L’atomo sulla Terra piatta

Con questo capitolo sull’atomo, gli elettroni e sulla forza elettromagnetica, passerò consapevolmente a parlare di un tema che finora non era stato trattato correttamente. Sarà certamente un argomento difficile da trattare, ma una volta aperto promette di ottenere molti grandi risultati.

Come conseguenza della reintroduzione di un vecchio concetto come l’etere, un superfluido che riempie tutto lo spazio, dobbiamo rivedere i fondamenti della fisica e della chimica, addirittura la struttura dell’atomo. Ciò è dovuto al fatto che normalmente i fisici e i chimici non considerano l’etere come l’elemento base della loro analisi. Inoltre e in aggiunta, dovremo anche fare una revisione approfondita dell’elettromagnetismo. L’idea è di arrivare a definire la relazione tra l’etere, il campo elettrico, il campo magnetico, le forze nucleari forti e deboli. Tutto questo verrà trattato nei prossimi articoli.

Un campo elettrico comporta un cambiamento delle caratteristiche dello spazio a causa di una distribuzione non uniforme di eteroni nel volume che occupano. Questo genera un vento di etere, vale a dire un movimento di etere nello spazio che di conseguenza cambierà le sue caratteristiche di base, dando vita ad un campo elettrico. Lo stesso accadrà per un campo gravitazionale: è un vento verticale di etere.

Nei limiti di questa ricerca, non è la prima volta che devo menzionare il bosone di Higgs. È quella particella che partecipa alla generazione di massa. Abbiamo già stabilito un confronto tra l’etere e il bosone di Higgs mentre apriamo l’ipotesi che l’etere sia responsabile della creazione della materia. L’ipotesi che voglio considerare è che un accumulo di etere in un punto specifico, con una specifica energia e concentrazione, genera un atomo che è un’entità diversa dall’atomo suggerito dall’establishment scientifico. Per verificare la validità di questa ipotesi, dobbiamo riconsiderare molti dei fondamenti scientifici alla luce dell’esistenza dell’etere.

Il primo punto su cui vogliamo concentrarci è che l’atomo è formato da una carica positiva e una negativa. Il segno positivo + è il nucleo mentre il segno negativo – è formato dagli elettroni che, nel modello atomico a forma planetaria, ruotano attorno al nucleo. Cosa sono in realtà queste cariche? Cosa può essere una carica immersa nell’etere?

LaViolette, studioso dell’ etere, ha formulato l’ipotesi di un doppio tipo di eteroni. Egli immaginò un etere con eteroni X e Y aventi carica diversa. Sebbene questa possa davvero essere una possibilità, nella mia ricerca non ho mai sentito la necessità di introdurre un etere costituito da due particelle diverse.

Quindi, vorrei continuare così. Fino ad ora, ho descritto l’etere come fatto di particelle neutre che hanno la possibilità di muoversi nello spazio. Possono solo vibrare intorno alla loro posizione mentre si alza quando passa un raggio di luce. Lo stesso accade quando le particelle possono muoversi in un campo di forza come un campo elettrico, un campo di gravità o all’interno del vortice di etere che mette in moto i corpi celesti.

Poiché gli eteroni possono muoversi, possono accumularsi in un luogo specifico creando punti in cui vi è abbondanza di eteroni e altri punti in cui ne esiste una rarefazione. Per fare un’analogia, si può pensare ai sistemi ad alta e bassa pressione (ciclone e anticiclone) che sono responsabili della formazione dei venti. L’idea è la seguente: questo etere super fluido che riempie lo spazio e la materia può creare due diversi tipi di carica. Ci sarà una carica positiva quando vi è abbondanza di etere rispetto alla loro distribuzione media. D’altra parte, ci sarà una carica negativa in cui ci sono meno etere rispetto alla media.

Le cariche positive e negative si attraggono sempre perché un sistema con una distribuzione non uniforme di etere si trova in uno stato di alta energia. È lontano dall’equilibrio e cerca quindi di riequilibrare lo stato delle cose degli eteroni. È come un contenitore in pressione in una stanza in cui è stato creato il vuoto. Se il contenitore viene aperto, l’aria si sposterà immediatamente per occupare l’intero spazio ora disponibile riequilibrando la situazione. Quando si avvicinano una carica negativa e una positiva, il sistema sarà di nuovo neutro, con un basso livello di energia, e gli eterni cesseranno di muoversi.

