David Wilcock: La Strada per l’Ascensione – terza parte

David Wilcock: La Strada per l'Ascensione

David Wilcock

D: Non puoi semplicemente rompere il cancello, perchè può essere molto dannoso. Il tuo sè-ombra è ciò che hai per muoverti e raccogliere i frutti del sè-superiore.

Credo che tutti in questo tempo si stanno accorgendo del sè-superiore e del loro potenziale. L’ idea di una figura messianica singola è pensiero molto antico e patriarcale.

Quindi abbiamo le due forze primarie nell’universo, amore e luce. L’amore è luce di quarta densità. La saggezza è di quinta densità. L’ unità di amore e luce è sesta densità, il chakra della fronte. Raggiungi un punto nella tua evoluzione cosmica in cui Dio non è qualcosa “la fuori”. Stai dicendo, “Oh è qui, è all’interno”. Come puoi quindi essere un messiah in un pianeta? Come può esserlo qualcuno? Perchè questo implica che è qualcun altro.

Eravamo arrivati ad un punto, proprio poco prima di spegnere la camera e volevo finire questo punto. E’ importante per le persone che guardano. Stavo parlando della molecola del DNA, in base alle informazioni di Peter Gariaev, agisce come una antenna e organizza i fotoni di luce in una scatola oscura. Tutta la luce gira a spirale attraverso la molecola.

Questo porta ad un altro studio di Gariaev, quando ha preso un embrione di salamandra e lo ha colpito con un raggio laser. Quindi ha potuto ridirigere la luce dall’embrione di salamandra all’embrione di rana. Facendo questo, ha causato la trasformazione dell’ embrione di rana in salamandra.

La rilevanza di ciò che stiamo dicendo, considerando il cambiamento climatico planetario, è che abbiamo una fonte di energia esterna enorme che sembra arrivare nel nostro sistema solare, causando cambiamenti mai visti prima. Questi cambiamenti riguardano veramente il vostro DNA.

In altre parole, quando vediamo cambiamenti nei pianeti e allargamenti dei campi magnetici, vediamo l’atmosfera dei pianeti divenire più luminosa. Stanno accadendo tutte queste cose. Anche noi siamo su un pianeta. Siamo sulla Terra e i cambiamenti sono energetici e influenzano l’ intero sistema.

Non solo una parte del sistema, noi siamo parte del sistema della Terra e questa è la pistola fumante che suggerisce che sta avvenendo davvero l’ evoluzione delle specie e questo è parte della questione 2012.

C’ è uno scienziato della UC Berkeley, il Dr. Robert Rhode, che ha mostrato come le tracce evoluzionistiche non indicano l’evoluzione di Darwin, avvenuta a velocità graduale. Abbiamo questi momenti improvvisi in cui appaiono nuove specie sulla Terra e avvengono in cicli di tempo, che sono di 62 milioni di anni.

Ciò che sembra indicare è che ci sono domini di energia nella galassia, che impiegano 62 milioni di anni per attraversare. Quando colpiamo un fronte d’onda, quando colpiamo un nuovo strato di energia, questo influenza il DNA di ogni organismo del pianeta, causando cambiamenti discontinui, simili a quelli con l’ esperimento della salamandra e della rana.

B: Vuoi dire che questo faciliti l’Evoluzione Lamarckiana, le caratteristiche acquisite per via ereditaria?

D: Sì, sembra che il campo di energia col quale stiamo interagendo, sia di per sè una fonte conscia e, dato il fatto che il campo è conscio, gli eventi che causano forte stress o dolore, ad un organismo, vengono inseriti nella mente collettiva del campo di questa specie, che il Dr. Rupert Sheldrake chiama “campi morfogenetici”.

Quindi, ciò che accade è che avviene una mutazione di adattamento, basata sulle necessità di questa particolare specie e del suo ambiente. Il cuore degli argomenti di Sheldrake, nella mia mente, è più facilmente visibile negli studi di Backster. Dr. Cleve Backster.

Lo scorso anno siamo andati a San Diego e abbiamo filmato il Dr. Backster. E’ uno scienziato che ha iniziato come esperto del poligrafo per la CIA e un giorno si chiese, “cosa accadrebbe se attaccassi il mio poligrafo alla foglia di questa pianta?”. Rimase molto sorpreso, perchè invece di un tracciato debole e insignificante, come si aspettava di vedere, si trovò davanti un’ onda dinamica, che ci si aspetterebbe da un essere umano, con l’ eccezione che la pelle agisce come una specie di agente umidificante per la corrente elettrica. Ma la pianta ha una corrente molto attiva e dinamica.

Quindi lui disse, “Questa pianta agisce come un essere umano, cosa accade se la metto sotto stress, come si fa con gli umani alla macchina della verità?” L’obiettivo del rilevamento delle bugie è sorprendere la persona in quel momento, quando dici, “Hai sparato il colpo che ha ucciso?”. Così la persona ha uno shock e non è contenta della domanda. Così finisce per dire, “no chiaramente non l’ho ucciso” e il grafico impazzisce!

Così disse, “Come causo uno shock alla pianta?” Provò a metterne una foglia nel suo caffè. Questo non funzionò. Provò con vari metodi semplici come questo, poi gli venne un’ idea, senza metterla davvero in pratica, ebbe solo l’idea di andare a prendere un fiammifero per bruciarne una foglia.

La pianta ebbe una reazione enorme e non smise finchè lui non si allontanò portando con sè i fiammiferi. Solo quando la minaccia venne allontanata completamente, allora la piantà si calmò. Quindi ora, 40 anni dopo, dopo questa scoperta, stiamo filmando il Dr. Backster. Non è un attore e se non otteniamo una vera reazione della pianta nel nostro film, non avremo una da lui la giusta reazione.

Quindi abbiamo impostato la scena, una specie di classe in cui un bimbo segue una lezione sull’effetto Backster, rimane entusiasta e decide di provare da sè. Avevamo davvero una pianta collegata al poligrafo, col grafico e tutto il resto, sul set si sentiva la tensione presente.

Dobbiamo seguire una tempistica molto rigorosa e c’era un problema con la camera posizionata sul poligrafo, che doveva mostrarci il movimento del pennino, ma non funzionava. Il direttore si stava arrabbiando molto col ragazzo che si occupava della camera, perchè non funzionava. Io notai che con l’aumentare della tensione nella stanza, aumentava la reazione della pianta.

Stavo guardando il pennino (simula l’effetto sonoro) che si muoveva così (descrive il movimento con le mani), ero come, Wow! Sai, sapevo che era reale, ma è diverso vederlo da sè, c’è differenza tra credere negli UFO e vederne uno atterrare nel proprio cortile. Era come, “okay, sta accadendo davvero”. Quindi abbiamo questa situazione con Backster, che non legge ma improvvisa, cosa che crea problemi in fase di montaggio. E dobbiamo portare la pianta a reagire in un modo autentico.

Così mi venne un’idea, all’esatto momento nella scena, quando il bimbo si alza dalla sedia per minacciare la pianta col fuoco, la mia parte è quella di fermarlo. Così metto la mia mano sul suo petto e lo spingo indietro. Ho detto, “devo causarmi le emozioni più vili e negative possibili e concentrarle tutte sulla pianta. Non voglio mostrarle sul viso, perchè non sarebbe appropriato per la ripresa. Ma voglio diventare, come, nervoso e far correre improvvisamente il mio cuore.

Così abbiamo fatto la ripresa. Il bimbo si alza per bruciare la pianta e io attaccai questa pianta, con questo colpo di energia molto negativa. La pianta divenne pazza!

Backster disse, “Oh ho, abbiamo una reazione qua!” Questo fu molto gratificante perchè provò che è reale. La ragione per cui vi racconto questa storia è perchè Backster non lo ha provato solo con le piante, ma con i batteri, con singole cellule, con le cellule umane. Il Dr. Brian O’Leary, astronauta della NASA, gli diede veramente un campione di pelle dalla sua bocca e lo misero in una piccola provetta collegata a fili dorati e quindi O’Leary si diresse verso l’ aeroporto. Sincronizzarono gli orologi e O’Leary doveva scrivere per registrare ogni momento per lui stressante, come “Oh mio Dio, ho perso il mio turno in autostrada”. Penso fosse l’ autostrada in California.

O’Leary quindi segnava ogni momento di stress. Nel frattempo le sue cellule vive a 300 miglia di distanza in laboratorio, in ogni momento per lui stressante, mostravano la reazione. Quindi devi chiederti, okay, cosa accade se le cellule di due persone si uniscono per fare un bimbo. Come la connessione psichica tra genitori e figli, giusto?

Quindi dici, bene, solo le cellule del tuo corpo o vicino al tuo corpo? Noi sappiamo che le piante non rispondono in questo modo alla morte di altri organismi. Puoi portare le piante a rispondere alla morte di un gamberetto. Questo fu uno dei famosi esperimenti di Backster, in cui metteva dei gamberetti vivi in acqua bollente, mentre nel palazzo non c’ era nessun’ altro e la pianta reagiva alla morte dei gamberetti.

K: Dove stai andando con questo?

D: Il fatto è che, siamo, quando vediamo l’ evoluzione in questi periodi di 62 milioni di anni, è una funzione del cambiamento del campo di coscienza. In altre parole, la biologia è influenzata dal campo, il modo in cui pensiamo è influenzato dal campo e da come ci affacciamo al 2012.

Non è che il tempo acceleri, nel senso che guardi l’orologio e le mani si muovono più velocemente. Nel modello Newtoniano, abbiamo le particelle, ferme nello spazio vuoto e non hanno reazioni fra loro. Quando siamo allineati col centro della Galassia, nel senso che sei in piedi sulla Terra e la Terra sta ruotando, il tuo corpo è sulla superficie della Terra e come la Terra ruota, la tua posizione rispetto al centro della Galassia ruota.

Se qui c’è il centro della Galassia (punta alla camera), quando mi rivolgo verso di esso, la mia capacità psichica aumenta. E’ come se arrivi un fiume di energia dal centro della Galassia. Quindi, ciò che ci suggerisce è che la nostra posizione nella Galassia ha effetto sulle nostre funzioni cognitive, sul nostro pensiero. Ci da anche forte supporto all’idea che l’ evoluzione possa essere il risultato della posizione della Galassia, ecco perchè abbiamo questi cicli di 62 milioni di anni.

Per capire davvero come funziona questa scienza, devi pensare in termini di frattali. Frattale è un termine derivato dal prendere un numero immaginario che è la radice quadrata di un negativo e spezzarlo con una operazione molto semplice, una piccola equazione, quindi ne prendi il prodotto e torni da capo, ne prendi ancora il prodotto e torni da capo.

Quindi, se hai visto mai una di quelle magliette con quegli schemi floreali, è così che appaiono i frattali. Ora, la cosa interessante del frattale è che puoi ingrandirne l’ immagine all’ infinito e ritrovare sempre lo stesso schema.

B: Come il Mandelbrot Set?

D: Si, come il Mandelbrot Set, esattamente.

Le formazioni nei campi hanno schemi frattali. C’ è un caso molto interessante in cui un gruppo di ricercatori sui crop circles dicevano, “Sarebbe interessante se il Mandelbrot Set apparisse nei campi”, e il giorno dopo era lì. Questo fu davvero incredibile.

Il principio del frattale è importante, perchè hai un sistema di energia in un atomo, che ad un certo livello, è simile al sistema di energia del sistema solare, che ad un certo livello è simile al sistema di energia della Galassia e anche la Galassia orbita attorno ad un centro, scoperto da un ricercatore Russo, il Dr. A.N.Mishin.

Quindi, nel sistema solare, esiste un ciclo che inizialmente si pensava influenzasse solo la Terra. E’ un’oscillazione dell’ asse della Terra, viene detto precessione.

Impiega 26.000 anni per completarsi, approssimativamente. Ora puoi avere l’idea di questi muri di energia che si espandno dal centro della galassia come onde in una pozzanghera e ci sono confini discreti come acqua e olio

che colpiamo nel 2012. Questo è il modello piu semplice. Entrando nel dettaglio troviamo il lavoro dello scienziato Oliver Crane che ha scritto un documento intitolato Central Oscillator in a Space Time Quantum Medium che appaiono come parle molto scientifiche. Oscillatore Centrale significa che avete una piccola pulsazione e avete questi toroidi.

La forma del toroide è una sfera con un foro di ciambella in mezzo e dovete immaginare un flusso energetico che scorre nel toroide e passa nel centro e nel centro c’è una pressione che collide e causa pressione sulla sfera al centro la sfera collassa di dimensione, ma abbiamo quindi come un pistone, un’esplosione dell’energia che la riporta alla sua dimensione normale, la pressione poi la fa collassare di nuovo e questo aumenta l’energia che esplode e torna normale, ora vedete come possa essere simile a un ritmo, ad una pulsazione, ok?

Ecco cosa accade, c’è questa pulsazione al centro di ogni toroide e questa pulsazione fa increspare il medium, perchè questo toroide è come un fluido, come un medium. Quindi le pulsazioni si allontanano dal centro, si riflettono all’esterno del bordo della sfera, ok? Quindi iniziano a rientrare verso il centro. Quindi vanno fuori e tornano dentro. Quindi abbiamo quest’area al centro, che si comporta così (muove le mani su e giù), giusto? Quindi abbiamo onde che vanno, onde che si riflettono dal bordo e onde che tornano verso il centro. Ecco cosa accade.

Le onde che vanno fuori e quelle che rientrano interferiscono fra loro, collidono fra loro. Quando lo fanno formano muri, muri sferici di energia, dove c’è una alta concentrazione, perchè abbiamo le onde che vanno e (simula l’effetto sonoro) e collidono formando questo muro. Più energia entra nel sistema e più accelera l’oscillatore centrale, non cambia il ritmo ma la potenza delle onde.

Quindi la dimensione del sistema diviene più larga e questo è quello che sta accadendo.

