Manuelito

Risposte al Forum Create

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 96 totali)
  • Autore
    Articoli
  • in risposta a: io NON sono Charlie #309555
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    Detto ciò, ritengo che le risposte giuste siano già nel nostro bagaglio umano.Infatti parlo,e non a caso di “intelletto e cuore”,e siccome sono pienamente convinto dell’esistenza del libero arbitrio,e sono altrettanto convinto che siamo noi,con la nostra coscienza e la nostra consapevolezza,a dover creare un mondo migliore possibile,usando amore,comprensione,tolleranza,compassione ecc.

    Il materiale si chiama “La Legge dell’Uno, il materiale di RA”
    Ascolta Orso, io non dico il contrario, anzi anche io sono pienamente convinto dell’esistenza del libero arbitrio e della possibilità di creare un mondo che più ci aggrada. In effetti, il punto è proprio questo, tu parli di “intelletto” e “cuore”. Su di questo Pianeta le due cose sono state largamente disunite, come del resto è capitato con la scienza e la religione e non è stato un caso, cioè l’operazione è stata voluta.
    Per ragionare, cioè usare l’intelletto per indagare su avvenimenti del genere (11 settembre e varie stragi ) e non commettere clamorosi errori, bisogna essere, o uno di loro, o in qualche maniera bazzicare ambienti segreti, ma nemmeno così si riuscirà ad arrivare alla verità, perché gli interessi in campo sono vari e in origine hanno una valenza spirituale.
    Se invece vuoi usare il cuore, allora non dovrebbe più interessarti chi ha tirato giù le torri, chi è stato il mandante e a cosa vuol mirare no?
    Questo è un altro punto; La consapevolezza del Male come forza creatrice non come forza distruttiva fine a se stessa.
    Nessuna religione riesce a giustificare il Male come opportunità.

    questo,secondo me,lo si può fare combattendo il lato oscuro che è in tutti noi ,ma anche opponendosi a coloro che vogliono prevaricare la volontà,la libertà altrui.Sarò materialista,ma anche Gesù ha preso a calci i mercanti nel tempio.
    Forse non sarò capace di mettermi in disparte a guardare,noncurante, lo scempio che si sta facendo della vita e del mondo

    Io lo comprendo, non è mia intenzione demoralizzarti, o invitarti ad abbandonare la tua ricerca (lotta) ognuno deve lottare secondo il proprio sentire, anche se il sentire su di questo Pianeta è secondo me altamente inquinato da meccanismi che vengono portati avanti da millenni.
    Per cui non posso far altro che augurati buon lavoro.

    @rebel

    Si lo so Rebel, ho letto qualcosa….ma la combinazione straordinaria che si era formata fra RA e Don è un qualcosa di unico e irripetibile, almeno nell’era moderna.
    Le domande erano diverse e di conseguenza le risposte. RA aveva grossa considerazione di Don, la stessa cosa non è più capitata dopo.
    Certo le nuove canalizzazioni di Carla sono comunque un qualcosa di interessantissimo e gli stessi messaggi li puoi trovare da una canalizzata francese (Monique Matthiew) ma è l’interlocutore che è diverso. Don era uno scienziato, un pilota, ex militare e studioso degli UFO. Aveva un grosso Spirito e un’ Anima esperta, per questo il gruppo di Orione ha considerato una priorità eliminate il veicolo fisico di Don e ci è riuscito.
    La maggioranza dei messaggi avviene in una forma come se l’Entità che canalizza fosse il padre buono che cerca di tranquillizzare il figlio scemo, con Don era diverso.
    Comunque io credo di aver intuito l’essenza di quel che RA dice, la sento plausibile e in qualche maniera la “ricordo” e credo che non sia applicabile all’intera umanità.
    Sempre in gamba amico mio


    in risposta a: io NON sono Charlie #309541
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    Non credi che se vogliamo scoprire la verità,si debba analizzare ciò che succede
    intorno a noi, per aver un idea chiara della forze che si stanno muovendo e perche?

