VACCINI ?

Home Forum SALUTE VACCINI ?

Questo argomento contiene 200 risposte, ha 29 partecipanti, ed è stato aggiornato da  sev7n 9 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 201 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58230

    deg
    Partecipante

    E per quanto riguarda i nostri amici a quattro zampe?
    Scrive un veterinario:

    E’ giusto vaccinare così tanto il mio cane e il mio gatto?

    di Stefano Cattinelli

    La prima volta che sentii parlare degli effetti collaterali delle eccessive vaccinazioni fu alla scuola di Omeopatia che frequentai quindici anni fa.
    “Sicotizzazione”, si diceva: l’organismo reagiva a queste ripetute sollecitazioni del sistema immunitario come se fosse stato un fico (sicos) e cioè cercando di portare all’esterno, come il fiore del fico, quello che gli veniva inoculato e che non gli serviva.
    C’erano nel repertorio (il testo base di consultazione di ogni buon omeopata) ben 29 rubriche che parlavano delle reazioni alle vaccinazioni; erano elencate una serie di reazioni immediate, come le diarree, la febbre, gli eritemi cutanei, i foruncoli, l’insonnia, le infiammazioni alle orecchie, i gonfiori agli atri, la nausea, e perfino l’asma, ma anche dei rimandi a problemi derivanti da vaccinazioni ripetute che si allacciavano perfino alla singola storia famigliare.
    Hahnemann (il fondatore dell’omeopatia), nonostante in quell’epoca le vaccinazioni fossero appena agli albori della loro storia, insieme ai suoi successivi collaboratori, aveva già capito che stimolare continuamente e ripetutamente la “forza vitale” dell’organismo (quell’energia che ha la funzione di mantenere in equilibrio il sistema stesso), attraverso gli atti vaccinali, poteva determinare nell’organismo stesso delle reazioni di difesa.
    In altre parole al sistema immunitario dell’individuo queste sollecitazioni non apparivano davvero come semplice acqua fresca e, chi più o chi meno, chi prima e chi dopo, avrebbe reagito come meglio poteva.
    Dovette però passare molto tempo prima che mi accorgessi di questo fatto; nella pratica, intendo: quasi una generazione di animali.
    La consapevolezza dei miei atti nei confronti di quegli animali, che a me si affidavano per essere guariti, è cresciuta poco a poco; è cresciuta con loro; vedendoli crescere, vedendo come stavano con o senza l’abuso della metodica vaccinale. Vedendoli invecchiare, osservando nei dettagli se quei testi scritti ai primi dell’ottocento, la cui lettura tanto mi aveva affascinato, avevano detto cose vere.
    Quei papillomi, quei tumorini sulla pelle, che così spesso gli animali anziani manifestavano, quelle neoformazioni che così tanto ricordavano dei piccoli fichi, era anche questo che si intendeva per “sicotizzazione”?
    Fu in quel periodo che decisi di mettere in discussione la pratica delle vaccinazioni.
    E con essa anche il mio lavoro.

