Ufo e militari: L’incidente di Rendlesham

L’incidente di Rendlesham Forest rimane tra i più importanti casi UFO di sempre. Nel 1980 un velivolo sconosciuto atterrò vicino a due basi aeree in Gran Bretagna. Testimoni dell’evento, supportato da documentazione militare, molti militari americani. Post tratto dal Memorandum del Col. USAF Charles Halt.

di Blissenobiarella

L’incidente di Rendlesham Forest rimane tra i più importanti casi UFO di sempre. Si trattò di un atterraggio di un velivolo sconosciuto vicino a due basi aeree in Gran Bretagna, fu testimoniato da molti militari americani, ed è supportato da documentazione militare. Inoltre nell’aerea erano presenti armi nucleari, un fatto negato dalle autorità per anni, ammesso in seguito. I critici sostengono che il caso rimane controverso, perché i sostenitori non concordano su alcuni dettagli importanti. Altri invece hanno sostenuto che l’avvenimento ha delle spiegazioni banali.. Inoltre, la confusione ha afflitto il caso, come ad esempio le date esatte in cui si è verificato. Un grande sostegno al caso proviene dai documenti redatti dal vice comandante della Base il tenente colonnello Charles Halt. E’ stato redatto a memoria alcune settimane più tardi, lasciando punti interrogativi, forse date errate degli eventi. Tuttavia, incredibili dettagli sono emersi da tanti testimoni, molti dei quali corroborati, ed è chiaro che qualcosa di straordinario e’ accaduto.

Verso le prime ore del 26 Dicembre 1980, due pattuglie della polizia di sicurezza USAF videro delle luci inconsuete al di là del cannello posteriore presso al Britain RAF Woodbridge. Partendo dal presupposto che poteva essere un velivolo in difficoltà, tre poliziotti furono incaricati di procedere a piedi per indagare. Secondo la relazione di Halt (che attribuiva questa osservazione alla sera seguente), fu notato un oggetto splendente e di forma triangolare nella foresta. L’UFO era lungo circa 9 piedi e alto 6 piedi, emetteva una potente luce bianca. “Pulsava con una luce di colore rosso in cima e bianca e blu sotto. L’oggetto era poggiato a terra tramite 3 piedi”. Mano mano che la pattuglia si avvicinava, l’oggetto pareva spostarsi indietro verso una fattoria vicina, causando disturbi per gli animali. Quindi scomparve verso il cielo. Un’ora dopo, l’oggetto fu di nuovo avvistato nel cielo. Il giorno dopo, gli investigatori recatosi nel luogo dell’atterraggio videro le tracce e le depressioni del terreno dove si era posato l’oggetto.

[color=#999999]Tracce rinvenute da Pennison il giorno successivo all’avvistamento[/color]

Più’ tardi la sera Hait ed i testimoni videro una luce rossa che si muoveva e che pulsava. Ecco la descrizione: “Ad un certo punto apparve un oggetto che rilasciava particelle apparentemente incandescenti, poi l’UFO si divise in 5 distinti oggetti bianchi per poi scomparire. Subito dopo 3 luci luminose come stelle furono notate nel cielo. Due oggetti a nord e uno a sud, erano a circa 10 gradi fuori dall’orizzonte. Gli oggetti si spostavano molto rapidamente, con movimenti netti ad angolo. Le luci erano rosse, verdi, blu. L’oggetto a sud e’ rimasto visibile per due o tre ore, pareva rilasciasse raggi verso il basso, come un flusso di luce.” Esiste inoltre uno straordinaria registrazione audio su nastro (che copre diverse ore) fatta mentre Halt e il suo team stavano indagando nella foresta durante la seconda notte.Inoltre il personale militare intervistato separatamente riferivano le medesime versioni. Un fatto importante che emerse è che l’oggetto si era mostrato in volo sopra gli uomini di Halt. Si librava immobile, brillava e lanciava misteriosi raggi laser verso il basso su tutto il bosco e sul RAF Woodbridge. Con le parole di Halt, “E’ una sorta di danza nel cielo che invia fasci di luce… cadono in diversi posti nella base… Personale disclocato vicino alla zona degli armamenti hanno segnalato anch’esse le luci…. (il raggio) rimase per circa 5-10 secondi e così come arrivò scomparve…”

Non solo ma nel 1993 Halt disse agli investigatori che questi raggi erano addiruttra penetrati attraverso le travi di acciaio, nella terra e nel cemento dei bunker dove erano segretamente custodite le armi nucleari. Vista la storia degli UFO e la vicinanza alle armi nucleari, è certamente plausibile. Con il passare degli anni, l’importanza del caso di Rendlesham Forest ha continuato a crescere, non solo come incontro UFO come tanti, ma uno dei casi più importanti di sempre. Il ministero della Difesa Britannico per anni, facendo disinformazione e mantenendo il silenzio, dichiarò seccamente che Rendlesham non aveva alcuna importanza per la difesa.

La nota ufficiale preparata da Halt http://keyholepublishing.com/1981-1-13-Halt-Memo.JPG

Fonte: http://ufoplanet.ufoforum.it/headlines/articolo_view.asp?ARTICOLO_ID=8854 http://mitiemisteri.com/ufo-e-militari-lincidente-di-rendlesham/
Vedi: http://www.ufologie.net/htm/rendles.htm

Ufo e militari: L’incidente di Rendlesham ultima modifica: 2010-10-29T18:22:41+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico