Vaccinazioni pediatriche

Home Forum SALUTE Vaccinazioni pediatriche

Questo argomento contiene 234 risposte, ha 27 partecipanti, ed è stato aggiornato da  meskalito 10 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 221 a 230 (di 235 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #53742

    meskalito
    Partecipante

    intanto dai un'occhiata quà

    È sicuramente un affare, ma è anche un affare criminoso. Mi riferisco al vaccino dell’epatite B.
    Credo tutti sappiano che la vaccinazione “obbligatoria” non è altro che un affare tra alcuni politici e le “famiglie” – Lobbies – proprietarie delle multinazionali farmaceutiche (BIG PHARMA).

    E in questo “affare”, la salute delle persone non c'entra nulla.
    Anzi è messa consapevolmente a rischio, ma rende così tanto denaro da non preoccuparsi minimamente di questo aspetto “secondario”.
    La vaccinazione dell’epatite B è un'altra prova di quanto siano pericolosi i vaccini, non solo, e di quanto siano anche inutili per la salute. Ma andiamo con ordine.
    L'epatite B è una malattia, ci dicono, “virale” innocua, diversamente dal vaccino !
    (NdR: cosi ci dicono i medici allopati ma NON e' cosi – l'Epatite e' una importante intossicazione del fegato, procurata da vari cause fra le quali anche i vaccini, effettuati in precedenza.
    Essa insorge raramente: 10 casi su 100.000 italiani nel 1991 (NdR: anno in cui è stata resa obbligatoria la vaccinazione !)- oggi nel 2008 e' aumentata l'incidenza dei malati a 10 per 100.000 abitanti, grazie alle campagne di vaccinazione precedenti; il rischio nei bambini è di un caso su 100.000 al di sotto dei 14 anni;
    Quello che non si dice chiaramente e' che in genere l'epatite B è una malattia benigna – 95-98% di remissioni totali senza conseguenze, salvo il caso dei soggetti molto vaccinati vaccinati (piu' deboli immunitariamente), in questo caso le intossicazioni e le infiammazioni sono piu' profonde ed e' molto piu' difficile uscire da essa.

    Essa infatti se trascurata e non eliminata con la Medicina Naturale puo' aggravarsi e trasformarsi in Cirrosi ed infine in Cancro.
    L'epatite è causata anche da interventi chirurgici e sanitari compiuti senza prendere le necessarie misure igieniche precauzionali: utilizzo della stessa siringa per più persone, sangue infetto per le trasfusioni, contagio nel corso di operazioni chirurgiche e odontoiatriche, piercing, tatuaggi, certi farmaci, cibi e acque inquinati.

    Alcuni medici allopati vaccinatori affermano che l'epatite si trasmette anche per via sessuale – nulla di piu' errato ! – essa essendo una intossicazione del fegato e' una malattia autoindotta per errori commessi precedentemente (vaccini compresi).
    Quei medici affermano quella “fesseria”, in quanto hanno riscontrato che tutti i malati di Aids hanno avuto od hanno in corso l'epatite, quindi essi affermano, se i malati di aids (malattia che ci dicono sessualmente trasmessa, quegli stessi medici allopati, sono tutti malati di epatite, essa e' stata presa con il contatto sessuale..questo e' un ragionamento da perfetti ignoranti.
    L'aids e' una malattia autoindotta da vari co-fattori (principalmente vaccini e droghe) i quali intossicano ed alterano PRIMA intestino e fegato, e susseguentemente producono immunodepressione, per i noti meccanismi di interconnessione fra intestino e sistema immunitario !

    Il Vaccino.
    Esso è formato da sostanze velenose che causano la diminuzione delle difese immunitarie della persona e in alcuni casi la morte.
    Le sostanze più velenose sono il thimerosal e il mercurio. Sostanze vietate in altri Paesi, in Italia lo e' stato solo dal 01/101/2008.
    L'efficacia del vaccino è incerta e non garantita dalle stesse case produttrici per più di 3-5 anni.
    Il laboratorio Pasteur (produttore francese di vaccini di Parigi) ha ammesso la correlazione tra le vaccinazioni per l'epatite B e la sclerosi multipla.
    Ecco invece i danni provocati dalla vaccinazione suddetta:
    Allergie – Alzheimer – Anafilassi – Artralgia – Asma – Astenia – Autismo – Cefalea – Cheratite – Citolisi – Congiuntivite – Demielizzazione – Dermatite – Disuria – Encafalomielite disseminata acuta – Epilessia – Eritema – Eritema multiforme – Fotopsia – Guillen/Barrè – Herpes zoster – Iperestesia – linfoadenopatia – Lupus – Mialgia – Mielite – Morbo di Crohn – Neurite o neuropatia – Nevrite ottica – Otalgia – Paraparesi – Porpora di Schoenlein/Henoch – Radiculoneuropatia – Sclerosi multipla o a placche – Tetraparesi o teraplegia – Tinnito – Vasculite – ecc.ecc..

