L’etere e la teoria del tutto

Proverò a dimostrare, nei prossimi articoli, come l’etere sia responsabile non solo per il trasporto della luce e per tutti i fenomeni elettromagnetici, ma anche per la gravità. Avendo infatti dimostrato che la formula per la gravitazione universale di Newton è falsa, dobbiamo capire la causa della forza verticale che agisce sulle masse.

L’etere è alla base dell’esistenza della massa, è la matrice della nostra realtà; spinge inoltre il sole, la luna e i pianeti ed è coinvolto nella creazione del campo magnetico terrestre, dei campi elettrico e magnetico e delle forze nucleari forte e debole. Analizzeremo nei prossimi articoli ciascuno di questi aspetti.

Gli eteroni sono alla base della questione. L’etere è il mezzo attraverso cui si muove la luce. E, quando io uso questa parola, luce, intendo un’onda elettromagnetica, che sia essa visibile o invisibile. La luce ha una sola e sola natura, la sua natura ondulatoria.

D’altra parte, la natura particellare appartiene all’etere. L’etere è fatto di particelle con massa molto ridotta. Iniziano a vibrare quando vengono colpiti da qualsiasi disturbo che si muove nello spazio. Voglio ripetere. Questo è il modo in cui possiamo definire le onde elettromagnetiche: un disturbo che si muove nell’etere.

Quando gli eteroni oscillano con una lunghezza d’onda compresa tra 400 e 700 nanometri, l’onda è visibile ai nostri occhi. L’etere è la componente che vibra al passaggio del disturbo. Il singolo eterone non si muove nello spazio con l’onda ma oscilla solo attorno alla sua posizione di equilibrio.

Per ottenere la trasmissione di un’onda è necessario un mezzo elastico, in caso contrario, non è possibile spiegare la natura ondulatoria dell’elettromagnetico radiazione. Abbiamo bisogno di un mezzo con caratteristiche di elasticità e inerzia. Per capire si pensi ad una molla compressa. Questa molla è dotata di elasticità. Quindi, quando la si comprime e rilascia si può essere certi che tornerà immediatamente alla sua posizione di equilibrio. Ma, per ottenere un’oscillazione, si deve aggiungere una massa e cioè l’inerzia. L’inerzia fa sì che la molla compressa rilasci la sua energia, ritorni alla sua posizione naturale, la superi e si allunghi verso la sua elongazione massima. Si ottiene così, con successivi moti di andata e ritorno, il moto oscillante della molla.

In un’onda elettromagnetica, l’elasticità è collegata al lato elettrico della radiazione, mentre l’inerzia sarà collegata al lato magnetico dell’onda. Si pensi ad una scarica tra le due armature di un condensatore carico. Questo rilascio di energia può essere paragonato al rilascio di una molla compressa. La variazione di carica e corrente è il punto iniziale per la produzione di un campo magnetico che si oppone alla variazione. Questo può essere paragonato all’inerzia. L’elasticità e l’inerzia sono peculiari del mezzo in cui si muove un’onda elastica.

Senza elasticità e inerzia non sarebbe possibile sostenere la formazione di un’onda che si deve spostare e avanzare oscillando. La scienza ci deve spiegare come un’onda potrebbe propagarsi se lo spazio vuoto non mostrasse entrambe queste caratteristiche. E’ necessario quindi attribuire delle caratteristiche fisiche allo spazio vuoto. Possiamo menzionare, infatti, che Einstein, quando postulò che lo spazio-tempo subisce una deformazione geometrica vicino ad una massa, decise di assegnargli una notevole caratteristica di elasticità.

Proverò a descrivere un po’ meglio il fatto che l’etere possegga elasticità. Prenderò in considerazione il campo elettrico derivante da una carica elettrica in lo spazio. Se carichi una pallina metallica. Nello spazio vicino, si crea un nuovo stato di cose: un campo elettrico. Un campo elettrico, conseguente ad un aumento di carica nello spazio, è uno stress statico dell’etere. Il campo produce una diversa disposizione degli eteroni nell’area interessata dal campo. Eulero spiegò un campo di forza nell’etere dicendo che gli eteroni si sistemano secondo una disposizione che possiede densità diverse in punti diversi.

etere

Tuttavia, Paul Laviolette (un professore studioso dell’etere) ha introdotto un modello diverso. Egli ha descritto le caratteristiche fisiche dell’etere introducendo diversi tipi di eteroni con distribuzione non uniforme nello spazio.  Con una carica positiva, gli eteroni Y sono più densi vicino alla carica, mentre gli eteroni X diventano più densi lontano dalla carica.

Gli eteroni possono cambiare da X a Y e viceversa, con reazioni cinetiche a seconda della situazione. Gli eteroni possono anche diventare, secondo Laviolette, eteroni G, che ne sono responsabili per il campo di gravità. Suppongo, come fanno entrambi gli autori (Laviolette ed Eulero), che, nell’etere, qualsiasi campo di forza produce uno stress elastico e quindi una deformazione geometrica con un cambiamento nella distribuzione degli eteroni. Questo potrebbe voler dire, ipotizzando come Eulero un solo tipo di eteroni, una maggior quantità di essi vicino alla carica e una minore quantità lontano da essa.

