tavani

Risposte al Forum Create

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 62 totali)
  • Autore
    Articoli
  • in risposta a: L'AMERICA UCCIDE OSAMA BIN LADEN (…ma io non ci credo!) #137611
    tavani
    Partecipante

    [quote1304599329=maraxma]
    La fantomatica uccisione di Bin Laden è un pretesto per parlare di “alto rischio attentati”, quindi seminare ancora paura. Probabilmente qualcosa succederà da qualche parte, per seminare terrore in tutto il mondo, e riprendere lo sporco gioco partito dieci anni fa con l'abbattimento delle torri gemelle.
    [/quote1304599329]

    Credo questa sia la motivazione più vicina alla verità.

    Hanno bisogno di provocare paura perchè hanno intenzione di fare nuove mosse.

    Bloccandoci on la paura, possono convincerci che una delle soluzioni da loro che verranno proposte sarà quella buona.

    Ormai è da tanto che agiscono così.

    Sembra quasi un paradosso persino parlarne.

    Siamo tutti incazzati con la rai, tutti che temiamo attacchi atomici, e così diamo carta bianca ai burattinai.

    Credo che i loro giochini stiano per terminare.

    Sparendo la paura, sparirà la loro stessa funzione.


    in risposta a: SAI BABA #78187
    tavani
    Partecipante

    Un post davvero incredibile Hidden Hand.

    Il dado è tratto.


    in risposta a: SAI BABA #78183
    tavani
    Partecipante

    [quote1304162033=InneresAuge]

    Scherzi a parte, al momento mi sento come un assetato nel deserto… e non riesco a trovare ciò meraviglioso.
    A volte penso anche che starei meglio senza coscienza e questa ricerca interiore…
    Però ho capito cosa vuoi dire, in fondo noi non sappiamo cosa succede nel mondo, perché la realtà è pesantemente filtrata dai media che amplificano qualunque regressione della coscienza… Però dai pochi contatti che ho, non mi sembra di vedere grandi passi in avanti.
    Tu ne vedi? Senti di aver trovato almeno un pezzo di Verità?

    Penso anche che parlare di questi temi sia importante per poterci scambiare informazioni e input su come poi noi cercare la via… attivamente.
    Anche perché come si può esser certi di qualcosa solo perché raccontato da qualcuno? Il mondo è pieno di false testimonianze… e di persone che creano dal nulla o arricchiscono situazioni “umane” per trovare un senso alla loro vita… anche se non è vera.

    Dobbiamo immaginare e creare un mondo con valori e radici totalmente diversi… ma non riusciamo nemmeno a cambiare i nostri comuni :hehe:

    Allora avevo frainteso. Se parliamo di coscienza, ne vedo poca differenza rispetto al passato… ma conosco i miei limiti, e spero di sbagliarmi.

    Si deve sempre partire dalla Verità, non dall'illusione, quindi questa è la premessa obbligata.
    Se siamo sinceri con noi stessi quindi, possiamo riconoscere la Verità nel bene e nel male che facciamo.
    Per questo ho scartato subito Sai Baba.
    Se non ci fossero falsi profeti, sarebbe più semplice scoprire la verità… a prescindere di quale essa sia.
    [/quote1304162033]

    Questa condizione di “assetato nel deserto” è una condizione obbligata.

    Quando Gesù è andato nel deserto, ci è andato per un motivo preciso.

    Il deserto esiste perchè quando siamo nel deserto (sia esso esteriore o interiore) scompaiono tutte le voci, e ne resta solo una: la tua.

    In quella unica voce, che sarà l'unica che ti dice cosa fare, riconosci Dio, e lo lasci parlare. Dio infatti essendo con te, non ha bisogno di parlarti dall'esterno, come una voce esterna. Può farlo anche internamente.

    Quando si è nel deserto, si ha più necessità di ascoltare questa voce, poichè l'istinto di “sopravvivenza” ti aiuta in questa ricerca.

    La ricerca si conclude con un richiamo alla Fonte, dalla quale ti disseti.

    Infatti, non essendoci nessun'altra distrazione nel deserto, l'unica cosa utile ed INDISPENSABILE è l'acqua a cui dissetarsi.

    L'acqua dell'incontro con Dio, con precisione.

    Nel mondo in cui ci sono tante distrazioni, è difficile ascoltare Dio interiormente. E se non ti crei dei deserti interiori, sarà Dio che ti concederà di allontanarti da lui.

    In questa maniera sarai nel deserto, pur essendo in città per esempio.

    Sarai solo anche se sei in mezzo alla gente. E' una condizione necessaria perchè tu ti ponga alla ricerca della Fonte a cui dissetarti.

    Arriva il punto in cui non ne puoi più di questo silenzio e di questo deserto, e quindi chiami con forza, sempre più forza: “Dio, dove sei? Dio, dove sei?”

    Probabilmente non ti risponderà, perchè è questo il vero deserto.

    In quella situazione di totale abbandono e perdita della speranza, ecco che ti prende per mano.

    Ricordi la storia che si leggeva su internet?

    “Dove eri Signore quando non ce la facevo a camminare e vedevo solo l'orma di due piedi sulla sabbia?”

    “Quando vedevi solo due orme, erano le mie e ti portavo in braccio..”

    E' solo in quella situazione che Dio si rende percettibile. E puoi immaginare quanto silenzio sia necessario perchè tu o chiunque altro/a si accorga di questo.

    In pratica, fino a quando cercherai Dio fuori di te, andrai sempre più nel Deserto.

    Cercando invece Dio dentro di te, vedrai che c'è una Fonte a cui attingere in ogni momento.

    E questa fonte la puoi apprezzare sia quando sei in città, sia in un tempio, una chiesa, dove l'ambiente ti aiuta ad andare nel tuo interno e nel silenzio.

    Anche le chiese sono luoghi di Deserto. Facci caso dove costruiscono i Monasteri.
    E come vivono i monaci e le monache.

    Perciò i progressi che vedrai fuori li vedrai, come me e come tutti noi, quando avremo fatto progressi nel nostro dentro.
    E le Verità ti vengono spiegate quando sei in intimo dialogo con Dio, non in altri momenti.

    Anche vediamo poca coscienza negli altri, perchè non siamo riusciti a cambiare noi stessi e quindi, non riusciamo a cambiare il modo di vedere gli altri.

    Questo non vuol dire che siamo incapaci, ma vuol dire che senza il nostro contributo, le cose rimangono esattamente come sono.

    Anche i falsi profeti esistono se noi siamo falsi.
    Se dentro di noi siamo veri, anche i profeti sono veri. Perchè tutto è dentro di noi, e quello che c'è fuori è solo una illusione.

    NAMASTE'


    in risposta a: SAI BABA #78178
    tavani
    Partecipante

    [quote1304019775=giorgi]

    Io personalmente non lo ho mai incotrato ma dato che ha un suo sito:

    http://www.saibaba.it/

    E in questo suo sito parla di Lui quindi quello che so io quando una persona si dichiara che è Dio significa che fa parte della schiera degli Angeli caduti, e questi Angeli caduti sono molto astuti e sanno benissimo come ingannare le persone.

    Semmai una persona potrà diventare Dei (Angelo), ma mai potrà essere Dio, Dio è l'unico creatore di tutto l'Universo e noi tutti siamo i suoi figli, tutti veniamo da questa fiamma di Amore e Dio ci ha dato a tutti il libero arbitrio quindi a quel tempo con a capo Lucifero e una parte di altri Angeli hanno voluto stare dalla parte di Lucifero sfidando Dio.

    Gesù è venuto sulla terra per portare la verità perché questi Angeli caduti mettono sempre confusione su questa terra ed è per questo motivo che facciamo fatica a conoscere la verità, la verità è unica ma data la confusione ne abbiamo fatte tante di verità e se non ci diamo da fare non ne veniamo più a capo.

    Gesù duemila anni fa ha detto che era figlio di Dio e che noi tutti veniamo dal Padre, e se lo vogliamo possiamo diveneire potenti ma mai ha detto che possiamo divenire Dio perché il creatore è solo il nostro Padre.

    Sai Baba aveva predetto che la sua morte sarebbe avvenuta nel 2022 metre oggi è morto ed anche qui la dimostrazione che non è quello che dichiarava di essere.

    Siamo ai tempi del risveglio, e molte cose saranno chiare capiremo la verità e più nessuno potrà ingannarci, ma per ottenere tutto questo sta a noi a voler uscire da questa prigione che per millenni ci hanno ingannato, ci saranno molti che otterranno la telepatia e mai più nessuno li potrà ingannare, molti si autoguariranno e non avranno più bisogno dei medici, tutto cambia ma sta a noi mettere in atto questo volere cambiare e se non siamo pronti facciamo altro che prolungare le nostre pene, tutto dipende da noi, ogni essere ha un suo percorso che sente dentro di se, è tutto dentro di noi, basta solo che facciamo attivare quella fiamma che è li da molte vite, e se quella fiamma di amore è poco ardente, basta che si cerca di darle più amore per noi e per tutti, impariamo ad amare sempre di più il nostro creato come ha detto Gesù.

    [/quote1304019775]

    Ciao, non ti rispondo in relazione a Sai Baba, del quale so molto poco, e data la impressione negativa che ho avuto tempo fa, ritengo che una impressione possa anche essere errata.

    Posso tuttavia dire la mia circa alcune cose che hai scritto.

    – “Gesù duemila anni fa ha detto che era figlio di Dio e che noi tutti veniamo dal Padre, e se lo vogliamo possiamo diveneire potenti”

    In questa frase Gesù ha rivelato in parte ciò che siamo veramente.
    Comunque la cosa è da vedere in una ottica un pò diversa. Provo a darti un esempio facile.

    Poichè Tutto è stato creato da Dio, ne consegue che tu sei stato creato da Dio, e la cosa incredibile è che tu sei una parte di Dio (in quanto materia da lui voluta e creata) e pertanto tra te e Dio non esiste divisione.

    Il discorso si complica se si prende in considerazione che, essendoci Dio o sua frazione in ogni essere umano, ciascuno essere umano può compiere cose che faceva Gesù, in teoria, o almeno fino a che non impariamo ad usare le Leggi della materia e anche più, che probabilmente impareremo.
    Quando si dice: tu sei Dio, quindi io non intendo Dio creatore, ma riesco a vedere dentro di te, come dentro di me, quel riflesso del Creatore, Immenso e Potente come è. Quindi tu sei immenso e potente.

    La cosa poi si complica nuovamente quando diventiamo esseri che possono, credendo di essere agnelli, diventare ed agire come agnelli.

    Qui subentra il discorso della mente, anch'essa frazione di Dio, nonchè Strumento di Dio da lui utilizzato per sperimentare e rappresentare la realtà in quel posto, in quel momento.

    Ancora una volta tu e Dio, io e Dio, diventiamo una cosa sola.
    Noi siamo Dio in un corpo, che fa, dice e pensa alcune cose, per il semplice fatto che Dio si è incarnato in noi, essendo noi materia e spirito ed essendo ancora una volta il Tutto creato e voluto da Dio.

    Ecco perchè si parla di Dio nell'uomo.

    Io non so se sono differente da quello che credo di essere, e che ti ho scritto quassù.

    E come posso sapere se fare la volontà di Dio è il mio massimo bene?

    Lo posso sapere solo se Esso è già dentro di me. Condivide con me tutto, ogni esperienza, e per questo ho la forza di chiedergli “Fai la tua volontà”

    Come diceva Gesù, mentre noi pensiamo “No, voglio la mia di volontà ,non la sua!”

