemi.

    Ben: Pensavo che nulla potesse farlo, pensavo fosse un fattore costante, uno dei fattori di Einstein.

    OTC: Possibilmente nel nostro sistema, ma non necessariamente vero in altri sistemi.

    Ben: Tutto ciò che si avvicina alla velocità della luce diviene pura energia.

    OTC: Pura energia, ma in altri sistemi può essere diverso.

    ———

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.4432

    Studi in Russia

    Alcuni scienziati Russi ( ) dicono che gli stessi cambiamenti avvengono ora nel nostro sistema solare e nei pianeti, come quelli avvenuti con l'estinzione dei dinosauri, un tempo che ha marcato un gigante cambiamento nel clima della Terra e negli schemi metereologici e forse in cui è avvenuta una inversione dei poli. Il nostro pianeta non inverte i poli magnetici da 780.000 anni.
    Scienziati dell''Accademia Nazionale Russa delle Scienze in Siberia, sono arrivati alla conclusione che ci siamo mossi in una area dello spazio differente, con un livello maggiore di energia. I Russi stanno riportando cambiamenti registrati nello spazio e mai visti prima. I Russi hanno osservato l'estremità dell'eliosfera e hanno osservato energia di plasma luminescente.

    L'Accademia Nazionale Russa delle Scienze non ci da una linea temporale, ma il cambiamento è dell'ordine di 1000 volte di aumento rispetto a quello che si sapeva e che era accettato. I Russi dicono che questo cambiamento nel Sole sta cambiando il modo di funzionare dei pianeti e il tipo di vita che possono supportare. Riportano persino, ma non spiegano, che si sta alterando la spirale del DNA.
    Sentono che una continua espansione della eliosfera ci porterà in un nuovo livello di energia, che probabilmente ci sarà una improvvisa espansione delle lunghezze d'onda armoniche che il Sole emette nell'emanare energia e che questo aumento di emissione energetica cambierà la natura di base di tutta la materia nel Sistema Solare.

    :ummmmm: :ummmmm: ?!


    #32649

    lila
    Partecipante

    I neutrini interagiscono solo attraverso la forza nucleare debole

    I neutrini non hanno carica elettrica né carica di colore, interagiscono solo attraverso la forza nucleare debole e la forza di gravità, ma non sentono l'interazione nucleare forte o la forza elettromagnetica.

    Il nome neutrino fu coniato da Enrico Fermi come diminutivo del nome di un'altra particella neutra, il neutrone, molto più massiva.


    #32650

    Tilopa
    Partecipante

    [quote1316793448=Xeno]
    A questo punto tutto questo non mi torna
    😕

    Secondo la teoria della relatività ristretta, elaborata da Einstein, la velocità è una costante, tanto da essere parte della conosciuta equazione E=mc², dove E è l'energia, m la massa e c, appunto, la velocità della luce. La relatività prevede che se un corpo viaggiasse ad una velocità superiore a quella della luce dovrebbe avere una massa infinitamente grande. Per questo la velocità della luce è stata finora considerata un punto di riferimento insuperabile”.

    ps.
    Einstein —-> :grrr:

    :kkk:

    [/quote1316793448]

    Ci vuole un'energia infinita per raggiungere la velocità della luce …
    Il tempo si ferma … in realtà il neutrino è partito dal Gran sasso andando al Cern di Ginevra e non viceversa, arrivandovi prima di essere partito 😉


    #32651

    Xeno
    Partecipante

    Va beh,
    comunque [u]se[/u] è vero quanto enunciato possiamo allora dire che abbiamo una nuova costante,che mi pare di capire sia di almeno 60nanosecondi rispetto alla luce (nel vuoto)

    Vedremo….


    #32652
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1316797186=Tilopa]
    [quote1316793448=Xeno]
    A questo punto tutto questo non mi torna
    😕

    Secondo la teoria della relatività ristretta, elaborata da Einstein, la velocità è una costante, tanto da essere parte della conosciuta equazione E=mc², dove E è l'energia, m la massa e c, appunto, la velocità della luce. La relatività prevede che se un corpo viaggiasse ad una velocità superiore a quella della luce dovrebbe avere una massa infinitamente grande. Per questo la velocità della luce è stata finora considerata un punto di riferimento insuperabile”.

    ps.
    Einstein —-> :grrr:

    :kkk:

    [/quote1316793448]

    Ci vuole un'energia infinita per raggiungere la velocità della luce …
    Il tempo si ferma … in realtà il neutrino è partito dal Gran sasso andando al Cern di Ginevra e non viceversa, arrivandovi prima di essere partito 😉
    [/quote1316797186]

    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_02.htm
    LA NUOVA VISONE DELLA RELATIVITA’ IN GINZBURG

