Boriska, il ragazzo proveniente da Marte

Il Giornale Online
Mi e' stata raccontata l'insolita storia di un ragazzo di nome Boriska dai membri di una spedizione in una zona anomala situata nel nord della regione di Volgograd, piu' comunemente conosciuta come “Medvedetskaya gryada”…

“Immaginatevi che, mentre tutti sono seduti intorno al fuoco di sera, un ragazzino (di circa 7 anni) di colpo attira l'attenzione di tutti i presenti. Viene fuori che voleva raccontare della vita su Marte, dei suoi abitanti e dei voli sulla terra”, dichiara uno dei testimoni. Di conseguenza, silenzio totale. Incredibile! Il ragazzino dai grandi e vivi occhi stava per raccontare una magnifica storia sulla civilta' su Marte, su citta' megalitiche, le loro navicelle spaziali e relativi voli su vari pianeti, su di un meraviglioso paese chiamato Lemuria, sulla vita del quale eravamo dettagliatamente al corrente sin da quando il ragazzo ne' e' sceso direttamente da Marte, aveva degli amici la'…

I ceppi stavano spezzandosi, la nebbia della sera abbracciava tutta la zona e l'immenso cielo scuro ricolmo di miriadi di stelle splendenti sembrava dovesse celare una specie di mistero. La sua storia duro' circa un'ora e mezza. Uno dei presenti fu abbastanza astuto da registrare l'intero racconto.

Molti furono impressionati da due fattori. Innanzitutto, il ragazzo era in possesso di una conoscenza eccezionalmente profonda. Il suo intelletto non era paragonabile a quello tipico di un ragazzino di 7 anni. Non tutti i professori sarebbero in grado di raccontare l'intera storia di Lemuria e dei suoi abitanti Lemuriani in modo cosi' dettagliato. Non troverete nessun tipo di riferimento a questo paese in nessun libro di scuola. La scienza moderna non e' ancora stata in grado di comprovare l'esistenza di altre civilita'.

In secondo luogo, noi tutti eravamo stupiti dal modo di parlare di questo ragazzino. Era completamento diverso da quello dei ragazzini della sua eta'. La sua conoscenza della terminologia specifica, dei dettagli ed i fatti relativi al passato di Marte e della Terra hanno affascinato tutti.

“Perche' ha iniziato la conversazione nel primo posto” ha chiesto il mio interlocutore. “Forse e' stato semplicemente commosso dall'atmosfera generale del nostro campo, con molte persone colte ed aperte di mente”, ha continuato.

“Ma se s'e' inventato tutto?”

“Ne dubito”, ha obiettato il mio amico. “Ho avuto l'impressione che il ragazzo stesse condividendo le proprie memorie personali relative al altre vite. E' virtualmente impossibile inventarsi storie del genere; bisogna conoscerle effettivamente”.

Oggi, dopo aver fatto la conoscenza dei genitori di Boris al fine di conoscerlo meglio, ho iniziato a studiare attentamente tutte le informazioni ottenute attorno al campeggio. E' nato nella citta' di Volzhsji in un ospedale suburbano, anche se ufficialmente, basandosi sui documenti, la sua citta' natale risulta essere Zhirnovsk, situata nella regione di Volgograd. La sua data di nascita e' l'11 gennaio 1996. (Informazione probabilmente utile per gli astrologi).

I suoi genitori sembrano essere gente meravigliosa. Nadezhda, la mamma di Boris, lavora come dermatologo in una clinica pubblica. Si e' diplomata in un istituto medico di Volgograd non molto tempo fa, nel 1991. Il padre del ragazzino e' invece un ufficiale in pensione. Entrambi sarebbero felici se qualcuno potesse far luce sul mistero celato intorno al proprio figlio. Nel frattempo, si limitano ad osservarlo e vederlo crescere.

-Dopo che Boriska e' nato, ho notato che nel giro di 15 giorni era gia' in grado di tenersi la testa, ricorda Nadezhda. La sua prima parola “baba” l'ha pronunciata a quattro mesi, e quasi subito dopo questo episodio ha iniziato a parlare. A 7 mesi ha pronunciato la sua prima frase, “Voglio un chiodo”.

Pronuncio' questa frase particolare dopo aver notato un chiodo fissato alla parete. La cosa piu' sorprendente e' che le sua abilita' intellettuale era gia' di gran lunga superiore a quella fisica.

– Come si manifestavano queste capacita'?

Quando Boris aveva appena un anno, ho iniziato ad insegnargli l'alfabeto (basato sul sistema Nikitin) e pensate che dopo circa mezzo anno era gia' in grado di leggere il giornale. Non ci ha messo troppo a fare la conoscenza dei colori e delle loro tonalita'. A 2 anni ha iniziato a disegnare.