    Quindi se un uomo o donna ti dice Io sono Dio, non vederla come delirio di onnipotenza, ma semmai come qualcuno che in quel momento lascia che Dio lo attraversi, lo usi, e che giunga a te così come Esso è: Potente, luminoso, Amore.

    Non conosco Sai Baba come ti ho detto, però credo di sapere chi si nasconde in ciascuno di Noi.

    Quando il suo volto sarà chiaro ed evidente a tutti, tu, guardandoti nello specchio, vedendo che sei luce, non potrai che ringraziare l'Onnipotente per essere in Te, tu in Lui, e noi Uno insieme a voi.

    Questo è il segreto di Dio, infinito e piccolo in ciascuno di noi.
    Perchè dovrebbe Dio desiderare essere un bambino, essere un fiore, essere un uomo o una donna?

    Solo perchè Lui è già li, e tu, io, noi, non ce ne accorgiamo e andiamo nei templi per cercarlo.

    Voi siete dei, si dice in giro, e questa credo sia la spiegazione.

    Poi il libero arbitrio ti consente di negare tutto, compresa la sua esistenza.

    Ma questa è una via che porta solo alla sofferenza.

    Noi siamo Dio in cammino, Dio che parla, Dio che ama, Dio che ascolta, Tutti Uguali e Tutti UNO.

    Poi tu hai detto:
    -“ogni essere ha un suo percorso che sente dentro di se, è tutto dentro di noi, basta solo che facciamo attivare quella fiamma che è li da molte vite,”

    Ecco. Accendi quella fiamma.
    Se non l'accendi tu, sai che nessuno può farlo al tuo posto?

    Ti dico questo non perchè non ritengo tu ne sia capace o perchè questo ti serva, ma perchè tu veda la realtà e la verità con i tuoi occhi.
    Ci possono essere delle guide nella tua vita, ma sai, quando moriremo saremo soli a varcare la soglia, ci hai pensato?

    A chi ci appelleremo allora?

    Bhe, ti dico che vedremo qualcuno su quella soglia di luce che ci accoglierà, e tutte le cose imparate in questa vita assumeranno un valore molto relativo.

    “Non porterete nulla nel regno dei cieli”
    così diceva Gesù.

    Certo, non avremo nulla che sia fardello per noi. Penso che l'unica cosa che potremo portare con noi, sarà l'Amore.

    E sarà bene averne avuto e dato tanto fino a quel giorno.

    Perciò è sempre troppo tardi per iniziare ad Amare.
    Ma, sempre, meglio tardi
    che mai.

    Buona Luce.

    Mattia


    in risposta a: IL DIAVOLO E’ CON NOI #46877
    tavani
    Partecipante

    [quote1303481813=NEGUE72]
    In questi giorni ho notato un po' di cose davvero strane.
    Ormai stanno sdoganando anche il satanismo e lo stanno facendo diventare una cosa “normale”….iniziando dai simboli

    http://decorazionisegrete.blogspot.com/2011/04/ups-anche-la-pizza-e-diventata-satanica.html

    http://decorazionisegrete.blogspot.com/2011/04/david-beckham-e-la-maglietta-satanica.html

    Poi Roma è pinvasa da cartelli così…davvero strano.
    http://decorazionisegrete.blogspot.com/2011/04/666-maggio-sciopero-generale-dei.html
    [/quote1303481813]

    Ah ah, forse perchè “Dio sconvolgerà la mente dei potenti e degli iniqui?”

    Vedo iniziano a confessare da soli.
    Iniziano a perdere la ragione credo.
    http://dicembre2012.com/blog/wp-content/uploads/2009/09/giudizio.jpg


    in risposta a: AFFRONTIAMO LA PORTA DELLO SPAVENTO SUPREMO. #137370
    tavani
    Partecipante

    [quote1303302489=♫nessuno♫]
    E' fondamentale sapere, sperimentare, capire che non c'è alcuna differenza tra “noi” Terrestri e “lui” o “loro” (Dio, Dèi o Esseri extraterrestri), che siamo tutti Uno oltre che fratelli, che non puoi amare una parte della Realtà senza amare il resto della Realtà (“Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me”… e viceversa).
    [/quote1303302489]

    Si infatti sarà difficile amare sia la realtà Celeste, che la realtà della Terra.