    Non male !! E questi sono solo alcuni dei danni accertati !!! –
    vedi: 1.000 studi sui danni dei Vaccini
    Di fatto si sa che senza vaccino la salute dei bambini è ottima; dopo il vaccino, qualunque vaccino, essa è irrimediabilmente compromessa. Di certo la vaccinazione antiepatite B è causa della sindrome di affaticamento cronica, indebolisce il sistema immunitario e causa i danni già riportati ed altro.
    Ma perché rendere obbligatoria una vaccinazione del genere allora ? Presto detto: tre milioni di dosi uguale € 50milioni, all'anno. Le vaccinazioni sono frutto di menzogne, silenzi, terrorismo psicologico, corruzioni, negligenze ed incuria della sanità.

    Commento NdR:
    L'ex ministro della sanità De Lorenzo, si è preso una tangente di 600 milioni di vecchie lire (300.000 Euri) per far approvare l’obbligatorietà della vaccinazione, cio' era stato confermato dall’amministratore della azienda farmaceutica SKB (produttore del vaccino EngerixB per l'EpatiteB) al giudice Di Pietro nell’inchiesta di tangentopoli.
    De Lorenzo è stato imprigionato per altri motivi, ma la legge dell’obbligo vaccinale per l’EpatiteB è rimasta in vigore !!! e la denuncia sul problema della tangente insabbiata…….
    Questa la in….giustizia italiana……

    Inoltre la forte recrudescenza dell’Epatite nei cittadini italiani è stata scatenata dalle vaccinazioni Salk + Sabin (poliomielite) rese obbligatorie negli anni 60; da quegli anni l’epatite si è moltiplicata 10 volte rispetto alla sua naturale frequenza – vedi statistiche Istat comparate, fra le date della vaccinazione salk+sabin e quelle dell'aumento spropositato dell'epatite (di tutti i tipi).

    L'Epatite B, delle quattro vaccinazioni obbligatorie in Italia, questa gode di molti studi pubblicati relativi alla sua pericolosità e pochi pediatri hanno il coraggio di difenderne l'obbligo.
    Il totale delle epatiti (A,B,C eccetera) è “crollato” prima del vaccino, passando dai 54.000 casi di tutte le epatiti del ’69 ai 2.733 della sola B del ’94, (nel ’97 circa 2.000), benigni al 95%, cronici nel 4% e mortali solo nell'1%.
    Sui bambini poi il vaccino è inutile perché gli anticorpi che produrrebe, durano due anni nei neonati e quattro negli adulti. Considerato che la malattia è degli adulti e comincia ad apparire timidamente a 15 anni, se ne conclude che farlo a 0 ed 11 anni è matematicamente inutile e può fare solo male.

    vedi: Danni dei Vaccini (testimonianze)

    >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

    Vaccino dell'Epatite B: aumenta il rischio di cancro al pancreas
    Il tumore del pancreas viene diagnosticato ogni anno a 37 mila persone nei soli Stati Uniti, e negli States più di 34 mila persone muoiono annualmente a causa della malattia. Questo tipo di tumore è spesso diagnosticato quando ormai è troppo tardi. NON vi sono cure, secondo la medicina ufficiale, per debellarlo, come ogni altra forma di cancro. Si utilizza la chemio terapia con tutte le conseguenze del caso, anche riscontrate in questo studio americano.
    L'esposizione al virus che si ritrova nelle varie forme di epatiti, (epatite A, B, C, ecc. – l'epatite è l'infiammazione del fegato, ecc., sia naturale che vaccinale, può aumentare il rischio di sviluppare un tumore pancreatico.

    Inoltre, i pazienti con un cancro al pancreas trattati con la chemioterapia vanno incontro alla riattivazione dell'infiammazione del fegato. Cio' e' stato scoperto un gruppo di ricercatori della University of Texas MD Anderson Cancer Center di Houston (USA) in uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Oncology.
    Lo studio, iniziato nel 2000, ha coinvolto 476 pazienti con tumore pancreatico in fase precoce.
    Il gruppo di controllo era composto da 879 persone senza forma tumorale al pancreas. Tutti i partecipanti sono stati intervistati con l'obiettivo di ottenere informazioni sui fattori di rischio.
    Dai risultati è emerso che la prevalenza di passata esposizione a HBV è risultata significativamente più alta (7,6%) tra le persone con cancro del pancreas, rispetto alle persone sane (3,2%).
    Inoltre, lo studio ha confermato associazioni di rischio con fumo di sigaretta, storia di diabete ed una storia familiare di tumore del pancreas.
    Secondo James Abbruzzese dell'Anderson Cancer Center, se questi risultati fossero confermati, i medici dovrebbero sottoporre a screening i pazienti con carcinoma pancreatico con l'obiettivo di verificare la presenza di HBV prima di somministrare la chemioterapia. La riattivazione di HBV potrebbe infatti potenzialmente causare danno epatico e anche insufficienza epatica.

    >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

    VACCINAZIONI e le persuasioni occulte su coloro che ignorano i gravi pericoli dei Vaccini

    Fino a poco tempo fa, poche persone interrogavano i loro dottori quando l'ostetrica dell'ospedale portava via i loro neonati perché fossero “ripuliti”. Questo prima di realizzare che in quel periodo sono spesso soggetti ad interventi medici non necessari, come le iniezioni di Vitamina K e contro l'epatite B.

    La maggior parte dei genitori non è consapevole che il vaccino per l'epatite B non è MAI stato clinicamente testato sui bambini sotto i cinque anni di età.
    Infatti, tutti i vaccini attualmente in uso sono autorizzati soprattutto in base ad una specifica risposta di anticorpi e non su studi che ne provino la sicurezza o l'efficacia.
    Queste enormi sperimentazioni mediche sui nostri bambini continuano all'età di due mesi, durante il primo controllo del neonato, quando il pediatra raccomanda che siano somministrate cinque iniezioni di TaP, Hib, Hep B (la seconda dopo la nascita), IPV (vaccino inattivo contro la poliomelite), e PCV (vaccino pneumococcico) durante la visita e tutte nel giro di mezz'ora.

    A causa della fiducia dei genitori nell'esperienza e lo studio del loro pediatra, purtroppo la maggior parte dei genitori non mette in dubbio che sia saggio iniettare tutti questi antigeni nel loro prezioso bambino in un tanto breve periodo di tempo.
    La marea sta cambiando, comunque, perché tante persone sono testimoni di amici e famigliari che soffrono di reazioni negative alle vaccinazioni di routine.

    La ricerca rivela che la propaganda di promozione dei vaccini non è sostenuta dalla scienza. Nonostante questa ricerca richieda considerevoli tempo ed energia, molti genitori hanno scoperto che è uno studio che avrebbero voluto fare prima.
    La vaccinazione non è una procedura di emergenza e nulla è più importante dei nostri bambini. Una dilazione di pochi mesi nel fare questa decisione vitale è certamente giustificata.

    Oggi i bambini sono bombardati da un'innaturale chimica prenatale accoppiata con un assalto di vaccini dalla nascita fino ai cinque anni: ben 31 iniezioni raccomandate a livello federale. Anche se non sviluppano complicazioni fisiche e mentali come una sclerosi multipla o l'autismo, potrebbero non avere la capacità di avere a loro volta bambini in salute.
    C'è speranza per l'umanità quando siamo stati così bio-chimicamente e geneticamente alterati che la nostra progenie non può più avere una progenie ? La risposta è “sì”.
    Con l'esperienza di molti allevatori di cani australiani che hanno smesso di somministrare vaccini ai loro animali e, invece, hanno somministrato rimedi omeopatici ed una solida dieta, sembra che la salute e la virilità possano essere ripristinate nel corso del tempo.

    Smettiamola di usare mezzi termini. Dicendo che i vaccini sono “connessi” piuttosto che “la causa” di improvvisi decessi infantili, incapacità di apprendimento e malattie croniche, eludiamo giornalisticamente quanto sappiamo dalla scienza, oltre che dalla dura e gelida esperienza, essere la realtà dei programmi di vaccinazione di massa.
    La verità è che i vaccini causano significative morti infantili, incapacità di apprendimento e lo sviluppo di malattie croniche auto-immuni. Non possiamo neppure descrivere quanto sia esteso il declino della salute nazionale causato da politiche di salute pubblica che autorizzano “sperimentazioni mediche” mediante le vaccinazioni.
    E' chiaramente uno iatro-genocidio o strage indotta dalla medicina alloppatica.

    Commento NdR: questi studi dimostrano e confermano cio' che insegniamo da decenni e cioe' che i Vaccini producono nei soggetti sottoposti a quelle infauste pratiche in-sanitarie, spacciate per tecniche preventive, Malnutrizione con perdita di fattori vitali essenziali alla vita sana, alterazione e perdita di: flora batterica autoctona, vitamine, minerali, proteine vitali), oltre alle mutazioni genetiche occulte, immunodepressioni, intossicazioni, infiammazioni e contaminazioni da virus e/o batteri pericolosi che nel tempo possono produrre malattie le piu' disparate ! –

    http://www.mednat.org/vaccini/epatiteb_vaccinazione.htm


    #53743

    deg
    Partecipante

    Garanzia della sicurezza dei vaccini. Quale medico la firmerebbe?

    Il dibattito sulla sicurezza dei vaccini si trascina da decenni: da una parte i responsabili delle campagne vaccinali che, pur ammettendo alcuni rischi, garantiscono che i vaccini sono sicuri e prevengono malattie mortali; dall’altra, un crescente numero di medici, ricercatori e genitori che, preoccupati da determinate evidenze, ritengono ci siano degli errori sia nella teoria che nella applicazione della politica vaccinale e affermano che i vaccini sono pericolosi.

    Da qui la cosiddetta “controversia sui vaccini”, una controversia “scomoda” in quanto mina la fiducia nella politica sanitaria dei governi e crea paura, preoccupazione e indecisione tra i genitori che, purtroppo (lo vorrei sottolineare), sono letteralmente privati del loro diritto individuale di scelta; il fatto che i vaccini siano obbligatori per legge, priva i genitori di poter liberamente scegliere se vaccinare o meno i propri figli.

