I segreti nascosti di Stonehenge

stonehengeUn nuovo studio ha realizzato una mappa tridimensionale della zona in cui sorge il circolo di pietre, svelando un complesso di monumenti sacri, edifici e strade nascosti

Simone Valesini

Stonehenge è un monumento simbolo dell’Inghilterra. Eppure sembra che dopo secoli di ricerche siano ancora molti i segreti nascosti tra le sue pietre megalitiche. Un recente studio dell’Università di Birmingham ha analizzato infatti il terreno che circonda il complesso, scoprendo che nel lontano passato il circolo di pietre non era il monumento solitario che possiamo osservare oggi, ma rappresentava invece il fulcro di un complesso sistema architettonico, che comprendeva altri 17 monumenti minori, un grande edificio in legno precedente allo stesso Stonehenge, e un percorso sacro che correva tutto intorno alle strutture.

Per effettuare la loro scoperta, i ricercatori di Birmingham hanno realizzato una mappa digitale 3D, che ricostruisce un’area di 12 chilometri intorno al monumento fino ad una profondità di circa tre metri. In questo modo sono riusciti ad individuare le caratteristiche che doveva presentare il suolo al tempo in cui Stonehenge era ancora un importante sito religioso, e a svelare la presenza degli edifici nascosti da millenni nel terreno circostante.

Per prima cosa, 17 piccoli monumenti rituali risalenti probabilmente al periodo di maggior importanza del sito, utilizzate secondo i ricercatori come piccole cappelle. Ancor più interessante per gli archeologi però è un tumulo dello stesso periodo di Stonehenge (tra 4mila e 5mila anni fa), che dalle scansioni risulta costruito al di sopra di una struttura precedente, più antica di almeno mille anni. L’edificio, costruito in legno, sarebbe stato secondo i ricercatori una “casa dei morti”, ossia un luogo dove venivano riposti cadaveri scarnificati e disarticolati nel corso di rituali sacri. Il complesso di Stonehenge inoltre si trovava in passato all’interno di un percorso triangolare (profondo circa metri), che serviva probabilmente a fornire una visuale maestosa dell’area ai pellegrini diretti verso il sito sacro.

La mappa tridimensionale ha infine permesso ai ricercatori di effettuare un’importante scoperta anche nel vicino sito di Durrington Walls, dove sorge la più grande città preistorica dell’Europa settentrionale. Il nuovo studio ha permesso infatti di scoprire intorno all’insediamento (che nel suo periodo di massima espansione aveva una circonferenza di un chilometro e mezzo e ospitava circa 4mila abitanti) un enorme circolo di pietre, alte fino a tre metri, molte delle quali potrebbero potrebbero trovarsi ancora sotterrate nell’area.

“Il nostro progetto ha rivelato che l’area circostante a Stonehenge è piena di importanti strutture archeologiche di cui fino ad oggi non sapevamo nemmeno l’esistenza, e ha dimostrato che l’applicazione delle nuove tecnologie può modificare quello che gli archeologi e il grande pubblico pensano di uno dei più studiati siti preistorici della Terra”, racconta Vincent Gaffney, coordinatore del progetto. “Stonehenge da oggi potrebbe non essere più lo stesso”.

Crediti immagine: shutterstock.com

wired.it

I segreti nascosti di Stonehenge ultima modifica: 2014-09-15T18:02:31+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)