Edgar Cayce: PAURA E PREOCCUPAZIONI

Edgar Cayce: PAURA E PREOCCUPAZIONI

Edgar Cayce: PAURA E PREOCCUPAZIONI

Avere paura è la prima consapevolezza che il peccato sta entrando, poiché a chi viene fatto paura ha perso la consapevolezza dell’eredità stessa del sé ricevuta dal Figlio; poiché siamo eredi attraverso Lui di quel Regno che è oltre tutto ciò che farebbe paura o che causerebbe un dubbio. 243-10

La consapevolezza del sé, l’egoismo, è ciò che fa paura agli uomini. La consapevolezza delle necessità delle forze carnali in un mondo materiale che cercano gratificazione… La pace è con te, la contentezza è nelle tue mani che non hai paura ma confidi piuttosto in Lui. 262-29

La consapevolezza del sé, la coscienza del sé, porta paura e dubbio. 3357-2
La paura è la radice della maggior parte di mali dell’umanità, che sia del sé o di ciò che gli altri pensano del sé o come il sé apparirà agli altri. Superare la paura significa riempire l’essere mentale, spirituale di ciò che scaccia del tutto la paura: l’amore manifestato nel mondo attraverso Lui.5459-3
L’amore perfetto scaccia la paura. Dove entra la paura là il peccato sta alla porta. 136-18 Poiché lui o lei che è senza paura è davvero libero.5439-1
E’ la paura dell’ignoto che produce paura in primo luogo. 1776-1
La paura è come il frutto di indecisioni rispetto a ciò che viene vissuto e ciò che viene tenuto come ideale. Il dubbio è come il padre della paura…
La paura è come l’inizio dell’esitazione. L’esitazione è come quello che produce disagio in tutta l’anima e nel corpo mentale. 538-33
Come lui diede: “Ciò che ho temuto è venuto sopra di me” (Giobbe 3:25). 4047-2
In natura e negli istinti animali troviamo soltanto le espressioni di una coscienza universale di speranza, e mai di paura – – salvo quelle create dall’uomo nel suo indulgere nelle gratificazioni degli appetiti materiali. 2067-1

Una che a volte si preoccupa facilmente delle cose materiali. Una che a volte si preoccupa dell’applicazione che altri fanno delle loro capacità. Nella questione della preoccupazione, questa – in ultima analisi – è paura. La paura è un nemico dello sviluppo mentale di un’entità, cambiando o facendo vacillare le capacità di un’entità in molte direzioni. Allora perché preoccuparsi? Perché avere paura? Poiché “Colui che è a fianco del Signore, chi può essere contro di lui?” Essendo qualcuno che ha fiducia sappi in chi hai creduto, e sappi che Lui è in grado di conservare quello che Gli è stato affidato contro qualsiasi giorno, qualsiasi tempo, qualsiasi circostanza, qualsiasi condizione. 2502-1

Una cosa – ricorda questo: Non caricare il sé con ciò che non è necessario affrontare prima che arrivi il momento, perché la preoccupazione uccide. Il lavoro rafforza – poiché attraverso gli sforzi del sé poco può essere fatto, ma attraverso ciò che il corpo e la coscienza sono in grado di dirigere molto può essere compiuto. Quando nascono le condizioni necessarie ciò che sarà il meglio ti verrà dato. 900-345

Non ti preoccupare mai fintanto che puoi pregare. Quando non puoi pregare – – faresti meglio a cominciare a preoccuparti. Poiché allora hai qualcosa di cui preoccuparti. (Questo è per i genitori – non per il bimbo!) 3569-1

Il timore del Signore è l’inizio della saggezza; ma la paura dell’uomo è l’indicazione della debolezza nell’uomo che ha un corpo. 531-9
Preoccupazione e paura sono i più grandi nemici del corpo fisico sano in modo normale, trasformando le forze assimilate nel sistema in veleni che devono essere eliminati, piuttosto che in forze vitali dispensatrici di vita. 5497-1

D- Che cosa causa i cerchi sotto gli occhi?
R- La condizione nervosa, e la preoccupazione!

