NEI GHIACCI ARTICI L'ARCA DI NOE' DEI SEMI

Il Giornale Online
ROMA – E' sepolta nei ghiacci l'arca di Noé dei semi. Il deposito destinato a conservare e proteggere la biodiversità delle colture alimentari di tutto il mondo si trova immerso nei ghiacci dell'Artico, nel cuore di una montagna dell'arcipelago norvegese delle Svalbard. E' destinato a contenere 100 milioni di semi provenienti da 100 Paesi, assicurandone la conservazione, per migliaia di anni.

“Insieme ai movimenti internazionali per salvare le specie in via d'estinzione o preservare la foresta pluviale del pianeta, è altrettanto importante per tutti noi conservare la diversità delle colture nel mondo per le generazioni future”, ha detto il Nobel Wangari Maathai, che ha depositato i primi semi. Ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione con il primo ministro norvegese Jens Stoltenberg, il presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso ed esperti di agricoltura di tutto il mondo.

Questa cassaforte della biodiversità, secondo gli esperti, potrebbe dimostrarsi indispensabile per far ripartire la produzione agricola a livello regionale o mondiale in seguito a un disastro naturale o provocato dall'uomo. Anche nel peggiore scenario provocato dal riscaldamento globale, le stanze del deposito rimarranno congelate per almeno 200 anni. Per il direttore esecutivo del Fondo Mondiale per la Diversità delle Colture, Cary Fowler, “l'apertura del deposito di sementi segna una svolta storica nella protezione della diversità delle colture mondiali, ma il 50% della diversità unica conservata nelle banche di sementi rimane in pericolo. Stiamo cercando di salvare queste varietà”.

Finanziato e costituito dalla Norvegia, il deposito è stato realizzato con il supporto operativo del Fondo Mondiale per la Diversità delle Colture mentre la gestione della struttura è affidata al Centro nordico per le risorse genetiche (NordGen), che renderà disponibile on line una banca dati dei campioni di semi. Vicino al villaggio di Longyearbyen, nell'isola di Spitsbergen, i semi sono conservati in tre stanze ad alta sicurezza, scavate nel durissimo strato di terreno ghiacciato (permafrost), alle quali si accede alla fine di un tunnel lungo 125 metri. Per accedere al deposito bisogna superare quattro porte di acciaio chiuse ermeticamente, le cui chiavi hanno codici diversi. All'esterno il deposito è circondato da una rete di sensori di movimento.

E' il freddo, con una temperatura di 18 gradi sotto zero, ad assicurare la conservazione dei semi, chiusi in contenitori di alluminio sigillati. Freddo e umidità sono tali da conservare i semi vitali molto a lungo. Si calcola ad esempio che quelli di orzo possono durare 2.000 anni, il grano 1.700, e il sorgo quasi 20.000 anni.

E' questa la struttura destinata a contenere i semi dei più importanti alimenti africani e asiatici come mais, riso, grano, fagioli e sorgo, ma anche varietà europee e latino americane, con melanzana, lattuga, orzo, e patata. Inizialmente i campioni destinati al deposito sono 268.000, ognuno dei quali può contenere centinaia di semi. In totale, i carichi di sementi finora messi al sicuro nel deposito ammontano a circa dieci tonnellate, custodite in 676 scatole.

[Inviata da Io]

FONTE: ansa.it

NEI GHIACCI ARTICI L'ARCA DI NOE' DEI SEMI ultima modifica: 2008-02-27T16:08:26+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico