Progetto Nuovo Paradigma vol. 3

Progetto Nuovo Paradigma vol. 3

Crediti: media.inaf.it

Cari amici,
ho il piacere di presentarvi la versione italiana del terzo libro della serie Nuovo Paradigma:

“Divenire”

Il titolo riprende uno dei concetti sviluppati nel libro precedente. Non siamo esseri umani “in essere”, ovvero in una condizione priva di crescita, siamo umani “in divenire” (humans becoming), ci stiamo evolvendo, o perlomeno abbiamo l’opportunità di farlo se ci svincoliamo dalla programmazione degenerativa che permea le nostre vite.

Divenire significa entrare nella spirale ascendente dell’evoluzione. È un processo che per ogni individuo comporta esperienze diverse. Partendo dal processo di risveglio della consapevolezza, queste esperienze portano a scoprire chi e cosa siamo, a ricordare perché ci siamo incarnati su questo pianeta ed a prepararci a compiere la prossima transizione. Come ormai ben noto, la transizione cavalcherà l’onda del compimento dei diversi cicli galattici e planetari del 2012 che porteranno il ritmo vibratorio del pianeta ad un livello superiore.

Il libro indica che oggi ci stiamo muovendo esattamente nella direzione opposta al divenire. In effetti, una società come la nostra dove aumentano le regole, e diminuisce l’auto responsabilità, sembrerebbe un emblema di involuzione. Il messaggio preponderante, tuttavia, è positivo perché nel suo insieme potenzia l’ispirazione per la creazione del Nuovo Paradigma di esperienza.

Oltre a diversi spunti nuovi, il testo ripete alcuni concetti già sviluppati nei messaggi precedenti. Il motivo, come menzionato nei messaggi, è che serve a compensare il costante martellamento, subliminale e non, di informazioni devianti alle quali siamo sottoposti. Personalmente ho trovato che l’insieme dello stile “particolare” e della ripetitività funziona.

Come per il precedente volume, vi propongo alcune frasi che ho trovato interessanti nel corso del lavoro di traduzione, insieme ad alcune mie interpretazioni. È consigliata la lettura dei volumi I e II, perché fornisce la base necessaria per dare un filo logico alla sequenza di informazioni sotto riportate. Le ho raggruppate all’interno dei seguenti argomenti:

  • il 2012
  • il caos
  • gli schemi individuali di vita
  • il nuovo presidente
  • l’equipaggio di terra
  • messaggi incoraggianti ma enigmatici
  • discernimento delle informazioni
  • new age
  • vittimismo
  • il controllo
  • acceleratori di particelle
  • disastri naturali – luoghi sicuri

Ce ne sono altre ancora più interessanti ma ovviamente sarete voi a trovarle/valutarle durante la lettura di “Divenire”.

IL 2012

“Ambedue le potenze, positive e negative, che sono focalizzate su questo pianeta sono consapevoli che molteplici cicli stanno culminando in questa sequenza temporale e potranno essere cavalcati a proprio vantaggio dall’umanità o dai suoi colonizzatori…”

Come nei volumi I e II, si conferma che il 2012 sarà l’anno della transizione. Viene ribadito che ciò non significa che tutti saranno pronti per tale transizione. È evidente, peraltro, che il “famoso” 51% di orientamento verso il prossimo è un concetto corretto, ma a monte ci deve essere il rilascio della coscienza vittimistica.

“Molto materiale sensazionale sta circolando in merito alla transizione delle vibrazioni della terra che “porteranno” i suoi abitanti su una dimensione superiore. … La terra potrà fare, e farà tale transizione. In quanti la accompagneranno nella transizione sarà determinato dagli individui stessi sulla base delle loro capacità personali…”

IL CAOS

“…coloro che si aggrappano agli imbrogli con tenacità sono la stragrande maggioranza. Vi dobbiamo pertanto avvisare che molto caos avrà luogo prima di raggiungere un coefficiente matematico di esseri che prenderanno coscienza/cambieranno la propria coscienza…”

Siamo parte del puzzle “gelatinoso” che cambia forma in base alla nostra presa di coscienza della realtà, perciò va sempre ricordato che i messaggi come quello di cui sopra sono profezie soggette a variazioni. Speriamo siano migliorative se un maggior numero di individui inizia ad incrementare quel “quoziente”.

È molto chiara la spiegazione di quale sia lo scopo del caos:

“Quando un’esperienza è completa o raggiunge un livello di squilibrio, diventa necessario che venga disgregata. La sua energia diventa allora disponibile per essere riutilizzata o riciclata. Il processo di riciclo che disgrega, o dissolve, e riutilizza questa energia si chiama caos… Ciò che è manifestato, letteralmente si disgrega nella confusione e ritorna ad essere energia che è disponibile per il riutilizzo.”

“È ovvio che la situazione attuale non abbia alcun modo di progredire senza un ritorno al caos.”

“…sarebbe facile cadere nell’errore di interpretare il necessario periodo di caos e di confusione come un fallimento, anziché capire che si tratta degli stadi iniziali del successo. … Deve avere luogo al fine di ripulirci dal vecchio e fare spazio al nuovo. Fornisce, inoltre, ulteriori energie che si possono travasare dal caos e riformattare nel nuovo schema designato.”

GLI SCHEMI INDIVIDUALI DI VITA

“Sarà molto sfidante riconoscere lo smantellamento di schemi personali di vita quando avranno luogo nelle vite di ognuno, e degli altri, e sapere che è assolutamente necessario che succeda affinché si possa manifestare un modo di vivere grandemente migliorativo.”

Carriera e risultati iniziano a non significare più nulla. Stress e conflittualità umane, che prima stimolavano in modo efficace l’adrenalina e lo spirito “guerriero”, iniziano ad essere visti come esperienze nauseanti. Ben presto una “strana” stringa di eventi fa sì che in tempi brevi la persona abbandoni certe situazioni.

“…Gli avvenimenti non saranno facili da determinare, all’inizio, e si manifesteranno attraverso eventi sincronistici che non sempre saranno riconosciuti come tali…”

È importante ricordarsi che per alzare il nostro ritmo vibratorio, ci allontaneremo da luoghi e situazioni che lo spingono verso il basso. Saranno azioni inizialmente inconsapevoli, e diversi eventi sincronistici ad avviare il processo. All’inizio si avvertirà un po’ di sconforto, ma poi subentrerà un grande equilibrio.

“Avrà luogo un riallineamento naturale con ciò che è importante, ed il cambiamento avverrà con poca o nulla attenzione verso la vita personale. Quando il focus e l’intento saranno centrati sul “più elevato e miglior bene di tutti”, succederà tutto da sé in via naturale.”

“Questo impegno assisterà ognuno a mantenere il proprio equilibrio. Il loro esempio di coraggio e di stabilità attirerà a sua volta molti altri alla causa della liberazione dell’umanità.”

IL NUOVO PRESIDENTE

Questa frase mi ha catturato perché è strano “trovarla” proprio ora. Questo libro è stato scritto qualche anno fa ma i messaggi pare che diventino sempre più attuali con il passare del tempo.

“Nessuna quantità di influenze esterne su quel leader cambierà le cose e l’unico sistema di controllo che può essere messo in atto è “rimpiazzare” quel leader, generalmente assassinandolo. In questo modo il processo può essere rallentato, o cambiato dal caos che accompagnerà il cambio di leadership, spesso per via di ulteriori raggiri atti a far credere che la morte del leader è stata provocata dal lato nemico. In questo caso il discernimento è la chiave, ed è l’occasione in cui il gruppo che osserva potrebbe essere in grado di influenzare il risultato finale facendo circolare la verità.”

L’EQUIPAGGIO DI TERRA

Questa è una parte dei messaggi molto entusiasmante, specialmente per quelli che si sentono parte dell’equipaggio di terra. Va ribadito comunque che la cosa non è oggetto di “ego trip” per nessuno. La parola leadership non esiste, questo è un movimento dove tutti insegnano e tutti imparano. Nessuno diventerà ricco (nel senso di soldi) e nessuno diventerà santo.

“Il termine “equipaggio di terra” non ha mai voluto indicare l’azione di un gruppo subordinato alle direttive specifiche di un aiuto esterno. È inteso nel senso di un gruppo di cooperazione che sta ora ricevendo aiuto informativo per supportarlo nel completamento del compito che fu concordato prima che i componenti si incarnassero in corpi umani con lo scopo di assistere nel condurre questo pianeta fuori dalla schiavitù per fruire dell’opportunità di evolversi. Queste persone hanno assunto le limitazioni umane del retaggio genetico dei loro genitori terrestri, ma hanno portato con loro delle potenzialità che si miscelano con il composito degli avanzamenti genetici ottenuti da quegli umani che si sono evoluti o sono stati abbandonati su questo pianeta.”
“Non è la prima volta che questi individui hanno servito le forze che organizzano i processi in quei momenti di squilibrio che producono l’opportunità per dei salti in avanti nell’espressione e nell’espansione di questa e di altre galassie. Queste parole non sono mirate ad alimentare l’ego, ma sono scritte affinché ognuno possa iniziare a riconoscere che c’è grande potenza all’interno dei loro impegni.”