Poi, poco dopo aver compiuto 2 anni, l'abbiamo portato ad un asilo. Tutti gli insegnanti erano stupefatti dalle sue capacita' e dall'insolito modo di pensare. Il bambino e' dotato di una memoria eccezionale e di un'abilita' incredibile nel memorizzare nuove informazioni. Tuttavia, i genitori si accorsero presto che il loro figlio aveva acquisito informazioni nel suo proprio ed unico modo, da qualche altro posto…

– Sono cose che non gli ha mai insegnato nessuno, ricorda Nadia. Ma a volte, seduto come un nelumbo, iniziava con tutti questi racconti. Parlava di Marte, del sistema planetario, di civilta' lontane…non riuscivamo a credere alle nostre orecchie. Come fa un bambino a sapere tutto questo?

Il cosmo, storie infinite di altri mondi e cieli immensi, per lui sono un'abitudine giornaliera da quando aveva 2 anni.

E' stato allora che Boris ci ha raccontato della sua precedente vita su Marte, del fatto che il pianeta era praticamente inabitato, che a causa della piu' potente e distruttiva catastrofe aveva perso l'atmosfera

e che oggigiono tutti i suoi abitanti sono costretti a vivere in citta' di periferia. A quell'epoca Boris volava sulla Terra abbastanza spessoo per commercio o per altri scopi di ricerca. Sembra che Boriska stesso pilotava la sua navicella spaziale. Tutto questo ai tempi della civilta' Lemuriana. Aveva un amico Lemuriano che e' stato ucciso proprio davanti ai suoi occhi…

-Una catastrofe indicibile ebbe luogo a terra. Un continente dalle dimensioni gigantesche e' stato corroso dalle acque in tempesta. Poi, improvvisamente, una roccia enorme e' caduta su di una costruzione… il mio amico si trovava proprio li'…, racconta Boriska. Non sono stato in grado di salvarlo. Siamo destinati a trascorrere un po' di tempo in questa vita.

Il ragazzo descrive l'intera cartina della caduta di Lemuria come se tutto fosse accaduto solo ieri. La morte del suo migliore amico lo tormenta come se fosse colpa sua.

Un giorno, noto' un libro nella borsetta della mamma intitolato “Da dove proveniamo?” di Ernst Muldashev. Avreste dovuto vedere che tipo di felicita' e fascino ha suscitato su Boris la scoperta di questo libro. Per ore non ha fatto altro che sfogliarne le pagine, guardando i disegni dei Lemuriani, le foto del Tibet, per poi iniziare a parlare dell'alto livello intellettuale dei Lemuriani…

-Ma Lemuria ha cessato di esistere minimo 800.000 anni fa…, ho detto in risposta a queste annotazioni. I Lemuriani erano alti 9 metri!! Non e' cosi'? Come fai a ricordare tutto questo?

-Certo che ricordo, ha replicato il ragazzino.

Successivamente, ha iniziato a ricordare un altro libro di Murdashev intitolato “In cerca della Citta' degli Dei”. Il libro e' in gran parte dedicato alle tombe antiche e alle piramidi. Boriska ha affermato in modo perentorio che la gente trovera' la conoscenza sotto una delle piramidi (non la piramide di Heops). Non e' stata ancora scoperta. “La vita cambiera' appena verra' aperto il grande Sphinx” ha detto, aggiungendo che il grande Sphinx ha un meccanismo di apertura da qualche parte dietro l'orecchio (ma non si ricorda esattamente dove). Il ragazzino ha anche parlato con grande passione ed entusiasmo della civilta' dei Mayan. Secondo lui, sappiamo molto poco di questa grande civilta' e della sua gente.

La cosa piu' interessante e' che Boriska pensa che oggigiorno sia finalmente giunta l'ora per “gli speciali” di nascere sulla Terra. La rinascita del pianeta si sta avvicinando. Ci sara' grande domanda di nuove conoscenze, una mentalita' diversa da quella dei terrestri.

-Come fai a sapere di questi bambini straordinari e perche' cio' sta succedendo? Sei al corrente del fatto che vengono chiamati bambini “indigo”?

– So che dovrebbero gia' essere nati. Tuttavia, nella mia citta' non ne ho ancora incontrato nessuno. Forse uno di loro e' una ragazza chiamata Yulia Petrova. E' l'unica che mi crede. Tutti gli altri, sentendo le mie storie, si mettono semplicemente a ridere. Qualcosa sta per succedere sulla Terra; ecco perche' questi bambini sono di vitale importanza. Saranno in grado di aiutare la gente. I due poli si sposteranno. La prima grande catastrofe in uno dei cotinenti avverra' nel 2009. La successiva nel 2013 e sara' ancor piu' devastante.

-Non temi che anche la tua vita possa concludersi a seguito di quella catastrofe?

