Osservata la prima nursery planetaria

Il Giornale Online

Inviata da skorpion75

Localizzata a circa 800 anni luce da noi, nella costellazione di Cefeo, l’oggetto è oscurato dalle polveri, e perciò invisibile all’occhio umano.

Gli astronomi dell’Università dell’Illinois hanno trovato la prima chiara evidenza di una “culla” nello spazio in cui si formano pianeti e satelliti naturali. Questa “culla”, rivelata dal telescopio spaziale Spitzer della NASA, consiste di un involucro appiattito di gas e polvere che circonda una protostella.

“Stiamo vedendo questo oggetto nelle fasi primordiali della nascita stellare, ha spiegato Leslie Looney, docente della UI e primo autore dell’articolo che verrà pubblicato sulla rivista “Astrophysical Journal Letters”. “Alla fine, la protostella darà origine a una stella con tutta probabilità simile al nostro Sole, e il disco formerà pianeti e stelle.”

Localizzata a circa 800 anni luce da noi, nella costellazione di Cefeo, l’oggetto è oscurato dalle polveri, e perciò invisibile all’occhio umano. Tuttavia, la camera a infrarossi montata sullo Spitzer può penetrare la polvere e rivelare la struttura presente all’interno. La struttura più luminosa consiste in un enorme, quasi lineare flusso di idrogeno molecolare che erutta da due poli magnetici della protostella.

Questi getti bipolari sono così lunghi che la luce impiegherebbe circa sei mesi per viaggiare da un estremo all’altro. Nell’attuale modello di formazione stellare, una nube di gas e polvere collassa per formare una stella e i suoi pianeti. Quando la nube collassa, comincia a ruotare sempre più velocemente, e la crescente forza del campo magnetico proietta parte del gas e della polvere lungo l’asse magnetico, formando i getti bipolari.

Fonte: http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Osservata_la_prima_nursery_planetaria/1319065

Osservata la prima nursery planetaria ultima modifica: 2008-05-22T21:21:39+00:00 da Pasquale Galasso
About the Author
Pasquale Galasso

Pasquale Galasso, editore di Altrogiornale.org - Conoscere non è avere l'informazione.