    E tu credi di avere gli strumenti adatti per arrivare alla conclusione della tua indagine? Credi che si possa lavorare sulla versione ufficiale dell’evento? Mah, se lo credi…prova.

    Le tue entità negative assomigliano molto ai Voladores di Castaneda.Se esse esistono o meno,no so rispondere,ma so che abbiamo il libero arbitrio,un intelligenza e un cuore.La scelta tra il bene o il male(è questo il succo del discorso)spetta solo ed esclusivamente a noi

    Queste entità non sono mica mie? E sospetto non siano nemmeno di Castaneda. Orso, forse non ci siamo capiti, o forse non sono riuscito a spiegarmi bene, tu credi che la gente abbia la possibilità di esercitare il proprio libero arbitrio, forse, ma io sono dell’idea che lavorando sui meccanismi e non sul sentire, l’umanità (nella media) non avrà alcuna possibilità.

    Comunque il mio era un intervento per visualizzare la cosa dal punto di vista metafisico e sono quasi certo che il materiale di Ra è un ottimo punto di partenza.

    Lo stare fermi ad osservare,mi fa pensare tanto al gregge che non si accorge dell’arrivo dei lupi.Quando se ne accorge è troppo tardi.

    E allora, scusa la franchezza, non hai capito una mazza. Vabbè buon proseguimento


    in risposta a: io NON sono Charlie #309539
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    Ciao Rebel, amico mio.

    Credo che in questo momento ne possiamo parlarne solo io e te,

    Ed è un vero peccato…davvero un peccato.
    Anche io rileggo RA di tanto in tanto e sono straordinarie le conferme che ho avuto.
    Esiste un lato metafisico di tutte le cose che osserviamo e RA è l’unico che te ne parla. Ci sono un fottio di scritti in giro, ma nessuno te ne parla in maniera così chiara come RA con Don.
    Io sono un tipo molto sospettoso, diffidente e anche abbastanza presuntuoso, è difficile che abbracci una tesi qualsiasi sia, infatti non è che abbia abbracciato la tesi del materiale di Ra, ma la Legge dell’Uno e la spiegazione che viene data in questa canalizzazione, mi suona troppo plausibile.
    Il materiale di Ra lo si potrebbe usare come stele di rosetta per decodificare un mucchio di informazioni che da millenni più di un’Entità ha tentato invano di tramandare agli umani.

    Camillo e Orso sono molto indaffarati a voler comprendere chi ha tirato giù le torri gemelle ed è giusto.
    “Sono stati gli arabi!” no “sono stati gli americani!” In verità non sono stati nè gli uni né gli altri. Esistono delle forze non intercettabili che operano a prescindere dai governi che mano mano vengono formati. Ora operano prevalentemente dagli USA ma non è che possono definirsi degli americani.

    Proprio ieri mi è arrivato un pensiero riguardo a questo argomento, il patto con le densità negative era che avrebbero dovuto lasciare il pianeta e la terza densità alla fine del raccolto, ma questo patto non è stato rispettato,

    Questo è il rischio di fare un patto con Entità negative, non lo rispettano mai per la natura stessa del loro essere.
    Gli schieramenti in campo sono abbastanza confusi, ma soprattutto mutano in maniera radicale rispetto le occasioni che si vengono a formare. Io insisto sulla stupidità umana.
    Come in tutte le epoche passate, anche adesso l’umano gioca la parte della pecora. Totalmente disinformato ed in balia dell’avversario senza la minima idea di cosa stia succedendo.

    Per quanto mi riguarda, osservo la situazione tenendo conto delle informazioni che ho assimilato e aspetto l’evolversi degli eventi, cercando di rimanere quanto più neutro possibile.

    Ti abbraccio amico.


    in risposta a: io NON sono Charlie #309514
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    Buongiorno amici.
    Vorrei provare a guardare la cosa dal punto di vista di RA.
    In questo forum si può fare, molti di voi hanno le basi per poter inquadrare la questione da questo lato.

    Punto primo.
    Cominciamo col dire che siamo nei pressi della fine dell’ultimo dei tre cicli minori e contestualmente alla fine del ciclo maggiore di 76.000 anni circa.
    Questo comporta diversi cambiamenti che sembrerebbero strettamente legati al sentimento generale che l’umanità esprime.
    Detto in parole povere, ad ogni fine ciclo c’è un passaggio (cambiamento) più le Entità chiamate a questo cambiamento sono agitate, in disaccordo, più il cambiamento sarà traumatico.
    Questo disaccordo porta ad un attrito, questo attrito genera energia/calore che deve essere dissipata.
    Non potendo seguire un obiettivo comune, questa energia rimane inutilizzata e viene assorbita dal Pianeta e rilasciata sotto forma di:
    catastrofe naturale;
    crisi sociale;
    violenza;
    malattia.
    Leggendo Ra la situazione odierna la si sarebbe potuta intuire già dal 1981.

    Punto secondo.
    Esistono vari livelli di comando e di controllo su di questo Pianeta. Alcuni sono nettamente visibili da noi tutti, altri no.
    Quelli che riusciamo a vedere sono quelli palesi, cioè governi nazionali, istituzioni mondiali (NATO, ONU etc.) e apparati militari.
    Dietro (o al limite al fianco in alcuni casi) riusciamo ancora a vedere (perché ce lo dicono) che esiste un qualcosa di semi nascosto. I servizi segreti.
    Essendo segreti, di ‘sti servizi se ne sa poco, ma si sa che esistono.
    Molti di voi avranno sentito in certi casi parlare di “servizi segreti deviati” ecco, questo è un ulteriore livello di comando, cioè un qualcosa più segreto e oscuro dei servizi segreti.
    Qui la percezione s’interrompe, un qualcosa di segreto, o deviato, di un qualcosa già poco chiaro in partenza, manda in tilt il cervello.
    Quelli un po’ più attenti intuiscono che i governi, che sono transitori, devono comunque fare i conti con Famiglie di potenti, che invece sono ataviche e stazionarie.
    Casati, Famiglie, stirpe di gente che di generazione in generazione tramanda non solo danaro e proprietà materiali, ma soprattutto conoscenza e “trucchi”.
    RA ci dice che addirittura esiste un gruppo di controllo superiore alle Famiglie, un controllo confederato che non è di questo Pianeta.
    Per cui, quando dall’alto parte un’idea (un concetto), il viaggio che l’idea stessa intraprende, attraversa un mucchio di livelli più, o meno segreti prima di arrivare all’esecutore, potrebbe arrivare in modi assai diversi fra loro, ma comunque state certi che arriva.
    Per cui il risultato finale, anche se aperto a varie vie e sfumature, è comunque stato previsto.
    Un po’ come il nazismo, o il concetto di èlite in genere.

    Immaginate di sfrecciare a bordo di una carrozza in uno spazio/tempo terrestre chiamato Austria in un tempo/spazio cronologico da noi conosciuto come il 1902 e di investire ad un incrocio un giovinetto che torna da scuola e di non accorgervi nemmeno dell’accaduto. Immaginate che il giovinetto non sopravviva all’evento e che in quella esperienza l’Entità adottava il nome di Adolf Hitler.
    Ciò non sarebbe bastato a fermare un’Energia che da tempo era stata indirizzata verso la materializzazione in Europa di un sistema elitario, dittatoriale e dal punto di vista umano crudele, cioè l’evento nazismo sarebbe comunque accaduto, ma sarebbe variato molto nella forma e nelle molteplici sfumature che rendono unico l’evento stesso, anche solo per il fatto che si sarebbero pure potuti portare dei ridicoli baffetti che partono da sotto le narici e non essere immediatamente associati ad un’icona del male.

    Punto terzo
    Esiste un’ Energia Intelligente. Questa Energia fluisce dal centro di ogni Galassia irradiandosi tutto intorno. Ogni Essere vivente riceve questa Energia…a patto che sia sereno e in salute.
    Il cibo spazzatura, i medicamenti chimici invasivi, i programmi idioti e ripetitivi in TV, l’odio, la frenesia, ma soprattutto la paura bloccano questo normale fluire dell’Energia Intelligente.
    Questa Energia Intelligente è nient’altro che informazione che serve ad ogni essere vivente in sperimentazione (incarnazione) per armonizzarsi col Tutto ed operare al meglio.
    Quando vi dicono che esiste “qualcuno che si nutre di paura” s’intende proprio questo. Io alimento la tua paura. La tua paura evita che tu possa ricevere le informazioni, cioè sapere (o almeno intuire) chi sei e di cosa fai parte. Io ne approfitto per dominarti. Il concetto di Dio è nato così. Non sarebbe bastato solo l’amore per attecchire, ci voleva la paura.
    Stesso discorso logicamente vale anche per l’odio.

    Punto quarto
    La nostra provenienza.
    Ra dice che la metà circa degli umani proviene da Marte. Entità guerrafondaie che hanno finito per distruggere il loro Pianeta e sono state costrette a riparare sulla Terra.
    L’altra metà è formata da vari gruppi di Entità diverse che arrivano da posti diversi e forse in alcuni casi prima di incarnarsi qui, alcuni di questi gruppi già si facevano la guerra gli uni contro gli altri in altri mondi. Solo una piccola parte è autoctona di questo Pianeta.

    Punto quinto
    Il colpo di coda.
    Siamo nei pressi della fine dei giochi. Tutti si affrettano ad operare il più intensamente possibile.
    Chi è intenzionato a polarizzarsi positivamente (i buoni) in questi tempi cruciali, pensa più di ogni altra cosa a proteggere chi ama, a pregare, a cercare di irradiare quanta più Luce amorevole riesce, in tutti i modi che conosce e di cui è capace, ma senza minacciare più di tanto il libero arbitrio degli altri. Chi è davvero buono sa che alla fine tutto andrà bene (….e se non dovesse andare bene, vuol dire che non è ancora giunta la fine…cit.) per cui diciamo che il buono prevalentemente “gioca di rimessa”.
    Chi ha deciso invece per la polarizzazione negativa (i cattivi) deve darsi da fare e “giocare all’attacco”.
    A parte il fatto che per diventare un vero cattivo coi controcoglioni, cioè per raggiungere la vibrazione necessaria a sperimentare una cattiveria superiore (quella di quarta densità) l’Entità deve raggiungere una percentuale di cura ed interesse verso se stessa che raggiunge il 95% (mentre al buono basta dare il 51% agli altri e il 49% a se stesso) per cui non è cosa semplice diventare un vero cattivo, siamo quasi ai limiti della perfezione negativa. Poi, come scrivevo nel punto terzo, l’Energia non utilizzata, viene comunque in buona parte intercettata da chi sta agendo con grossa passione e per forza di cose, su questo Pianeta i cattivi sono più passionali, costanti, intraprendenti e volenterosi dei buoni (almeno nella maggioranza dei casi) e soprattutto a loro non frega una mazza di minacciare la libera scelta degli altri.

    Ci sarebbero pure altri punti, ma ho scritto già tanto. Le stragi e i mega attentati a cui assistiamo adesso sono solo la punta di un iceberg fatto di meccanismi perpetuati quotidianamente da piccoli e meno piccoli stupidi ladruncoli, disonesti, prepotenti, pigri, abitudinari, timorosi, bugiardi, imbroglioni, inefficienti, poco collaborativi, assenteisti, truffatori, approfittatori, male informati, ipocriti, inquinatori, delatori e menzogneri formanti il tessuto umano terrestre medio…e manipolarli, oltre che semplice, è un vero piacere.

    Concludendo, se non fossero stati gli arabi contro gli ebrei, sarebbe stato i cinesi contro gli americani, o i russi contro gli inglesi, i tedeschi contro i turchi, i testimoni di Geova contro quelli dell’ avvento del primo giorno…e così via (e potrebbe ancora accadere)
    L’umano medio è stupido e ha poca dignità, di conseguenza risulta malleabile, influenzabile e corruttibile, lo era ai tempi di Atlantide, ai tempi dei faraoni, dei babilonesi, lo era ancora al tempo dei greci e dei romani.
    Lo era al tempo di Cristo e al tempo del primo Papa e della prima crociata e lo è ancora adesso. Perchè sia così, fa parte di un altro discorso che vede l’umano medio agire per meccanismi più che per istinto, ma comunque sappiate…finchè l’umanità terrestre sarà un’Entità idiota, bastano 9 (nove) persone per metterlo in culo a tutto il Pianeta.
    In definitiva…dopo i trascorsi umani, come pretendevamo che la storia sarebbe potuta finir bene?

    Ma non disperate, questi grossi avvenimenti, oltre a far parte dell’immenso e spesso bizzarro Teatro che è la Creazione, riescono a generare non solo paura, ma anche tanta solidarietà ed empatia in tutto il Pianeta fra le persone che desiderano sperimentare il lato positivo dell’Energia…in momenti del genere i VERI buoni spuntano un po’ ovunque come i funghi perché come in ogni cosa, c’è sempre il rovescio della medaglia che fa da garante all’equilibrio delle cose.

    La mia considerazione, finale e del tutto personale invece è questa qui.
    Sparare a dei ragazzi indifesi che assistono ad un concerto non è un’azione da cattivi, è un’azione da vermi.


    in risposta a: Sphere being alliance #306880
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    C’è una parte interessantissima fra i dialoghi di RA e Don (Elkins). A dire il vero diventa interessante quando cominci a capirci qualcosa.
    Capirci qualcosa, non vuol dire scoprire la verità, ma significa soprattutto riuscire a far combaciare i pezzi in modo che ti diano una versione accettabile. In definitiva tutto è percezione e così deve rimanere, però vuoi mettere quando le cose ti tornano? È davvero una bella sensazione.
    La parte di cui parlo è la creazione dell’Universo.

    Come può un piccolo stupido, impreparato, squilibrato, sottovalutato cervello umano concepire questi concetti? Non può logico, specie nelle condizioni in cui è ridotto oggigiorno.
    Io ho sempre avuto una mente molto aperta, infatti mi ci deve essere entrato un po’ di tutto, però anche io ho provato serie difficoltà a capire cosa davvero intendesse RA, soprattutto perché non esiste educazione a tutto ciò. I nostri riferimenti sono distanti anni luce dai concetti archetipi ed essendo un cazzone umano anche io e avendo dimenticato tutto, c’è voluto tempo per metabolizzare queste informazioni.
    Io ora sono in possesso di un MIO senso logico delle cose ed è già un grossissimo passo avanti, poco conta se non è esattamente quel che è stato perché non è importante.

    Quando RA afferma: La prima cosa nota nella creazione è l’infinito, il cervello tende ad andare in crash. Non è facile comprendere questa rivelazione. Per farlo bisogna entrare nell’ordine di idee che in definitiva tutto ciò che esiste è stato creato. Non solo le Galassie, i Pianeti, ma anche l’Universo è stato creato, per cui non solo la materia, ma anche il tempo, lo spazio e l’energia vibrazionale per far accadere tutto ciò è stata creata. Per cui prima della creazione non vi è tempo, non vi è spazio, non c’è né energia né movimento.
    Non è il nulla, perché il nulla è comunque un qualcosa di creato. Logicamente quel che l’umano intende come “aldilà” anch’esso è stato creato.
    Se uno scienziato riuscisse a penetrare totalmente l’infinito, si troverebbe in mano una minuscola sfera di energia grossa quanto un’arachide. Ciò è quel che era prima della creazione.
    Tutto il creato in un’arachide? Come può il cervello umano concepire questo concetto? Non può perché non è stato concepito per far ciò.