In un corpo con una certa massa, gli eteroni formano gli atomi. Gli atomi sono pacchetti pieni di etere che formano la carica positiva e negativa dell’atomo. L’atomo è quindi intrinsecamente neutro. I corpi sono neutri in situazioni normali perché gli atomi sono neutri. Ma i corpi possono perdere i loro elettroni di superficie o forse gli atomi possono oscillare intorno alla loro posizione, perdendo parzialmente la loro situazione neutra.

Nei materiali isolanti e non conduttivi, gli atomi possono solo oscillare comportandosi come un dipolo che si orienta in base al campo di forza esterno. In un metallo conduttivo, invece, gli “elettroni” sono liberi di muoversi nell’intero materiale, come un fluido in cui tutti gli atomi condividono i loro elettroni. Gli scienziati ammettono che le cariche negative hanno la possibilità di muoversi mentre considerano le cariche positive come statiche.

L’esperimento classico che consente di capire è quello del pettine. Una volta strofinato, perde un po’ di elettroni di superficie e si carica positivamente. Se poi si avvicina il pettine a un pezzo di carta, questo viene attratto e sollevato dal pettine. La carta non è conduttiva: i suoi atomi possono solo spostarsi leggermente orientandosi con la loro carica negativa verso il pettine. Questo perché gli atomi della carta sono attratti dalla carica positiva della superficie del pettine. In questo modo la carta viene attratta e sollevata a causa di un’attrazione elettrostatica.

Ma come può un eterone far perdere un elettrone a un atomo? Che cos’è un elettrone se l’intero atomo è pieno di eteroni, solo con concentrazioni diverse? Queste sono domande a cui dobbiamo rispondere.

L’atomo è un pacchetto di etere. Comunque, all’interno di questo pacchetto, gli eteroni si concentrano principalmente nel nucleo. Questa distribuzione determina, in questo modo, una carica positiva. Gli eteroni contenuti nell’atomo attorno al nucleo si dispongono in strati secondo una forma sferica concentrica.

Questi strati concentrici hanno un numero di eteroni inferiore rispetto al nucleo e inferiore alla concentrazione media dell’intero atomo. Ciò origina uno stress tra la parte esterna dell’atomo e la parte interna di esso. Quindi, sorge la necessità di rilasciare eteroni per raggiungere un equilibrio. L’atomo collasserebbe naturalmente in questa situazione, raggiungendo l’equilibrio da un rimescolamento interno degli eteroni. Ma succede qualcosa che dà stabilità alla struttura.

L’atomo non è semplicemente un semplice pacchetto di etere, ma ha la sua energia interna che gli conferisce stabilità. Come sarà possibile? Otterrà tali risultati mettendo in vibrazione lo strato esterno di etere che si concentrano circolarmente tutto intorno. Le sfere esterne devono oscillare di un’oscillazione circolare. In realtà, la forma dell’onda potrebbe essere diversa, e non una sfera come comprenderemo in futuro. Ciò significa che tutti gli eteroni oscillano intorno alla loro posizione, trasmettendo l’onda all’eterone successivo.

A seconda della sua energia interna, l’onda può assumere forme diverse. Questo è l’elettrone: un’onda sonora attorno a un agglomerato di etere. Questa onda sonora genera la stabilità dell’atomo e costituisce l’elettrone. Dandogli stabilità, dà anche neutralità. L’atomo non è, tuttavia, un amalgama uniforme di etere. Al contrario, si tratta di un pacchetto a doppia faccia non uniforme e continuamente sollecitato. Ha un nucleo avvolto da una o più onde sonore che si muovono attraverso sfere di etere. Dall’esterno l’atomo è neutro. Ad ogni modo, il continuo movimento degli elettroni può, in qualsiasi momento, rivelare una vita interna nascosta all’interno dell’atomo.

Per avere un’idea dell’aspetto dell’atomo, possiamo pensare alle figure generate dal suono in cimatica. Quando un atomo perde un elettrone, significa che una delle onde ha smesso di oscillare. In questo caso, il nucleo non è più nascosto e l’atomo si carica positivamente. Quindi, avremo uno ione positivo che sarà in grado di acquisire di nuovo la sua neutralità. Questo sarà possibile solo nel caso in cui possa recuperare gli eteroni persi. Questo permetterà all’onda di ricominciare ad oscillare.

Quindi, quando strofiniamo il pettine, si perdono un po’ di eteroni e gli atomi relativi rimangono caricati positivamente. Di conseguenza, nella carta, gli atomi muovono le loro onde più esterne deformando la loro struttura verso il pettine positivo. Con questa geometria, il pettine può attrarre il pezzo di carta e sollevarlo.

Questo modello sembra dare una prima spiegazione approssimativa del principio di incertezza di Heisenberg. Secondo questo principio, non è possibile misurare immediatamente, insieme alla velocità, la posizione dell’elettrone. Ciò è dovuto al fatto che l’elettrone è un’onda sonora che si muove attraverso gli eteroni. Quando misuro la velocità, sto valutando una caratteristica dell’onda. Se misuro la posizione, sto valutando una caratteristica della particella, cioè di un singolo etere. Ma ci sono molti eteroni per costruire la sfera attorno al nucleo. L’incertezza sembra, in questo modo, a causa di una comprensione errata della conformazione elettronica. Una spiegazione eterica sembra chiarire l’idea.

Fino ad ora, ho introdotto un nuovo modello atomico. La sua caratteristica principale è che l’atomo è completamente fatto di etere. L’elettrone è un’onda sferica che si muove attorno al nucleo ed è costituita da etere oscillanti disposte intorno al nucleo. Supponevo che il nucleo, o la carica positiva all’interno dell’atomo, dovesse la sua carica positiva a un’abbondanza di etere (rispetto alla quantità media all’interno degli atomi). D’altra parte, ho postulato che l’elettrone, il lato negativo dell’atomo, deve la sua carica a una scarsità di eteroni rispetto alla media.

Cercheremo di verificare se le ipotesi formulate sono corrette. Per dare una risposta, devo definire qual è la causa di formazione dell’atomo. Come fa la distribuzione non uniforme degli eteroni ad avere origine? In passato un certo numero di fisici descrivevano gli atomi come fatti di etere. Molti di loro ipotizzavano gli atomi come fatti di vortici di etere. Tesla, Lord Kelvin, lo stesso Thompson, lo scopritore dell’elettrone, descrivevano l’atomo come prodotto da un vortice toroidale di etere.

atomo

Questa ipotesi ha avuto seguaci per circa 30 anni, fino alla fine del diciannovesimo secolo. Tuttavia, non fu accettato in Germania, dove la fisica era in attesa delle teorie di Einstein. Dopo l’esperimento di Michelson Morley, l’idea dell’etere cadde in disuso e la scienza iniziò a rifiutare la sua stessa esistenza.

Ho parlato molte volte dell’esistenza di un vortice cosmico che muove tutti i corpi celesti e genera gravità. Quindi, vorrei stabilire un’analogia con il vortice che costituisce l’atomo. Il vortice è un’entità in grado di creare una diversa concentrazione di etere. Pensa al ciclone e all’anticiclone. Uno crea un sistema a bassa pressione, mentre l’altro crea un sistema ad alta pressione. Il sistema totale genera il vento.

Vogliamo fare qualche considerazione in più per capire meglio cos’è l’atomo. Quindi, proveremo a trovare prove dell’ipotesi che abbiamo formulato. La carica positiva è il risultato di un’abbondanza di etere mentre l’elettrone di una loro scarsità?

Sembra chiaro che questa descrizione dell’atomo sia molto diversa da quella fornita dall’apparato scientifico. La descrizione attualmente accettata dell’atomo si basa tuttavia su una serie di risultati sperimentali che semplicemente non possiamo ignorare. Valuteremo alcuni di essi per vedere se possono essere messi in armonia alla luce del nuovo modello.


L'atomo sulla Terra piatta 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.