un mondo di confusione–dove arriveremo?

Home Forum L’AGORÀ un mondo di confusione–dove arriveremo?

  • This topic has 21 partecipanti and 124 risposte.
Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 125 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #134573
    palmimmo
    Partecipante

    ops
    Richard quello che ho scritto su realta o percezione di essa, non era riferito al tuo avvistamento, io ti credo e non credo che fosse un aereo, era in relazione ad un altro utente che sosteneva che gli extraterrestri erano buoni o cattivi in base a come ti ponevi
    forse mi sono freinteso!
    Sono abbastanza d'accordo con Nuzzi, le cose sono reali, è da li che si parte ma dove si arriva dipende spesso da noi stessi.
    settimana scorsa a mistero parlavano di un ragazzo che da cieco riusciva a vivere senza apparenti problemi, vedeva grazie al rimbalzare delle onde sonore tipo pipistrello, se non lo avessimo visto sarebbe impossibile, ma una volta appurata la cosa è un'altro passo verso un mondo infinito di risorse, tutte dentro di noi!
    non sopporto chi dice IMPOSSIBILE, mette dei paletti su cose che non immagina neppure


    #134575
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    nessun problema 🙂
    comunque il mio discorso rimane..
    https://www.altrogiornale.org/_/tagcloud/tagcloud.php?ecolocazione

    il ragazzo di cui parli immagino sia questo
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.2999

    non è l'unico, stanno studiando per sviluppare una tecnica che si possa apprendere
    ho visto in tv anche un signore senza occhi che dipinge a colori e in modo proporzionato con tanto di profondità ecc..


    #134574
    Anonimo

    [quote1275912931=palmimmo]
    convinzioni e le idee di questi anni dove andrebbero!!!!
    [/quote1275912931]
    Le esperienze tangibili le hanno quelle persone che ne hanno bisogno, non necessariamente chi ci crede. Gli altri potrebbero avere esperienze anche dirette senza apparentemente accorgersi di nulla – ad un livello più sottile e difficilmente percetibile, o non averne proprio.
    Se in questi anni non succederà quello che la gente si aspetta che “deve” accadere, sapranno di aver creduto nelle false dottrine o di aver interpretato male delle informazioni veritiere.
    Hitler seguiva “demoni”, anche se ufficialmente era cristiano praticante, si tratta di “entità” negative le quali gli hanno trasmesso una storia fittizia del mondo, la quale hanno costruito a tavolino per potergli offrire una scusa per il progetto della “guerra universale”.
    C'è davvero poco di reale nelle parole di alcuni studiosi, tipo Icke, ospitato nelle televisioni commerciali che non si sono mai occupate dei diritti umani, del progresso dell'individuo, dello Spirito ecc.
    A proposito della Realtà non bisogna confondere il percorso spirituale (differente per ogni essere umano) il quale conduce chi lo mette in pratica verso la conoscenza di se stessi, con la vera Realtà accessibile soltanto a coloro che dopo aver conosciuto se stessi si sono aperti alla comprensione totale del cosmo senza tabù e paure di alcun genere.
    La prima fase, a differenza della seconda, ti mostra una “realtà” provvisoria che non è ancora la vera Realtà ma che è utile ed è indispensabile – come strumento innato nell'Uomo – per avvicinarsi all'ultima parte della ricerca sull'essenza (una sintesi del Sapere globale) dove poi alcuni riescono a vedere, capire anche la Verità con la v maiuscola…..
    Lo swastika e la stella di David – questi sono i nomi convenzionali – sono simboli positivi che nella storia sono stati (ab)usati per scopi negativi tuttavia il loro significato originario è rimasto invariato e perfetto. “Dio” fa sorgere il Sole sopra i malvagi e sopra i buoni e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti, indifferentemente, la conoscenza è per tutti ma non tutti amano la vera Conoscenza, distorcendola e falsificandola di conseguenza.
    Per chi studia per la prima volta argomenti talmente complessi non è facile trovare la strada, ma aspettare rivelazioni pubbliche o la discesa degli extraterrestri non è opportuno perché la migliore comprensione viene da dentro, non da fuori.
    Hai ragione sul fatto che ognuno interpreta quello che vede e sa, sulla base del proprio livello di coscienza, è cosa naturale e così dovrebbe sempre essere; è pericoloso affidarsi ciecamente agli studi compiuti da altri. Costoro spesso spacciano ipotesi irrazionali – logicamente non dimostrate – per certezze e per il nuovo dogma da imparare a memoria.


    #134569
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    si fa un percorso e una ricerca per guardarsi attorno e capire cosa avviene, poi si può ipotizzare cosa potrebbe avvenire, ma si deve rimanere cauti quanto si riesce, osservando gli eventi man mano, se poi le persone si aggrappano a delle aspettative è un problema soggettivo, è normale e umano, accade di continuo in tutti gli ambiti, può capitare..


    #134576
    Anonimo

    [quote1275921417=Nuzzi]
    Non sono per nulla d'accordo con chi afferma, in termini assoluti, che la realtà è il frutto della mente.
    Falso.[/quote1275921417]
    La realtà non è il frutto della mente subito ma dopo numerosi passaggi intermedi, e comunque la realtà fa parte di un Paradigma immodificabile. Ogni esagerazione crea false dottrine e deviazioni, dal messaggio di partenza.

    La percezione della realtà è il frutto della mente, la realtà stessa no!

    Esatto. I materialisti vedono la materia e si lamentano della sua povertà. I spiritualisti visualizzano un mondo diverso e più bello da quello attualmente vissuto ma immaginario, presente solo nella mente dell'adepto. Infine i realisti-Consapevoli danno un significato differente, spirituale, alla materia sperimentabile e perciò sono i più felici e più realizzati dei tre.
    Colui che cerca i perché dell'esistenza può 1.accontentarsi del poco, 2.fantasticare, oppure 3.progredire.
    Il primo, tende alla rassegnazione e alla superficialità spirituale. Il secondo, all'illusione e il pressapochismo materiale. Il primo e il secondo si fermano perché hanno saturato ogni potenziale ramo di ricerca.
    Il terzo va avanti.
    Per arrivare, successivamente, ad eguagliare il suo dentro con il suo fuori, all'inizio ha comunque bisogno di passare per favole e per metafore (chi più chi meno) che poi trasforma in esperienza della materia spiritualizzata…..
    Praticamente la realtà esterna è sempre la stessa uguale per tutti ed è una.
    Però il realista-Consapevole osserva interiormente aspetti di questa stessa realtà esterna che sfuggono completamente al materialista-scientista e allo spiritualista irrazionale che non sa vivere con i piedi per terra.

    Come è possibile separare la realtà della mente da quella vera?

    La realtà della mente scompare da sola quando la mente diventa trasparente come una finestra pulita o meglio spalancata. Nessuno può farlo al posto degli altri, ognuno per se…..

    O è molto difficile rispondere a questa domanda e molti hanno preso spunto da questa difficoltà per dire “ehi non esiste una realtà assoluta!” “la realtà è soggettiva, è creata dalla tua mente”.
    Se prendi il film matrix è una metafora magistrale di questo modo di pensare.
    Io sono dell'idea che la mente (almeno la mia) non può piegare la realtà a suo piacimento senza produrre alienazione.
    Cioè io posso convincermi che pur vivendo in un monolocale di 20 metri quadri quella sia “un'ambinente meraviglioso e consono ai miei bisogno” ma quando lo faccio devo assolutamente produrre un distaccamento dalla realtà che invece è ben diversa.

    Poiché il segreto non è, come viene predicato da sedicenti guru moderni, nella semplice visualizzazione dei desideri, nella affermazione del potere personale ma il segreto è nella riscoperta delle intenzioni Archetipiche dell'Essere, dell'Anima, del Sè, dell'Essenza ecc che sono in pochi a (ri)conoscere dentro se stessi perché lo cercano altrove – dove non c'è.

    Per questo mi puzzano i vari metodi derivanti dal “pensiero positivo” che dicono che a seconda di come pensi crei la tua realtà!

    Il senso di questi insegnamenti quando non sono campati per aria è che un determinato atteggiamento interiore come ad esempio l'apertura mentale volontaria e il Pensare Positivo attira eventi particolari nella tua Vita dai quali è possibile (volendo) imparare la giusta chiave di lettura del tuo ruolo unico e irripetibile nell'Universo.
    Se quel significato “sacro” viene perso ovvero non viene mai trovato, scoperto da ognuno di noi, gli umani restano quello che la scienza ufficiale crede che l'uomo terrestre sia: il corpo senza scopo alcuno, un casuale ammasso di atomi e basta.
    Se i politicanti stanno distruggendo la Terra e schiavizzano le loro amate popolazioni è proprio perché sono straconvinti che gli esseri umani inclusi loro stessi non hanno alcun valore cosmico o spirituale.
    Se la gente si annoia è perché non conosce l'immenso valore di ogni essere, Umano, Animale, Piante, il Pianeta vivente ecc.
    Rifiutare la ricerca dell'esperienza superiore (disponibile per chi ha voluto compiere il primo passo), vuol dire non diventare mai l'essere umano, degno di quel nome.
    Le istruzioni suddette descrivono come fare il primo passo, non illustrano l'insieme.

    Vuoi essere ricco? Devi immaginarti ricco sfondato, devi immaginarti una cascata di banconote che ti piovono addosso e se riuscirai a crederci veramente allora attirerai quel denaro.
    Andiamo!

    Infatti non funziona in questo modo un po banale, se qualcuno lo insegna, mente, oppure è un ciarlatano che non ha mai provato quello che afferma.

    …ma non credete che i bambini che muoino di fame nel mondo non desiderino con tutti loro stessi mangiare?

    Non è detto, se dubiti di meritare quello che non hai avuto fino ad ora (la rassegnazione) non puoi ricevere niente di quanto hai immaginato perché l'universo (dicono gli insegnamenti) manda le risposte alle richieste dell'inconscio. E l'inconscio umano, quasi sempre dubita. Delle proprie capacità naturali…..

    Non pensate che ci pensino continuamente tutto il giorno?
    Come mai a loro non funziona? Semplice perchè non è che hanno fame perchè non sanno pensare nel modo giusto ma semplicemente perchè c'è qualcuno che ha cascate di soldi proprio perchè tiene quella genete in quella posizione!

    Questo è vero. Il problema può essere risolto in due modi. Uno è collettivo, politico e globale, l'altro è individuale, spirituale, locale. Siccome i governanti fanno orecchie da mercante è giusto tentare anche il secondo metodo; ma non basta pensare, desiderare – senza conoscersi in profondità.
    Se esiste un Dio o chi per lui, il quale lascia morire di fame molti bambini, è per un solo motivo: perché ha previsto, offerto e permesso il secondo metodo di salvezza, quello famoso: “Conosci te stesso e conoscerai l'Universo”; si intende anche “e riceverai quello di cui tu hai bisogno” per poter Vivere, da essere umano.

    Secondo me la metodologia new age del “pensiero crea realtà” soprattutto quando si parla di profitti da questa tecnica sia IL MODO CON CUI LA SPIRITUALITA' SI è VENDUTA AL CAPITALISMO.
    Per questo ne sto alla larga come la peste.

    Esattamente, la disinformazione e la manipolazione del Sapere è peggio del silenzio. Però alcuni princìpi corretti e non distorti del Pensiero Positivo possiamo applicare e sperimentare bypassando il $business$ del newage. Ad esempio, alcuni miei amici distinguono nettamente la filosofia NewAge gratuita, Sapienziale e Gnostica che praticano o da soli o in gruppo, dal newage imposto dal sistema, quello da pagare, oltre che falso e finto….

    Poi è evidente che a seconda dei miei processi mentali io sarò condizionato e vedrò una cosa o non la vedrò… però questo non dimostra che la relatà oggettiva non esiste, dimostra solo che la realtà oggettiva si crea dalla sintesi del numero più alto possibile delle realtà soggettive.

    Comunque per quanto rigurda gli ET, a mio avviso un essere positivo ha buone probabilità di incontrare gli ET positivi mentre una “persona” (ossia una maschera) negativa molto probabilmente materializzerà entità negative, forme pensiero che non lo aiuteranno a crescere ma al contrario lo ostacoleranno raccontandogli la versione dei fatti non corrispondente alla Realtà.
    Secondo me, un ricercatore tendente “al negativo”, che sia teologo, ufologo o scienziato profes-sionista, è un pericolo pubblico, un falso profeta, perché trova nell'universo cose inesistenti (fabbricate da lui) insegnando involontariamente bugie esistenziali.


    #134577
    Pasquale GalassoPasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Benvenuto Mimmo.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #134578
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    grazie per i piacevoli interventi e chiaramente considero la discussione sulla coscienza e la percezione qualcosa di imponente da approfondire e per nulla semplice , una chiave però per capire noi stessi e quello che ci circonda

    alcuni spunti
    [youtube=420,347]portalplayer.swf

    ———

    http://www.movimentodagape.it/index.php?option=com_content&view=article&id=74:la-meccanica-quantistica-e-la-coscienza&catid=40:cultura&Itemid=72

    http://www.quantumconsciousness.org/PNAS.htm

    http://architectureandenvironmentaldesignlattc.net/winter/speed%20thought%20%20space%20time.pdf

    http://www.espresearch.com/espgeneral/doc-SpeedOfThought.pdf

    la percezione della realtà è frutto della mente, ma la mente a sua volta influenza la realtà


    #134579
    brig.zerobrig.zero
    Partecipante

    IL LAVAGGIO DEL CERVELLO AI MILITARI

    [youtube=425,385]NCjVEDztghY


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #134580
    palmimmo
    Partecipante