-No, non ho paura. Ne ho gia' vissuta una su Marte. La' vivono ancora persone come noi. Ma dopo la guerra nucleare, e' stato tutto distrutto. Alcuni sono riusciti a sopravvivere. Hanno costruito rifugi, nuovi tipi di armamenti. La' c'e' stato anche un cambiamento di continenti, sebbene il continente non fosse cosi' vasto. I marziani respirano gas. Nel caso in cui arrivassero sul nostro pianeta, starebbero tutti nei pressi delle ciminiere respirandone i fumi.

-E tu, preferisci respirare ossigeno?

– Una volta che ti trovi in queso corpo, sei obbligato a respirare ossigeno. Tuttavia ai marziani questo tipo di aria, cioe' l'aria della terra, non piace dal momento che provoca l'invecchiamento. I marziani sono tutti relativamente giovani, intorno ai 30-35 anni. Il quantitativo di tali bambini marziani aumentera' annualmente.

-Boris, come mai le nostre navicelle spaziali si frantumano prima di poter raggiungere Marte?

-Perche' Marte trasmette speciali segnali atti alla loro distruzione. Quelle stazioni contengono sostanze radioattive.

Sono rimasto esterrefatto dalla sua conoscenza di questo tipo di radiazioni, “Fabos”. E' assolutamente vero. Gia' nel 1988 l'abitante di Volzhskji Yuri Lushnichenko, dotato di poteri extrasensoriali, cerco' di avvisare i leader sovietici in merito all'inevitabile distruzione delle prime stazioni spaziali sovietiche “Fobos 1” e “Fobos 2”. Inoltre, nomino' proprio questo tipo di radiazioni “sconosciute” e nocive per il pianeta. Ovviamente nessuno gli diede retta.

– Cosa sai delle dimensioni multiple? Sai che bisogna volare non su traiettorie diritte, bensi' manovrare attraverso lo spazio multidimensionale?

A questo punto Boris si e' immediatamente alzato ed ha iniziato ad elencare tutti i fatti sugi UFO.

“Siamo decollati ed atterrati sulla Terra quasi momentaneamente!”. Il ragazzino prende un gesso ed inizia a disegnare un oggetto dalla forma ovale su di una lavagna. “E' composta da sei strati”, dice.

Il 25%–strato esterno, composto da metallo solido, il 30%–secondo strato, composto da qualcosa simile ala gomma, il terzo strato comprende il 30%– di nuovo metallo. Il restante 4% e' composto da una speciale strato magnetico. “Se riusciamo ad alimentare questo strato magnetico di energia, quelle navicelle saranno in grado di volare in ogni angolo dell'universo”.

-Boriska ha una missione speciale da compiere? Ne e' al corrente? – Chiedo ai genitori e allo stesso bambino.

-Sostiene di poterlo immaginare, – dice la mamma. Dice di essere a conoscenza di qualcosa relativo al futuro della Terra. Dice altresi' che le informazioni avranno un ruolo determinante per il futuro…

-Boris, come fai a sapere tutto questo?

-E' un qualcosa che ho dentro.

-Boris, dicci, come mai le persone si ammalano?

Le malattie sono causate dal fatto che la gente e' incapace di vivere in modo adeguato ed essere felice…Dovete attendervi la meta' cosmica. Non ci si dovrebbe mai intromettere nei destini di altre persone e rovinarli. Le persone non dovrebbero soffrire per i loro errori del passato, bensi' entrare in contatto con cio' che e' stato loro predestinato e cercare di raggiungere quelle altezze e darsi da fare per conquistare i propri sogni. (Queste sono esattamente le parole che ha detto).

Bisogna cercare di essere piu' partecipi e gentili d'animo. Se qualcuno vi fa del male, abbracciatelo, chiedete scusa mettendovi in ginocchio davanti a lui. Nel caso in cui qualcuno vi odia, amatelo con tutto il cuore e devozione e chiedetegli perdono. Queste sono le regole dell'amore e dell'umilta'. Sapete come mai i Lemuriani hanno cessato di esistere? Anch'io ne sono in parte colpevole. Non erano piu' intenzionati a svilupparsi spiritualmente. Si sono persi sul sentiero intrapreso, andando cosi' a distruggere completamente il loro pianeta. Il Sentiero Magico porta alla morte. L'amore e' la Vera Magia!

-E tu come fai a sapere tutto questo???

– Lo so…Kailis…

– Cos'hai detto?

– Ho detto “Ciao” nella lingua del mio pianeta…

Ghennady Belimov “NGN”

NDR. Ci saranno a breve novità sulla storia di Boriska..

fonte: italia.pravda.ru

Boriska, il ragazzo proveniente da Marte ultima modifica: 2007-10-22T15:53:29+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)