Edgar Cayce: I CICLI DELLO SVILUPPO

I CICLI DELLO SVILUPPONon vi è niente per caso…perché in principio fu fatto tutto ciò che fu fatto, e nell’evolversi da un tempo all’altro, da un periodo all’altro, come l’uomo lo definisce, vi è soltanto il rinnovamento della Prima Causa. 2946-2

Proprio come Egli disse, “Non vi è niente di nuovo sotto il sole” (Ecclesiaste 1:9). Quello che è stato, e sarà di nuovo (Ecclesiaste 3:15). 3976-27

Lo scopo per l’ingresso di ogni anima è di completare un ciclo, per avvicinarsi di più all’Infinito. 3131-1

D- Che cosa si intende per “il ciclo delle cose” ?
R- Ciò verso cui una sintonia gira nella sua orbita intorno ad un’influenza; perché, come è visto in ogni ciclo—ciclo significa, come si è visto, che nel principio è la fine; perché quando c’è l’inizio significa soltanto un cambiamento. Un ciclo è il cambiamento, o l’esaurirsi della forza, energia, verso il punto in cui il cambiamento può essere stabilito definitivamente come cambiamento. Quello è un ciclo, sia della vita in una forma manifesta—nel corpo, nella mente, nelle stelle, nell’insieme di qualunque cosa—come un cambiamento, un ciclo. 256-2

Perché quello che è, era e sarà. Soltanto le cose mortali o materiali o la materia cambiano; ma le loro espressioni dettate dallo Spirito della verità continuano a vivere. 1448-2

Soltanto l’anima continua a vivere. Quello che aveva un inizio ha una fine. La tua anima è una parte dell’inizio e della fine. 1641-2

Ogni entità è una parte dell’insieme universale. Ogni conoscenza, ogni comprensione che è stata una parte della coscienza dell’entità è quindi una parte dell’esperienza dell’entità. Così lo sviluppo nel presente è semplicemente diventare consapevole dell’esperienza che l’entità, o nel corpo o nella mente, ha attraversato in una coscienza. 2823-1

La nascita dell’entità su Urano non è stata dalla terra verso Urano, ma da quegli stadi di coscienza attraverso i quali ogni entità o anima passa nell’oblio, per così dire, a meno che non ci sia la comprensione che ci sono stati dei fallimenti e che c’è bisogno di aiuto. Allora si cerca aiuto coscientemente. Perciò l’entità passa attraverso tutti quegli stadi che alcuni hanno visto come piani, alcuni hanno visto come gradini, alcuni hanno visto come cicli e alcuni hanno sperimentato come luoghi.
Quanto è lontano ? Quanto è lontano il domani per ogni anima ? Quanto è lontano il ieri dalla tua coscienza ? Sei nello stesso (cioè ogni tempo è un tempo), ma ne stai diventando consapevole piano piano; passando quindi, per così dire, attraverso la memoria o il libro di Dio della coscienza o della rimembranza; per affrontare te stessa, per essere misurata, per così dire, rispetto a ciò che hai raggiunto. 5755-1

Spesso alcuni entrano in un’esperienza come in un ciclo completo; cioè…sotto le stesse esperienze astrologiche come nel soggiorno appena prima (cioè nascendo lo stesso giorno del mese—anche se il tempo può essere cambiato) trovano periodi di attività che sono molto simili al…soggiorno precedente, nello sviluppo e negli impulsi. 2814-1

Ogni corpo ha il suo ciclo e la sua vibrazione individuale. 3329-1

Coloro che entreranno nel piano materiale nel ’43, ’44, ’45 e nel ’46 sono delle entità individuali decise, e dipenderà molto da queste anime che tipo di attività ci sarà nel mondo una ventina d’anni dopo. 5306-1

In quei cicli in particolare del ‘9, ’10 e ’11, molti, molti ex-abitanti di Atlantide incarnarono nell’esperienza terrena. 1776-1

Perché si vedrà che essi (i periodi storici) arrivano in cicli. 254-47

Il periodo (Greci e Troiani), come l’uomo conterebbe il tempo, era dal 1158 al 1012 a.C.; in un periodo in cui molti di coloro che erano stati nelle attività dell’era di Atlantide, Lemuria e Og stavano entrando, in quel periodo o ciclo negli affari dell’uomo. Perché c’è sempre stato durante un periodo di cinquantotto (anni) un ciclo, unità, epoca, anno, periodo o era quando c’è stata la generazione, per così dire, di conflitti. 294-183

Sul Carmel—il luogo originale dove la scuola dei profeti fu instaurata durante il tempo di Elia, Samuele—questi venivano allora chiamati Esseni; e quelli che erano studiosi di ciò che chiameremmo astrologia, numerologia, frenologia, e quelle fasi di quello studio del ritorno di individui—o incarnazione.

Questi erano allora i motivi per cui si aveva proclamato che certi periodi erano un ciclo; e questi erano stati allora gli studi di Aristotele, Enos, Mathesa, Giuda, e quelli che erano responsabili della sovrintendenza della scuola—come direste voi.
Dato che questi erano stati perseguitati da quelli che erano i capi, questo dapprima causò ciò di cui avete un’interpretazione dei Sadducei , o “non c’è resurrezione” (Matteo 22:23), o non c’è incarnazione, che è quello che resurrezione significava a quei tempi.
Al comando di questi, con quei cambiamenti che erano stati come delle spinte dalle posizioni delle stelle—che stanno, per così dire, là dove si dividono le strade fra l’universale, che è la visione comune del sistema solare del sole, e quelli che sono al di fuori delle sfere—o come il nome comune, la Stella Polare, dato che la sua variazione determinò quei cicli che non erano coordinati con quei cambiamenti che erano stati stabiliti da alcuni—questo incominciò la preparazione—per i trecento anni, come è stato dato, in questo periodo…

In questi segni c’era allora il nuovo ciclo, quello che fu allora—come l’abbiamo nell’astrologia—l’inizio dell’era dei Pesci, o quella posizione della Stella Polare o Stella del Nord in rapporto con le nuvole del sud. Questi determinarono i segni, questi determinarono i simboli, come sarebbe il segno usato, il tipo dell’approccio del segno e cose simili.
Questi furono allora gli inizi e questi erano quelli che furono fatti parte degli studi durante quel periodo. 5749-8

D- E’ necessario terminare il ciclo nel sistema solare prima di andare in altri sistemi ?

R- Necessario terminare il ciclo solare.

D- Si può arrivare all’unità—o raggiungere la fine dell’evoluzione—in ogni sistema, o deve essere uno in particolare ?

R- Senza dubbio dipende dal sistema in cui l’entità è entrata. Deve essere completato in uno qualsiasi dei molti sistemi.

D- Il sistema solare deve essere terminato sulla terra o può essere completato su un altro pianeta, oppure ogni pianeta ha un suo proprio ciclo che deve essere terminato ?

R- Se è stato cominciato sulla terra deve essere terminato sulla terra. Il sistema solare di cui la terra è una parte è soltanto una porzione del tutto. Perché, come indicato nel numero dei pianeti intorno alla terra, essi fanno parte dello stesso—e sono relativi l’uno rispetto all’altro. E’ il ciclo dell’intero sistema che viene terminato, chiaro ? 5749-14

Un ciclo è di sette anni, com’è noto o chiamato sulla terra, e si può dare l’informazione o leggere la memoria per quanto riguarda le varie apparizioni o attività che possono cambiare in quel periodo. 487-17

Come troviamo, ci sono dei disturbi in questo corpo – fisici, mentali, spirituali. Perché mentre un individuo di mentalità molto materialistica potrebbe dire che la “sfortuna” è arrivata a questo corpo, troviamo che nulla accade per caso.
Perché ogni anima è tanto preziosa alla vista delle Forze Creatrici o Dio quanto lo è un’altra – proprio come una madre non cambia il suo amore per un altro, non importa quanti figli ci possano essere – a meno che non sia una madre sciocca.
Perché Dio non è uno che rispetta le persone. E quando un individuo, come questo, attraverso le condizioni indotte fisicamente, ha dei collassi improvvisi per la rottura di cellule che causano la paralisi in certe parti del corpo, mentre è patologico, è anche psicologico, è parzialmente karma.