    L’infinità divenne consapevole. Questo fu il secondo passo.
    Come può una cosa per l’umano indefinita come l’infinità diventare consapevole? Non bisogna dimenticare che qui si tenta di svelare un mistero così grande, ma soprattutto così lontano dagli umani terrestri che il cervello fa fatica a trovare schemi comparativi.
    Non esistono vocaboli umani che possano far comprendere pienamente questo concetto, ci si può provare però.
    Una piccola vibrazione condensata in un puntino. Poi un’esplosione. Nuovo scenario. In pratica la prima cosa creata è stato il nulla, poi è comparso un pensiero: “Cosa farci di tutto questo nulla?”
    E’ bastato il pensiero, la domanda: “Cosa farci del nulla?” per generare una, se così si può definire, griglia energetica che ha avviluppato il potenziale infinito totalmente e ha generato un atto di volontà. Questo atto di volontà è considerato in tutto l’Universo consapevole come “Amore” (diverso dal concetto di amore che si usa sulla Terra) “Amore”, o “Logos” è la prima focalizzazione della Fonte Infinita che ha dato il via alla creazione.

    Come si fa a spiegare al prossimo nostro questo tipo d’informazioni? Vi starete chiedendo: “Si, ma ‘ste informazioni a che servono?” Ad una beneamata fava in definitiva.
    Dal punto di vista pratico queste informazioni non portano alcun tornaconto materiale, anzi direi che a lungo andare incasinano ancor di più le cose. Stesso discorso vale per la creazione del pianeta Terra e dell’umano terrestre.
    Io fondamentalmente sono motivato da un’intensa curiosità.


    in risposta a: Sphere being alliance #306878
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    Ragazzi, sinceramente parlando, non c’è modo di aver alcuna prova di come sono realmente andate le cose.
    Non è che non ci sia riferimenti e cronache, ma sono talmente velate dal principio stesso di libero arbitrio e dai riferimenti dell’epoca, che è impossibile interpretare correttamente tutte le informazioni.
    Non dimentichiamoci che su questo Pianeta un fottio di gente c’è morta per queste informazioni, altri sono andati fuori di senno.
    Forse, in tutto il mio cercare, lo scritto che mi è parso soprattutto più sincero e poi quello con più riscontri, è stato il materiale di RA.
    Ci sono varie sessioni in cui Ra parla del “gruppo di Orione”, io sospetto che i draghi, gli orchi, i voladores, i chupacabra e tutte le storielle da incubo, siano state generate da contatti fra gli umani e sta gente.

    Io però insisto sulla base del discorso, se è difficile raccapezzarsi fra queste informazioni, diventa impossibile se non si fa propria l’idea che l’evoluzione si spalmi su sette distinte “tappe”.
    Ciò sta a significare che l’umano terrestre di terza densità, quando potrà andare a sperimentare in quarta, sarà necessariamente l’alieno di qualcun altro, “l’extraterrestre” di qualche civiltà di terza.

    Se si riesce ad entrare nell’ordine di idee delle 7 tappe, discorsi come “alieni”, fine del mondo” hanno molto più senso.


    in risposta a: Sphere being alliance #306876
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    ….per cui, io sono dell’idea che una tecnologia così intesa, a livello globale, i terrestri la vedranno (come opportunità reale) solo quando andranno ad abitare la “Terra di quarta”.

    Abbiamo perso troppe volte l’occasione di rimediare, ma troppa disonestà e pochissima dignità, oltre a creare Dei e Dio, ci hanno resi non idonei ad una tecnologia del genere.
    Conosco della gente qui che è giusto una spanna sopra la scimmia, certo alcuni di loro saranno pure brave persone, ma è gente che fondamentalmente non è riuscita nemmeno ad allontanarsi dall’idea del branco, dell’idea della sopravvivenza a tutti i costi.
    Così non ci si arriva a questo tipo di tecnologie.


    in risposta a: Sphere being alliance #306875
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    Il piacere è tutto mio caro amico Rebel.
    Hai perfettamente ragione, io non dico che questa tecnologia su questo Pianeta non sia mai esistita.
    Citi bene Tesla, King etc. e io potrei aggiungere gli antichi Egizi, a me risulta avessero una tecnologia pazzesca, (e gli Atlantidei?) però quello che intendo io è che questa tecnologia non diventerà mai di dominio pubblico.
    L’umano medio non potrà mai approfittare di questa tecnologia.
    Questa tecnologia non è prettamente di quarta densità, da quel che ho capito non esistono dei veri e propri paletti per la ricerca se non nei limiti di noi stessi.
    Sempre da quel che ho compreso, esistono due modi di evolvere: Spiritualmente e tecnologicamente. Entrambi i modi possono farti accedere a conoscenze inimmaginabili.
    Sul Pianeta Terra per millenni si è lavorato in modo che l’umano terrestre si dividesse, in modo da non permettergli una coscienza globale d’intenti che è prerogativa per questo tipo di tecnologie.