Anche la gravità è un campo di forza. Determina uno stress nell’etere. Voglio qui ripetere che la descrizione della gravità di Newton non è affidabile. Ciò è dovuto al fatto che non rispetta il principio di conservazione dell’energia.
Le masse non si attraggono l’una con l’altra. Non esiste una vera prova sperimentale che lo attesti. La bilancia di torsione di Cavendish non dimostra infatti la gravità ma la forza sulle masse di metallo è causata da una naturale attrazione elettrostatica.

Sappiamo, tuttavia, che sulla Terra esiste una forza che attira tutte le masse verso il basso. Poiché questa forza è chiaramente proporzionale alla massa, continuerò a chiamarla “gravità” nonostante i terrapiattisti preferiscano evitare questo nome. Qual è la causa naturale della forza di gravità? Ho detto che c’è uno stress sull’etere che produce una deformazione, vale a dire una diversa disposizione degli eteroni nello spazio. Questa variazione di densità nello spazio produce la forza di gravità.

Vi è, tuttavia, una differenza tra il campo di forza prodotto da una carica e quello gravitazionale prodotto dalla Terra. Una carica produce un campo di forza che agisce solo su un’altra carica, respingendola o attirandola. Il campo di gravità agisce in modo diverso: sulle masse. Ma come? Possiamo fare una prima ipotesi e, passo dopo passo, arriveremo alla conclusione corretta. Ormai sappiamo che la Terra e la cupola, insieme, costituiscono le piastre di un condensatore. Tra queste due piastre, esiste un’altissima differenza di potenziale.

Questo è ciò che influisce sulla distribuzione dell’etere, producendo il campo di forza che sappiamo essere il campo di gravità. Come posso fornire prove per questo? Per deduzione: vediamo e andiamo a fare alcune considerazioni sull’effetto Biefeld Brown.

Thomas Brown scoprì che , caricando un condensatore con piastre asimmetriche, con tensioni comprese tra 25 e 100 Kilovolt, si originava una forza repulsiva, in grado di sollevare il condensatore nell’aria.
Egli scoprì casualmente questo effetto durante alcuni esperimenti sui raggi X. Sui tubi per la generazione dei raggi X erano montati elettrodi asimmetrici  con polarità opposte. Quando gli elettrodi erano collegati all’alta tensione, venne alla ribalta l’esistenza di una forza elettrica. I test hanno rivelato la natura elettrogravitica del fenomeno.

Nel 1828, Brown registrò il primo brevetto di un lifter. Fino a qualche anno fa, gli scienziati consideravano il sollevatore come il semplice effetto di spinta del vento ionico generato dalla tensione elevata. In altre parole, si pensava che il fenomeno fosse il flusso di particelle cariche prodotte da un campo elettrico ad alto potenziale. Tuttavia, nel 2004 la NASA ha ammesso che la vera spiegazione potrebbe essere diversa.

Nel marzo 2003, la sperimentazione condotta da un centro di ricerca militare del Maryland ha rifiutato categoricamente la spiegazione del vento ionico. Il rapporto finale afferma: «Il vento ionico generato dal sollevatore è almeno tre volte inferiore a quello necessario per il sollevamento». In conclusione, la NASA ha registrato alcuni
brevetti per usare il sollevatore anche nello spazio. Una ricerca condotta dagli ingegneri Honda è giunta alla conclusione che l’effetto Biefeld Brown è un’interazione di campi magnetici su particelle di energia del vuoto (eteroni). Questi ricercatori dimostrano che questo effetto non può essere spiegato con la scienza normale e che la gravità e l’energia del vuoto (etere) sono collegate l’una all’altra.

Possiamo concludere che il Lifter produce una distribuzione non uniforme di etere che genera un campo di forza che solleva il condensatore. Di conseguenza, un numero maggiore di etere si accumula vicino alla piastra inferiore del sollevatore. La diversa pressione degli eteroni genera un vento verticale verso l’alto di etere. Pertanto, la spinta risultante sarà sufficiente per sollevare il componente. Degno di nota è il fatto che la forma del sollevatore prodotta da Brown è la stessa della Terra piatta con la cupola.

etere

La Terra è un condensatore asimmetrico. L’alta tensione sul
la cupola produce una concentrazione di etere che non è uniforme e produce il campo di forza gravitazionale. Nasce quindi una forza che gli eteroni esercitano verso il basso. Per ottenere questo effetto gravitazionale, la tensione deve essere molto alta. Tutti i corpi, in un tale campo di forza, subiscono una pressione superiore, maggiore della pressione inferiore, e sono soggetti a una forza verso il basso.

Quando viene attivato un sollevatore, l’alta tensione su un condensatore asimmetrico produce una distribuzione non uniforme di etere, con una conseguente spinta verso l’alto. Per spiegare questo effetto ho la necessità di descrivere la terra come uno spazio raccolto all’interno di una cupola elettrificata curva che si estende su una superficie piana, che è l’altra piastra di un grande condensatore.

Continueremo presto questo discorso per definire ancora meglio la causa e la natura della forza di gravità sulla Terra piatta e vedremo che un vortice di etere ne è la causa.


L'etere e la teoria del tutto 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.