Gregg Braden: risvegliarsi al Punto Zero 1 di 3

campi magnetici

Gregg Braden

I campi magnetici

Qui è dove l’idea del computer viene a proposito: l’analogia con il computer. Quando avete un computer, avete la memoria del computer. Lo spegnete per il fine settimana e andate a casa.

Poi tornate il lunedì mattina, accendete di nuovo il computer e tutto quello che c’era: il sistema operativo, le vostre icone, tutto riappare.

Come succede tutto ciò se avete tolto quel contatto per tutto il fine settimana. Perché tutte le informazioni sono ancora nel computer se avete tolto il contatto? La ragione per cui tutto questo è ancora lì è perché, anche se avete tolto il contatto c’è una piccola batteria messa nel computer dalla fabbrica che da’ una piccola ma continua carica che permette di mantenere al suo posto l’allineamento magnetico.

Quando apparvero i primi IBM ogni 4 anni, più o meno, quando si accendevano, non succedeva niente, perché le batterie si esaurivano e niente teneva più insieme queste particelle. Quello che si doveva fare era di ricaricare il sistema. Ora vi mostro il perché dell’analogia. Mentre la rotazione della Terra decresce, i campi magnetici continuano a diminuire e viene generata una carica vibrazionale continua: la carica elettrostatica può essere misurata, come è stato rilevato sin dal 1899 a Colorado Sprint.

Questa carica tiene i campi magnetici al loro posto e sta scomparendo velocemente.

Questo è importante, perché tutto quello che credete su di voi, quello che vi è stato detto: tutti i vecchi condizionamenti, le vecchie paure, tutti i pregiudizi di quelli che sono venuti prima di voi, vivono come schemi bloccati nei campi magnetici. I campi magnetici li tengono al loro posto.

Con la caduta di questi campi c’è la possibilità, che state esperimentando proprio ora, di cambiare e sostituire i vecchi schemi. Quando i campi arriveranno al punto zero, i vecchi schemi svaniranno, come succedeva con le batterie che si esaurivano nel computer.

I vecchi schemi non ci sono più e con i campi che iniziano a ruotare di nuovo nuovi schemi devono sostituirli, perché la Terra che riprende a ruotare nella direzione opposta, crea nuovi campi. Si ricrea un nuovo sistema, è come risettare il sistema. Guardate che bella possibilità avete ora. Vi è stato finora chiesto di vivere in un mondo di paura, controllo pregiudizi e vi viene ora chiesto di invertire il vostro punto di vista, mentre ancora state vivendo in questo mondo.

Voglio condividere con voi la scelta di essere qui in questa stanza oggi, con una grande opportunità che vi state dando, perché in qualche modo è un impegno a vivere la vita che sta permettendo la semina della nuova saggezza contenuta nei nuovi campi magnetici: voi siete la generazione ponte tra due modi di essere. Che meraviglioso e potente momento per essere vivi. Vi viene chiesto di imparare a non aver paura, vi viene chiesto di imparare a non odiare. Vi voglio mostrare gli strumenti, come le vostre vite vi aiuteranno a farlo.

State vivendo l’iniziazione delle scuole misteriche e nessuno ve lo ha detto. Tra poco vi voglio condurre attraverso alcune delle antiche iniziazioni dei vari templi. E’ un processo molto affascinante: voglio essere molto chiaro perché questa non è una profezia. La linea tratteggiata nel libro dice: Questa non è una profezia. Tutto ciò è noto fino a questo punto.
Nel momento in cui ci sarà una situazione ideale, noi entreremo nel cambiamento dei tempi con la caduta del magnetismo al punto zero e le frequenze a 13 cicli al secondo.

Quello che io credo possa accadere è che raggiungeremo uno di questi parametri più velocemente dell’altro e questo cambierà il processo molto rapidamente. Non credo che avverrà con lo stesso ritmo. Lasciate che vi mostri questo: se prendo una bottiglia d’acqua e dico:

Questo è il nucleo liquido della Terra, e cammino attraverso la stanza, l’acqua oscilla e si muove, anche se rallento e mi fermo. L’acqua si ferma quando io mi fermo? No, continua a oscillare un po’. Realisticamente credo che questo è ciò che state per vedere. E’ che la Terra si muove nello spazio e si muove mentre va verso il punto zero. Non credo che i campi magnetici oscilleranno una volta, credo che faranno così: due o tre volte.

Come reagiranno le persone?
Immaginate cosa si proverà?
Cosa succede con la luna piena?

Chi di voi lavora in una stazione di polizia o in un ospedale lo sa. E la luna piena è soltanto una leggerissima sollecitazione in un campo magnetico.

Cosa succede se l’intero insieme dei campi magnetici di un pianeta fa così due o tre volte nel giro di poche ore?

Vi dico cosa succederà. Probabilmente – e voglio essere molto chiaro, non c’è assolutamente giudizio – non c’è un modo buono e un modo cattivo, né giusto, né sbagliato, di sperimentare tutto ciò. Quando si verificherà il fenomeno dell’inversione, per la maggior parte degli esseri umani di questo pianeta, probabilmente ci saranno stati così tanti rapidi cambiamenti che non avranno avuto il tempo di assimilarli.

Cosa succede quando nella vostra vita ci sono così tanti cambiamenti che non riuscite a governarli? Cosa fate?