“È necessario che ognuno metta da parte modestia e riluttanza ed accetti la possibilità di essere veramente un’entità speciale e potente che ha indossato una veste di ombra e dimenticato le sue origini per rimanere sconosciuto non solo a se stesso, ma anche a quelli dall’intento malvagio, fino al momento presente. È ora di assumere la giusta identità ed entrare nel ruolo di servizio che fu concordato prima di questa serie di vite e fu accettato come parte del contratto di servizio.”

Il processo di risveglio dei nostri ricordi è molto aiutato dai messaggi, ed in alcuni casi anche da ulteriori circostanze che lo alimentano.

Anche questo libro riporta una serie di vantaggi:

“Per i membri dell’umanità che portano a compimento il proprio desiderio di cambiare il pianeta e se stessi, molto sarà perdonato attraverso il dono della “grazia”. Questa è un’opportunità che va colta da coloro che sono saggi. La difficoltà aggiuntiva di evolversi all’interno di circostanze così difficili viene anch’essa presa in considerazione…”

“I vantaggi sono molteplici, molti sono ancora fuori dalla portata della comprensione della limitata mente umana. Anche quello cambierà. Con l’accettazione della responsabilità personale e planetaria, la mente/cervello si attiverà sempre di più.”

“…un’opportunità che può, se presa in considerazione, far emergere la memoria del motivo per il quale ci si è incarnati in questo tempo su questo pianeta.”

“I membri dell’equipaggio di terra nuoteranno o affogheranno insieme alla popolazione umana del pianeta. Tuttavia, anche se l’impegno per liberare gli abitanti del pianeta dovesse fallire, i riconoscimenti per il lavoro che stanno facendo ci saranno, ed essi potranno viverli nelle vite che verranno dopo. Quei membri dell’equipaggio di terra che non risponderanno all’appello per completare la missione diventeranno sicuramente parte integrante del destino della popolazione umana.”

Coloro che leggono e questi libri, e sentono un certo richiamo, potrebbero rientrare nella descrizione resa dalle frasi che riporto qui di seguito:

“Un grande numero di esseri presenti su questo pianeta sono oggi focalizzati sull’adempimento dei loro requisiti individuali necessari per quella che potreste chiamare, la promozione. Questo consente alle popolazioni indigene di avere il vantaggio dell’infusione di individui eccezionalmente capaci, provenienti da vari livelli di esperienza evoluta, per assistere il processo di ottenimento della libertà di evolversi indipendentemente. Chi sono questi esseri eccezionali? Non c’è modo di saperlo, perché non lo sanno neanche loro. Sono coloro che leggono questi messaggi gli esseri eccezionali? Forse!”

“Ognuno di questi individui ha delle situazioni specifiche da vivere/trasformare in saggezza, e non è accidentale il fatto che questi esseri siano presenti su questo pianeta oggi. All’interno della loro consapevolezza c’è il bisogno ed il desiderio di completare queste esperienze.”

“Tutti coloro che rispondono a questa sfida sono capaci di realizzarla, altrimenti il traguardo non sarebbe parso loro allettante sin dall’inizio. …sono “mandati dal cielo” per fare questo. Considerate attentamente questo idioma discorsivo.”

Chissà. È sicuramente uno stimolo interessante cercare di capire chi siamo.
La frase seguente ritrae la situazione di coloro che sentono che devono fare qualcosa ma non hanno ancora capito bene cosa:

“…fino a quando ognuno non individuerà il proprio scopo primario, il bisogno di cercarlo, e di trovarlo, si farà sentire. Questo porta a spostamenti geografici, cambiamenti di carriera e frequenti visite a varie chiese, unitamente a possibili altre imprese sportive o sociali. Vi è spesso la necessità di partecipare con fervore ad un focus che però non soddisfa la necessità di colmare quel vuoto, e ci si illude che fare di più della stessa inutile cosa potrebbe servire.”

MESSAGGI INCORAGGIANTI MA ENIGMATICI

“Play the game!”…I fratelli galattici ci dicono che qualche regola speciale a nostro favore è stata scritta dal Piano Divino e salterà fuori se giochiamo la partita. Potrebbero anche esserci buone notizie durante il caos. Attenzione invece a messaggi troppo incoraggianti come i messaggi settimanali che provengono da Sirio, od altre canalizzazioni, potrebbero mirare ad evitare che si “giochi la partita” e convincerci che dobbiamo solo aspettare il 2012 e/o le navi spaziali.