    Questo è semplicemente inspiegabile: la vaccinazione è una procedura medica che porta con sé il rischio di eventuali danni permanenti se non addirittura di morte e, nonostante questo, è l’unica obbligatoria per legge. Ai genitori dovrebbero essere date informazioni complete e imparziali, lasciando loro la possibilità di accettare o rifiutare una procedura medica che porta con sé rischi di danno grave, disabilità o morte.

    Il problema, quindi, non è esclusivamente quello della sicurezza delle vaccinazioni, ma anche della loro obbligatorietà e del diritto di scelta dei genitori: ogni cittadino dovrebbe avere secondo me il diritto di scegliere il tipo di prevenzione ed il numero di vaccini da utilizzare.

    Quale è la giustificazione per la obbligatorietà della vaccinazione di massa?

    Quello che la gente crede sin da quando i vaccini infantili sono diventati obbligatori è che essi migliorino la salute pubblica e che la vaccinazione di massa protegga la salute di tutti. La logica alla base di questo pensiero è che un alto livello di vaccinati è necessario per prevenire il ripresentarsi di terribili malattie: per proteggere i propri cittadini, essi devono essere vaccinati. Non è molto chiaro se questo obbligo per legge sia stato istituito perché non vi era fiducia nella collaborazione dei cittadini e si è voluto forzarli o se, essendo le vaccinazioni una procedura medica con rischio di danno o morte, esse debbano essere obbligatorie.

    Se il razionale che la vaccinazione di massa protegge la salute di tutti fosse vero, la gente accetterebbe il rischio correlato senza necessità di essere obbligata e senza protestare, cosa che è praticamente avvenuta finora. Le variabili sono però purtroppo cambiate e anche le conseguenze: siamo ora di fronte ad una nuova e più insidiosa epidemia, le cui conseguenze ancora non sono state comprese appieno. L’aumento dell’incidenza di malattie autoimmuni e disfunzioni neurologiche nei nostri bambini pongono, ora più che mai, la domanda “Le vaccinazioni hanno qualche colpa in tutto questo? I vaccini sono un fattore contributivo?”

    Ebbene, anche se i dati empirici e scientifici che si stanno raccogliendo suggeriscono che questo potrebbe essere possibile, gli enti preposti e le compagnie farmaceutiche continuano ad assicurare che iniettare un gran numero di virus e di sostanze tossiche nei corpi dei nostri bambini non ha effetti negativi sul loro sistema immunitario e esorta i genitori a “non preoccuparsi”. Ci chiedono di ignorare ciò che vediamo, ciò che leggiamo, che sentiamo raccontare e ci ricordano continuamente i nostri obblighi verso la società. La scienza però non supporta più queste loro “certezze” e comincia a dimostrare che il sistema immunitario umano non può essere raggirato, soppresso o controllato facendogli tollerare o accettare un DNA estraneo o proteine introdotte, senza conseguenze immunologiche.

    Con una epidemia di malattie autoimmuni che sta letteralmente abbattendosi sulla nostra attuale generazione di bambini non c’è dubbio che le vaccinazioni siano un problema di salute pubblica. Forse è tempo di modificare il miope orizzonte secondo il quale un alto numero di vaccinazioni e un abbassamento dell’incidenza delle malattie infettive (in gran parte ormai completamente debellate) sia l’unico obiettivo da perseguire e di incominciare a valutare seriamente i rischi collegati a una politica vaccinale di massa.

    In questa ottica nasce l’impegno di un vasto movimento internazionale, a cui sono orgogliosa di appartenere insieme ai genitori di EmergenzAutismo , composto da famiglie i cui figli sono stati danneggiati dai vaccini e che negli ultimi tempi ha registrato l’adesione alle proprie rivendicazioni di numerosi medici, ricercatori e politici. In Italia ci sono già alcune Regioni in cui le vaccinazioni non sono più obbligatorie e, grazie alla lotta di tante associazioni tra cui in particolare quella del COMILVA , si spera che entro il prossimo anno questo risultato possa estendersi a tutta la nazione.

    Ci rivolgiamo quindi a quei genitori che ancora hanno la possibilità di evitare un possibile danno derivante da vaccinazioni indiscriminate (per esempio a quelle famiglie che già hanno un figlio con autismo e ne aspettano un altro) e chiediamo loro di informarsi, di leggere, di ascoltare le esperienze degli altri prima di scegliere se e come vaccinare. Provocatoriamente, abbiamo preparato un documento che pubblichiamo nel link sotto e vorremmo che tutti si interroghino sulla possibilità che un medico italiano possa mai firmarlo. Supponiamo purtroppo che questa evenienza non sarebbe neppure lontanamente immaginabile: si tratterebbe di ammettere e garantire che gli ingredienti contenuti nei vaccini sono sicuri e innocui e che si possono iniettare tranquillamente nel corpo di un bambino ancora piccolo.

