Illuminazione e Manifestazione L'importanza dei centri energetici 'inferiori'

Il Giornale OnlineDa [link=http://www.promiseland.it]promiseland.it[/link]

Le pratiche spirituali tradizionalmente si focalizzano sull’innalzare le frequenze energetiche del corpo da un livello più basso ad uno più alto. Per questo, molte discipline spirituali si concentrano prevalentemente sui chakra superiori, ignorando o dando meno importanza ai chakra inferiori.

Alcuni cammini spirituali arrivano poi a condannare il corpo e i chakra inferiori, che sono considerati “peggiori”, perché più legati alla materialità, all’energia sessuale. Spesso ci si limita a praticare meditazioni su un solo centro energetico, trovando in ascensioni spirituali l’evasione dallo stress provocato dai ritmi del mondo moderno.

Il limite di tali pratiche sta nel fatto che, innalzando troppo l’energia, finiscono per far perdere il contatto con la terra, con le radici, provocando una sorta di vaga alienazione mistica senza fondamenta. L’energia, così innalzata, finisce per disperdersi, fino a diventare inservibile per i fini più pratici dell’esistenza, come manifestare benessere o apportare prosperità.

Non dobbiamo dimenticare, infatti, che una seria disciplina spirituale non dovrebbe escludere quei valori ritenuti, a torto, inferiori e che riguardano il benessere sociale, fisico, economico. Poiché i primi tre chakra sono collegati a questi valori socialmente meno accettati, accade che spesso vengono tralasciati, a parte rare eccezioni come nello yoga tantrico o kundalini.

Riappropriarsi dell’energia terrestre e fonderla con quella celeste attraverso l’alchimista rappresentato dal chakra del cuore, significa trovare il perfetto equilibrio di forze che permette uno sviluppo armonico di tutto l’essere, che non dovrebbe escludere aspetti ritenuti inferiori, quanto invece includere, inglobare tutto, trasformando e portando alla luce della consapevolezza anche quei contenuti tralasciati e tenuti in ombra per svariate ragioni.

Detto questo, appare evidente l’importanza di dare nuovo spazio al nostro radicamento e al lavoro sui tre chakra inferiori. Coltivare un forte secondo chakra, l’hara, poco sotto l’ombelico, significa attivare il potere del presente, dell’azione efficace, della sensazione di essere presenti a se stessi. Al contempo questo ci permette di espandere propriamente la nostra potenza creativa.

Attivare i chakra inferiori significa anche diventare consapevoli delle sensazioni del corpo, che incessantemente comunica con noi attraverso segnali che spesso rimangono inascoltati, portando poi a problemi di varia natura. Il lavoro sul radicamento aiuta anche ad elaborare le varie storie mentali che affiorano, così che le nostre emozioni possano diventare la pura espressione della nostra anima invece che drammi cerebrali senza costrutto.

Il viaggio dell’uomo spirituale include sia l’elevazione dell’energia a più alte frequenze sia la loro integrazione nel nostro corpo, nelle nostre percezioni, nei nostri pensieri e nelle attività quotidiane. L’energia ascendente rappresenta la via dell’illuminazione. Quella discendente, dal settimo chakra alla base della spina dorsale, la via della manifestazione. Entrambi questi movimenti, integrandosi nel cuore, danno vita al sentiero della liberazione.
Il Giornale OnlineA questo punto, guardiamo una tecnica di respirazione, chiamata Respirazione del Delfino, che attiva entrambe le energie. Per eseguirla dobbiamo avere una certa dimestichezza con la visualizzazione e con la respirazione completa.

La tecnica consiste nel respirare profondamente portando l’attenzione alla sommità della testa e alla pianta dei piedi, immaginando due flussi di luce che entrano da questi due punti contemporaneamente e che si incontrano nel cuore.

1. Immagina di inspirare dalle piante dei piedi e dall’apice della testa simultaneamente, visualizzando il respiro come un raggio di luce.

2. Immagina che i due respiri-raggi si incontrino e si uniscano nel cuore mentre fai una pausa respiratoria e ripeti “Ti amo. Grazie”

3. Immagina l’espirazione come un flusso di energia di amore che riempie e circonda tutto il corpo, dilatandosi sempre di più ad ogni espirazione.

Ripeti 4 respirazioni 4 per volte. Per 5 secondi fra ogni serie di 4 respiri, in apnea, soffermati a sentire l’energia dell’aura che ti circonda. L’energia raccolta, accumulata ed offerta con intenzione, è la chiave di questa meditazione. Poi preparati a inviare la tua intenzione al Sé Superiore in un modo il più possibile conciso, chiaro, positivo, emozionale, eventualmente visualizzando il tuo obiettivo.

Raccogli l’energia accumulata e inviala alle più alte aspirazioni del tuo Se Superiore, sopra il settimo chakra.

Attiva il corpo emozionale considerando con entusiasmo e gratitudine l’importanza di perseguire questa informazione e il contatto con questa parte del tuo Sé per ottenere la visione.

Visualizza la tua richiesta, il tuo obiettivo, il più chiaramente e dettagliatamente possibile. Raccogli l’intenzione dentro una sfera di energia e chiedi al tuo subconscio di recapitare il tuo messaggio al tuo Sé Superiore. Permetti all’energia di fluire dai piedi all’apice della testa. Adesso rilascia l’intenzione nello spazio oltre la tua forma fisica.

Ringrazia il Sé Superiore per le informazioni che riceverai. Aspetta (ma senza aspettative!).

Ricorda di registrare più informazioni possibile fra quelle che ti arriveranno attraverso sensazioni, sogni, intuizioni. Se il subconscio percepisce che tu non hai un reale interesse per le risposte che potrebbero arrivarti, ignorerà la tua richiesta.

Articolo di David Ciolli

Fonte: http://www.promiseland.it/view.php?id=2944

Argomenti correlati:

La conoscenza dei chakra, i vortici energetici che collegano corpo, mente e coscienza, e della kundalini, l'energia che mantiene in vita gli esseri umani

Per ritrovere armonia, equilibrio e benessere

Teoria e pratica – Guida completa per armonizzare i centri energetici attraverso la musica, i colori, i cristalli, gli aromi, tecniche di respirazione, riflessoterapia, meditazione

Illuminazione e Manifestazione L'importanza dei centri energetici 'inferiori' ultima modifica: 2009-07-16T10:54:09+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico