Good Bye, BLUE sky (articolo di R.D.)

Pubblichiamo il contributo di un gentilissimo ed acuto lettore che evidenzia, in modo incisivo, il fenomeno dell'oscuramento del cielo (global dimming) causato dalle scie chimiche. Fonti e testimonianze (vedi, ad esempio, planetaesclavo) riferiscono di una massiccia e deleteria attività di irrorazione chimico-biologica in tutta la penisola iberica. Quindi riteniamo che il lettore si sia recato a Barcellona in un periodo particolarmente propizio; ciò non toglie validità probatoria ed efficacia a questi appunti di viaggio.

Per le ultime feste di Capodanno mi sono recato con la mia famiglia in Spagna a Barcellona: in quella città il fenomeno, durante i quattro giorni della mia peramanenza, era totalmente assente. Mio figlio, di tredici anni, ha detto una cosa che mi ha fatto molto riflettere:” Papà come mai qui il cielo e così blu e da noi è sempre velato?”

Infatti il cielo di Barcellona ha un colore turchino come una volta era anche il nostro, fino a una decina – quindicina di anni fa. Ora sempre, anche quando è sereno, è caratterizzato da una sorta di opacità e non può trattarsi solo di smog visto che anche Barcellona è una grande città con un gran numero di autovetture.

Seconda cosa strana: al rientro a Roma, dai finestrini dell’aereo, ho potuto notare una totale assenza del fenomeno chemtrails per tutto il tragitto dal decollo da Barcellona e per tutta la traversata, ma ahimè, non appena ho intravisto a distanza la costa italiana, il colore del cielo, in lontananza, cambiava improvvisamente da un bel blu ad una gradazione sempre più tendente al grigio (ho pensato allo smog, ma poi ho visto le scie chimiche). Non si trattava di formazioni nuvolose, ma proprio del colore del cielo. Arrivati a pochi chilometri dalla costa, poi ho, con grande orrore, visto apparire le famose chemtrails disposte nel senso longitudinale alla costa che, per giorni, non erano state mai riscontrate altrove. Le ho viste allargarsi e ho capito che erano la ragione per la colorazione sbiadita del cielo sopra la regione: infatti, laddove non erano presenti, il colore del cielo era quello che dovrebbe essere, ovvero BLU.

Mentre l’aereo atterrava, ho visto in decollo un aereo militare (non poteva essere un velivolo di linea, poiché aveva un'inclinazione di salita troppo rapida e veloce) che, parallelamente alla costa laziale, cabrava, lasciando due lunghe e persistenti scie dietro di sé.

In conclusione, ho la certezza che oggi il nostro paese è soggetto in maniera particolarmente viziosa al fenomeno scie chimiche, qualunque sia la ragione per cui vengono generate. Posso solo concludere che non possono essere a questo punto positive, visti gli effetti che stanno avendo sulla qualità dell’aria del nostro paese.

Fonte:

http://sciechimiche-zret.blogspot.com/

Good Bye, BLUE sky (articolo di R.D.) ultima modifica: 2008-01-20T23:00:00+00:00 da zret
About the Author