Smettete di funzionare! La maggior parte degli umani andrà probabilmente e semplicemente a dormire. Diventerà incosciente durante quel periodo di tempo. La maggior parte. Ce ne saranno invece altri che avranno imparato e questi vivranno quel periodo in maniera consapevole e saranno molto attivi nel piantare i semi della nuova saggezza in quei 3 giorni di zona nulla. La zona nulla dell’elettromagnetismo della Terra.

Se il caso vi ha voluto qui in questa stanza, oggi, sarete fra quelli svegli e non c’è un modo buono o cattivo di farlo, non c’è un modo giusto o sbagliato. La maggior parte delle persone non deve neanche sapere quello che state apprendendo voi qui, perché la loro vita è al limite della sopravvivenza. La loro vita è piena di dolore e stanno cercando di vivere giorno per giorno.

Vi voglio mostrare lo schema di un ologramma e vi voglio mostrare perché quest’ologramma è così potente. Perché nello schema oleografico di consapevolezza solo pochi imparano, ma tutti ne traggono beneficio.

Se poche persone possono iniziare a pensare diversamente, tutto l’insieme ne sarà influenzato e tutto l’insieme si muoverà verso il cambiamento ed è per questo che la nostra vita ora è così importante. Ogni volta che imparate a modificare il vostro punto di vista – anche solo di poco – tutto l’insieme ne viene beneficiato in qualche modo. Non è necessario che 6 miliardi e mezzo di persone cambino perché il tutto cambi.

Lasciatemi fare un esempio. Lasciatemi raccontare una storia:
Tom Canyon, un buon amico mio che ha scritto il libro: stati del cervello racconta una storia di alcuni esploratori spagnoli che, circumnavigando l’Africa per raggiungere nuovi continenti, arrivarono in una baia dove nessun uomo bianco aveva mai approdato prima di allora. Lasciarono le loro navi al largo e con barche a remi raggiunsero la spiaggia e furono accolti dallo sciamano della tribù che non aveva mai visto – prima di allora – un uomo bianco. Lo sciamano gli chiede:
– Da dove venite?

Essi risposero:
Veniamo da un paese lontano, con quelle barche grandi laggiù, che abbiamo lasciato e abbiamo poi usato queste piccole barche per arrivare qui a terra.
Lo sciamano guardò da dove avevano indicato e chiese:
Quali grandi barche?
E loro risposero:
Quelle barche laggiù, con le vele dispiegate.
E lo sciamano:
Non riesco a vederle! Proprio non le vedo!

Non riusciva a vederle perché erano oltre la sua struttura di riferimento. Non riusciva a riconoscere gli schemi che stava guardando. Non le aveva mai viste prima e non sapeva come tradurre quegli schemi. Voi fate lo stesso e ve lo avvalorate. E’ incredibile ma è vero. Non ci volle molto tempo comunque prima che lo sciamano dicesse:
– Sì, se uso i miei occhi un po’ diversamente, mi sembra di iniziare a vedere qualcosa laggiù.

E iniziò a vedere le navi e qui arrivò la parte più interessante. Poco dopo l’intera tribù, anche quelli che non erano con lo sciamano sulla spiaggia, cominciarono a vedere le barche, anche senza aver vissuto l’esperienza direttamente. Perché? Perché riuscivano a vederle? Possiamo chiamarla: Risonanza Collettiva.

Una volta che una persona fa un’esperienza, tutti gli altri, in qualche modo usufruiscono della stessa. Tutto quello che si deve fare è sintonizzarsi. Quale fu il dono dell’essere di riferimento? L’essere universale che è venuto nel nostro mondo e che noi chiamiamo Gesù. Qual’ è stato il suo dono?

Quand’ero piccolo mi insegnarono che il suo dono fu morire per i miei peccati. Ma tutto ciò non aveva alcun significato per me. Perché mai egli sarebbe dovuto morire per qualcosa che non avevo ancora fatto?

Cominciamo ora a vedere che prima di tutto ci hanno detto che è morto: e proprio qui sta l’errore. Gesù è l’uomo che non è mai morto. Perché se fosse morto il suo messaggio sarebbe andato perduto. Lui resuscitò e ciò è molto diverso dal morire. E facendo questo consapevolmente lo ha impiantato nelle vostre griglie. E’ stato il primo a farlo. Qualcuno doveva farlo per permetterci di esperimentarlo.

E’ stato il ponte vivente. Così come lo sciamano è stato il ponte vivente che vide cose nuove e le impiantò poi nella sua tribù in modo che tutti potessero raggiungerle. Qualcuno doveva farlo per primo: questo è stato il dono. Il dono è stato la sua vita e che cosa la sua vita ha ancorato nella nostra matrice consapevole e non la sua morte. Stiamo tutti vivendo questo processo in questo momento. Abbiamo l’occasione, semplicemente cambiando il nostro punto di vista di affrontare le situazioni che si presentano nella nostra vita, ancorandole a una nuova saggezza, dentro una nuova struttura, dentro il nuovo mondo che sta arrivando.

Credo che sia una possibilità molto forte. Certamente unica sotto tutti i punti di vista.

stazioneceleste.it

Gregg Braden: risvegliarsi al Punto Zero 1 di 3 ultima modifica: 2007-12-07T12:13:22+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)