    Su di questo Pianeta esiste la scienza a vari livelli, la medicina a vari livelli…il sapere a vari livelli, tutto ciò ha determinato e lo farà fino alla fine, l’impossibilità di godere di questo tipo di tecnologia su di un Pianeta che ne avrebbe avuto le possibilità e capacità.


    in risposta a: Sphere being alliance #306849
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    Da quel che dice RA a me sembra di capire diversamente.
    La tecnologia di cui parli è roba di quarta densità. Il nostro Pianeta non sarà mai in grado di arrivare a tanto, cioè ci saranno due Reami ben distinti per i terrestri.
    La maggioranza non vedrà mai questo tipo di tecnologia.

    Io penso che il punto cruciale per comprendere tutta la situazione sia nelle sette tappe o sette densità, o sette dimensioni. Se non si comprende ciò, non è possibile comprendere il resto.

    E’ raro trovare su di questo Pianeta scuole di pensiero che comprendano questo tipo di evoluzione per gradi. Nessuno dei credi che io sappia intende l’esperienza terrena come una piccola tappa di un percorso che si staglia su sette Reami, o densità, o dimensioni di vibrazione differente.
    In genere l’umano medio tende a seguire la tesi religiosa che prevede in linea di massima una vita intesa come un ‘unica prova (dentro, o fuori) per poi venir giudicati idonei o meno.
    Se si viene giudicati idonei, la ricompensa sarebbe in pratica la noia eterna. Un paradiso dove tutto è immutabile, dove tutto è compiuto e dove dovresti riposarti per l’eternità. Una beatitudine eterna paragonabile forse ad un tossico che si fa di extasy al ritmo di una pasticca ogni 10 minuti.
    Se si dovesse invece essere giudicati non idonei, la destinazione è un’altra noia eterna però fatta di fuoco, fiamme, urla, sofferenza ciclica, senza alcun senso e logica.
    Le altre dottrine, hanno almeno intuito la reincarnazione, ma in definitiva ognuno si è creata la propria verità. Il che non è male, anzi, è proprio la percezione diversificata delle cose a rendere il creato un cantiere sempre aperto e a soddisfare lo sperimentatore, pero su questo Pianeta si è davvero oltrepassato il segno.

    Mancano assolutamente i riferimenti che si sono persi nelle varie guerre, nelle varie stragi.
    Tutto sommato, gli umani tendono a trattare il proprio Dio come un impiegato tratterebbe il proprio datore di lavoro. In effetti cercano di ricavarci qualcosa, non sono tanti a provare amore incondizionato per il proprio capoufficio però lo temono e di conseguenza lo venerano e gli offrono favoritismi. Io sono dell’idea che se provi a levargli Dio, loro dovranno per forza di cose riempire lo spazio che si è venuto a creare, con un altro Dio, Divintà….etc. e siamo punto e a capo.

    Per cui, io credo che RA parli di due “Reami” (illusioni) distinti e separati, uno di quarta dove si avrà a disposizione la tecnologia di cui parla Rebel e uno di terza, molto simile a questa Terra (cesso) che viviamo tutti noi adesso. La maggioranza non godrà di queste nuove meraviglie.

    A me così pare di capire


    in risposta a: La Legge dell’Uno #305593
    Manuelito
    Manuelito
    Partecipante

    buongiorno ragazzi…sapete dove posso reperire il libro 4 e il libro 5 in italiano?
    grazie 🙂


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 96 totali)