Vitamine – Minerali ed Erbe che fanno bene alla salute

Home Forum SALUTE Vitamine – Minerali ed Erbe che fanno bene alla salute

Questo argomento contiene 184 risposte, ha 27 partecipanti, ed è stato aggiornato da elerko elerko 11 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 185 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #51281

    Anonimo

    http://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/7049-ictus-donne-agrumi

    Ictus: gli agrumi aiutano le donne a prevenirlo
    Venerdì 24 Febbraio 2012 18:50

    Arance e pompelmi uno scudo naturale contro l’ictus. Cosa c’è di meglio di un bel vassoio colmo di accesi e colorati agrumi? Arance &Co, ghiotti frutti della stagione invernale, non sono solo degli ottimi antiossidanti, grazie alla vitamina C, ma anche un prezioso scudo naturale che previene efficacemente il rischio di ictus. Soprattutto nelle donne. A rilevare questo ulteriore effetto benefico è uno studio pubblicato su Stroke: Journal of the American Heart Association.

    La protezione contro l’ictus deriverebbe direttamente da alcuni composti presenti al loro interno, i flavanoni, composti chimici naturali fenolici appartenenti alla classe dei flavonoidi, contenuti anche nel vino rosso, negli ortaggi e nel cioccolato fondente. È quanto sostiene un team di esperti della Norwich Medical School dell’University of East Anglia, che ha esaminato, nel corso di 14 anni, una popolazione di 69.622 donne che aveva preso parte a una precedente indagine, il Nurses Health Study.

    Incrociando i dettagli qualitativi e quantitativi sulla dieta seguita da queste donne, compresi quelli relativi al consumo di frutta e verdura, con il livello di flavonoidi, all'interno di vari frutti e succhi di frutta, i ricercatori hanno così potuto esaminare la relazione fra sei sottoclassi principali di flavonoidi e il rischio di ictus ischemico, emorragico e totale. L'incrocio tra i dati ha mostrato che le donne che consumavano arance, pompelmi e derivati vedevano abbassarsi il rischio di ictus del 19%, con i flavonoidi capaci di ridurre l'infiammazione e l'indebolimento delle arterie.

    Gli agrumi a contenere le maggiori quantità di questi composti erano, infatti, soprattutto le arance, così come i succhi d'arancia, con circa 80%, e i pompelmi, compresi i suoi derivati, con il 14%. Per questo, mentre il consumo complessivo di flavonoidi presenti in tutti i principali cibi della dieta tipica degli Stati Uniti non ha mostrato un gran beneficio nel prevenire l'ictus, il consumo specifico di arance e pompelmi e dei loro derivati da parte delle pazienti ha mostrato un grande vantaggio.

    “Gli studi hanno dimostrato che la frutta e la verdura, e in particolare gli alimenti che contengono la vitamina C, determinano una riduzione del rischio di ictus”, ha detto Aedin Cassidy, autore principale dello studio. “E' noto che i flavonoidi favoriscono il funzionamento dei vasi sanguigni e un effetto anti-infiammatorio”, ha concluso l’autore.

    Ma attenzione. I ricercatori mettono in guardia: chi vuole aumentare l'assunzione di vitamina C e flavonoidi dovrebbe mangiare più frutta e non consumare succhi di frutta commerciali, che possono rivelarsi particolarmente dannosi a causa dell'alto contenuto di zucchero. Inoltre, il dottor Sharlin Ahmed, della Stroke Association, spiega che, anche se “questo studio suggerisce che il consumo di agrumi in particolare, come le arance e pompelmi, che sono ad alto contenuto di vitamina C, potrebbe aiutare a ridurre il rischio di ictus”, non bisogna comunque scoraggiare “il consumo di altri tipi di frutta e verdura, che offrono grandi benefici per la salute e restano una parte importante di una dieta”.

    Roberta Ragni


    #51282
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1330292686=Pier72Mars]
    http://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/7049-ictus-donne-agrumi

    Ictus: gli agrumi aiutano le donne a prevenirlo
    Venerdì 24 Febbraio 2012 18:50

    [/quote1330292686]
    Grazie Pier :ok!:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #51283
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1330292910=Pier72Mars]
    http://www.tuttogreen.it/gli-ingredienti-della-cucina-naturale-il-miele/

    Gli ingredienti della cucina naturale: il miele
    di MAURA LUGANO il 24 FEBBRAIO 2012

    Il miele è famoso per essere il cibo degli Dei, il che fa pensare che fosse particolarmente gradito ai popoli sin dalla notte dei tempi sia per la sua dolcezza, che è la caratteristica fondamentale, che per i suoi numerosissimi utilizzi , come nutrimento e cura.

    I suoi incredibili pregi ne fanno un alimento il cui uso non è mai tramontato né è mai stato sostituito da altri surrogati, nemmeno dopo l’arrivo dello zucchero di canna e di barbabietola che lo hanno sostituito per dolcificare, questo perché il miele non solo addolcisce ma svolge anche funzioni, antibiotiche, antibatteriche, lassative, cicatrizzanti e disinfettanti, e sono sono alcune.

    L’azione antisettica del miele si attiva in particolare a contatto con l’acqua poiché questa innesca la produzione di acqua ossigenata. Poiché, oltre al fruttosio, il miele contiene anche sali minerali ed enzimi, i polifenoli, non del tutto ancora conosciuti.

    Però possiamo affermare che il miele contribuisca al benessere dell’organismo nel suo complesso e che ne vada incentivato il consumo – fatti salvi i casi di allergie, di diabete o di sovrappeso – perché è un alimento presente in natura e non sottoposto a trattamenti chimici.

    E’ anche una fonte energetica utilissima per chi pratica sport e si può assumere poco prima dell’impegno fisico – grazie alla sua rapida metabolizzazione – ma anche per recuperare forza a livello mentale perché agisce positivamente sul sistema nervoso. Anche chi è inappentente troverà nel miele nutrimento e giovamento.

    Una differenza sostanziale tra il potere dolcificante del miele rispetto a quello dello zucchero risiede nella maggior complessità del fruttosio rispetto al glucosio, il fruttosio brucia più lentamente e persiste più a lungo nell’organismo rilasciando, nel frattempo, i suoi numerosi effetti.

    Le diverse caratteristiche del miele sono dovute anche al nettare del fiore di cui le api si sono cibate prevalentemente, pertanto mieli di piante diverse avranno caratteristiche lievemente diverse. Ad esempio, il miele d’acacia, uno dei mieli più diffusi e più facilmente reperibili, ha più evidenti proprietà antinfiammatorie e lassative, il miele di tiglio, invece, è più calmante e sedativo, il miele di castagno è disinfettante e antispasmodico, mentre quello di eucalipto è antibiotico e antiasmatico, ed il miele di timo ha potere cicatrizzante per le ferite.
    [/quote1330292910]
    Quante cose interessanti scopriamo… !lol


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #51284
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1330293272=Pier72Mars]
    Tea tree oil (Malaleuca alternifolia) usi e proprietà!

    Read more http://www.miglioriamoci.net/tea-tree-oil-malaleuca-alternifolia/

    Riconoscere e utilizzare le principali erbe spontanee

    Read more http://www.miglioriamoci.net/riconoscere-utilizzare-le-principali-erbe-spontanee/

    È tempo di cavoli, proprietà e ricette!

    Read more http://www.miglioriamoci.net/cavolo-proprieta-ricette/
    [/quote1330293272]
    quanto mi mancano i crauti fatti per bene, non in scatola 🙁


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #51285

    Anonimo

    Qual'è il problema a comprarli freschi?


    #51286
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1330359285=Pier72Mars]
    Qual'è il problema a comprarli freschi?
    [/quote1330359285]
    Dove sto io non ci sono, dovrei farli io, il problema che li compravo nella botteghina sotto casa fata da loro 🙁


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #51287
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Usate questo superalimento per aiutare a rimuovere il mercurio dai tessuti in sei settimane
    http://www.massimopandiani.it/?p=1768
    By Dott. Massimo PandianiPublished: February 28, 2012

    La Chlorella, una micro-alga unicellulare, è uno degli strumenti di disintossicazione più potenti per eliminare varie tossine accumulate, tra cui il mercurio, dal corpo umano.