D- Qualche consiglio spirituale per il corpo?
R- Solo ciò che è stato indicato per il corpo; studia per mostrarti approvata dalla tua stessa buona coscienza – ciò che non scredita né è segno di condanna. Poiché visto che non vuoi essere condannata, allora non condannare. E come mantieni questo atteggiamento verso il sé, verso gli altri, fa’ che le reazioni spirituali per un’esperienza costruttiva siano tue. 1523-5

Preoccuparsi o diventare imbronciati ed antagonistici crea dei veleni che sono già in eccesso. Sorridi anche se ti pesa parecchio, anche quando sei imbronciato – questo sarà molto meglio. 1005-17

D- Come posso fare a meno di preoccuparmi?
R- Perché preoccuparti quando puoi pregare? sappi che il tuo potere è molto limitato. Il potere della forza Creatrice è illimitata. 2981-1

Per quanto riguarda il tuo prossimo Lui diede: “Come vuoi che gli altri facciano a te, fai anche tu a loro”, non impensierirti, non preoccuparti, non essere troppo ansiosa per il tuo corpo. Poiché Lui sa di che cosa hai bisogno. Nel posto in cui sei, nella coscienza in cui ti trovi c’è ciò che – oggi, ora – è necessario per il tuo sviluppo più grande, migliore, più meraviglioso.

Ma oggi ascolta la Sua voce: “Venite a me, tutti quelli che sono deboli o che sono afflitti, e io vi darò ristoro da quelle preoccupazioni, pace da quelle angosce.” Poiché il Signore ama coloro che ripongono la loro fiducia interamente in Lui…

D- Per favore date un’affermazione che mi aiuterà.
R- …quando preghi, alla mattina, alla sera:
Eccomi, Signore. Usami, in questo giorno, questa sera, come Tu vedi che io possa servire gli altri al meglio; che io possa vivere così, Oh Dio, per la gloria del Tuo nome, di Tuo Figlio Gesù il Cristo, e per l’onore del mio stesso sé nel nome Tuo. 357-13

D- Secondo quali criteri particolari, quando e come dovrei cercare un lavoro?
R- Come è stato indicato, dapprima il più possibile all’aria aperta. Quelli che possono avere a che fare con la casa, con il gioco o con la supervisione dei giovani. Uno qualsiasi di questi fa parte di quelli che portano al corpo un’energia rinnovata. E fa’ dapprima sapere al sé che c’è un interesse amorevole da parte delle Forze Creatrici, o questo atteggiamento: Il Padre, Dio, non ha voluto che l’uomo nemmeno si preoccupasse, ancora molto meno che perisse; bensì ha nella Sua direttiva verso il Suo popolo indicato la strada in cui forza, vitalità e lavoro vengono quando si cammina più vicini a Lui. 1231-1

D- Come posso raggiungere una comprensione migliore dei miei figli così che non mi preoccupino tanto?
R- Se ci saranno delle condizioni fisiche migliori troveremo che l’atteggiamento verso i figli nonché verso altri verrà aiutato moltissimo. Sappi che la tua stessa mente è il costruttore. L’atteggiamento mentale dovrebbe essere tale che tu non chieda da altri – dai tuoi figli o chiunque – ciò che non faresti o non fai tu stessa! Gli atteggiamenti dovrebbero essere costruttivi, sempre; cioè con la correzione dei figli o con il consiglio – o pensiero – nei confronti di qualcun altro chiedi te stessa: “Che cosa farei nelle stesse circostanze?” Sempre come Lui diede: “Come vuoi che gli altri facciano a te fa’ anche tu a loro.” 2455-1

Quelle preoccupazioni mentali dovrebbero essere eliminate, lasciando che se ne prendano cura quei canali che hanno così spesso sollevato tali condizioni; poiché la preoccupazione e il guaio causato fisicamente da queste non vale la condizione che viene prodotta. Quindi non ti preoccupare! E’ – come si è visto – una cosa dire ad un corpo “Non ti preoccupare”, un’altra per il corpo non preoccuparsi. Perciò questo è lo stato mentale e esistenziale di un individuo, ma lo si può applicare, se solo si volesse lavorare con impegno su questo compito necessario per superare tali condizioni fisiche nel corpo attraverso tale atteggiamento mentale. 325-15

Per quanto riguarda il mentale troviamo che se quelle cose e condizioni che portano l’angoscia mentale venissero messe da parte più spesso, questo solleverebbe l’angoscia, e troveremmo che le attività nella direzione di alleviare queste preoccupazioni migliorerebbero molto; poiché il corpo, come molti individui, dovrebbe sapere che la preoccupazione porta soltanto al sé delle condizioni nocive, e molto raramente – semmai – aiuta nell’affrontare meglio le condizioni, ma piuttosto rende incapaci per lo stress che deve sopportare. Queste, come troviamo, dovrebbero essere le condizioni da considerare, e da cambiare per soddisfare le necessità. 372-2

D- La tiroide è colpita?
R- Soltanto una stimolazione alla tiroide, come troviamo al presente. Fa’ questo, come troviamo, e porteremo le forze migliori. E tieni quell’atteggiamento che è stato parte di tutto l’essere, dell’espressione e del modo di fare dell’entità. Sappi che il corpo crea o riporta in vita se stesso. Quindi tieni quell’atteggiamento di ottimismo e utilità agli altri, e questo rende l’ambiente di allora lo stesso per il sé. Preoccupati di più di qualcun altro che non di te stessa, e starai molto meglio! 540-11

D- Desidero raggiungere il più grande avanzamento spirituale in questa esistenza. Come posso farlo – cioè, fino a che punto gli attuali metodi d’affari sono compatibili con questo proposito?
R- Non permettere che la preoccupazione degli affari oscuri lo sviluppo spirituale. Non pensare che queste cose possano essere separate o che possano essere portate avanti come una cosa sola – no! Poiché ognuna nella propria sfera, ognuna al proprio ritmo, a parte – ma sempre un tutt’uno; poiché nell’applicare il sé arriva la comprensione dell’affare, e anche la conoscenza spirituale arriva tramite l’applicazione delle verità spirituali. 39-4

D- C’è qualche medicina che dovrei prendere per la mia condizione fisica, o semplicemente riposare?
R- Come troviamo al presente, il riposo sarebbe la cosa migliore; applicando quelle leggi o rapporti o condizioni conosciuti come i migliori per il corpo; mantenendo le eliminazioni e producendo quelle cose che agiscano come solventi per quelle forze nel sistema di cui il corpo sa che dovrebbero essere sempre eliminate, affinché ci possa essere la condizione fisica migliore. Fa’ un passo per volta – tutti; non ti preoccupare del domani quando il domani non può essere vissuto, finché l’oggi non è stato vissuto in modo corretto! 243-16

D- Un messaggio per [288]:
R- Le occupazioni del mondo, i pensieri degli altri nella loro indifferenza verso ciò che tu conservi come il tuo ideale non dovrebbero preoccuparti; poiché tu non puoi aggiungere nulla, nemmeno un po’, al potere di Dio o della conoscenza. Fa’ il tuo dovere, da’ il tuo amore, giorno dopo giorno. Lascia i frutti, l’aumento, il cambiamento nelle mani del Padre. Poiché Lui conosce le tue preoccupazioni. Quindi ama il Signore, ama le opportunità per l’espressione; ma da’ solo l’amore di Cristo, da’ solo gli ideali che Lui ha stabilito. Essi non sono della terra, benché vi si possano manifestare. Poiché li vedi nel viso della natura, nella bellezza di una rosa, nel sorriso di un bimbo. Quindi non ti rodere per il fatto che non troverà espressione. Fa’ ciò che sai fare e non criticare il tuo vicino. Poiché chi fa questo non è saggio, né è un segno di saggezza. Poiché Lui manda le Sue benedizioni sul giusto e sull’ingiusto, sperando – sperando che tu nella tua conoscenza di Lui aiuterai il tuo prossimo e lascerai le benedizioni a Dio. 262-98

D- Che cosa lei può fare per fare a meno di preoccuparsi?
R- Riempi la mente cosciente sempre di più con ciò che è espresso da Lui. Considera i gigli nel campo. Considera gli uccelli dell’aria. Essi non faticano, non producono, eppure il Padre bada ad essi. Non sei tu molto più valorosa ai Suoi occhi di loro? 264-22

Le preoccupazioni e le condizioni che nascono da alcune delle associazioni del corpo, o con il corpo, producono ciò che produce preoccupazione; e se il corpo esercitasse tanta attività mentale senza paura nella sua vita mentale e spirituale quanta ne esercita nelle sue associazioni e relazioni troveremmo una prospettiva diversa sulla vita; poiché dal di dentro viene ciò che costruisce il corpo, fisicamente e mentalmente; poiché, come è dato nel germe della vita stessa quell’impeto che, diffondendosi attraverso tutti i canali di un organismo vivente, è capace di sostenere la vita, non solo sostenendola ma rendendola degna di essere vissuta! Non essere soltanto buono; sii buono per qualcosa, fisicamente e mentalmente! Ciò che è conosciuto fisicamente negli affari materiali è spesso messo a buon uso, specialmente nel dettaglio, nei minimi particolari delle forze costruttive. Metti il mentale e lo spirituale in attività allo stesso modo sapendo – come negli attributi fisici dell’uomo che aggiungono qualcosa alle cose materiali della vita – che quando il mentale e lo spirituale vengono applicati allo stesso modo l’aumento viene attraverso quelle forze divine che producono nella stessa maniera delle forze creative e la continuità della forza.

Pronti per le domande.
D- La mia salute è influenzata dal peggioramento che risulta dai rapporti d’affari con la mia famiglia, e sarebbe consigliabile fare un cambiamento?
R- In parte, come è stato dato! Questo viene da quei – ma è più fisico – quei rapporti con la famiglia potrebbero essere, e sarebbero, trasformati in trampolini di lancio per delle cose migliori, piuttosto che lasciati a sopraffare e sottomettere le capacità! Perciò dividi il sé nella struttura organizzativa, come è stato descritto, come i programmi manageriali che sono stati stabiliti in vari campi con molti esempi; o sii, per così dire, uno specialista nel campo delle esperienze manageriali! 279-1

D- Un messaggio per [404]:
R- Fa’ che la paura, fa’ che la preoccupazione si perda nel tuo servizio agli altri per amore del Suo nome. Lascia che il tuo cuore venga edificato, affinché tu possa sentire quel “ben fatto” da Lui che è memore di coloro che cercano il Suo viso. 281-61
D- Come può il corpo meglio lasciare da parte le preoccupazioni mentali o fare per eliminarle?
R- Riempi la mente con qualcos’altro! 294-91

D- Gli improvvisi periodi di depressione del corpo sono causati parzialmente dalla condizione fisica?
R- Parzialmente; e parzialmente dagli atteggiamenti mentali, o preoccupazione. La preoccupazione non cambia nulla. Il corpo, come la maggior parte dei corpi, dovrebbe rendersi conto (questo deve essere praticato necessariamente da tutti quelli che vogliono superarla) che la preoccupazione non cambia una sola cosa, ma rende il sé incapace di affrontare le condizioni o le circostanze che si vengono a creare. Sappi piuttosto che c’è speranza, vita, in Lui. Tutto è Suo. Se il sé vuole essere una dei Suoi, allora il sé è erede di tutto ciò che è necessario nel tuo stesso sviluppo per essere tutt’uno con Lui; e agisci in modo che queste cose saranno tue nel Suo stesso tempo. Lui sa! Lui custodisce la via! 295-5

D- Che cosa posso fare per aiutare il proprietario e i suoi impiegati?
R- Questo può tutto essere applicato o dedotto da quello che è stato dato. Tale consiglio non è impreciso, perché non dice : “Vai giù martedì e sgrida tutti,” o “Vai giù mercoledì, bevi un po’ d’acqua e riposati!” E’ specifico come la vita giorno per giorno! Il problema è che ogni individuo teme il domani. E vivi solo un’ora, un minuto per volta. Quindi, se c’è quell’atteggiamento di fare del proprio meglio o ciò che sai fare non essere ansiosa per le altre condizioni! 303-15

D- Come può il corpo eliminare le preoccupazioni in modo corretto [per quanto riguarda il suo lavoro, il posto, le finanze, ecc.?
R- Questo dovrebbe essere una questione molto facile per il corpo, quando prende bene il controllo di se stesso quanto al come, in chi e quando confidare; poiché queste cose diventano una faccenda mentale e spirituale, piuttosto che fisica. Non permettere che le cose si spostino da sole, ma piuttosto concentrati su un punto centrale, dove le promesse fatte allora sono – “Come credete in me, così sarà in te.” 341-34

Il corpo non dovrebbe permettere che la preoccupazione, o l’incertezza, porti elementi distruttivi nell’essere fisico – poiché la preoccupazione non correggerà le condizioni; e nemmeno un pensiero ulteriore farà succedere ciò che è già stabilito; ma piuttosto disponi il tuo sé ad essere uguale a qualunque cosa che possa presentarsi, e a fare con ciò che hai in mano il necessario per soddisfare i bisogni delle condizioni in quel momento; poiché in questo si troverà la condizione migliore per soddisfare quelle esigenze che si vengono a creare; e il corpo fisico risponderà. E conserva il sé nel modo che porti la condizione migliore per il corpo in ogni modo e maniera. Quindi mantieni ciò di cui si vede che soddisfa i bisogni ogni tanto, e il corpo risponderà fisicamente e mentalmente e materialmente. 550-3

Per quanto è pratico, lascia stare le preoccupazioni. Sappi che c’è quella fiducia, quella fede, quella speranza nelle Forze Creatrici – che possono scacciare la paura. Perché preoccuparsi? Perché la preoccupazione non fa altro che peggiorare le cose. Prega, piuttosto che preoccuparti. Lui risponde alla preghiera. 760-31

D- Questo corpo riceve abbastanza riposo?
R- Il corpo riceverebbe abbastanza riposo se non si preoccupasse! La preoccupazione è più pesante per il corpo che la mancanza di riposo. Ma se facciamo fare questi massaggi avremo più riposo. 1236-1

D- Quanto ha la preoccupazione a che fare con la mia condizione?
R- Senza dubbio la preoccupazione non fa guarire – e così peggiora le condizioni di disturbo, specialmente a causa del coinvolgimento del sistema nervoso simpatico.

D- Sono terribilmente preoccupata. La mia preoccupazione viene dai nervi?
R- Più dall’ansia che dai nervi, attraverso le condizioni ambientali generali; anche se la pressione sul sistema nervoso da parte dei veleni nei sistemi peggiora la condizione generale di disturbo.

D- Come posso liberarmi dalla paura?
R- Confida in CoLui che è senza paura. 2033-1

Poi non dovremmo mai assumere dei cibi – carne o bevande – quando il corpo è eccessivamente preoccupato nella mente, né quando il corpo è molto debilitato fisicamente; cioè stanco fisicamente o mentalmente. Riposa un po’ prima di mangiare o bere. Quando il corpo è adirato, matto o incollerito o preoccupato – non dare cibo o bevanda al sistema. Non pensare mai che preoccupazioni o follia possano essere annegate nel bere o alimentando troppo lo stomaco; poiché questo dà delle difficoltà allo stomaco. 4124-1

Mercurio dà la capacità mentale elevata; il ragionamento che crea, per così dire, sia errori sia virtù nell’applicazione di questa particolare entità. Poiché l’entità tende a preoccuparsi di condizioni, circostanze o cose – e di solito tutti gli altri intorno all’entità ne sono consapevoli! Non che queste cose debbano essere soppresse, ma non far preoccupare altre persone per le tue preoccupazioni! Sappi in che cosa hai creduto, sappi che hai ragione e poi lascia il resto alla coscienza universale! 5000-1

D- Come può il corpo raggiungere il successo quest’estate quando dirigerà l’orchestra nel campo estivo?
R- Semplicemente mettiti all’opera e fallo! Il corpo è capace, volonteroso – quindi fallo! Raggiungere una cosa vuol dire applicarsi alla stessa cosa attraverso uno sforzo di concentrazione – ma comprendi che cosa si intende per sforzo di concentrazione. Non scavare dentro e preoccuparsi, e agitarsi e far preoccupare altre persone e preoccupare il sé – in quanto se la cava o meno! Semplicemente facendolo! e sappi che chi applica il sé in qualsiasi direzione riceve ciò che ha dato agli altri! 5603-3

edgarcayce.it

Edgar Cayce: PAURA E PREOCCUPAZIONI ultima modifica: 2012-06-20T15:07:51+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)