Il Codex Alimentarius e le Informazioni su alimenti e salute: Il Sud Africa si oppone

CODEX: Informazione su alimenti e salute
Il Sud Africa si oppone

Il Codex Alimentarius, un ente che stabilisce gli standard internazionali sugli alimenti, discute per determinare quali informazioni devono contenere le etichette dei prodotti alimentari. La bozza preliminare, pronta per essere adottata nel prossimo incontro della Commissione del Codex Alimentarius che si terra' a Ginevra, Svizzera, tra il 28 giugno e il 3 luglio, afferma che non possono essere riportate informazioni riguardanti gli effetti preventivi e curativi dei nutrienti.

Il Sud Africa ha chiesto di cambiare la dicitura della linea giuda, citando tutte quelle chiare evidenze scientifiche che mostrano che gli alimenti hanno proprieta' preventive e anche curative. I governi di tutto il mondo raccomandano di mangiare frutta e verdura almeno cinque volte al giorno per prevenire il cancro e altre malattie. Lo scorbuto, che ha causato la morte di molti marinai, e' stato sconfitto solo dopo aver realizzato che gli agrumi contengono alcuni elementi nutritivi che erano essenziali alla salute.

La Fao (Food and Agricultural Organisation), “madre” del Codex, ha pubblicato un rapporto sull'alimentazione e la prevenzione delle malattie croniche.

La questione e': se mangiare certi alimenti e' importante per la prevenzione delle malattie, perche' non ci e' permesso di saperlo? E' forse un consolidamento del monopolio salutistico delle multinazionali farmaceutiche che ci impediscono di prenderci cura della nostra salute?

Di seguito le argomentazioni della delegazione Codex del Sud Africa riguardanti le diciture (informazioni per il consumatore) sulla prevenzione delle malattie per l'etichettatura degli alimenti.

Commenti del Sud Africa sul lavoro della Commissione Codex.
(2004)_CL 2004/22-FL Punto 8 della Linea guida per l'uso delle diciture nutrizionali e salutistiche da adottare dalla Commissione

Le preoccupazioni del Sud Africa si basano sul fatto che la bozza preliminare delle linee guida presentata per l'adozione contiene, al punto 8, una sezione che non puo' essere piu' sostenuta a causa delle schiaccianti evidenze scientifiche che contraddicono il messaggio di questa sezione. Da quando il Codex ha adottato il principio che gli Standard e le Linee Guida debbano essere basate su evidenze scientifiche, la succitata linea Guida non dovrebbe essere adottata al punto 8.

Nei documenti seguenti, l'Organizzazione Mondiale della Sanita' riconosce il ruolo della “dieta e nutrizione per la prevenzione delle malattie croniche” e la “promozione di una salute ottimale grazie ad una etichettatura adeguata e l'utilizzo di avvertenze per la salute per assistere I consumatori nella loro liberta' di scelta”:

1. “Rapporto dell'OMS su dieta, alimentazione e prevenzione delle malattie croniche” (2003)

2. Il rapporto delle valutazioni congiunte della FAO/OMS presentato dal direttore generale dell'OMS sul lavoro della Commissione del Codex Alimentarius (Cinquantaseiesima Assemblea Mondiale della Salute, Agenda preliminare 14.19, riferimento A 56/34, datato 3 Aprile 2004), paragrafo 23. Il direttore generale ha sottolineato anche che, nel paragrafo 17, la Commissione del Codex raccomanda che gli standard alimentari stabiliti dalla Commissione ricoprano totalmente anche gli aspetti salutistici.

Secondo la nostra opinione ben due Comitati del Codex, il CCNFSDU del 2003 e il CCFL del 2004, non hanno riconosciuto e messo in pratica le raccomandazioni della Commissione, di basare le decisioni su dati scientifici.

1. Nel caso della CCNFSDU 2003: l'uso della frase “prevenzione delle malattie croniche” nel preambolo della bozza preliminare delle “Linee Guida per integratori a base di vitamine e minerali” basata sulla vecchia clausola delle Linee guida generali del Codex sulle avvertenze (CAC/GL 1-1979 (Rev. 1-1991) che proibisce diciture indicando la possibilita' che un alimento possa essere usato come prevenzione, alleviamento, trattamento o cura di una malattia; e

2 Nel caso della CCFL 2004: la revisione delle Linee Guida generali sulle diciture (CAC/GL 1-1979 (Rev. 1-1991)) per aggiornare la sopracitata clausola in modo che rifletta le ultime scoperte scientifiche che gli alimenti hanno la capacita' di curare le malattie dovute a carenze nutritive e alcuni distrurbi del metabolismo, possono prevenire le malattie croniche e che possono essere usati come una valida alternativa opzione per la cura di alcune malattie.

L'OMS accetta l'uso della parola “malattia” in riferimento alle questioni nutrizionali e dietetiche che fanno parte degli scopi del Codex Alimentarius. In altre parole, il fatto che gli alimenti e i nutrienti possano prevenire le malattie e in alcuni casi curarle (per es. le classiche malattie da carenza e certi disturbi metabolici) non fa di essi delle medicine dal punto di vista scientifico.

I dettati provenienti dalle legislazioni nazionali non dovrebbero influenzare e permettere l'espressione di concetti sbagliati in una linea guida globale.

Il Sud Africa raccomanda che la bozza preliminare della “Linea guida per l'utilizzo delle avvertenze sulla nutrizione e la salute” non venga adottata nel punto 8 dalla Commissione e che la sessione 3.4 delle “Linee Guida generali del Codex sulle avvertenze” (CAC/GL 1-1979 (Rev. 1-1991)) che proibisce le avvertenze riguardanti l'utilizzo degli alimenti nella prevenzione, miglioramento, trattamento o cura di una malattia sia rivisto affinche' rifletta correttamente le attuali evidenze scientifiche.

Fonte: http://www.laleva.org/it/2004/07/il_codex_alimentarius_e_le_informazioni_su_alimenti_e_salute_il_sud_africa_si_oppone.html

Vedi: http://www.automiribelli.org/?p=137

Il Codex Alimentarius e le Informazioni su alimenti e salute: Il Sud Africa si oppone ultima modifica: 2008-01-21T11:38:32+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)