Cile: lago scompare in una notte

SANTIAGO DEL CILE, Cile — Un fenomeno che ha fatto rimanere di stucco anche gli studiosi. Forse è colpa del caldo, ma il motivo dell’improvvisa scomparsa del lago andino Cachet 2 rimane in gran parte ancora un mistero: nel giro di poche ore il bacino, che si trova a oltre duemila chilometri da Santiago, è completamente sparito. La stessa cosa è accaduta l’anno scorso al lago Témpano.

Che la crisi climatica stia poco a poco risucchiando le risorse idriche del pianeta è noto ormai da tempo. Ma non è molto chiaro come questo fenomeno si stia sviluppando in Cile, dove in un anno sono spariti due grandi laghi di origine glaciale. La spiegazione data dagli esperti finora è il surriscaldamento globale, anche se non esiste una certezza assoluta.

In effetti a sorprendere è proprio la velocità a cui avviene la scomparsa di questi bacini. L’ultima vittima dello strano fenomeno è il lago Cachet 2, situato nella regione di Aysen, nel sud del Paese. Nella notte tra domenica e lunedì il lago, di recente formazione, si è svuotato. Tutto è successo nel giro di poche ore.

Il direttore generale per le Acque, Rodrigo Weisner, sorvolerà l’area che comprende il giovane bacino, mentre alcuni esperti del ministero cileno dei Lavori pubblici attendono il miglioramento delle condizioni climatiche per visitare il territorio.

Soltanto un anno fa era sparito un altro lago, il Témpano, che aveva un diametro di 1,8 chilometri quadrati e si trovava nella stessa zona di Cachet 2, che era ampio cinque chilometri. L’ipotesi più attendibile finora riguarda le alte temperature registrate nel territorio cileno, che hanno avuto punte di 30 gradi.

La spiegazione del Centro studi di Valdivia (Cecs) invece è un’altra. Secondo gli esperti di questo istituto la prima causa sarebbe il ritiro del ghicciaio Colonia, situato nelle vicinanze, le cui acque avrebbero aumentato il volume del lago Cachet fino a farlo svuotare del tutto tramite una frattura nella “corona”.

La scomparsa del lago Cachet 2 è stata scoperta il 7 aprile scorso, quando gli scienziati hanno osservato un forte incremento della portata del fiume Baker da 1200 a 3570 metri cubici. Il livello del corso d’acqua si è innalzato di quattro metri e mezzo al secondo in sole 48 ore.[/size=12]

FONTE: http://www.scienze.tv/node/3511

Cile: lago scompare in una notte ultima modifica: 2008-04-14T07:36:33+00:00 da Nebula
About the Author