Edgar Cayce e il 2012 – Terza Parte

Siamo pronti per mostrarvi la terza e ultima parte del lavoro di Piero Cammerinesi sulla misteriosa vita e le parole di Edgar Cayce, nella speranza che sia utile a ricordare quello che ha lasciato per arricchire spiritualmente il mondo.

L’apertura della Hall of Records

Hall of RecordsDi Hall of Records ve ne sono tre, ci dice Cayce, una nello Yucatan, una nell’isola sommersa di Poseidia ed una in Egitto, ai piedi della sfinge. Quest’ultima è all’interno di un labirinto – nel quale vi sono piramidi, sale, templi e tombe – cui si accede da un passaggio sepolto vicino alla zampa anteriore destra della sfinge, che conduce ad una sala sigillata in cui si trovano, incise su tavole di pietra, le testimonianze sacre di Atlantide, in grado di rivoluzionare interamente la storia dell’umanità così come oggi la conosciamo.

Ed è questa riapertura – prevista nei primi decenni del nostro secolo ed affidata ad una reincarnazione di Hept-supht – a rappresentare, nelle profezie di Cayce, un punto nevralgico della sua attività chiaroveggente, in quanto da essa dipenderà la possibilità per una gran parte del genere umano di salvarsi. Le testimonianze che verranno svelate contengono l’intera narrazione della storia delle antiche culture scomparse, compresa quella atlantidea, nonché le vicende delle prime due dinastie egizie con tutte le vicende dell’edificazione delle piramidi. Ma non vi sono solo tavole di pietra nella sala sigillata di cui ci parla Cayce, ma altresì strumenti musicali e manufatti tecnologici in grado di testimoniare il grado di sviluppo di quegli antichissimi tempi.

Sarà proprio questo evento a consentire al Grande Iniziato di indicare con oggettività all’umanità la sua origine e la sua storia, aiutandola a riprendersi dal periodo di grande confusione e disastri che Cayce chiama Great Leveling, il Grande Livellamento, e conducendola verso una cultura unitaria che fonderà i diversi messaggi delle religioni nel corso della storia. In ogni caso emerge dai reading che la scoperta delle testimonianze di Atlantide contenute nella Hall of Records potrà aver luogo solo quando il cambiamento della Terra sarà prossimo o già iniziato, a partire dall’anno 1998.
L’avvento della Coscienza Cristica

Il Cristo – che è stato il primo a vincere la morte e dunque a mostrare agli uomini l’immortalità – tornerà ad essere percepibile a molti allorché si verificheranno i cambiamenti della Terra. Egli contribuirà in tal modo al processo di rinascita della civiltà, mostrando a tutti la realtà del Mondo Spirituale e la propria immortalità. Questa possibilità – ci dice Cayce – è iniziata nel periodo tra il 1938 e il 1958, mentre a partire dal terzo millennio saranno sempre di più gli uomini, in ogni parte del mondo, che Lo vedranno.

Afferma Cayce: “Quindi, Egli è venuto in tutte le epoche quando si è reso necessario che la comprensione venisse centrata in una nuova applicazione dello stesso pensiero:”Dio È Spirito e cerca quelli che lo venerino nello spirito e nella verità! Quindi, quando la via è preparata da coloro che hanno fatto e fanno i canali per l’ingresso, possono venire sulla terra quelle influenze che salveranno, rigenereranno, risusciteranno… Avete visto il Suo Spirito nei leader in tutti i campi di attività, nelle isole del mare, nel deserto, in montagna o nelle varie attività di ogni razza, ogni colore, ogni attività di ciò che ha prodotto e produce contesa nella mente e nel cuore di coloro che dimorano nella carne”.

(Then, He has come in all ages when it has been necessary for the understanding to be centered in a new application of the same thought, “God IS Spirit and seeks such to worship him in spirit and in truth!” Then, as there is prepared the way by those that have made and do make the channels for the entering in, there may come into the Earth those influences that will save, regenerate, resuscitate, …Ye have seen His Spirit in the leaders in all realms of activity, whether in the isles of the sea, the wilderness, the mountain, or in the various activities of every race, every color, every activity of that which has produced and does produce contention in the minds and hearts of those that dwell in the flesh). [5749-005]

E ancora, alla domanda se Gesù il Cristo si presentasse su un particolare piano o se si manifestasse sulla terra sul piano fisico, lo sleeping prophet risponde: “Come è stato dato, tutta la potenza nei Cieli, nella terra è stata data a Lui il Vincitore. Quindi Egli permea di Sé lo spazio, la forza che agisce nell’entità individuale attraverso la fede, la fiducia. Come Entità Spirituale. Pertanto non come corpo sulla Terra, ma potrà giungere a Lui chi vuole essere uno con Lui ed agisce con amore per rendere ciò possibile. Poiché Egli tornerà così come lo avete visto partire, nel corpo da Lui occupato in Galilea. Nel corpo che Egli ha formato, che venne crocifìsso sulla croce e risorse dalla tomba, che camminò sulle acque…”

(Is Jesus the Christ on any particular sphere or is He manifesting on the Earth plane in another body? As just given, all power in heaven, in Earth, is given to Him who overcame. Hence He is of Himself in space, in the force that impels through faith, through belief, in the individual entity. As a Spirit Entity. Hence not in a body in the Earth, but may come at will to him who WILLS to be one with, and acts in love to make same possible. For, He shall come as ye have seen Him go, in the BODY He occupied in Galilee. The body that He formed, that was crucified on the cross, that rose from the tomb, that walked by the sea..). [5749-4]

Il ritorno del Grande Iniziato

Il ritorno del Grande Iniziato è destinato ad accompagnare la nascita del ‘Quinto Mondo’. Cayce ha sempre sostenuto che l’unico modo per uscire pacificamente dal Great Leveling, sarà grazie all’avvento della Coscienza Cristica. Si presenteranno dei precursori ed annunciatori di questo nuovo tipo di coscienza che si dovrà manifestare nel mondo. Dovranno ritornare a giocare un ruolo importante le antiche dottrine esoteriche e gnostiche del Cristianesimo primitivo; la meditazione e la Via interiore costituiranno canali essenziali per entrare in contatto con il Mondo Spirituale. La missione del grande Iniziato sarà quella di spazzare via le opinioni di molti profeti e religioni, riportando le diversità esistenti ad un’unica origine.

Un reading del 1933 afferma:”Ciò è stato promesso dai profeti e dai saggi antichi: il tempo, e il mezzo tempo, è trascorso in questi giorni e si è compiuto in questa generazione; presto riapparirà sulla terra colui che chiamerà tutti a raccolta, invitandoli a preparare la Sua venuta in terra. Poi giungerà il Signore, così come lo avete visto un tempo”. (That as has been promised through the prophets and the sages of old, the time – and half time – has been and is being fulfilled in this day and generation, and that soon there will again appear in the earth that one through whom many will be called to meet those that are preparing the way for His day in the earth. The Lord, then, will come, “even as ye have seen him go) [262-49].

Il Grande Iniziato cui si riferisce Cayce è identificabile nella figura di Gesù di Nazareth, Maestro spirituale destinato ad accogliere l’Entità Cristica nel battesimo del Giordano. In un reading del 1932 Cayce entra più nel dettaglio su questa profezia. Alla domanda se gli eventi del cambiamento della Terra siano registrati all’interno delle Piramidi, egli afferma:”In questa stessa Piramide, il Grande Iniziato, il Maestro, conseguì il più alto grado dell’iniziazione della Fratellanza insieme a Giovanni, il Suo precursore.

Come è indicato in quel periodo in cui si mostra l’entrata in quella terra che fu riservata e promessa a quei particolare popoli allorché furono scacciati – e come si vede in quella parte in cui è descritta la rivolta dopo l’ascesa di Serse, che era venuto come un liberatore da una terra o da una lingua sconosciuta, e ancora qui si vede che questo accade con l’entrata del Messia in questo periodo: l’anno 1998.

(In this same pyramid did the Great Initiate, the Master, take those last of the Brotherhood degrees with John, the forerunner of Him, at that place. As is indicated in that period where entrance is shown to be in that land that was set apart, as that promised to that peculiar peoples, as were rejected – as is shown in that portion when there is the turning back from the raising up of Xerxes as the deliverer from an unknown tongue or land, and again is there seen that this occurs in the entrance of the Messiah in this period – 1998). [5748-5]

CONCLUSIONI

Il secolo appena iniziato, dunque, sarà, secondo Cayce, il culmine di un ciclo che dura da centinaia di migliaia di anni.
Un ciclo che, se non compreso, non consentirà di capire il segreto della storia umana secondo il quale le cicliche distruzioni di Atlantide furono dovute ad altrettanti Cambiamenti della Terra, vale a dire a ripetuti spostamenti dei poli e quindi dell’asse terrestre. Eventi questi che determinarono sia la scomparsa del continente atlantideo che la nascita della cultura egizia e la fondazione della Hall of Records.

Tutti questi avvenimenti – come si è accennato in queste pagine – sono pertanto in relazione con dei cicli di cambiamenti della Terra che, se pur “devono necessariamente avere luogo” non hanno tuttavia – legati come sono al manifestarsi di una serie di fattori molto complessa – delle scadenze temporali precise come quelle delle profezie millenariste legate al calendario Maya ed al 2012.

Cayce parla espressamente di cambiamenti “graduali, non di cataclismi improvvisi”, a partire dal 1998 – anno di passaggio dalla costellazione dei Pesci a quella dell’Acquario – che proseguiranno nei primi decenni del nostro secolo. Ad oggi sono molti gli eventi esteriori che stanno dando ragione a Edgar Cayce. Solo alcuni elementi: dal 1936 ad oggi è accertato lo slittamento dell’asse terrestre come profetizzato da Cayce; i fenomeni vulcanici, dai tropici all’Artico, sono più che raddoppiati, passando dai 2000 giorni di eruzione del 1950 agli oltre 4000 del 1993, fino ai 13.000 del 1998; stesso discorso vale per i terremoti che, a partire dal 1958, hanno subito una accelerazione senza precedenti sia a livello numerico che di intensità; infine, si è assistito ad un crescendo di anomalie nel campo magnetico terrestre negli anni 1936-2000.

Come è noto, poi, il devastante terremoto del 26 dicembre 2004 al largo di Sumatra ha provocato un ulteriore slittamento della crosta terrestre, avvicinando di 30 metri Sumatra al continente indiano ed uno spostamento dell’asse terrestre; da allora la frequenza di terremoti di entità elevata ha continuato ad intensificarsi, come abbiamo dolorosamente sperimentato recentemente anche nel nostro Paese. Per la cronaca, dal 2000 in poi i terremoti superiori ai 4 gradi di magnitudo sono passati dai 9513 nel 2000 ai 10.868 nel 2003, fino ai 15.761 nel 2005 e 14.243 nel 2008 (fonte)

La crisi finanziaria internazionale del 2008 e la conseguente depressione – anche esse ampiamente previste da Cayce – nonché la situazione di instabilità sociale che potremmo avere di fronte a partire dai prossimi mesi, sono tutti elementi che, insieme alle previsioni sugli eventi geologici, sembrano confermare l’affidabilità delle profezie ancora ‘pendenti’ di Cayce.

Se così è appare particolarmente importante prepararsi adeguatamente, sia a livello interiore che esteriore, scegliendo, se possibile, di vivere in una zona ‘sicura’ (ve ne sono molte nelle indicazioni di Cayce), tenendo sempre in casa scorte alimentari e di acqua, ma soprattutto cercando di interpretare correttamente gli eventi del mondo circostante. Tra questi ricordiamo che Cayce indica due segnali che, nelle sue parole, dovrebbero anticipare di alcuni mesi l’inizio di sconvolgimenti maggiori:

un contemporaneo incremento di attività eruttiva dell’Etna e dei vulcani nel Pacifico meridionale. Una adeguata preparazione interiore ed esteriore a questi avvenimenti può evidentemente rappresentare l’elemento che fa la differenza tra la vita e la morte.

E dopo?
Terminata la fase del Great Leveling, dopo il lungo periodo di cambiamento della Terra – ci rassicura Cayce – nascerà una nuova cultura, il Quinto Mondo.

Come sarà il Quinto Mondo?
Cayce ci parla di una umanità che si riprende lentamente dai cambiamenti su nuove basi. In un reading del 1944, dopo aver anticipato il crollo del comunismo in Russia, allude alla futura missione spirituale di quel Paese, dove nascerà “la più grande speranza per il mondo”, che indicherà la strada verso una autentica libertà e sicurezza sociali. America e Russia finalmente in accordo saranno artefici di una decisiva trasformazione del modo di governare e di gestire le ricchezze del mondo su base più egalitaria.

Ancora più avanti nel tempo, la Cina, una volta superata la parentesi del comunismo e ritrovata la democrazia, darà vita ad una nuova culla del Cristianesimo realmente vissuto nella vita degli uomini. Cayce sottolinea che l’applicazione individuale dei principi spirituali del Cristo diverrà di massima importanza per il popolo cinese. “Essa [la Cina] un giorno diverrà la culla della Cristianità, realizzata nelle vite individuali degli uomini. Sì, è molto lontano per come l’uomo conta il tempo, ma è solo un giorno nel cuore di Dio – perché domani la Cina si sveglierà.” (This, here, will be one day the cradle of Christianity, as applied in the lives of men. Yea, it is far off as man counts time, but only a day in the heart of God – for tomorrow China will awake). [3976-29].

( Per gentile concessione de: larchetipo.com)


pierocammPiero Cammerinesi: Sono un giornalista e ricercatore italiano indipendente che vive e lavora da anni negli Stati Uniti. Già editore e pubblicista in Italia per tre decenni, ho studiato e lavorato in Italia, Germania e USA. Ho frequentato la Scuola Orientale di Roma, approfondendo un percorso di studio del pensiero filosofico orientale antico, per laurearmi poi in Filosofia moderna, proseguendo gli studi in Germania, dove ho vissuto e insegnato. Da sempre molto legato all’esoterismo ed alla cultura orientale ho seguito dapprima le lezioni e conferenze di Krishnamurti e gli insegnamenti di alcuni Yogin, fino all’incontro con Massimo Scaligero, che mi ha introdotto all’esoterismo occidentale. Per otto anni ho avuto lo straordinario privilegio di avere incontri settimanali personali con lui, fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 1980. Autore di articoli e saggi, ho tradotto dal tedesco libri di Rudolf Steiner, Gustav Meyrink e, più recentemente, di Judith von Halle. Il nome “libero pensare” di questo sito intende sottolineare la mia indipendenza da qualsiasi dottrina, corrente o organizzazione esteriore, riconducendo ogni possibile ‘appartenenza’ alla Via del Pensiero di cui Massimo Scaligero è stato insuperato Maestro.

Edgar Cayce e il 2012 – Terza Parte ultima modifica: 2009-09-12T16:31:08+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)