    Il grasso corporeo accumula da 10 a 100 volte più tossine rispetto al sangue. Uno dei modi migliori per eliminare queste tossine è l’uso di alimenti disintossicanti come il concentrato di proteine del siero di latte di alta qualità che contiene precursori del glutatione, l’esercizio fisico, e l’utilizzo di una sauna a infrarossi.

    La clorella è del tutto indigeribile, quindi per lavorare come disintossicante, la sua parete cellulare deve essere spezzata durante il processo di fabbricazione.

    Essa contiene anche proteine complete, in modo per cui può essere utilizzata da vegani e vegetariani per migliorare i loro livelli di vitamine B e proteine.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #51288

    Anonimo

    http://www.miglioriamoci.net/limone-usi-proprieta/

    Limone: usi proprietà e un liquore!

    14 marzo 2012
    By Anna Bononcini

    Il limone proviene come le arance, dal Sud–Est asiatico, è molto sensibile al freddo, molto di più di altri agrumi.
    A differenza di altri agrumi però, il limone fiorisce e fruttifica più volte l’anno.

    Come scegliere i limoni:

    il colore deve essere un bel giallo intenso (sono più dolci delle varietà più chiare e hanno più succo) e sodi al tocco, limoni rugosi o con la buccia indurita o ammuffita vanno evitati.

    Limoni: usi e proprietà

    Il succo va spremuto e consumato subito, per favorirne l’azione bisogna assumerlo mezz’ora prima della colazione o del pasto.

    I Limoni sono molto ricchi di vit. C ( per questo motivo erano usati dai marinai contro lo scorbuto).

    La vit C ha un effetto molto importante nel fissare il calcio ed un effetto dissolvente delle sostanze inquinanti e dei grassi contenuti nel sangue. Ha un effetto antiossidante e favorisce la produzione di collagene, quella sostanza che tiene unite le cellule e che è di aiuto per la guarigione di tagli e ferite.

    I limoni sono ricchi di altre sostanze come:

    il limonene che limita i danni alle cellule,

    l’acido citrico ed i citrati che regolano naturalmente l’acidità ,molti pensano erroneamente che il succo di limone sia acidificante, invece questo succo è alcalinizzante ed antiacido gastrico ed ha notevoli proprietà toniche, antidiarroiche e diuretiche. L’uso quotidiano di succo di limone può essere di aiuto in tutti quei casi che sono accompagnati da elevata acidità nell’organismo: colesterolo alto, difficoltà ad eliminare acido urico, reumatismi, artrite, diabete, ipertiroidismo, ecc…

    Vit A che mantiene i tessuti giovani, importante per la crescita,

    Vit .del gruppo B che sono importanti per il sistema nervoso, la nutrizione e la pelle,

    Vit. PP che protegge i vasi circolatori,

    Sali minerali : Calcio – Ferro- Silice – Fosforo – Manganese – Rame – Potassio

    Sin dall’antichità il limone è considerato una vera e propria panacea in quanto è:

    Antisettico,
    Battericida,
    Attivatore dei globuli bianchi (difese immunitarie),
    Rinfrescante,
    Febbrifugo,
    Tonico del sistema nervoso e simpatico,
    Tonico cardiaco,
    Disintossicante,
    Diuretico,
    Antireumatìco,
    Antigottoso,
    Antiatritico,
    Calmante,
    Antiacido gastrico,
    Antiscorbutico,
    Fluidificante sanguigno,
    Ipotensore (abbassa la pressione troppo alta),
    Depurativo,
    Remineralizzante,
    Antianemico,
    Stimolatore gastro-epatico-pancreatico,
    Emostatico,
    Carminativo (aiuta ad espellere i gas in eccesso),
    Vermifugo,
    Antipruriginoso.
    L’uso costante di succo di limone è sconsigliato a chi soffre di:

    Malattie renali,
    Gravi malattie epatiche,
    Rachitismo,
    Artrite cronica a stadio avanzato,
    Iperacidità gastrica cronica,
    Astenia grave,
    Quindi in tutte le malattie nelle quali l’organismo ha perso la capacità di trasformare ,nel corso della digestione,l’acido citrico in carbonati.

    Limone: usi e proprietà

    Ecco qui alcune idee su come utilizzare il limone con le sue fantastiche qualità!

    Maschera viso:
    per dare luminosità alla pelle, spremete il succo di un limone, unitevi due cucchiai di miele o più se risulta troppo liquido, stendete sul viso, lasciate agire per mezz’ora e togliete con acqua tiepida.

    Maschera per pelle grassa:
    montare un albume di uovo, unirvi un cucchiaio di succo di limone, mettete sul viso e lasciate agire per mezz’ora, naturalmente dovete evitare il contorno occhi. In poco tempo la maschera seccherà, lavatevi con acqua tiepida.

    Per le gengive:
    il massaggio con succo di limone calma le gengive e blocca i sanguinamenti, per una buona pulizia dei denti, aggiungere alcune gocce di succo di limone ad un normale dentifricio.

    Bibita rinfrescante:
    centrifugate 4 mele, unitevi il succo di un limone e poca acqua, servite fresco.

    Liquore camomilla e limone (digestivo e rilassante)

    Ingredienti:

    1 limone

    50 g di fiori camomilla

    30 g di radice di tarassaco

    Un pizzico di semi di finocchio o cumino o anice

    300 g di zucchero

    300 g di acqua

    300 g alcool a 95°

    Mettere in un vaso di vetro da un litro, i fiori di camomilla, la radice di tarassaco, la buccia del limone + metà della polpa, i semi di finocchio e l’alcool.
    Lasciare macerare il tutto per 15 giorni.
    Scaldare l’acqua, versarvi lo zucchero e farlo sciogliere bene.
    Lasciar raffreddare.
    Aggiungere lo sciroppo al contenuto del vaso e lasciar riposare ancora per 4 settimane.
    Trascorso questo tempo, filtrare ed imbottigliare.
    Lasciar maturare ancora per circa tre mesi.
    Buono anche servito fresco.

    A tutti una buona giornata


    #51289

    Anonimo

    http://www.miglioriamoci.net/semi-olio-girasole-proprieta/

    Semi e olio di girasole: usi e proprietà

    21 marzo 2012
    By Anna Bononcini

    Il girasole Helianthus annus, è un bellissimo fiore giallo originario delle Americhe, qui era conosciuto 3.000 anni prima della sua introduzione in Europa che avvenne alla fine del XVI sec.
    Per le popolazioni Inca era il simbolo della sovranità.
    Questa pianta può crescere fino a sei metri di altezza ed il suo fiore può raggiungere un diametro di 80/85 cm. La coltivazione del girasole per la produzione di olio fu iniziata in Germania ed in Russia nel XVIII sec.

    Semi di girasole: usi e proprietà

    I semi di girasole sono un’ eccellente fonte di acido linoleico che può essere di aiuto per abbassare il colesterolo e per la prevenzione delle malattie cardiache.
    Contengono inoltre vit. del gruppo B, vit.E, vit .D e minerali tra cui il ferro ed il magnesio, oligoelementi come selenio, fosforo, cobalto, manganese, zinco, e rame, proteine e carboidrati.

    Sono una buona fonte di fenoli, sostanze a cui sono state riconosciute proprietà preventive nei confronti di malattie degenerative.
    I germogli dei semi di girasole sono ricchi di ferro.

    I semi di girasole vanno consumati non tostati, se proprio volete tostarli, fatelo voi e non acquistateli già tostati: perdono molte delle loro proprietà.
    Potete utilizzarli mescolandoli all’impasto del pane, nell’impasto dei biscotti, nelle insalate, con lo yogurt, etc. oppure consumarli al naturale, nella dose di due cucchiai al giorno.

    In cucina usate solo olio di girasole spremuto a freddo (e senza l’utilizzo di solventi chimici), siccome però si deteriora ed irrancidisce facilmente, va conservato in frigorifero.

    In cosmetica l’olio di girasole è un rigenerante delle cellule dell’epidermide, è emolliente, rinfrescante ed idratante. L’olio di semi di girasole può essere utilizzato come base per massaggi per dolori reumatici o muscolari.

    Come usare i semi e l’olio di girasole

    Gengive irritate: fare risciacqui con olio di girasole .

    Maschera per pelli irritate e rigenerante:

    Ingredienti:
    Una manciata di semi di girasole, 1 cucchiaino di miele e 1 di olio ( mandorla, jojoba, etc.)