    Perchè in entrambe, il divino è in azione.

    Per questo credo che dobbiamo cambiare dentro per poter avere una trasformazione fuori.

    Quindi amiamo poco noi stessi, dato che “l'esterno” è come oggi si vede: pieno di problemi, guai, lotte, divisioni, guerre, ingiustizie ecc. ecc.

    Credo che questo sia il passo che i “risvegliati” compiranno o stanno compiendo: riuscire a trasformare sè stessi/e dentro, per poi, per Legge di risonanza Universale, cambiare il fuori ad immagine e somiglianza di “sè”.

    Tutto è rinchiuso nelle definizioni che già conosciamo. E tutto si ripete (fino alla noia? (:-)”. Siamo di dura cervice.


    in risposta a: Dio sconvolgerà la mente dei potenti #137493
    tavani
    Partecipante

    [quote1303301753=civile]

    staremo a vedere,nel 2012 si prevede un influsso magnetico-positivo sulle menti…aspettiamo..

    Siamo troppo pochi,non che sono un risvegliato..intendo studiosi e curiosi con mente aperta.

    hallo kitty per tutti :hehe:
    [/quote1303301753]
    Bhe si, manca ormai poco al 2012. Essendo qualcosa che non avverrà di colpo ma in modo graduale, credo che il processo sia già iniziato.

    Il fatto che si parli di risvegliati, vuol dire che le persone prendono coscienza su chi sono.
    Quando dici “non sono un risvegliato”, chiudi questa stessa porta a te stesso.

    Già iniziando a pensare in maniera diversa, ti accorgeresti di come cambia il tuo modo di pensare.

    Infatti alcuni “risvegli” si basano proprio sulle affermazioni:

    – Io sono risvegliato/a
    – Io sono Dio
    – Io sono Amore e felicità per me stesso/a
    – Io sono Amore per tutti e sono Uno
    – Io sono Dio, Io sono Io

    ecc.

    Se ci metti questa
    – Io non sono risvegliato
    non vedi che stona?

    Quindi se ti apri all'Amore, vuol dire che accetti ciò che sei in realtà: Amore puro e incondizionato.
    Infatti devi solo accettare te stesso/a: Ama te stesso/a come è stato detto in un altro post.

    E' semplice, ma la chiave ce l'hai solo tu.
    Ecco perchè si parla sempre di cammini individuali.


    in risposta a: IL DIAVOLO E’ CON NOI #46874
    tavani
    Partecipante

    [quote1303299370=deg]

    Una cosa più facile e che dovrebbero fare tutti è giudicare l'attività della specie umana nel suo insieme, i risultati sono sotto gli occhi di tutti, anche se qualcuno non vuole vederli.
    Chi ne è capace potrebbe mostrarli a chi non li ha ancora visti, cercando di evitare gli scogli della programmazione mentale dilagante in atto tramite scuola e mass media ad esempio…

    Ma la cosa che dovrebbe essere alla portata di tutti è invece l'autoanalisi e il conseguente giudizio che si applica su sé stessi. L'unico individuo che abbiamo la possibilità di conoscere a fondo siamo noi stessi. Basta un po' di buona volontà …. Solo sapendo chi siamo possiamo andare avanti. Ce lo dobbiamo! A noi, e anche a Dio!
    [/quote1303299370]

    Allora tieni presente che se consideri la programmazione mentale come parte del tuo modo di comprendere tutto per arrivare poi a comprendere chi sei, automaticamente “alimenti” la programmazione mentale.

    In quanto essa diventa parte della tua realtà, anche se la stai diciamo combattendo.

    Quindi hai bisogno di vedere la “programmazione mentale” per poi distaccarti e difenderti da essa.

