Cambiamenti climatici colpiranno Africa e India (?), rischio carestie anche in Cina e Sud America (?)


[color=#999999]Mappa delle aree tropicali a rischio carestie nei prossimi decenni a causa dei cambiamenti climatici
[/color]

Un nuovo studio ha trovato che i cambiamenti climatici colpiranno nei prossimi anni aree che già soffrono di problemi alimentari cronici e popolazioni altamente vulnerabili, soprattutto in Africa e in Asia meridionale, ma potenzialmente anche in Cina e in America latina, dove in meno di 40 anni, la prospettiva di stagioni di racolto più corte e clima più caldo e secco potrebbero mettere in pericolo centinaia di milioni di persone già oggi sotto la soglia della povertà. E tutto questo potrà solo peggiorare con l’aumento della popolazione mondiale.

Lo studio, chiamato “Mapping Hotspots of Climate Change and Food Insecurity in the Global Tropics” (Mappa dei punti caldi del cambiamento climatico e problemi alimentari nei Tropici), è stato prodotto dal programma di ricerca sui cambiamenti climatici, l’agricoltura e la sicurezza alimentare (CCAFS) del CGIAR. Il problema urgente da affrontare ora, dicono i ricercatori, è capire come i cambiamenti climatici agiranno su persone e luoghi gravemente minacciati.

I ricercatori hanno individuato le aree di vulnerabilità esaminando una varietà di modelli climatici e di produzione agricola, creando una serie di mappe dettagliate. Una mostra le regioni del mondo che sono a rischio, trovandosi in “soglie di clima” in cui le temperature troppo calde per alcuni prodotti agricoli come il mais o i fagioli, nel corso dei prossimi 40 anni potrebbero mettere a rischio grosse aree geografiche. Un’altra indica le aree che possono essere sensibili ai cambiamenti del clima perché, in generale, hanno ampie zone destinate a coltivazioni e allevamento. E, infine, gli scienziati hanno prodotto le mappe delle regioni con una lunga storia di insicurezza alimentare.

“Quando si mettono queste mappe insieme, riusciamo a individuare i luoghi in tutto il mondo in cui l’arrivo di condizioni climatiche di stress potrebbero essere particolarmente disastroso”, ha detto Polly Ericksen, senior scientist presso il CGIAR International Livestock Research Institute (ILRI) a Nairobi, in Kenya e autore dello studio. “Si tratta di settori fortemente esposti ai cambiamenti climatici, dove la sopravvivenza è fortemente legata alla sorte del raccolto regionale e delle rese del bestiame, e dove i problemi alimentari cronici indicano che gli agricoltori stanno già lottando e non hanno la capacità di adeguarsi ai nuovi modelli meteorologici”.

“Questa è una combinazione molto preoccupante”, ha aggiunto.

Per esempio, in gran parte dell’Asia meridionale, tra cui quasi tutta l’India, e parti dell’Africa sub-sahariana, soprattutto occidentale – ci sono 369 milioni di persone a rischio di insicurezza alimentare. Un cambiamento della resa agricola globale in queste aree di solo il 5% nei prossimi 40 anni potrebbe influenzare significativamente la disponibilità di cibo in aree dove già grosse fasce di popolazione vivono al limite dell’autosufficienza alimentare.

Oggi, ci sono 56 milioni di persone che soffrono di insicurezza alimentare in alcune parti dell’Africa occidentale, l’India e la Cina. Entro la metà degli anni 2050, prevedono gli esperti, le temperature massime giornaliere durante il periodo fertile potrebbe superare i 30 gradi. Questa è circa la massima temperatura che possono tollerare i fagioli, mentre il mais e il riso possono soffrire quando le temperature superano questo livello. Ad esempio, in uno studio dell’anno scorso su Nature è emerso che anche con quantità ottimali di pioggia, le rese del mais africano potrebbe diminuire di un punto percentuale per ogni giorno trascorso al di sopra 30 ºC.

E poi c’è il problema del commercio dei prodotti agricoli di prima necessità. “Il commercio internazionale delle materie prime agricole assumerà ancor più importanza mano a mano che il cambiamento climatico metterà alla prova i limiti dell’attuale sistema di agricoltura autarchica a cui molti Paesi fanno ricorso”, ha affermato Bruce Campbell, direttore del CCAFS. “Abbiamo già visto con i picchi dei prezzi alimentari del 2008 e del 2010 che la sicurezza alimentare è un fenomeno internazionale e il cambiamento climatico quasi certamente accentuerà tale interdipendenza”.

Ericksen ed i suoi colleghi fanno notare che le aree da monitorare si estendono al di là di quelle che oggi si trovano più a rischio. Per esempio, in molte parti dell’America Latina, la sicurezza alimentare non è oggi un problema, ma vi è motivo di preoccupazione perché milioni di persone sono fortemente dipendenti dalle produzioni agricole locali per soddisfare le loro esigenze alimentari e potrebbero finire nel mirino del cambiamento climatico.

I ricercatori hanno scoperto, per esempio, che entro il 2050, le condizioni di crescita delle produzioni agricole dovrebbero scendere sotto i 120 giorni per ogni stagione nelle regioni ad allevamento intensivo nel nord-est del Brasile e in Messico. Almeno 120 giorni sono considerati un periodo critico non solo per la maturazione del mais e di numerose altre colture alimentari di base, ma anche per la vegetazione necessaria all’alimentazione del bestiame.

“L’evidenza suggerisce che molte regioni del mondo, soprattutto ai tropici, potrebbero essere gravemente colpite entro il 2050 in termini di produzione agricola e la capacità di bestiame. La finestra di opportunità per sviluppare soluzioni innovative che possano effettivamente superare queste sfide è limitato”, ha detto Philip Thornton, del CCAFS e coautore della ricerca. “Gli sforzi di adattamento sono necessari ora, se vogliamo evitare che venga a mancare la sicurezza alimentare per centinaia di milioni di persone tra pochi decenni.”

Fonte: http://gaianews.it/ambiente/cambiamenti-climatici-colpiranno-africa-e-india-rischio-carestie-anche-in-cina-e-sud-america/id=10366
Vedi: http://www.altrogiornale.org/news.php?item.3833.7

Cambiamenti climatici colpiranno Africa e India (?), rischio carestie anche in Cina e Sud America (?) ultima modifica: 2011-06-04T22:17:29+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico