Una molecola zuccherata ci potrebbe condurre alla scoperta della vita extraterrestre

Il Giornale Online

Gli scienziati hanno scoperto una molecola organica direttamente legata all’apparizione della vita.

Dove? Ed è qui che la scoperta acquista tutto il suo valore: in una regione della nostra galassia. Le menti si scaldano, una zona che contiene potenzialmente dei pianeti abitati è stata individuata ….

La squadra che ha appena annunciato questa scoperta è composta in particolare da ricercatori di Londra (UCL) e da studiosi francesi. Per individuare questa molecola hanno utilizzato lo strumento dell’IRAM, Istituto di Radioastronomia millimetrica. Il radiotelescopio è impiantato in Francia. I membri dell’Istituto hanno collaborato attivamente a questa pubblicazione.

La molecola è stata scovata su una stella distante 26 000 anni luce, lontana dal caos del centro galattico, in una regione dove le condizioni sono estreme e quindi proprie ad ostacolare lo sviluppo della vita. Ciò significa che questo ingrediente potrebbe essere molto diffuso nella Via Lattea. E questo elemento è cruciale per lo sviluppo della vita. Si tratta quindi di una notizia eccellente per la ricerca della vita extraterrestre.

Infatti, più questa molecola è diffusa e più ci saranno possibilità di trovarla in compagnia di altre molecole essenziali per lo sviluppo della vita. Perché la vita possa sbocciare gli scienziati ritengono che sia necessario trovare un pianeta simile alla Terra, ciò una pianeta roccioso, né troppo vicino né troppo lontano dalla sua stella.

Questo articolo è stato pubblicato nella rivista online Astro-ph, sezione astrofisica di arXiv.org. http://arxiv.org/ . Il professore Serena Viti, uno degli autori dello studio e membro dello University College London dichiara: “ è una scoperta importante perché è la prima volta che del glicolaldeide, lo zucchero di base, è stato individuato nelle vicinanze di una regione di stelle in formazione, dove pianeti in grado di ospitare la vita possono esistere”.

Si capisce l’emulazione della comunità scientifica dove voci sempre più numerose sono ormai convinte che finiremo necessariamente con lo scoprire la vita. I dibattiti divergono sulla questione tempo e sullo stadio evolutivo delle forme di vita. Alcuni pensano che bisognerà aspettare 10 anni al massimo, altri propendono per alcuni decenni se non di più. Inoltre, una parte degli studiosi non contempla la possibilità di trovare forme di vita intelligente mentre altri pensano che tutto sia possibile.

Il professore Keith Mason, direttore del STFC, che ha partecipato alle ricerche, evoca le possibilità apertesi: “la scoperta di una molecola di zucchero organico in una regione dello spazio popolata di stelle in formazione è molto eccitante e fornisce informazioni determinanti nella nostra ricerca della vita extraterrestre.
Le ricerche di questo tipo, insieme con tutti gli altri progetti astronomici ( … ), ci permettono di accrescere notevolmente la nostra comprensione dell’universo.”

Institut de Radioastronomie Millimétrique http://www.iram.fr/

University College London http://www.ucl.ac.uk/

Tradotto da deg per altrogiornale .org

Fonte http://www.unisciences.com/physique/news/molecule_sucree_extra_terrestre.php2.php?id=403&page=2

Una molecola zuccherata ci potrebbe condurre alla scoperta della vita extraterrestre ultima modifica: 2008-11-27T16:12:11+00:00 da deg
About the Author