    Fai ora l'esempio di uno/a che non alimenta la programmazione mentale, nel senso che non la considera. Quindi NON LA CONTRASTA, semplicemente non la considera.

    Con questo atteggiamento, UNO o PIU INDIVIDUI “lasciano andare” la realtà della programmazione mentale, e vivono in una realtà, diciamo per semplicità, parallela, in cui NON ESISTE la programmazione mentale attualmente in atto.

    Quindi si creano due realtà, che scorrono supponiamo parallelamente.
    Dove preferisci dirigerti o essere? Nella prima o nella seconda?

    Io credo che il secondo sentiero sia più proficuo, perchè passando attraverso il non-giudizio, giungi a non giudicare te stesso/a e quindi trovi la felicità (come qualcuno ha mostrato nel post: AMA TE STESSO/A)

    Anche se è facile vedere l'operato di una qualsiasi persona, dai FRUTTI che le sue azioni hanno prodotto, cosa ne sarà dei FRUTTI che hai prodotto o stai producendo tu?

    Quindi dobbiamo comprendere che la umiltà ci aiuta nel cammino, dato che neanche riusciamo spesso a vedere i nostri FRUTTI, figurati vedere quelli degli altri.

    “Vuoi togliere la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello/sorella e non vedi la trave che è nel tuo occhio?”

    Queste sono parole “Sante”, tutt'ora valide.

    Comunque sono daccordo con le tue riflessioni, ma per trovare una via di uscita, dobbiamo cambiare atteggiamento, per poter cambiare il nostro essere, nel senso di esistere.


    in risposta a: Dio sconvolgerà la mente dei potenti #137490
    tavani
    Partecipante

    [quote1303235096=civile]
    ma! staremo a vedere….ci credo poco…
    [/quote1303235096]

    bhe si, mi chiedevo cosa voler dire “Dio sconvolge e confonde i potenti”

    Oggi tra l'altro si combatte la ingiustizia con la protesta, ma non la si combatte con la “furbizia” che necessita.

    Per combattere qualcosa è necessario visualizzare la risoluzione di quella cosa nella maniera idonea.

    Perchè la visualizzazione è il principio da cui poi si rivela la materia.

    Se non si cambia il modo di visualizzazione, non si cambia il finale e non si cambia neanche il presente.

    Quindi il problema è creare nuove visualizzazioni, dapprima individuali, quindi poi collettive.

    E' qui che si ferma credo l'operato dei “risvegliati”.
    Non giungono alla collettività, forse per karma, forse perchè la “lezione” è ancora in corso.

    Però lamentarsi o creare visione negative non aiuta e non cambia il presente.

    Quindi il presente è in parte nelle tue mani. Utilizza questo “potere”. Se non lo fai, automaticamente qualcun altro lo userà, e questo qualcuno è il Potere


    in risposta a: IL DIAVOLO E’ CON NOI #46871
    tavani
    Partecipante

    [quote1303234612=deg]
    Per questa ragione ora è difficile per qualcuno distinguere dove annida l'errore collettivo, perché è diventato accettato e banalizzato.
    Ma sull'errore individuale si può e si deve sempre intervenire. 🙂

    [/quote1303234612]

    Considera però che in ognuno ci sia il “potenziale” per risvegliarsi.

    Quindi anche se è dormiente, potrebbe non esserlo tra un mese.

    Il problema è che i risvegliati, o coloro che hanno preso una qualche forma di coscienza, non sono coordinati e questo causa una fatica maggiore.

    A volta capita persino di parlare di stessi argomenti con persone che hanno un certo livello di consapevolezza, ma poichè siamo tutti abituati a lottare contro tutto, potremmo contrastare uno di questi nel loro operato.

    Quindi il partire dal vedere un risveglio in un qualunque prossimo, riduce questo errore.

    Per questo credo che “non giudicare” sia essenziale in questo periodo.

    Un'altra forma per noi (gente comune e meno) distruttiva è la competitività


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 62 totali)