InPHInito, la scienza del divino, la fisica del sacro – Intervista a Dan Winter

Il Giornale Online
A cura di Elsa Masetti

InPHInito

E infinita potrebbe essere la nostra conversazione come un cerchio piccolo che si apre in altrettanti più ampi…e rientro. Toccando miriadi di argomenti: dalla gravità alla frattalità, al DNA, alla beatitudine, al sesso, alla morte; dalla proporzione aurea, all'orgone, alla lunghezza di Plank, al sacro, agli OGM…

Oddio, mi chiedo: «Che sia frattale pure il nostro conversare!». Dalla rima sembrerebbe di sì. Scherzi a parte, chi sto intervistando, ovviamente via Skype – ovviamente, in quanto è un mezzo a lui molto idoneo – potrebbe soprannominarsi Mister Fractality. E, di nuovo ovvio, voi chiederete: ma chi è costui e che è codesta frattalità? Costui è di sicuro un esperto d'ingegneria elettronica, lo si capisce dalle sue invenzioni. Ha inventato il Sintonizzatore del Cuore (biofeedback) e quello della Beatitudine, un misuratore di onde elettro-magnetiche che può misurare l'invisibile, dalle emozioni alla beatitudine alla consapevolezza…

Anzi si direbbe che il suo mestiere preferito è misurare l'immisurabile, raffigurare attraverso la geometria sacra il non raffigurabile… E di certo pasteggia bene con la fisica, si disseta con la genetica e il suo dolce preferito è una torta matematicamente frattale, spiraliforme, preferibile se a forma di pigna o di rosa. Unisce l'incedere del visionario e l'attitudine alla misura del più meticoloso degli scienziati. Inutile dire che anche il suo sito – www.goldenmean.info – è un rincorrersi frattale d'immagini geometriche, colori, formule e informazioni. Per questo, mi sono detta, non c'è niente di meglio di un'intervista per conoscerlo un po'.

E la frattalità? Leggendo dovreste almeno farvene un'idea, anche senza che Mandelbrot vi abbia dato la laurea!

Pubblichiamo qui solo alcune delle tante domande che compongono l'intervista a Dan Winter, pubblicata sul n°30. Le domande sono in particolare quelle relative al titolo grande di copertina: per una scienza del vivere e del morire

[…]

S&C: Cos'è la morte per Dan Winter?
Puoi darci una definizione semplice e applicabile di ciò che chiami “morire con successo” (succesfull death)?

La memoria della vita viaggia con il plasma misurabile che se ne va al momento della morte. Più quell'inviluppo è coerente, più esso contiene memoria. Una pratica che serve a guidare quel plasma è fare sogni lucidi. Un ambiente magneticamente coerente è fondamentale per sognare e per morire. L'elettrosmog è un veleno assoluto. Il modo per testare la lucidità di un sogno è lo stesso che serve a testare una morte di successo. Noi spieghiamo dove si dirige il plasma del corpo durante la morte, e la sequenza delle immagini che si vedono basate sul ripiegamento del DNA su: www.goldenmean.info/immortality

S&C: La beatitudine nel sesso e la potenziale beatitudine al momento della morte sono correlate?

DW: Sappiamo che la sequenza d'immagini che la gente vede quando muore è il DNA che indica come intrecciarsi, comprimersi e implodere. Quindi esiste una mappa per morire, che è la fisica della compressione frattale e si chiama “forme costanti di Kluver” ed è in realtà la sequenza di intreccio del DNA. È il tuo plasma che dice: o implodi o ti frazioni. Ecco perché morire in ospedale è una pessima idea e morire in un frattale, è un'ottima idea, in quanto la distribuzione di carica è l'unica forma di immortalità. In pratica significa che il luogo di morte dovrebbe avere una mappa magnetica a forma di rosa. La mappa originaria della città di Praga, ad esempio, era una rosa, come Machu Picchu, Stonehenge etc… L'idea è che ognuno crei un frattale a casa propria, nel proprio spazio, dove si possa misurare la coerenza del magnetismo e la frattalità nell'aria.

S&C: Due dei tuoi slogan sono: “Diventa frattale o muori” e “Se non nasci/vivi/muori in un frattale sei tostato”. Puoi spiegare cosa intendi?

DW: Intendo che se la compressione non è perfetta, come all'interno di un frattale, si crea calore, che la chiesa definisce come inferno.

S&C: Usi molto la parola perfetto. Si dice che la perfezione non è di questo mondo…

DW: Matematicamente l'apice della coerenza è frattale ed è molto precisa, e la frattalità matematicamente è la compressione perfetta, anche molto precisa. In fisica l'unica perfetta compressione è frattale, l'unica perfetta coerenza è frattale.

S&C: Questo linguaggio mi spinge alla necessità di ottenere dei risultati, ed è anche frustrante perché l'idea di frattalità perfetta mi appare irraggiungibile… in che modo può essere d'aiuto?

DW: Ciò significa che l'igiene della beatitudine merita un'alta priorità. Se riesci a immaginare davvero bene una rosa, la stanza si riempirà della sua fragranza: questa è fisica. Noi spieghiamo la fisica di questo processo.

S&C Qual è il tuo consiglio da applicare nel quotidiano per andare incontro a “una morte di successo”?

DW: Imparare i movimenti che attraggono la carica. Tutte le azioni che facciamo o attraggono la carica o la disperdono. Tutta la carica sostenibile è intelligente. Il motivo per cui il plasma di una montagna ti verrà incontro se il tuo intento è puro, è perché quelle onde sanno dove si trova il percorso di condivisibilità. L'igiene è semplice: condurre una vita densa di carica. Questo è ciò che chiamiamo spirito, ciò che si muove a spirale. Solo la coniugazione di fase ci riesce.

Fonte: http://www.scienzaeconoscenza.it/arti_rivista.php?id=569

InPHInito, la scienza del divino, la fisica del sacro – Intervista a Dan Winter ultima modifica: 2010-01-17T22:49:13+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)