    Ciao Nessuno
    piacere di averti conosciuto e volevo provare a parlare dell'argomento realta e percezione anche se premetto che sono abbastanza a digiuno, in quanto non ho studi edeguati, ma cerco di ragionare con logica, per quanto mi riesce e cercando di dire meno cavolate possibili!
    provo a spiegare cosa penso:
    Io credo che un nostro io e una sorte di luce propria che brilla in base al nostro stato ci sia e che possa probabilmente influire anche su le persone che conosciamo e frequentiamo, ci sono persone che sicuramente ispirono più fiducia o più benessere e non escludo che ci siano persone dotate di poteri che si possano verificare anche dal punto di vista fisico, ma ho dei dubbi sul fatto essere ottimisti e vivere in spiritualità possa aggiustare tutto, per esempio ieri ho visto un documentario su report sulla Birmania risalente a qualche tempo fa, sono sicuro che siete a conoscienza della situazione, probabilmente più di me… quello che volevo dire e che le forze armate hanno picchiato e ucciso monaci, che si allenano tutta la vita per essere il più spirituali possibile, ma il risultato del loro ottimismo non è stato farevole, e non credo che si possa dire che il loro esempio sia stato d'esempio per il resto del mondo, quello che voglio dire è che ammettendo che Gesu sia morto in croce, o se preferite altre dei , tanto ce ne sono diversi che hanno donato la propria vita per il mondo, il risultato non cambia, il mondo è fatto di persone Buone e Cattive, e sarà così per sempre, perchè probabilmente bisogna bilanciare le forze, o forse solo perchè siamo umani e quindi terreni e materiali, certo forse alla notra Genesi eravamo più spirituali e man mano si sono perse le redini della nostra anima, ma penso che questo sia un dato di fatto, non possiamo rinnegare il nostro lato materiale, perchè noi siamo materiali.
    Quest'anno ho passato 3 settimane in India, pensavo di trovare un paese più spirituale, mentre i Santoni venivano chiamati Ladroni dal mio autista, e nei templi induisti Gianisti si vedevano per lo più turisti e gente per bene Indiana, i poveri erano per strada e avevano poco nulla, ma non mi sembravano così felici, e detto sinceramente il fatto di essere vegetariani non l'ho trovato tanto un fatto religioso quanto un fatto economico, un piatto di riso costava 20 rupie un piatto con del pollo ne costava 300,
    se fatte le dovute proporzioni io abitassi in india, col mio stipendio sarei anche io induista e non mangerei carne perche probabilmente sarebbe troppo costoso. ma non penso che ciò mi farebbe diventare più interiore!
    Mi devi scusare ma si penso che dentro di noi ci siano grossi poteri, ma non credo che la sola meditazione o ottimismo possano cambiare la mia vita o del mondo!


    #134581
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    certamente, spirito, mente e corpo, azione. Uno costruisce l'altro. Sono fattori di un complesso che agisce nella realtà. Si sta studiando se esista una connessione globale fra le coscienze, abbiamo dei dati che ne suggeriscono l'esistenza. Gruppi di piu persone concentrate assieme unendo il proprio intento sembrano influenzare la realtà. Capire quanto la nostra coscienza influenzi la realtà e le altre coscienze è una presa di consapevolezza importante.
    esempio: http://www.animacosmica.org/spirito-scienza/%E2%80%9Cle-implicazioni-scientifiche-e-spirituali-delle-abilita-psichiche-influenza-mentale-a-distanza-sui-sistemi-viventi-distant-mental-influence-of-living-systems-dmils%E2%80%9D/

    http://www.difesainvincibile.it/una-teoria-di-campo-della-coscienza

    http://www.coscienza.org/_ArticoloDB1.asp?ID=1047

    http://www.livescience.com/health/070104_cancer_prayer.html

    http://www.coscienza.org/_ArticoloDB1.asp?ID=689

    http://www.coscienza.org/BiostimTarg3.htm
    non dobbiamo confondere la ricerca col marketing e dobbiamo prendere le cose per quello che sono non per come ce le vendono e non confonderle..
    Questo però è una parte degli strumenti che dobbiamo usare e possiamo usare, è giusto pensare che non basti sedersi e meditare o pensare positivo se si vogliono migliorare le cose..

    Quindi noi influenziamo la realtà con i pensieri, le emozioni, le parole e le azioni
    Sono fattori che vanno uniti per avere una piena efficacia.
    Se hai spesso pensieri tristi o aggressivi o pessimisti, questo influenza le tue parole e le tue azioni, influenza le tue emozioni e quelle degli altri vicini a te e questo si riflette in quello che ti accade anche nel lungo termine, idem se hai pensieri di tipo opposto.
    Spiegare con questi elementi tutto il benessere o malessere che vediamo nel mondo certamente non è banale.
    Sicuramente dobbiamo ritrovare un bilanciamento.
    Se si vogliono influenzare positivamente gravi situazioni che riguardano milioni di persone, certo si possono provare meditazioni di gruppo, è stato fatto e sembrerebbe con risultati incoraggianti nel breve termine, ma chiaramente non basta, è però bene per ognuno sapere quanto da soli già influenziamo il mondo con i nostri pensieri, con le parole, con le emozioni e le azioni verso il prossimo, influenziamo la coscienza degli altri.


Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 125 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.