    Nessun medico firmerebbe, non pensate? Leggete e chiedetevene la ragione e, magari, chiedetelo anche a loro!! http://fromitaly.wordpress.com/2009/07/05/garanzia-della-sicurezza-dei-vaccini-quale-medico-la-firmerebbe/


    #53744

    perdi
    Partecipante

    [quote1246826262=meskalito]
    intanto dai un'occhiata quà

    È sicuramente un affare, ma è anche un affare criminoso. Mi riferisco al vaccino dell’epatite B.
    Credo tutti sappiano che la vaccinazione “obbligatoria” non è altro che un affare tra alcuni politici e le “famiglie” – Lobbies – proprietarie delle multinazionali farmaceutiche (BIG PHARMA).

    E in questo “affare”, la salute delle persone non c'entra nulla.
    Anzi è messa consapevolmente a rischio, ma rende così tanto denaro da non preoccuparsi minimamente di questo aspetto “secondario”.
    La vaccinazione dell’epatite B è un'altra prova di quanto siano pericolosi i vaccini, non solo, e di quanto siano anche inutili per la salute. Ma andiamo con ordine.
    L'epatite B è una malattia, ci dicono, “virale” innocua, diversamente dal vaccino !
    (NdR: cosi ci dicono i medici allopati ma NON e' cosi – l'Epatite e' una importante intossicazione del fegato, procurata da vari cause fra le quali anche i vaccini, effettuati in precedenza.
    Essa insorge raramente: 10 casi su 100.000 italiani nel 1991 (NdR: anno in cui è stata resa obbligatoria la vaccinazione !)- oggi nel 2008 e' aumentata l'incidenza dei malati a 10 per 100.000 abitanti, grazie alle campagne di vaccinazione precedenti; il rischio nei bambini è di un caso su 100.000 al di sotto dei 14 anni;
    Quello che non si dice chiaramente e' che in genere l'epatite B è una malattia benigna – 95-98% di remissioni totali senza conseguenze, salvo il caso dei soggetti molto vaccinati vaccinati (piu' deboli immunitariamente), in questo caso le intossicazioni e le infiammazioni sono piu' profonde ed e' molto piu' difficile uscire da essa.

    Essa infatti se trascurata e non eliminata con la Medicina Naturale puo' aggravarsi e trasformarsi in Cirrosi ed infine in Cancro.
    L'epatite è causata anche da interventi chirurgici e sanitari compiuti senza prendere le necessarie misure igieniche precauzionali: utilizzo della stessa siringa per più persone, sangue infetto per le trasfusioni, contagio nel corso di operazioni chirurgiche e odontoiatriche, piercing, tatuaggi, certi farmaci, cibi e acque inquinati.

    Alcuni medici allopati vaccinatori affermano che l'epatite si trasmette anche per via sessuale – nulla di piu' errato ! – essa essendo una intossicazione del fegato e' una malattia autoindotta per errori commessi precedentemente (vaccini compresi).
    Quei medici affermano quella “fesseria”, in quanto hanno riscontrato che tutti i malati di Aids hanno avuto od hanno in corso l'epatite, quindi essi affermano, se i malati di aids (malattia che ci dicono sessualmente trasmessa, quegli stessi medici allopati, sono tutti malati di epatite, essa e' stata presa con il contatto sessuale..questo e' un ragionamento da perfetti ignoranti.
    L'aids e' una malattia autoindotta da vari co-fattori (principalmente vaccini e droghe) i quali intossicano ed alterano PRIMA intestino e fegato, e susseguentemente producono immunodepressione, per i noti meccanismi di interconnessione fra intestino e sistema immunitario !

    Il Vaccino.
    Esso è formato da sostanze velenose che causano la diminuzione delle difese immunitarie della persona e in alcuni casi la morte.
    Le sostanze più velenose sono il thimerosal e il mercurio. Sostanze vietate in altri Paesi, in Italia lo e' stato solo dal 01/101/2008.
    L'efficacia del vaccino è incerta e non garantita dalle stesse case produttrici per più di 3-5 anni.
    Il laboratorio Pasteur (produttore francese di vaccini di Parigi) ha ammesso la correlazione tra le vaccinazioni per l'epatite B e la sclerosi multipla.
    Ecco invece i danni provocati dalla vaccinazione suddetta:
    Allergie – Alzheimer – Anafilassi – Artralgia – Asma – Astenia – Autismo – Cefalea – Cheratite – Citolisi – Congiuntivite – Demielizzazione – Dermatite – Disuria – Encafalomielite disseminata acuta – Epilessia – Eritema – Eritema multiforme – Fotopsia – Guillen/Barrè – Herpes zoster – Iperestesia – linfoadenopatia – Lupus – Mialgia – Mielite – Morbo di Crohn – Neurite o neuropatia – Nevrite ottica – Otalgia – Paraparesi – Porpora di Schoenlein/Henoch – Radiculoneuropatia – Sclerosi multipla o a placche – Tetraparesi o teraplegia – Tinnito – Vasculite – ecc.ecc..