    Tritate i semi di girasole fino a ridurli in polvere, mescolare la polvere con l’olio e il miele aggiungendo dell’acqua calda, dovrete ottenere un composto spalmabile.
    Se avete la pelle tendente al grasso, sostituite l’olio con lo yogurt.
    Spalmate sul viso e sul collo, lasciate agire per 30 minuti e togliete con acqua tiepida.

    Pesto ai semi di girasole

    Ingredienti:
    Semi di girasole, aglio, olio, basilico, sale e pepe.

    Frullate il tutto ed usate per condire una pasta.
    Unendo al pesto una cucchiaiata di capperi ed una zucchina potete ottenere una salsina da usare sulle tartine.

    Anche per oggi è tutto, auguro a tutti il meglio

    Anna Bononcini


    #51290
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1334063399=Pier72Mars]
    http://www.miglioriamoci.net/semi-olio-girasole-proprieta/

    Semi e olio di girasole: usi e proprietà

    21 marzo 2012
    By Anna Bononcini

    Il girasole Helianthus annus, è un bellissimo fiore giallo originario delle Americhe, qui era conosciuto 3.000 anni prima della sua introduzione in Europa che avvenne alla fine del XVI sec.
    Per le popolazioni Inca era il simbolo della sovranità.
    Questa pianta può crescere fino a sei metri di altezza ed il suo fiore può raggiungere un diametro di 80/85 cm. La coltivazione del girasole per la produzione di olio fu iniziata in Germania ed in Russia nel XVIII sec.

    Semi di girasole: usi e proprietà

    I semi di girasole sono un’ eccellente fonte di acido linoleico che può essere di aiuto per abbassare il colesterolo e per la prevenzione delle malattie cardiache.
    Contengono inoltre vit. del gruppo B, vit.E, vit .D e minerali tra cui il ferro ed il magnesio, oligoelementi come selenio, fosforo, cobalto, manganese, zinco, e rame, proteine e carboidrati.

    Sono una buona fonte di fenoli, sostanze a cui sono state riconosciute proprietà preventive nei confronti di malattie degenerative.
    I germogli dei semi di girasole sono ricchi di ferro.

    I semi di girasole vanno consumati non tostati, se proprio volete tostarli, fatelo voi e non acquistateli già tostati: perdono molte delle loro proprietà.
    Potete utilizzarli mescolandoli all’impasto del pane, nell’impasto dei biscotti, nelle insalate, con lo yogurt, etc. oppure consumarli al naturale, nella dose di due cucchiai al giorno.

    In cucina usate solo olio di girasole spremuto a freddo (e senza l’utilizzo di solventi chimici), siccome però si deteriora ed irrancidisce facilmente, va conservato in frigorifero.

    In cosmetica l’olio di girasole è un rigenerante delle cellule dell’epidermide, è emolliente, rinfrescante ed idratante. L’olio di semi di girasole può essere utilizzato come base per massaggi per dolori reumatici o muscolari.

    Come usare i semi e l’olio di girasole

    Gengive irritate: fare risciacqui con olio di girasole .

    Maschera per pelli irritate e rigenerante:

    Ingredienti:
    Una manciata di semi di girasole, 1 cucchiaino di miele e 1 di olio ( mandorla, jojoba, etc.)

    Tritate i semi di girasole fino a ridurli in polvere, mescolare la polvere con l’olio e il miele aggiungendo dell’acqua calda, dovrete ottenere un composto spalmabile.
    Se avete la pelle tendente al grasso, sostituite l’olio con lo yogurt.
    Spalmate sul viso e sul collo, lasciate agire per 30 minuti e togliete con acqua tiepida.

    Pesto ai semi di girasole

    Ingredienti:
    Semi di girasole, aglio, olio, basilico, sale e pepe.

    Frullate il tutto ed usate per condire una pasta.
    Unendo al pesto una cucchiaiata di capperi ed una zucchina potete ottenere una salsina da usare sulle tartine.

    Anche per oggi è tutto, auguro a tutti il meglio

    Anna Bononcini

    [/quote1334063399]

    lo provo !!!! !lol

    di solito li uso nell'impasto delle polpettine vegetali che cuocio al forno … le rende croccanti e appetitose
    🙂


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

Stai vedendo 10 articoli - dal 71 a 80 (di 185 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.