Il vento solare

Vento solare: perché parlarne? Il vortice di etere è un modello che consente la descrizione di come si muovono i corpi celesti e di come viene generata la gravità. Questo vortice ha origine dalla rotazione della cupola. La cupola ruota a causa dell’azione dinamica delle acque dell’abisso e delle acque superiori, posizionate ovunque intorno e all’interno del bacino terrestre.

In effetti, un oceano celeste è collocato nell’interspazio inserito tra le due parti principali che formano la cupola, le pareti fisse interne e quelle mobili in movimento. Quindi, la cupola è una turbina mossa dalle acque. Un potente vortice, conseguente alla rotazione della cupola celeste, muove il sole, la luna e i pianeti. Tuttavia, non muove le stelle che si trovano all’interno delle acque superiori. Il sole, mosso da questo vortice, gira sulla superficie terrestre ogni 24 ore. Va inoltre in direzione nord-sud per una distanza piccola ogni giorno, che gli consente di spostarsi tra i due tropici ogni sei mesi, generando così le stagioni.

Per dimostrare ulteriormente che questo modello è corretto desidero dare prova del fatto che il vortice è il motore che muove il sole e tutti gli altri corpi celesti. Per raggiungere il mio obiettivo, devo dimostrare che la luna e i pianeti mantengono una velocità uguale o simile a quella del sole. Questo perché tutti i corpi celesti dovrebbero rispettare la velocità del vortice di etere che li spinge. In realtà le cose non sono così semplici. Le orbite della luna e dei pianeti sono complicate e sono necessari ulteriori approfondimenti per descriverle. Cominciamo con la luna e proseguiremo poi con i pianeti.

La luna ruota un po’ più lentamente del sole. Rimane indietro di 12 ° ogni giorno, che significa circa 48 minuti. Sappiamo che le traiettorie del sole e della luna seguono spirali coniche molto simili tra loro. La luna è più lenta nel percorrere la singola orbita diurna. Dobbiamo considerare, tuttavia, che la luna è molto più veloce nell’eseguire il suo cono su e giù. Mentre il sole scorre il suo cono in un anno, la luna lo percorre in poco più di 27 giorni. La luna è in questo movimento  13 volte più veloce del sole.

Ora, basterà solo fare un semplice calcolo sommando, come somma vettoriale, la velocità della luna in queste due direzioni. Si vedrà in questo modo che la sua velocità non è così lontana da quella del sole. Inoltre, si deve considerare che la velocità della luna non è costante. La luna, proprio come il sole, traccia un analemma lungo il suo cammino. Se si scatta una foto ogni giorno per 27 giorni (tenendo conto del ritardo di 48 minuti ogni giorno), si ottiene una figura a forma di otto che è l’analemma lunare.

L’analemma lunare ha le stesse cause dell’analemma solare: il vortice di etere aumenta la velocità scendendo. Quando la luna scende, accelera e viceversa. Muovendosi su e giù, la luna traccia un otto.

vento solare

Un’altro elemento da tenere in considerazione quando si affronta questo argomento è la presenza di un altro vortice, oltre a quello dell’etere. Mi riferisco al vento solare che prende la forma della spirale di Parker. Il vento solare è formato da particelle cariche o plasma che vengono espulse dal sole. Questo vento ha due componenti, una più veloce che può viaggiare alla velocità di 800 km / sec e una più lenta che si sposta a 400 km / sec. Queste due componenti si alternano in modo pulsante.

Gli scienziati hanno scoperto che la superficie della fotosfera (la parte del sole in cui viene generata la luce visibile) pulsa con una frequenza di circa un colpo ogni cinque minuti. Oltre a questa alternanza, dobbiamo ricordare la rotazione del sole attorno al proprio asse. Il campo magnetico solare è, a causa di questa rotazione, avvolto attorno al sole stesso.

Di conseguenza forma un toroide che parte dal sole e forma la spirale di Parker. Questa spirale è magnetica e ricca di plasma,  molto reattiva a tutti gli stress magnetici. La spirale ha una forte influenza sul vortice di etere e, per una certa distanza attorno al sole, cambia le caratteristiche stesse dell’etere. Può quindi influenzare il movimento della luna e dei pianeti quando sono più vicini al sole.

Vediamo ora come il vento solare influenza il moto dei pianeti. I pianeti possono essere divisi in interni ed esterni. Mercurio e Venere sono interni, cioè stanno sotto al sole. Marte, Giove, Saturno, Urano e Nettuno sono esterni, il che significa che sono più alti del sole.

Visti dalla Terra, i pianeti percorrono traiettorie circolari ogni notte da est a ovest, molto simili alle traiettorie del sole e della luna. Ogni pianeta ha una velocità diversa e tutti hanno un momento durante l’anno in cui si fermano, retrocedono per un po’ sulla loro traiettoria e ricominciano quindi il loro percorso diretto. Questo si chiama movimento retrogrado. Mercurio e Venere hanno alcune caratteristiche particolari. Non si allontanano mai troppo dal sole. L’elongazione massima di Mercurio va da 18 ° a 28 °, mentre per Venere è di 45 ° a 47 °. L’intervallo è dovuto al fatto che orbitano attorno al sole con una traiettoria non circolare ma ellittica.

Questa descrizione del moto dei pianeti mostra chiaramente che il vortice di etere da solo non è l’unico motore che li spinge. Per capire il problema un po ‘meglio, analizziamo il periodo sinodico e sidereo dei pianeti. Il periodo sidereo (secondo la Scienza) è il tempo impiegato dal pianeta per fare il suo giro attorno al sole. Il periodo sinodico, visto da un osservatore sulla Terra, è invece il tempo necessario affinché un pianeta ritorni esattamente nella stessa posizione della sua partenza nel cielo.

Detto questo, comprendiamo immediatamente che, se i pianeti fossero spinti esclusivamente dal vortice di etere, dovremmo avere per tutti i pianeti un periodo sinodico di 365 giorni. Girando attorno all’asse del Polo Nord con il vortice di etere, un giro al giorno come il sole, su e giù sul cono tra i due tropici, si presenterebbero nello stesso punto dopo un anno. Le cose, tuttavia, sono più problematiche.

Osservando i valori nella tabella sottostante possiamo immediatamente percepire che c’è una differenza tra i pianeti più vicini al sole e anche con un forte campo magnetico che si discosta ampiamente dalla regola dei 365 giorni, mentre gli altri sembrano aderire abbastanza bene alla regola, con solo un piccolo ritardo. Mercurio sembra essere molto veloce (da lì il nome del dio alato) mentre Venere e Marte sembrano essere più lenti.

Periodo sidereo [anni] Periodo sinodico [giorni]
Mercurio 0.241 115.9
Venere 0.615 583.9
Marte 1.881 780.0
Giove 11.87 398.9
Saturno 29.45 378.1
Urano 84.07 369.7
Nettuno 164.9 367.5

 

La conclusione cui possiamo facilmente arrivare è che abbiamo una chiara conferma della presenza del vortice di etere che agisce sui pianeti. Abbiamo, inoltre, una conferma dell’influenza del sole, che si manifesta in modo potente sui pianeti che sono più vicini ad esso. Mercurio e Venere sono così vicini al sole che sembrano intrappolati nel suo campo magnetico e gli ruotano continuamente attorno.

Tutti i pianeti hanno un movimento retrogrado. Questo inizia quando la posizione relativa tra il pianeta e il sole implica il fatto che il vento solare agisca in direzione contraria al vortice di etere. Il ritardo nel corso dell’anno è piccolo per i pianeti più esterni. Ciò è dovuto al fatto che il vento solare può anche agire in direzione positiva, accelerando così il movimento del pianeta spinto dal vortice di etere.


Il vento solare 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.