Il campo magnetico sulla Terra piatta

L’idea che sto cercando di introdurre è quella di un campo magnetico inteso come una deformazione dell’etere, proprio come il campo elettrico. Molti pensatori hanno cercato di dare una spiegazione che unifichi i più diversi fenomeni fisici. È l’idea che ogni cosa fisica sia fatta della stessa sostanza di base. Il concetto regge bene anche alla luce della scienza moderna. Platone introdusse Chora come principio dotato di proprietà simili a ricettacoli. Aristotele fece lo stesso con il suo Hyle, materia indefinita che riceve una forma e una definizione. Questi sono concetti che hanno molto a che fare con l’energia o l’energia della materia.

Il campo magnetico B(r) è una funzione della distanza dal magnete e della deformazione o stress indotto nell’etere. È possibile visualizzare le linee di intensità del campo creato da questa deformazione mettendo una polvere di ferro tra due magneti su un tavolo. Si potrà osservare la polvere sistemarsi secondo le linee del campo magnetico. Ci si potrebbe chiedere qual è la relazione o forse la differenza tra i campi elettrico e magnetico. Se sono entrambi deformazioni dell’etere, quale potrebbe essere la differenza tra i due? Le cariche elettriche generano un campo elettrico, mentre i magneti generano un campo magnetico, ma in cosa differiscono?

elettromagnetismo

Øersted notò che un ago magnetico posizionato vicino ad una corrente elettrica devia. Una corrente elettrica (che è il risultato di cariche in movimento) genera un campo magnetico. E questo può essere osservato in aggiunta a quello elettrico. Entrambi, campo elettrico e magnetico, possono essere il risultato di una carica elettrica. Per generare un campo magnetico, la carica deve spostarsi. Se immobile, genera solo un campo elettrico e un ago magnetico in questo caso non è interessato dalla sua presenza .

Come possiamo spiegare questa differenza rimanendo all’interno dei confini di un semplice modello etereo? Molte persone hanno provato a farlo. Sognavano di poter spiegare la gravità, il movimento dei corpi celesti, il movimento delle stelle, l’elettromagnetismo, l’atomo e i fenomeni ottici, tutti entro i limiti di un solo modello. Anassagora, Cartesio, Lord Kelvin, Huyghens, Fresnel, Todeschini e, nell’antichità, Platone e Aristotele, si sforzarono tutti di dare una spiegazione eterea di tutte le cose.

Comunque, per dare una spiegazione del campo magnetico, nel mio modello, devo capire cos’è questo campo. Voglio sapere come viene prodotto, in cosa differisce da un campo elettrico e perché queste differenze possono esistere.

Un conduttore percorso da corrente elettrica può attrarre un magnete e viceversa. Ma succede una cosa strana quando si prova a spostare una carica elettrica mediante un campo magnetico. La carica non risente del campo magnetico. Se la carica si sposta all’interno di un tubo di Crookes e si avvicina un magnete, essa devia perché l’azione del campo magnetico ha effetto e ne influenza il percorso. Ma se la carica è immobile, il magnete non ha alcuna influenza su di essa.

Un esperimento condotto da Faraday nel 1831 si rivelò piuttosto interessante. Egli stava cercando di spostare delle cariche elettriche con un elettromagnete, cioè una bobina fornita di una batteria avvolta attorno ad un toroide ferromagnetico. Dall’altro lato del toro, avvolse una bobina diversa  collegata con un galvanometro. In tal modo, Faraday intendeva registrare il movimento anche della più piccola corrente indotta dalla bobina elettrica.

elettromagnetismo

Il passaggio di corrente nella bobina produrrebbe un campo magnetico in grado di deviare l’ago del galvanometro. Faraday vide che non veniva generata corrente nel toroide fino a quando l’interruttore non venne chiuso. Quando aprì l’interruttore, osservò per un brevissimo istante che l’ago deviava con un breve impulso.

Faraday capì che il campo magnetico statico generato dalla batteria per induzione non era in grado di spostare le cariche elettriche esistenti nel ferro. Era necessaria una variazione nel campo magnetico per spostare una carica e produrre una corrente elettrica nel toro. Quando apriva l’interruttore, di conseguenza, il campo magnetico passava dal valore massimo a zero in un tempo molto breve. Questa improvvisa variazione produceva una corrente elettrica nel toroide, registrata dalla deviazione del galvanometro.

Faraday estese questo esperimento cercando di spostare un magnete posto all’interno di una bobina collegata con un galvanometro. Stiamo cercando di capire qual è la relazione, o forse la differenza tra i campi elettrico e magnetico. Se sono entrambe deformazioni dell’etere, quale potrebbe essere la differenza tra i due? Le cariche elettriche generano un campo elettrico, mentre i magneti generano un campo magnetico.

Un campo elettrico è un vento di etere che si muove verso o dalla carica. La gravità è un vento di etere con un’accelerazione di 9,81 m /s2. Allo stesso modo, un campo elettrico è un vento che muove gli eteroni con una certa accelerazione. L’accelerazione è necessaria per spostare la carica.

La carica è un vortice che contiene eteroni, cioè particelle con una certa massa. L’energia del vortice ha anche alcune caratteristiche della massa. Per muovere una massa, come sappiamo, è necessaria una forza. Per quanto espresso dal secondo principio della meccanica F = m ∙ a, per produrre una forza è necessaria un’accelerazione.

L’ipotesi che voglio introdurre è che il campo magnetico sia un vento di etere con le seguenti caratteristiche:

—È dotato di velocità costante

—Non possiede alcuna accelerazione

—È  privo della possibilità di mettere in moto una carica elettrica.

Qualcuno potrebbe pensare che, se un corpo viene gettato in un fiume, venga comunque portato via dalla corrente. Non importa se la velocità dell’acqua è costante o no. Ma, in questo caso, si deve considerare che una carica elettrica è un vortice. Un vortice in un fiume rimane immobile perché può tagliare il flusso e non è allontanato dal corso dell’acqua.

Posso concludere che un campo magnetico è statico, con una velocità costante degli eteroni. Per avere l’accelerazione, il campo magnetico deve muoversi: in questo modo si ha una velocità che cambia nel tempo, cioè l’accelerazione. L’accelerazione è necessaria per spostare una carica e creare una corrente elettrica.

Tuttavia, mi viene in mente un’altra domanda. Qual è il motivo per cui due magneti sono in grado di attrarsi l’un l’altro? Un campo magnetico statico non è in grado di spostare una carica, ma può spostare un altro magnete. Perché? Dobbiamo capire come un magnete genera il proprio campo.

In un magnete, secondo Ampere, le cariche si muovono continuamente. Generano un campo magnetico indotto. Questo campo magnetico entra nel secondo magnete dove ci sono altre cariche in movimento. Queste cariche interagiscono con il campo magnetico in entrata, producendo una forza magnetica, attraente o repulsiva. Questo dipende dalla direzione della rotazione delle cariche.

Quindi, anche se il campo magnetico è statico, può spostare un altro magnete. Questo perché, all’interno di un magnete, le cariche si stanno già muovendo.

In breve, con questo, ho cercato di spiegare che sia il campo elettrico che il campo magnetico sono generati nell’etere dall’etere. Un campo elettrico è un vento di eteroni accelerati, mentre un campo magnetico è un vento di etere che si muove a velocità costante.


Il campo magnetico sulla Terra piatta 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.