Quindi, se ci sarà una remissione delle condizioni fisiche che al momento sono inutili, ci deve essere un cambiamento di atteggiamento verso le cose spirituali e mentali. Perché la mente è il costruttore…
Soltanto perché c’è stata la rottura di forza cellulare nel cervello, così che al momento i riflessi non sono possibili nel corpo, non significa che queste condizioni debbano necessariamente rimanere così. Perché il corpo si rinnova, ogni atomo, in sette anni. Come hai vissuto negli ultimi sette ? E ancora i sette prima ? Che cosa faresti con la tua mente e il tuo corpo se fossero del tutto tornati alla normalità in questa esperienza ? Sarebbero usati per gratificare i tuoi appetiti come prima? Saranno usati per magnificare l’apprezzamento dell’amore per l’infinito ?

Perché chi guarisce tutte le tue malattie ? Se pensi che sia il dottore o il chirurgo, chi è il tuo dottore ? E’ la sua vita diversa dalla tua ? La vita stessa viene dall’Infinito. E’ là che devi cominciare se vuoi la guarigione per questo corpo, non solo dicendo, “Sì, credo che Gesù era il Figlio di Dio – sì, credo che è morto perché io possa avere un avvocato con il Padre.”
Sì, anche questo – ma che cosa ne stai facendo ? Stai vivendo in quel modo ? Tratti tuo fratello, il tuo vicino, il tuo amico, il tuo nemico come se questo fosse vero ? Perché indipendentemente da ciò che dici, il modo con cui tratti il tuo prossimo è la risposta a ciò che veramente credi. Perché il modo con cui tratti il tuo vicino è il modo con cui stai trattando il tuo Creatore. E non illuderti,, Dio non si lascia prendere in giro; quello che un uomo semina lo deve raccogliere.

Quindi non ti lamentare inutilmente, perché stai affrontando te stesso.
Quando avrai corretto la tua mente ad un modo giusto di pensare rispetto alle Forze Creatrici e a ciò che possono portarti, studia l’Esodo 19:5. Sappi che indica te – te ! Quindi modella la tua vita in quella maniera.
Poi guarda Giovanni 14,15, 16, 17 e sappi che è a te che Egli parla, non solamente a quelli che erano fisicamente presenti. Perché la terra è del Signore e la sua abbondanza, e senza di Lui…Gesù, come Lo chiamate, la Luce – come Lui è nella mente e nell’anima delle entità individuali – senza di Lui non c’è nessuna via al Padre. Egli ti dice, “Chiedi nel nome mio.” “Amatevi l’un l’altro” è il Suo ultimo comandamento – puro, semplice; non possessivo, ma amore che scaccia la paura, che mette a suo agio il cuore, la mente, l’anima, e che non infonde dubbio e paura…

Non ti stancare a fare le cose per bene. Se ci vogliono anni, dà questi anni – ma servi e elogia continuamente Dio, se vuoi avere la vita. Perché, come egli diede e dà ad ogni entità individuale che cerca il Suo volto, “Sono venuto affinché poteste avere la vita ed averla più abbondantemente.”
Ma dapprima cresci nella grazia, nella conoscenza e poi applica le fonti meccaniche per la guarigione e la correzione del corpo.

No, le condizioni climatiche non cambieranno il corpo, a meno che non cambi nella mente. Queste sono molto buone – ma ciò che ti serve è un cambiamento dell’atteggiamento mentale e poi – prima fa le prime cose – e poi usa le applicazioni meccaniche.
Sii coerente, sii persistente. 3684-1 M.56 2/21/44

Non è (se lo studente è interessato in queste fasi) pura coincidenza che ci sono sette giorni alla settimana; ma i sette centri e le sette fasi dell’esperienza e delle reazioni dei soggiorni dell’entità negli ambienti producono ciò che può essere definito un ciclo di impulso o esperienza. 2594-1

Questi (il 7° e il 14° anno) sono come dei cicli di impressioni e cambiamenti; e di attività nello sviluppo del corpo, della mente, dell’anima. 1788-3

Come troviamo dalle memorie qui…l’influenza maggiore sarà cambiata durante il suo 7° al 14° o 15° anno—come anche quando avrà 21 e 28 (anni); e poi sarà stabilito se dovrà essere il successo materiale o mentale e spirituale…nel soggiorno attuale. 1332-1

Come era al momento dell’ingresso delle forze intime dell’entità in questo corpo fisico, il primo (cambiamento) verrà all’età di 7, poi a 14, a 22—questi saranno dei cambiamenti netti, o si sovrapporranno uno all’altro…perché c’è stato qualche lasso di tempo (come il tempo viene calcolato dal materiale) tra la nascita fisica e quella spirituale. 566-1

Ogni organo ha il suo proprio ciclo. 47-1

Le forze digestive del corpo; i polmoni, il fegato, il cuore, il sistema digerente, il pancreas, la milza…cambiano più spesso, così che, quando si dice comunemente che il corpo ha cambiato ogni atomo in sette anni, questi organi sono cambiati almeno sette volte durante quei sette anni. 796-2

[Retroscena: Lesione alla nascita] …ci può essere molto aiuto per questo corpo. Questo è il pasticcio del dottore, non di questa entità-anima. Qualcuno deve alla fine pagare, e molto, per questo…

Quelli che danno assistenza possono guadagnare moltissimo nello spirito e nella comprensione, mentre assistono qui questo corpo, [3117]. E’ vero, ci sono delle aderenze, e c’è
deficienza di circolazione in certe parti del cervello. Ma questo è all’inizio di un ciclo per il cambiamento del corpo.
Ogni atomo può essere cambiato entro sette anni. Se c’è chi è interessato nel contribuire a questo, cominci. Se non siete interessati a farcela per i quattordici (anni), non cominciate ! 3117-1 F.7 7/28/43

[Retroscena: Ritardata dalla nascita] Qui abbiamo un’anomalia che si presenta per un’assistenza molto scarsa al momento della nascita del corpo…lo si può aiutare. Quanto poi questo sarà di lunga portata dipenderà con quale persistenza e coerenza verranno fatte le applicazioni per migliorare. Ricordate, ci sono dei cambiamenti graduali che avvengono nel corpo, e particolarmente in un corpo in sviluppo, un corpo che cresce. L’intera struttura anatomica viene cambiata in ogni ciclo – o ogni sette anni. Se questo trattamento suggerito non verrà continuato…costantemente – fino al secondo ciclo per questo corpo, non cominciatelo – mettetelo semplicemente da parte e dimenticatelo. 3236-1 F.12 9/23/43

Per quanto riguarda le apparizioni sulla terra, le troviamo molto varie. Non daremmo tutte [le apparizioni] al presente, perché, – come indicato – diversi gruppi scelgono di manifestarsi [sulla terra] in diversi cicli.
…l’entità sta entrando nel presente in quello che si potrebbe chiamare il sesto ciclo, perché l’entità sta usando, nell’applicazione di quelle regole o verità, quelle inclinazioni che nascono dagli impulsi e dai soggiorni sulla terra.
Perché quei soggiorni sono come lezioni , come gradi, come attività che l’entità può usare o delle quali può abusare nell’esperienza del sé. 3226-1 F.44 9/20/43

… ogni ciclo porta un’entità-anima ad un altro incrocio, o un altro bisogno imperioso da una o più delle sue attività sul piano materiale.
Ma queste [apparizioni] vengono scelte con lo scopo di indicare all’entità come e perché quei bisogni fanno parte dell’esperienza dell’entità come unità o come un tutto.
Perché non si entra in un soggiorno materiale per caso, bensì viene portato in essere la continuità dello schema o dello scopo, e ogni anima è attratta da quelle influenze che si possono vedere dall’alto. Così, là, le svolte nel fiume della vita possono essere osservate.

Senza dubbio ci sono le alte maree nella vita; ci sono giorni bui e ci sono giorni di sole. Ma l’anima-entità che ha avuto uno scopo che è creativo, proprio come questa entità, può trovare il porto della pace dichiarato in Lui. 3128-1 F.48 8/2/43

edgarcayce.it


Letture correlate:

 

L’autobiografia del più grande medium americano

 

Edgar Cayce: I CICLI DELLO SVILUPPO ultima modifica: 2008-07-18T16:22:29+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)