    I primi concetti chiave che desideriamo esplorare sono da collegarsi all’opera del dott. Vladimir Ginzburg, nato a Mosca e trasferitosi negli USA con la famiglia nel 1974. Dopo la laurea in scienze tecniche nel 1968, egli si trovava certamente nella migliore posizione per conoscere le scoperte di Kozyrev, uno dei maggiori astrofisici russi. Come detto, nell’ex-Unione Sovietica esisteva un forte desiderio del regime di stendere un velo di segretezza su questi argomenti, infatti Ginzburg stesso non menziona Kozyrev nelle sue opere. Nondimeno, Ginzburg scoprì che potevano essere effettuate poche semplici modifiche alle comuni equazioni facenti parte della teoria della relatività senza creare discordanze con le osservazioni note e, per di più, riuscendo a spiegare le anomalie di modificazione del peso della materia che già Kozyrev aveva notato.

    La teoria della relatività afferma che un oggetto aumenta gradualmente la sua massa una volta che è stato sottoposto ad accelerazione. Secondo il pensiero scientifico convenzionale, nessun oggetto può superare la velocità della luce, perché appena esso raggiunge tale velocità, secondo le equazioni l’oggetto diventerebbe infinitamente grande. Allora, in termini approssimativi, Ginzberg trovò che era possibile invertire completamente queste equazioni senza violare alcuna regola scientifica. Questo significa che invece di diventare più grande, un oggetto avrebbe addirittura rilasciato energia verso l’etere nel momento in cui fosse stato spostato, provocando così la perdita graduale di tutte le sue caratteristiche profonde di massa gravitazionale, massa inerziale e polarità elettrica qualora avesse raggiunto la velocità della luce. Ginzberg presenta questi nuovi concetti nei seguenti termini: [grassetto nostro]

    Le caratteristiche principali di queste nuove equazioni sono:
    – Sia la massa gravitazionale che quella inerziale di una particella decrescono quando la sua velocità aumenta.
    – La polarità elettrica di una particella decresce allo stesso modo quando la sua velocità aumenta…

    http://www.animacosmica.org/spirito-scienza/verso-linfinito-e-oltre-trascendere-le-nostre-limitazioni/
    Noi eravamo un’estensione estrema dello spazio che osservava sè stessa e faceva esperienza della materia? Sembra che Einstein pensasse questo, come in questa citazione: “Gli oggetti fisici non sono nello spazio, ma questi oggetti sono estesi spazialmente. In questo modo il concetto di “spazio vuoto” perde il suo significato”. Però se lo spazio era il grande medium che connetteva tutte le cose, che raccoglieva informazione da tutti i posti per auto-organizzarsi e creare la complessità che osserviamo nel mondo naturale, allora lo spazio avrebbe dovuto essere infinitamente denso -infinitamente denso di informazione o energia…


    Densità Energetica del Vuoto

    Sembrava che nel mondo quantistico, avessimo incontrato una difficoltà quando i fisici hanno cercato di calcolare la densità energetica di un oscillatore come un atomo. Venne fuori che alcune vibrazioni esistevano ancora, persino quando il sistema veniva portato allo zero assoluto, dove pensereste che tutta l’energia venga a mancare. Infatti, le equazioni mostravano che persino nel vuoto c’era una quantità infinita di possibili fluttuazioni di energia. Per capirlo meglio, i fisici hanno applicato il principio di “rinormalizzazione”, usando una costante fondamentale per tagliare il numero e ottenere una idea finita di quanto dovesse essere densa l’energia del vuoto, con tutte le sue vibrazioni. Per tagliare il valore è stata usata la distanza o lunghezza di Planck, il cui nome viene dal grande fisico Max Planck, che è considerato il fondatore della teoria quantistica. Si pensa che questo valore sia la vibrazione minima possibile, dell’ordine di 10^-33 cm e con una massa-energia nell’ordine di 10^-5 grammi.

    I calcoli eseguiti servivano per conoscere quante vibrazioni del volume di Planck potessero esistere in un centimetro cubo di spazio. La risposta, dato che ogni volume di Planck aveva una massa specifica, era una densità di massa-energia in un centimetro cubo di spazio. Il risultato era enorme! La densità di energia nel vuoto, detta anche densità di Planck, era dell’ordine di 10^93 grammi per centimetro cubo di spazio e venne subito soprannominata “la peggior predizione che la fisica abbia mai fatto” o “la catastrofe del vacuum”.

    ..


    #32653
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Per il video di Nassim ricordatevi di scegliere lingua inglese 100% per poter visualizzare i sottotitoli 🙂


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #32654

    Xeno
    Partecipante

    Ok Richard grazie.
    Riguardo alla distanza di Planck (secondo video)cè da dire che quel numero è stato calcolato e di più la fisica in questo momento nn riesce;Quindi il numero è diciamo…finito fintantochè nn si va oltre e qui entrano i gioco equazioni quantistiche.
    Son d'accordo con Nassim, maè anche vero che la fisica ha bisogno di numeri per poter operare
    Come ben saprai il loro linguaggio è la matematica se gli parli in altro linguaggio nn ti capiscono.