    Non male !! E questi sono solo alcuni dei danni accertati !!! –
    vedi: 1.000 studi sui danni dei Vaccini
    Di fatto si sa che senza vaccino la salute dei bambini è ottima; dopo il vaccino, qualunque vaccino, essa è irrimediabilmente compromessa. Di certo la vaccinazione antiepatite B è causa della sindrome di affaticamento cronica, indebolisce il sistema immunitario e causa i danni già riportati ed altro.
    Ma perché rendere obbligatoria una vaccinazione del genere allora ? Presto detto: tre milioni di dosi uguale € 50milioni, all'anno. Le vaccinazioni sono frutto di menzogne, silenzi, terrorismo psicologico, corruzioni, negligenze ed incuria della sanità.

    Commento NdR:
    L'ex ministro della sanità De Lorenzo, si è preso una tangente di 600 milioni di vecchie lire (300.000 Euri) per far approvare l’obbligatorietà della vaccinazione, cio' era stato confermato dall’amministratore della azienda farmaceutica SKB (produttore del vaccino EngerixB per l'EpatiteB) al giudice Di Pietro nell’inchiesta di tangentopoli.
    De Lorenzo è stato imprigionato per altri motivi, ma la legge dell’obbligo vaccinale per l’EpatiteB è rimasta in vigore !!! e la denuncia sul problema della tangente insabbiata…….
    Questa la in….giustizia italiana……

    Inoltre la forte recrudescenza dell’Epatite nei cittadini italiani è stata scatenata dalle vaccinazioni Salk + Sabin (poliomielite) rese obbligatorie negli anni 60; da quegli anni l’epatite si è moltiplicata 10 volte rispetto alla sua naturale frequenza – vedi statistiche Istat comparate, fra le date della vaccinazione salk+sabin e quelle dell'aumento spropositato dell'epatite (di tutti i tipi).

    L'Epatite B, delle quattro vaccinazioni obbligatorie in Italia, questa gode di molti studi pubblicati relativi alla sua pericolosità e pochi pediatri hanno il coraggio di difenderne l'obbligo.
    Il totale delle epatiti (A,B,C eccetera) è “crollato” prima del vaccino, passando dai 54.000 casi di tutte le epatiti del ’69 ai 2.733 della sola B del ’94, (nel ’97 circa 2.000), benigni al 95%, cronici nel 4% e mortali solo nell'1%.
    Sui bambini poi il vaccino è inutile perché gli anticorpi che produrrebe, durano due anni nei neonati e quattro negli adulti. Considerato che la malattia è degli adulti e comincia ad apparire timidamente a 15 anni, se ne conclude che farlo a 0 ed 11 anni è matematicamente inutile e può fare solo male.

    vedi: Danni dei Vaccini (testimonianze)

    >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

    Vaccino dell'Epatite B: aumenta il rischio di cancro al pancreas
    Il tumore del pancreas viene diagnosticato ogni anno a 37 mila persone nei soli Stati Uniti, e negli States più di 34 mila persone muoiono annualmente a causa della malattia. Questo tipo di tumore è spesso diagnosticato quando ormai è troppo tardi. NON vi sono cure, secondo la medicina ufficiale, per debellarlo, come ogni altra forma di cancro. Si utilizza la chemio terapia con tutte le conseguenze del caso, anche riscontrate in questo studio americano.
    L'esposizione al virus che si ritrova nelle varie forme di epatiti, (epatite A, B, C, ecc. – l'epatite è l'infiammazione del fegato, ecc., sia naturale che vaccinale, può aumentare il rischio di sviluppare un tumore pancreatico.

    Inoltre, i pazienti con un cancro al pancreas trattati con la chemioterapia vanno incontro alla riattivazione dell'infiammazione del fegato. Cio' e' stato scoperto un gruppo di ricercatori della University of Texas MD Anderson Cancer Center di Houston (USA) in uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Oncology.
    Lo studio, iniziato nel 2000, ha coinvolto 476 pazienti con tumore pancreatico in fase precoce.
    Il gruppo di controllo era composto da 879 persone senza forma tumorale al pancreas. Tutti i partecipanti sono stati intervistati con l'obiettivo di ottenere informazioni sui fattori di rischio.
    Dai risultati è emerso che la prevalenza di passata esposizione a HBV è risultata significativamente più alta (7,6%) tra le persone con cancro del pancreas, rispetto alle persone sane (3,2%).
    Inoltre, lo studio ha confermato associazioni di rischio con fumo di sigaretta, storia di diabete ed una storia familiare di tumore del pancreas.
    Secondo James Abbruzzese dell'Anderson Cancer Center, se questi risultati fossero confermati, i medici dovrebbero sottoporre a screening i pazienti con carcinoma pancreatico con l'obiettivo di verificare la presenza di HBV prima di somministrare la chemioterapia. La riattivazione di HBV potrebbe infatti potenzialmente causare danno epatico e anche insufficienza epatica.

    >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

    VACCINAZIONI e le persuasioni occulte su coloro che ignorano i gravi pericoli dei Vaccini

    Fino a poco tempo fa, poche persone interrogavano i loro dottori quando l'ostetrica dell'ospedale portava via i loro neonati perché fossero “ripuliti”. Questo prima di realizzare che in quel periodo sono spesso soggetti ad interventi medici non necessari, come le iniezioni di Vitamina K e contro l'epatite B.

    La maggior parte dei genitori non è consapevole che il vaccino per l'epatite B non è MAI stato clinicamente testato sui bambini sotto i cinque anni di età.
    Infatti, tutti i vaccini attualmente in uso sono autorizzati soprattutto in base ad una specifica risposta di anticorpi e non su studi che ne provino la sicurezza o l'efficacia.
    Queste enormi sperimentazioni mediche sui nostri bambini continuano all'età di due mesi, durante il primo controllo del neonato, quando il pediatra raccomanda che siano somministrate cinque iniezioni di TaP, Hib, Hep B (la seconda dopo la nascita), IPV (vaccino inattivo contro la poliomelite), e PCV (vaccino pneumococcico) durante la visita e tutte nel giro di mezz'ora.

    A causa della fiducia dei genitori nell'esperienza e lo studio del loro pediatra, purtroppo la maggior parte dei genitori non mette in dubbio che sia saggio iniettare tutti questi antigeni nel loro prezioso bambino in un tanto breve periodo di tempo.
    La marea sta cambiando, comunque, perché tante persone sono testimoni di amici e famigliari che soffrono di reazioni negative alle vaccinazioni di routine.

    La ricerca rivela che la propaganda di promozione dei vaccini non è sostenuta dalla scienza. Nonostante questa ricerca richieda considerevoli tempo ed energia, molti genitori hanno scoperto che è uno studio che avrebbero voluto fare prima.
    La vaccinazione non è una procedura di emergenza e nulla è più importante dei nostri bambini. Una dilazione di pochi mesi nel fare questa decisione vitale è certamente giustificata.

    Oggi i bambini sono bombardati da un'innaturale chimica prenatale accoppiata con un assalto di vaccini dalla nascita fino ai cinque anni: ben 31 iniezioni raccomandate a livello federale. Anche se non sviluppano complicazioni fisiche e mentali come una sclerosi multipla o l'autismo, potrebbero non avere la capacità di avere a loro volta bambini in salute.
    C'è speranza per l'umanità quando siamo stati così bio-chimicamente e geneticamente alterati che la nostra progenie non può più avere una progenie ? La risposta è “sì”.
    Con l'esperienza di molti allevatori di cani australiani che hanno smesso di somministrare vaccini ai loro animali e, invece, hanno somministrato rimedi omeopatici ed una solida dieta, sembra che la salute e la virilità possano essere ripristinate nel corso del tempo.

    Smettiamola di usare mezzi termini. Dicendo che i vaccini sono “connessi” piuttosto che “la causa” di improvvisi decessi infantili, incapacità di apprendimento e malattie croniche, eludiamo giornalisticamente quanto sappiamo dalla scienza, oltre che dalla dura e gelida esperienza, essere la realtà dei programmi di vaccinazione di massa.
    La verità è che i vaccini causano significative morti infantili, incapacità di apprendimento e lo sviluppo di malattie croniche auto-immuni. Non possiamo neppure descrivere quanto sia esteso il declino della salute nazionale causato da politiche di salute pubblica che autorizzano “sperimentazioni mediche” mediante le vaccinazioni.
    E' chiaramente uno iatro-genocidio o strage indotta dalla medicina alloppatica.

    Commento NdR: questi studi dimostrano e confermano cio' che insegniamo da decenni e cioe' che i Vaccini producono nei soggetti sottoposti a quelle infauste pratiche in-sanitarie, spacciate per tecniche preventive, Malnutrizione con perdita di fattori vitali essenziali alla vita sana, alterazione e perdita di: flora batterica autoctona, vitamine, minerali, proteine vitali), oltre alle mutazioni genetiche occulte, immunodepressioni, intossicazioni, infiammazioni e contaminazioni da virus e/o batteri pericolosi che nel tempo possono produrre malattie le piu' disparate ! –

    http://www.mednat.org/vaccini/epatiteb_vaccinazione.htm
    [/quote1246826262]

    grazie mille mesk!!! pericolo scongiurato !lol


    #53745

    meskalito
    Partecipante

    Comunque un adulto potenzialmente ha molte risorse in più a disposizione,il problema sono i fanciulli


    #53746

    perdi
    Partecipante

    [quote1246826576=meskalito]
    Comunque un adulto potenzialmente ha molte risorse in più a disposizione,il problema sono i fanciulli
    [/quote1246826576]

    certo …se ci fosse l'informazione giusta , il pericolo sarebbe scongiurato anche per i fanciulli…
    cosa potrebbe fermare un giro di soldi e vita??
    cosa ?
    ragazzi certe volte sono così demoralizzata…volevo dire un'altra parola…per marcare di più il senso …ma poi pas mi cazzea hahaha


    #53747

    Medico omeopata
    Partecipante

    [quote1246872267=nirvana]
    su questo argomento, non riesco ad essere veramente lucida! ho visto un cuginetto che stava per morire a causa di una NON vaccinazione ( i genitori sono due medici ). io penso che sia giusto eseguire solo quelle realmente utili. io per i miei figli ho deciso così!
    [/quote1246872267]

    Esprimo anch'io la mia in questo interessantissimo thread:

    da medico, in scienza e coscienza, sono nettamente contrario a qualsiasi tipo di vaccinazione, in qualsiasi situazione e in qualsiasi età.