“Se continuiamo a considerare ciò dal punto di vista di un gioco di realtà virtuale, ci sono sempre elementi di sorpresa scritti all’interno del gioco, non dai giocatori, ma da coloro che formulano il gioco in primo luogo. Si può prudentemente dedurre che i giocatori di questo gioco non hanno scritto loro le regole.”

“Quali sono queste sorprese che non possono essere sovrascritte dalle nuove regole? Le si può imparare solo giocando la partita.”

DISCERNIMENTO DELLE INFORMAZIONI

L’approccio del libro non è “fondamentalista” perché riconosce di essere solo una delle fonti disponibili.

“È questa l’unica fonte? Certo che no, tuttavia è la fonte che è stata resa disponibile a quelli che la ricevono. È la tua fonte specifica ed è una decisione personale accettarla come vera e decidere se riconoscerne il valore.”

“Questi messaggi sono solo una parte di un impegno organizzato…”

È altresì vero che bisogna diffidare di un certo tipo di informazioni. Prevalentemente quelle che miscelano delle verità, delle previsioni azzeccate o magari solo dei messaggi di amore, con promesse di salvezza o di una facile transizione energetica dove tutto succederà da sé. Hanno lo scopo di alimentare la coscienza vittimistica e tenerci intrappolati in una condizione dove continuiamo a delegare all’esterno la nostra responsabilità.

“Come previsto dalla Bibbia Cristiana, i falsi “Cristi” abbondano. Non nella forma di persone che si definiscono “il Cristo”, ma in coloro che stanno dando ogni genere di informazioni più “elevate”. La maggior parte di queste informazioni contengono elementi di verità. Queste sono persone molto sincere e che non hanno idea che ciò che arriva a loro è una forma di manipolazione mentale.”

“La quantità di informazioni conflittuali, e deliberatamente fuorvianti, rende la formulazione di conclusioni accurate estremamente difficile. Situazioni cambiano, le informazioni disponibili cambiano, ed il risultato finale è repressione e confusione.”

Il suggerimento dei Fratelli Galattici per chi ha già un buon background di informazioni su questo genere di argomenti, è di considerare i libri del Nuovo Paradigma una fonte di chiarezza nella confusione che si sta creando con le molteplici notizie conflittuali menzionate sopra.

“Ci sono molti altri fatti incredibili che sono disponibili per essere conosciuti. La domanda è: “Quanta conoscenza è essenziale al fine di far emergere le decisioni necessarie a liberare questo pianeta dalla situazione nella quale si è impantanato?”. C’è un punto in cui ulteriori informazioni sarebbero controproducenti più che di aiuto. È la ricerca di questo punto il lavoro di questi messaggi.”

NEW AGE

“È un’alternativa che raccomanda di ignorare la ricerca e la comprensione del piano dei controllori planetari per “paura” di supportarli riconoscendo la loro presenza e le loro azioni. Questo approccio della “testa nella sabbia” non piace alla maggior parte della popolazione perché è carente di un’applicabilità pratica.”

Vi sono molti blog, molti web dove le persone si scambiano esclusivamente vibrazioni positive, messaggi amorevoli, fanno carità etc. e sicuramente servono uno scopo positivo che concorrerà ad elevare il ritmo vibratorio del pianeta. Per loro è proibitivo prendere atto del male perché ritengono che le “forme pensiero” negative creino le situazioni negative.

VITTIMISMO

Non si poteva non citare la nuova serie di frasi che ribadiscono la necessità di abbandonare la coscienza vittimistica. Il concetto del salvataggio dalle navi spaziali viene ribadito…mi rendo conto che potrebbe dispiacere rinunciare a crederci…

“Non ci saranno invasioni di massa di navi extraterrestri che salveranno l’umanità. Ciò non consentirebbe al genere umano di produrre da solo una soluzione al dilemma nel quale si trova ingarbugliato oggi. Sempre e senza eccezioni, l’umanità deve creare la propria soluzione nell’invocare una nuova storia di destino. Su questo fatto non ci devono essere malintesi. Il vittimismo e la cittadinanza galattica sono due poli opposti di esperienza che devono essere capiti e scelti deliberatamente.”

“…la capacità circoscritta del cervello umano fu, ad oggi, mantenuta al suo posto dalla coscienza vittimistica, che a sua volta è tuttora tenuta al suo posto dal desiderio di essere salvati da una fonte esterna al sé, ed esterna alla totalità del genere umano. Questo porta ad una maggiore comprensione delle sessioni settimanali di programmazione che enfatizzano la necessità di chiedere un aiuto proveniente dall’esterno per quanto riguarda tutte le realtà esistenziali, ed il ritratto fatto dai media in merito al flusso continuo di situazioni vittimistiche. Tutto viene coordinato attentamente al fine di mantenere la coscienza vittimistica ancorata saldamente all’interno della coscienza di massa.”