    “Ma erano veramente liberi i consigli che davo al mio cliente? Liberi da qualunque vincolo che non fosse il bene dell’animale?
    Quel “mio fare” era veramente un atto del quale il mio cliente si poteva fidare?
    E chi era lui, il mio cliente, colui il quale riponeva piena fiducia nelle mie azioni?
    Era una persona che era in grado di scegliere, liberamente, in base alle informazioni che riceveva o era qualcuno che semplicemente si fidava di me? Che delegava a me l’intero percorso sanitario del suo animale?
    Ho sempre pensato che il veterinario avesse la possibilità di crescere soprattutto grazie alle esperienze e alle iniziative dei propri clienti; che vivesse grazie a questo scambio; l’ho sempre pensato e l’ho sempre voluto applicare.
    Io facevo una diagnosi, prescrivevo una terapia e poi e il cliente, attraverso le sue osservazioni su come stava andando il percorso terapeutico del suo animale, mi donava la possibilità di imparare a fare diagnosi e terapie sempre migliori.
    Attraverso questo mio miglioramento l’animale che viveva con lui, e tutti gli altri, ne avrebbero tratto beneficio.
    Veterinari, certo, non si nasce… si diventa.
    Un giorno venne da me un ragazzo di circa trent’anni; venne perché il cane zoppicava.
    Alla fine della visita, per curiosità, chiesi se il cane aveva il libretto delle vaccinazioni.
    Lui mi guardò e, con un sorriso un po’ orgoglioso, mi disse che il cane non era mai stato vaccinato e che lui non aveva mai vaccinato i suoi cani e che comunque erano stati sempre bene e che quelli che erano morti se n’erano andati per vecchiaia.
    Così capitò… che un giorno mi trovai di fronte ad un cane mai vaccinato e che frequentava un ambiente a rischio di contrarre quelle malattie nei confronti delle quali io ero solito vaccinare e nonostante il fatto che non avesse avuto mai nessuna copertura vaccinale, questo cane non aveva contratto mai nessuna malattia… ecco…, come dire, io mi sentii in dovere di andare in crisi.
    Mi sentii in dovere di mettere in crisi quello che avevo imparato; quello che mi avevano insegnato.
    E se poi, con il passar del tempo, questo cane invece di essere uno sarebbero diventati due o tre o quattro o più…?”. Tratto dal libro Le vaccinazioni del cane e del gatto: dalla vaccinazione “obbligatoria” ad una profilassi consapevole.

    Il libro che vi presento rappresenta una tappa del mio cammino; come lo è stato Amici fino in fondo.(AAMTerranuova edizioni). Un passaggio quasi obbligato, direi richiesto a gran voce da chi ha a cuore la salute del proprio animale.
    Perché devo vaccinare ogni anno il mio animale? Quando dura la stimolazione anticorpale nell’organismo animale? Cosa posso fare per migliorare la sua salute? Perché non esistono pubblicazioni che trattano questo argomento?
    Tutte domande che mi sono fatto anch’io e alle quali ho cercato di dare una risposta proprio attraverso questo libro. http://www.stampalibera.com/?p=21399


    #58231
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Il dibattito sui vaccini è tornato sulle prime pagine di tutto il mondo con l’accusa di “falso” del BMJ alla famosa ricerca di Andrew Wakefield, che nel 1998 avrebbe stabilito un legame fra autismo e vaccino MMR (morbillo-orecchioni-rosolia). Sulle dinamiche mediatiche che entrano in gioco in questi casi abbiamo ritenuto di non dilungarci, poichè sono le stesse che entrano in funzione ogni volta che diventi necessario distruggere la credibilità di qualcuno che dia troppo fastidio al sistema vigente. Ognuno rimane libero di interpretarle come meglio crede.

    Vorremmo piuttosto far notare come la posizione pro-vaccini sia tenacemente aggrappata alla semplice frase “non esistono prove scientifiche di un legame fra autismo e vaccini”. Nulla di più. Questo mantra viene continuamente ripetuto da ogni tribuna televisiva, come se i giornalisti non sapessero che da vent’anni ormai tutte le più importanti ricerche scientifiche sui medicinali vengono condotte quasi esclusivamente dalle case farmaceutiche. Davvero qualcuno si aspetta che queste facciano una ricerca – e magari la pubblichino anche! – da cui risultasse magari che i vaccini aumentano il rischio di autismo?
    http://www.nexusedizioni.it/apri/Argomenti/Medicina-e-salute/Il-?Memo-di-Simpsonwood?-la-pistola-fumante-sui-vaccini-al-mercurio—di-M-Mazzucco/


    #58233
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    A mio parere: nessun vaccino è buono per l'uomo e la maggior parte di questi causano, volutamente, malattie.

    Noi, il nostro corpo, la nostra salute, siamo i clienti e le lobby farmaceutiche i venditori.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #58234
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1296236209=Richard]
    Il dibattito sui vaccini è tornato sulle prime pagine di tutto il mondo con l’accusa di “falso” del BMJ alla famosa ricerca di Andrew Wakefield, che nel 1998 avrebbe stabilito un legame fra autismo e vaccino MMR (morbillo-orecchioni-rosolia). Sulle dinamiche mediatiche che entrano in gioco in questi casi abbiamo ritenuto di non dilungarci, poichè sono le stesse che entrano in funzione ogni volta che diventi necessario distruggere la credibilità di qualcuno che dia troppo fastidio al sistema vigente. Ognuno rimane libero di interpretarle come meglio crede.

    Vorremmo piuttosto far notare come la posizione pro-vaccini sia tenacemente aggrappata alla semplice frase “non esistono prove scientifiche di un legame fra autismo e vaccini”. Nulla di più. Questo mantra viene continuamente ripetuto da ogni tribuna televisiva, come se i giornalisti non sapessero che da vent’anni ormai tutte le più importanti ricerche scientifiche sui medicinali vengono condotte quasi esclusivamente dalle case farmaceutiche. Davvero qualcuno si aspetta che queste facciano una ricerca – e magari la pubblichino anche! – da cui risultasse magari che i vaccini aumentano il rischio di autismo?
    http://www.nexusedizioni.it/apri/Argomenti/Medicina-e-salute/Il-?Memo-di-Simpsonwood?-la-pistola-fumante-sui-vaccini-al-mercurio—di-M-Mazzucco/
    [/quote1296236209]
    ~grrr
    … oppure ti rispondono che doveva esserci una predisposizione genetica o ereditaria dell'individuo !!! :to:
    … escludiamo l'ereditarietà …
    resta l'ipotesi della predisposizione genetica … ma non è dimostrabile …
    :hehe:


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #58235
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    … ecco il contrattacco #ha

    Il vaccino Hpv non convince le mamme, il 56% è poco informato

    http://donna.tiscali.it/articoli/bellezzaesalute/11/01/vaccino-hpv-mamme-12345.html

    !dodge


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #58236

    deg
    Partecipante

    [quote1296313380=prixi]
    … ecco il contrattacco #ha

    Il vaccino Hpv non convince le mamme, il 56% è poco informato

    http://donna.tiscali.it/articoli/bellezzaesalute/11/01/vaccino-hpv-mamme-12345.html

    !dodge
    [/quote1296313380]

    Meno male, speriamo che saranno “informate” d'ora in poi …. :ave:

    😀


    #58232
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1296313929=deg]
    [quote1296313380=prixi]
    … ecco il contrattacco #ha

    Il vaccino Hpv non convince le mamme, il 56% è poco informato

    http://donna.tiscali.it/articoli/bellezzaesalute/11/01/vaccino-hpv-mamme-12345.html

    !dodge
    [/quote1296313380]

    Meno male, speriamo che saranno “informate” d'ora in poi …. :ave:

    😀

    [/quote1296313929]
    :hehe:


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #58237

    Medico omeopata
    Partecipante

    Influenza, a letto 6 bimbi su dieci. I pediatri: troppo poche vaccinazioni
    (“I vaccini sono un dono di Dio”)

    http://www.repubblica.it/salute/medicina/2011/01/25/news/influenza_a_letto_6_bimbi_su_dieci-11632031/?ref=HREC2-5

    Se per difendere questa pratica insensata, bocciata sia dalla scienza che dal buon senso, si arriva a coinvolgere perfino Dio, significa che siamo arrivati veramente alla frutta: direi che, almeno per la vaccinazione antinfluenzale, la gente ormai ha capito.


    #58238

    deg
    Partecipante

    [quote1296411330=Medico omeopata]
    Influenza, a letto 6 bimbi su dieci. I pediatri: troppo poche vaccinazioni
    (“I vaccini sono un dono di Dio”)

    http://www.repubblica.it/salute/medicina/2011/01/25/news/influenza_a_letto_6_bimbi_su_dieci-11632031/?ref=HREC2-5

    Se per difendere questa pratica insensata, bocciata sia dalla scienza che dal buon senso, si arriva a coinvolgere perfino Dio, significa che siamo arrivati veramente alla frutta: direi che, almeno per la vaccinazione antinfluenzale, la gente ormai ha capito.

    [/quote1296411330]

    Padre aiutaci!…… :medit:


    #58239
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    anche quest'anno ho superato l'influenza, a casa mia tutto bene..


Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 201 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.