Abbiamo, concettualmente una forza energetica controrotatoria. Questo ci riporta alle antiche scritture Vediche dell’India. Parlano di Purusha e Prakriti, le due forze primarie che sono in realtà geometrie. Purusha è un icosaedro e Prakriti è un dodecaedro, che sono le gemoetrie di base, si definiscono Solidi Platonici.

Una resta stazionaria, mentre l’ altra si muove e controruotano una dentro l’altra. Quindi devi immaginare due sfere con un foro nello stesso spazio e mentre collidono, controruotano e formano un’onda che si muove così (muove le mani in senso orario), l’altra ruota e forma un’onda che si muove così (muove le mani in senso antiorario).

L’onda che sale e l’ onda che scende collidono al centro, formano questa sfera, la pressione crea la pulsazione, la pulsazione crea onde che vanno e tornano e interferiscono tra loro, creano questi muri di energia e mentre il sistema evolve, i muri di energia crescono di dimensione. Quando questi muri collidono col nostro sistema solare, caricano il sole, caricano i pianeti.

Questo è ciò che vediamo nel mio lavoro con Hoagland. Questo influenza l’intero sistema solare. Questo cambia il nostro DNA. Questo espande la nostra coscienza e cambia definitivamente la frequenza della materia fisica, portando ad un effetto completamente trasformante, come nel Triangolo delle Bermuda, eccetto che ora influenza l’intero pianeta. Quindi abbiamo persone che spariscono e questo porta all’idea Cristiana dell’ estasi e a tutti gli altri sistemi di pensiero che la comprendono.

K: Una delle domande che ho posto è stata come questa sintesi, per quanto hai compreso, è conosciuta e pienamente compresa da I Poteri..qualsiasi cosa tu consideri I Poteri?

D: (ride)Non vorrei diventare arrogante o altro. Posso dire che queste informazioni non sono mie. In gran parte sono informazioni che ho avuto tramite quella che puoi chiamare telepatia o visione remota. Solo grazie al fatto che ho avuto contatti scientifici ed esperienza ho potuto capire quello che mi veniva mostrato. La comunità delle Operazioni Oscure ha buona conoscenza della fisica, ma non ha una completa conoscenza della fisica e non riesce a comprendere a pieno ciò che vede. E’ stata una grande sorpresa per me notare questa carenza di conoscenza in questi individui.

Penso che parte di questo sia, come dicevamo a camera spenta, dovuto alla severa compartimentalizzazione che porta una persona nella CIA a non conoscere la persona nella scrivania a fianco. Un ufficiale in pensione della CIA me lo ha confermato di persona.

B: Vale lo stesso per lo scienziato di Livermore che non sa cosa fa il collega di Los Alamos a meno che non sia permesso loro di condividere informazioni. (David concorda col movimento della testa)

D: Quindi si finisce per avere, come nella meccanica quantistica, diversi modelli in competizione per provare a spiegare le basi della meccanica quantistica, la teoria delle strighe, undici dimensioni, 26 dimensioni, 8 dimensioni, la teoria di Kaluza-Klein, che è un universo di cinque dimensioni e la matematica è molto complessa, tanto che non puoi impararla tutta. Puoi solo imparare in aree specializzate.

Io sono un vero fan del commento di Einstein sulla differenza tra ciò che chiamò la “teoria di legno” e la “teoria di marmo”. La teoria di legno, se puoi immaginare, qualcuno che prende un pugno di tavole di legno e le inchioda tra loro per fare una scultura. Traballa e cigola molto. Mentre una teoria davvero buona è scavata nel marmo. E’ già pronta, devi scolpirla e levare materiale che non serve. Einstein disse che una teoria davvero buona è auto-evidente. E’ semplice, facile, puoi spiegarla e funziona.

Abbiamo a che fare con scienza unificata in cui vediamo le stesse proprietà a livello quantico e a livello galattico, il micro e il macro e nella scienza ufficiale, la fisica quantica e la teoria della relatività, che è la fisica di Einstein, non legano fra loro. Abbiamo una grossa disconnessione.

Uniamole assieme e credo che quello che ti sto descrivendo sia una teoria unificata. Parte di questa è come vediamo gli stessi effetti nel campo quantico, che si mostrano nelle strutture di queste galassie in super cluster, che sono basate sulla forma ottaedrica. Come un cartone delle uova, chiamato “universo a cartone delle uova”.

Questi due scienziati dalla Spagna, Battaner e Florido, hanno fatto una ricerca. Non voglio spingermi troppo in questioni sulla fisica, perchè molte persone iniziano, sai, come quando ti trovi sul palco e la gente inizia a mettere la testa così (butta la testa indietro e chiude gli occhi).
(ride)

Traduzione a cura di Richard
projectcamelot.org

David Wilcock: La Strada per l’Ascensione – terza parte ultima modifica: 2008-08-25T12:08:10+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)