    E aggiungo che trovo veramente incoerente (medici compresi) chi dice di essere contro i vaccini ma poi sostiene che le obbligatorie vadano fatte, oppure se si va in un Paese a rischio allora sono necessarie ecc ecc.

    Troppo facile dire che i vaccini fanno male ma… “in alcuni casi, per alcune malattie ecc ecc vanno fatti”.

    Se una cosa fa male fa male, punto e basta e non andrebbe usata a meno che non dia certezza di salvare la vita in situazioni “certe” di morte imminente.

    Vi sono dei PRINCIPI che in quanto tali non permettono eccezioni e uno dei primi principi che si insegnano all'università di Medicina è che “TUTTI i farmaci (e quindi anche le vaccinazioni) provocano effetti collaterali”. Quindi, tranne in rari casi acuti in cui è necessario un farmaco chimico che agisca nell'immediato per salvare la vita (intossicazione, shock anafilattico, trasfusione ecc.) che senso ha provocare “sicuramente” effetti collaterali (somministrando un vaccino) prima ancora di aver contratto una malattia che probabilmente non contrarremo mai? E' vero poi che i vaccini non conferiscono immunità a vita ma solo (e neanche sempre) per pochi anni, quanti di voi fanno l'antitetanica ogni 5 anni per tutta la vita?
    Senza stare a citare gli studi scientifici in cui, è vero, si può trovare tutto e il contrario di tutto, cerchiamo di essere logici: il sistema immunitario non ha un potenziale illimitato e ogni volta che lo forziamo a produrre anticorpi con un vaccino, lo indeboliamo e lo rendiamo meno “pronto” ad affrontare gli stress ambientali con cui viene in continuazione in contatto. La storia ci dovrebbe insegnare qualcosa:

    “James Phipps, il ragazzino di otto anni che fu vaccinato per la prima volta da Jenner (colui a cui si attribuisce la scoperta dei vaccini come prevenzione dalle malattie) nel 1796, fu rivaccinato 20 volte e morì a vent'anni. Lo stesso figlio di Jenner, vaccinato anche lui più di una volta, morì a ventun anni.
    Entrambi morirono di tubercolosi, condizione che alcuni ricercatori associano al vaccino antivaioloso”.

    Quindi ognuno può fare quello che vuole con la propria salute (e purtroppo con quella dei propri figli) ma si dovrebbe cercare di essere coerenti senza paure o insicurezze di sorta.

    Se si crede che i vaccini facciano male non bisogna fare NESSUN vaccino MAI (non sono farmaci salva-vita), se si ritiene che possano servire bisogna farli TUTTI, SEMPRE e con i relativi richiami.

    Aggiungo un'ulteriore riflessione:

    Ippocrate, il padre della Medicina moderna, si rivolterebbe nella tomba se vedesse lo stato attuale della Medicina. Il suo PRINCIPIO cardine, inserito anche nel Giuramento di Ippocrate, che dovrebbe guidare ogni medico, è il famoso PRIMUM NON NOCERE.
    Questo è un altro di quei principi inviolabili che non ammettono incertezze.

    Guardiamo lo stato attuale della medicina invece. Io direi che è ormai da un pezzo che il principio predominante, con tutti i farmaci (antibiotici, cortisone, chemioterapici…) che usiamo, sia il “PRIMUM NOCERE al minimo accenno di malattia”.

    Con le vaccinazioni l’uomo è andato ancora oltre nella sua follia, ora siamo arrivati al: “PRIMUM NOCERE, ancor prima che vi sia malattia, quindi alle persone sane!”.

    Tra qualche anno daremo farmaci a tutti a scopo preventivo, già qualcuno ha fatto la proposta per alcuni farmaci del cuore (proposta che, per fortuna, per ora è stata bocciata).

    Ovviamente poi ognuno è libero di decidere per se e per i propri figli ma io non sono affatto felice di aver “subito” due vaccinazioni (per fortuna senza richiami) da piccolo, senza aver dato il mio consenso.

    Saluti


    #53748
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Grande Tancredi!


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #53749

    meskalito
    Partecipante

    Hei ma c'è una festa quà? :salu:


    #53750
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1246896225=meskalito]
    Hei ma c'è una festa quà? :salu:
    [/quote1246896225]

    :fri:


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #53751

    neralba
    Bloccato

    a noi tutti hanno insegnato la prevenzione del vaccino e l'abbiamo subita.


Stai vedendo 10 articoli - dal 221 a 230 (di 235 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.