    #32655
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1316801715=Xeno]
    Ok Richard grazie.
    Riguardo alla distanza di Planck (secondo video)cè da dire che quel numero è stato calcolato e di più la fisica in questo momento nn riesce;Quindi il numero è diciamo…finito fintantochè nn si va oltre e qui entrano i gioco equazioni quantistiche.
    Son d'accordo con Nassim, maè anche vero che la fisica ha bisogno di numeri per poter operare
    Come ben saprai il loro linguaggio è la matematica se gli parli in altro linguaggio nn ti capiscono.
    [/quote1316801715]
    il punto è che ignorano ciò che rimette in discussione tutto e non affrontano gli infiniti (qui entra il gioco il concetto dei frattali e dell'olografia), dobbiamo rivedere il modo in cui affrontiamo la fisica e non possiamo più ignorare una energia infinita e che questa energia fa emergere la realtà in cui viviamo.

    Non possiamo più parlare di onde-particelle nel vuoto dove una densità infinita di energia non ha effetti sulla realtà visibile.
    Non possiamo più parlare di onde senza prendere in considerazione il mare che le genera.

    “L'etere è portatore di luce e riempie ogni spazio, l'etere agisce come forza creativa che dà la vita. Viaggia in “turbini infinitesimi” (“micro eliche”) prossime alla velocità della luce, divenendo materia misurabile. La sua forza diminuisce e arriva a terminare del tutto, regredendo in materia, secondo una specie di processo di decadimento atomico. Gli uomini possono dunque imbrigliare questi processi di passaggio dall'energia alla materia, e dunque può catturare materia dall'etere, alterare la grandezza della Terra, controllare le stagioni, guidare la rotta della terra attraverso l'Universo, come una navicella spaziale, e poi causare collisioni di pianeti per produrre nuovi soli e stelle e dunque, calore e luce. L'uomo può originare e sviluppare la vita infinitamente.”
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.883

    Nikola Tesla è considerato uno dei geni dimenticati del XX secolo, fu senza dubbio uno scienziato eccezionale dal carattere eccentrico, ma con un ingegno fuori dal normale rifiutò per ben due volte il premio Nobel per la fisica (1912-15) poiché per lui non contava affatto il successo e il suo interesse personale. Gli sono attribuite l’invenzione del motore in corrente alternata, l’alternatore, la trasmissione delle onde radio (nel 1943 la Corte Suprema degli Stati Uniti riconobbe che Tesla aveva per primo inventato la trasmissione di onde radio. Si riconosce però a Marconi l'invenzione della radio, perché questi per primo inviò oltreoceano un segnale in cui era contenuta un'informazione), la scoperta dei raggi cosmici, il trasporto di energia attraverso le onde elettromagnetiche e molti altri studi e scoperte.
    http://www.riflessioni.it/enciclopedia/tesla-nikola.htm

    Non penso che questa del neutrino sia una scoperta che non condurrà a nulla..purtroppo chi non vuole accettare di dover rivedere le proprie convinzioni, come avviene nella religione, cercherà in tutti i modi di giustificare, sminuire, deviare..farebbe meglio invece ad un certo punto a riconoscere e accettare.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Z_machine
    Nel 2005, la Z machine ha prodotto plasma con temperature al di sopra dei 2 GK (109 K) o 2 miliardi di °C. Gli scienziati del progetto erano dubbiosi riguardo agli esiti delle sperimentazioni, ma dopo quattordici mesi di analisi con modelli computerizzati e ulteriori esami, hanno concluso che i risultati siano effettivamente validi


    #32656

    Tilopa
    Partecipante

    Tachioni: oggetti con velocità superluminali …

    Siamo nel 1996 e il prof. Recami scrive che alcuni neutrini possono essere oggetti che possono viaggiare solo a velocità superiore a quella della luce ….

    FISICA Vacilla il muro della luce Indizi dei tachioni, senza smentire Einstein
    AUTORE: RECAMI ERASMO

    TRATTO DA [link=http://www.artico.name/testi/ts99/960306.shtm url]TUTTOSCIENZE [/link] 06/03/1996

    “Ben 4 differenti settori della fisica sperimentale sembrano oggi suggerire l'effettiva esistenza di moti superluminali. In primo luogo, una serie di esperimenti cominciati nel 1971, sembra indicare che il quadrato m2 della massa a riposo m dei neutrini muonici, e più recentemente dei neutrini elettronici, sia negativo; il che vorrebbe dire che questi neutrini sono tachionici, o in buona parte tachionici”


    #32657
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    si i nomi sono tanti, eteroni, tachioni ecc.. perchè dobbiamo rivedere la fisica e il linguaggio comune
    comunque senza fretta, tutti calmi, tanto se devono arrivare, ci saranno altre conferme di vario tipo


Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 113 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.