Heracleion – Ritrovata antica città egizia scomparsa sotto il mediterraneo da 1200 anni

Heracleion city1200 anni fa, l’antica città egizia di Heracleion scomparve sotto il Mediterraneo.

Fondata intorno all’8° secolo aC, ben prima della fondazione di Alessandria nel 331 aC, si ritiene che Heracleion servisse come tappa obbligatoria d’ingresso in Egitto per tutte le navi provenienti dal mondo greco.

Prima della sua scoperta nel 2000 da parte dell’archeologo Franck Goddio e l’IEASM (Istituto europeo per Archeologia Subacquea), nessuna traccia di Thonis-Heracleion era stata trovata (la città era conosciuta dai Greci come Thonis). Il suo nome è stato quasi cancellato dalla memoria degli uomini, conservato solo negli antichi testi classici e in rare iscrizioni trovate a terra dagli archeologi.

La scoperta

Con il suo approccio unico, utilizzando sofisticate attrezzature tecniche, Franck Goddio e la sua squadra dalla IEASM sono stati in grado di individuare, mappare e scavare parti della città di Thonis-Heracleion, che si trova a 6,5 chilometri dalla odierna costa e a circa 150 piedi sott’acqua. La città si trova all’interno di un’area complessiva di ricerca di 11 per 15 chilometri nella parte occidentale di Abukir.


I risultati ad oggi sono:

  • I resti di più di 64 navi sepolti nell’argilla spessa e sabbia che copre il fondo marino
  • Monete d’oro e pesi realizzati in bronzo e pietra
  • statue giganti di 16 piedi insieme a centinaia di piccole statue di divinità minori
  • Lastre di pietra incisa in antico greco ed egiziano
  • Decine di piccoli calchi di sarcofagi che si pensa un tempo contenessero animali mummificati
  • Oltre 700 ancore antiche per navi

telegraph.co.uk


 

Che cosa ha causato la sommersione?

La ricerca suggerisce che il sito è stato interessato da fenomeni geologici e catastrofici dovuti al lento movimento del cedimento del terreno interessato di questa parte del bacino sud-orientale del Mediterraneo. Inoltre l’aumento del livello del mare, ha contribuito in modo significativo alla sommersione delle terre. L’IEASM ha fatto osservazioni geologiche che hanno portato alla luce questi fenomeni scoprendo effetti sismici nella geologia sottostante.

Analisi del sito suggeriscono anche liquefazione del terreno. Questi fenomeni localizzati possono essere attivati per azione della forte pressione sul suolo con un’argilla ad alto contenuto di acqua. La pressione da grandi costruzioni, in combinazione con un sovraccarico di peso a causa di una eccezzionale alta marea o maremoto, può comprimere drasticamente il suolo e forzare l’espulsione di acqua contenuta all’interno della struttura dell’argilla. L’argilla perde rapidamente volume e crea improvviso cedimento. Anche un terremoto può causare un tale fenomeno. Questi fattori, che si verificano insieme o separatamente, possono aver causato la distruzione significativa e spiegare la sommersione di Thonis-Heracleion.

Franck Goddio Archeologo Marittimo

Franck Goddio Archeologo Marittimo

Franck Goddio Archeologo Marittimo

Franck Goddio è un pioniere della moderna archeologia marittima. Dopo la laurea presso l’École Nationale de la Statistique et de l’Administration Economique di Parigi, Franck Goddio ha condotto missioni di consulenza economica e finanziaria in Laos, Vietnam e Cambogia per le Nazioni Unite e in seguito per il Ministero degli Esteri francese.

Nei primi anni del 1980 decide di dedicarsi interamente alla sua passione, l’archeologia subacquea e ha fondato l’Institut Européen d’Archéologie Sous-Marine (IEASM), di cui è attualmente presidente. Goddio ha avviato e diretto numerosi scavi su relitti tra cui sette giunche dal 11 ° del 16 ° secolo, due galeoni spagnoli e due navi mercantili della British East India Company.

Il più ambizioso progetto di Gaudio è stato condotto al largo delle coste di Egitto, nel porto antico orientale di Alessandria e nella baia di Abukir (30 km ad est di Alessandria). In collaborazione con il Consiglio supremo egiziano delle antichità, una vasta area delle dimensioni di Parigi è stata mappata e studiata dal 1992. Nel 2000, sono state scoperte l’antica città di Heracleion e parti della città di Canopo. Attualmente la ricerca è ancora in corso.

I progetti di scavo diretti da Goddio hanno uno scopo strettamente non commerciale e il suo lavoro è sempre effettuato in collaborazione con le autorità nazionali nelle cui acque territoriali l’esplorazione è in corso. I lavori di scavo si fondano su disposizioni di legge che regolano scavi subacquei e sugli standard archeologici internazionali (Convenzione dell’UNESCO sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo).

franckgoddio.org

Tratto da twistedsifter.com e tradotto da Richard per Altrogiornale.org

Heracleion – Ritrovata antica città egizia scomparsa sotto il mediterraneo da 1200 anni ultima modifica: 2016-01-22T14:23:59+00:00 da prixi
About the Author
prixi