IL CONTROLLO

Dopo un attacco terroristico, anziché identificare i responsabili degli atti di negligenza e delle omissioni di responsabilità, oppure le carenze sotto il profilo della sicurezza, un paese evoluto sceglie di aumentare le misure restrittive nei confronti dei propri cittadini. Si innesca così un meccanismo di oppressione destinato ad espandersi esponenzialmente come dice il messaggio:

“Molti ritengono che il controllo compensi la paura, con lo scopo di rallentare il cambiamento e vivere un minimo di “esistenza pacifica”. La modalità di controllo, tuttavia, richiede misure di controllo in aumento costante, al fine di supportare i limiti originali, e si espande esponenzialmente in un ciclo espansivo negativo. È la modalità che è stata adottata da quelli che vogliono possedere e “controllare” questo pianeta ed i suoi abitanti.”

Un esempio documentabile della sopra descritta espansione esponenziale è la costituzione americana che è corredata da molteplici emendamenti, ed atti passati dal congresso, che sono stati approvati dopo attentati o disordini. Anche diverse leggi italiane seguono una matrice di questo genere.

ACCELERATORI DI PARTICELLE

È stato recentemente descritto da svariate fonti il mega-esperimento avente l’obiettivo di “riprodurre condizioni somiglianti a quelle dei pochi attimi dopo il Big Bang”. Mi sembra bizzarro basare un esperimento su una teoria come quella del Big Bang. Ulteriori spiegazioni mi lasciano ancora perplesso: “…oltre 100 miliardi di protoni saranno proiettati ad una velocità quasi pari a quella della luce e si investiranno in quattro punti…”. Insomma, dovrebbero produrre un’energia enorme, dopo di che gli scienziati dovrebbero “analizzare le collisioni” e capire meglio i “fenomeni fondamentali dell’universo”. È evidente che ho estremizzato l’esempio di descrizioni fumose indirizzate ai “non addetti ai lavori”; esiste materiale meno sintetico dove si può studiare meglio la questione, tuttavia una forte corrente di persone “esperte” ritengono che manchino troppi dettagli.
Tornando a “Divenire”, la seguente frase sembra riferita a questi “acceleratori di particelle”:

“Al fine di realizzare ciò hanno pensato che fosse necessario abbassare i campi vibratori degli abitanti del pianeta ad un livello in cui la sopravvivenza di alcuni potrebbe essere possibile quando si completa la conversione a pura energia negativa. L’installazione di enormi convertitori di energia è stata pianificata al fine di bombardare la ionosfera per questo scopo. I test di questi convertitori vengono fatti apparire come attività che hanno scopi diversi da quello reale. Devono invece “proteggere” il pianeta da punti focali positivi.”

DISASTRI NATURALI – LUOGHI SICURI

Il caos in arrivo prevede anche una ribellione naturale del pianeta stesso. Come se, invaso da parassiti, ad un certo punto si desse una bella serie di scrollate e grattate, si facesse un bel bagno e tornasse come nuovo. Semplicistico come esempio, ma le linee di frattura presenti sul pianeta sono un fenomeno noto, ed esistono diverse informazioni facilmente reperibili in merito ad incidenze anomale di vari fenomeni naturali. La buona notizia, però, la potete leggere nella seconda frase sottostante.

“Se l’umanità non produrrà un gruppo di individui focalizzati che mantengano questo desiderio e quest’intenzione di creare una nuova esperienza in modo votato, il pianeta inizierà da solo una ripulita al fine di evitare la sua stessa estinzione.”

“Chi sopravvivrà per popolare il pianeta? … Visto che tutto ciò che esiste nella forma di realtà manifesta è di carattere vibratorio, quelli che esistono in un ritmo vibratorio che è in armonia con il pianeta si troveranno in luoghi sicuri. Quei luoghi sicuri esisteranno dove saranno questi individui. Non ci sono “zone sicure” designate sul pianeta, nonostante tutte le previsioni. Ci saranno luoghi sicuri nel mezzo di tutte le esperienze di disastro. Sarà la coscienza degli individui stessi che creerà quei luoghi.”

Chiudo con questa ultima buona notizia,
vi auguro una proficua lettura e…
play the game!
Freedive

Progetto Nuovo Paradigma vol. 3 ultima modifica: 2008-11-22T23:43:50+00:00 da Pasquale Galasso
About the Author
Pasquale Galasso

Pasquale Galasso, editore di Altrogiornale.org - Credo in un'esistenza vera, non limitata al solo mondo materiale. Viviamo in un corpo fisico ma la nostra anima è storica.